Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

lunedì 10 gennaio 2011

PANDORA'S TIMES parte LXXXV

Prosegue dalla parte LXXXIV.


"Nuove tecnologie", applicate a "vecchie abitudini"...

MEDIA

E' tutta un'altra televisione via gli occhiali e vola in rete

Il tradizionale piccolo schermo ormai è un ricordo. Da Las Vegas le anticipazioni su come cambieranno i nostri televisori nel corso del 2011.
Tra tridimensionalità e funzioni "smart"

Continua su: repubblica.it


Nuovo Ordine Mondiale.

Da Marocco a Egitto, le 'dinastie' nel nord Africa

10 gennaio, 18:11

di Diego Minuti

ROMA - Uno dei punti sui quali l'Unione per il Mediterraneo - creatura incompiuta - ha insistito, per il rilancio del processo di Barcellona, e' che i Paesi della sponda sud rispettino i parametri ''occidentali'' di democrazia e partecipazione. Un principio politicamente forte, ma che ha trovato - e probabilmente troverà ancora - molti ostacoli. Il problema e' che il processo democratico trova alte barriere nell'esistenza di forme di potere che, basandosi su una oligarchia spesso di origine militare, tendono oggi a catalizzarsi intorno ad una singola personalita' che vede la propria riconferma su base plebiscitaria e la propria successione spesso per via familiare.

Continua su: ansa.it


TUNISIA

Riesplode la rivolta del pane
"Uccisi cinquanta manifestanti"

La polizia ha aperto il fuoco sulla folla a Tala.
L'opposizione parla di decine di vittime e uno dei suoi leader chiede al presidente Ben Ali di ordinare alle forze dell'ordine di non sparare più. Ancora una vittima, la quarta, in Algeria

Continua su: repubblica.it

Tunisia: Ben Ali denuncia 'terrorismo'

Promette 300mila nuovi posti di lavoro fra il 2011 ed il 2012

10 gennaio, 17:09

(ANSA) - TUNISI, 10 GEN -Il presidente tunisino Ben Ali ha accusato in tv le persone coinvolte nei disordini degli ultimi giorni di aver commesso "atti di terrorismo, denunciando "ingerenze estere" che cavalcano il malcontento per la disoccupazione, e che vengono da paesi "invidiosi" del successo della Tunisia. Ha quindi spiegato che "l'occupazione è la nostra principale priorità, ed ha promesso un forte impegno per creare posti di lavoro (300.000 tra il 2011 e il 2012), specie per i disoccupati da piu' di due anni.

Tunisia: chiusura scuole e universita'

Governo lo annuncia in seguito ai disordini in licei e atenei

10 gennaio, 20:41

(ANSA) - TUNISI, 10 GEN - 'In seguito ai disordini in alcune scuole e universita', e' stato deciso di sospendere corsi ed esami fino a conclusione delle inchieste'. Lo hanno detto i ministeri dell'Istruzione e dell'Universita'. La decisione e' stata presa dopo che una manifestazione di liceali a Tunisi e' stata dispersa da forze antisommossa, hanno riferito testimoni sul posto. Sempre secondo testimoni, a Kairouan manifestazioni partite dall'Universita' di Rakkada sono degenerate in scontri tra studenti e polizia.


Economia.

CONFCOMMERCIO: RIPRESA CONSUMI SOLO NEL 2012

(ASCA) - Roma, 10 gen - La vera ripresa dei consumi da parte degli italiani ci sara' solo nel 2012. E' quanto prevede la Confcommercio nel rapporto sui consumi. Dopo il modesto +0,4% del 2010 in termini di crescita dei consumi, nel 2011 si dovrebbe completare la ''guarigione'' dell'economia e del clima di fiducia dei consumatori (+0,9% i consumi in termini reali). La vera ripresa dei consumi e' collocata soltanto nel 2012 (+1,6%), anno nel quale dovrebbe diventare concretamente apprezzabile una fase di crescita, almeno in linea con le dinamiche sperimentate prima del 2007.

Il rapporto della Confcommercio delinea anche le modifiche nella struttura dei consumi. Crescono le quote di risorse devolute alle telecomunicazioni; cresce la quota di spesa per la salute a scapito di quella per il vestiario; continua a svilupparsi l'alimentazione fuori casa, seppure in modo insufficiente a compensare la riduzione relativa all'alimentazione in casa; si riduce la quota destinata alla consumer electronics e all'IT domestico. ''Dopo un 2010 difficile per l'economia e le imprese - l'anno si e', tra l'altro, chiuso con circa 25.000 esercizi al dettaglio in meno - si rischia che il 2011 sia ancora un anno di convalescenza. E', infatti, per il 2012 - afferma il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli - che le nostre previsioni segnalano elementi di piu' robusta ripresa con una crescita dei consumi dell'1,6%, sorretta dal patrimonio di fiducia delle famiglie che, durante e dopo la crisi, hanno sempre mostrato capacita' di reazione e vitalita'.

Per questo, occorre accelerare ed intensificare tutte le azioni, le politiche, le riforme utili al rafforzamento della crescita, della produttivita', della competitivita' ed al riassorbimento della disoccupazione. In questo contesto, resta aperta la questione di una progressiva e compatibile riduzione della pressione fiscale complessiva. E' questa, insomma, la via maestra per ridare fiato ai consumi delle famiglie ed agli investimenti delle imprese''. did/sam/lv

Sondando la crisi degli italiani...

CRISI: CONFESERCENTI, PER META' ITALIANI ECONOMIA PEGGIORERA' NEL 2011

(ASCA) - Roma, 11 gen - Italiani pessimisti per il 2011 sul fronte economico: guardano, infatti, al nuovo anno ancora con preoccupazione.
Secondo un sondaggio Confesercenti-Swg uno su tre giudica la situazione economica del Paese ''pessima'' (33% del campione), mentre un altro 24% la giudica inadeguata o ''cosi', cosi'''. Solo un 19% si avventura a descriverla come discreta o buona.
Per il 2011 quasi la meta' degli italiani teme che la situazione generale sul piano economico possa addirittura peggiorare (dal 34% del 2009 passa al 45%), un altro 38% non vede variazioni significative in arrivo (era il 44% l'anno scorso) e cala di conseguenza il numero di chi spera in un miglioramento (dal 22% al 17%).

Un barlume di ottimismo gli italiani lo conservano pero' quando sono chiamati a giudicare la propria situazione e quella familiare: se la maggioranza continua a ritenere che non cambiera' molto nel 2011 (58%, era il 67% nel 2009), sale sensibilmente il numero di chi auspica un miglioramento (dal 13% del 2009 al 24%) e scende leggermente la quota di pessimisti (dal 20 al 18%).
Del resto che qualche variazione positiva ci sia lo dimostra anche il fatto che nel 2009 scende, anche se leggermente, il numero di chi ha ridotto le proprie spese: dal 72% del 2009 al 69% del 2010.

Aumentano poi di sette punti coloro che con il proprio reddito riescono ad arrivare a fine mese (dal 65% al 72%) mentre calano di otto punti quelli che non superano la terza settimana (dal 28 al 20%). Invece si allarga la forbice con le famiglie piu' povere: quelle che arrivano a fatica alla seconda settimana crescono dal 5% all'8%.

Ma cosa chiedono gli italiani alla politica?.
Soprattutto onesta' (il 42% delle risposte), poi serieta' (24%). Molto staccati altri due valori come la moralita' (16%) e la solidarieta' (10%). Fanalino di coda e' l'umilta' (4%).
Secondo una nota Confesercenti ''c'e' bisogno dunque di ricreare un clima di forte fiducia sul futuro e cambiare marcia sulle scelte che portano allo sviluppo. Fisco, investimenti, innovazione e lavoro sono le quattro carte da giocare per contrastare un pessimismo ancora troppo diffuso.

E allora non c'e' da meravigliarsi che gli italiani chiedano alla politica onesta e serieta', ovvero due comportamenti lineari e concreti. Servono fatti nel 2011, e bisogna costruirli fin da questi primi mesi con un sostegno chiaro verso quel grande mondo delle Pmi che possono davvero creare le condizioni per ritornare ad una crescita economica solida e duratura''. red-glr/cam/alf


MEDIO ORIENTE

GAZA

Israel targets new Iran-built Hamas command centers in Gaza
IL NUOVO CENTRO DI COMANDO DI HAMAS COSTRUITO DALL'IRAN A GAZA, È UN BERSAGLIO D'ISRAELE
( in inglese - debka.com ).

IRAN

Iran: tv, arresti spie di Israele

Per morte scienziato iraniano ucciso in un attentato

10 gennaio, 12:33

(ANSA) - TEHERAN, 10 GEN - Una serie di arresti sono stati effettuati smantellando una 'rete di spie per Israele' ritenuta responsabile dell'assassinio di uno scienziato nucleare iraniano. Lo riferisce la televisione di Stato in Iran. 'La rete di terroristi legati al Mossad e' stata distrutta', ha riferito la televisione di Stato citando il ministro iraniano per l'Intelligence secondo cui 'la rete era responsabile per l'assassinio di Massud Ali-Mohammadi', il fisico iraniano ucciso in un attentato un anno fa.

ISRAELE

Iran: Netanyahu, serve credibile minaccia militare

Le sanzioni contro Teheran "stanno indubbiamente mettendo sotto pressione" il regime iraniano, creando "difficoltà" ai suoi piani nucleari, "ma non hanno alterato la determinazione del regime a sviluppare armi atomiche": per questo occorre che, in caso di fallimento delle sanzioni, l'Iran mantenga "la percezione di una credibile opzione militare" da parte della comunità internazionale. Lo ha detto stasera il premier israeliano Benyamin Netanyahu durante un incontro con la stampa estera a Gerusalemme.
Netanyahu ha affermato che il 2010 è l'anno in cui la comunità internazionale "ha cominciato ad agire" concretamente nei confronti dell'Iran attraverso le sanzioni approvate dall'Onu. Ha tuttavia insistito sul fatto che la Repubblica islamica "non si è fermata", che il regime di Teheran resta "un pericolo", che "il suo obiettivo resta quello di produrre armamenti nucleari" e che quindi occorre non togliere dal tavolo la minaccia militare. "Paradossalmente - ha sottolineato - se esiste un'opzione militare credibile, non sarà necessario alla fine usarla".
Riferendosi infine alle rivelazioni dei documenti diplomatici americani trapelate in queste settimane attraverso Wikileaks, Netanyahu ha quindi sostenuto che esse dimostrano come l'Iran rappresenti la principale ragione di inquietudine anche per i paesi arabi. "Wikileaks dimostra che per i paesi della regione la prima preoccupazione è l'Iran, la seconda è l'Iran e la terza è ancora l'Iran", ha affermato. (ats)

Link: bluewin.ch


Epidemie.

INFLUENZA

L'H1N1 lascia una super-immunità contro molti virus anche pericolosi

Due studiosi americani hanno scoperto che nelle persone infettate dalla Suina si sviluppa una "difesa" eccezionale in grado di contrastare diversi tipi di virus influenzali, inclusi quelli dell'Aviaria e della Spagnola. Nuove speranze per il vaccino universale

ROMA - Le persone infettate dal virus H1N1 dell'influenza suina sviluppano in seguito una sorta di "super-immunità" e il loro organismo diventa in grado di produrre un gruppo di anticorpi capaci di sconfiggere molti altri tipi di virus influenzali. La scoperta, oggetto dello studio di Rafi Ahmed della Emory University e di Patrick Wilson della Università di Chicago, potrebbe essere sfruttata per arrivare al tanto ricercato vaccino universale anti-influenza.

Secondo lo studio, reso noto sul Journal of Experimental Medicine, da questa scoperta si potrebbe ideare un vaccino che induca la stessa risposta immune ad ampio spettro contro più tipi di virus influenzali, superando quindi il vaccino contro la stagionale che preparato e somministrato ogni anno.

Gli esperti hanno studiato il siero di 9 pazienti colpiti da H1N1: i pazienti, di 20-30 anni colpiti più o meno gravemente da H1N1, hanno tutti avuto in risposta all'infezione una reazione immunitaria forte ad ampio spettro, ovvero hanno sviluppato anticorpi anti-H1N1 che sono risultati protettivi anche contro altri virus influenzali. Questi anticorpi, cioè, sono risultati capace di proteggere da svariati ceppi di suina (H1N1) comparsi nell'ultimo decennio, ma anche contro quello della devastante Spagnola del 1918, che fece quasi 50 milioni di morti, e della potenzialmente mortale influenza aviaria H5N1.

Link articolo: repubblica.it

Addirittura l'aviaria !!!

Quindi, non "sbagliamo", nell'affermare che la "maiala", più che una "mannaia", è stata una "manna".


Curiosità...tecnologiche.

Scienziati Usa creano il supermetallo

Lega con palladio sara' usata per placche per ossa fratturate

10 gennaio, 16:09

(ANSA) - LONDRA, 10 GEN - Scienziati Usa hanno creato un nuovo supermetallo considerato la lega piu' resistente finora al mondo. La lega, composta al 90% di palladio, il 3% di argento e il resto un mix di germanio, silicone e fosforo combina due proprieta': estrema forza e eccezionale resistenza.
La ricerca e' stata pubblicata da Nature Material.
L'alto costo del palladio rende il supermetallo di difficile impiego e il suo primo uso sara' forse per componenti mediche come le placche per le ossa fratturate.

Oltre che, presumo, nel non citato..."campo bellico".


A seguire la parte LXXXVI.

Nessun commento: