Post in evidenza

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/50

Continua da questo post . Segnalando altolocati, altrui punti di vista...e consigli, da un ormai in percorso d'uscita, Oltremanica......

mercoledì 5 gennaio 2011

CINA: ECCO LE FOTO, DEL PRESUNTO, NUOVO CACCIABOMBARDIERE STEALTH

Cina, il mistero dell'aereo fantasma




Nonostante le foto, resta il giallo. Pubblicate online le presunte prime immagini di un cacciabombardiere cinese stealth, ovvero con bassa osservabilità ai radar. Le foto, che confermerebbero il rapido avanzamento tecnologico delle forze armate cinesi, hanno suscitato interesse soprattutto in occidente.
Scattate nella base aerea di Chengdu, nel sud-ovest del paese dove sono fabbricati gli aerei da combattimento di nuova generazione, le immagini mostrerebbero un velivolo individuato da fonti militari cinesi come l'aereo Chengdu J-20.
Si tratta di un modello ritenuto la risposta cinese al cacciabombardiere F-22A Raptor in dotazione all'Air Force americana

Link articolo con fotogallery: repubblica.it

A seguire, la stessa notizia, riportata anche da un'altra fonte...

Cina: foto del bombardiere 'invisibile'

E' la risposta cinese al caccia Raptor Usa

05 gennaio, 13:24

(ANSA) - PECHINO, 5 GEN - Alcune foto pubblicate su internet di un aereo presentato come il primo bombardiere cinese 'invisibile' sarebbero state scattate nella base aerea di Chengdu (sud ovest) dove vengono prodotti gli aerei da combattimento di nuova generazione dell'esercito cinese.
L'apparecchio, fotografato a distanza, e' un bireattore da combattimento dal profilo fortemente sagomato e sarebbe l'aereo invisibile Chengdu 'J-20', considerato la risposta cinese al caccia F-22A 'Raptor' dell'aviazione Usa.


Mi sorge un dubbio.

Non so se vi ricordate di quell'episodio di alcuni anni fà, quando un aereo spia statunitense ( se ben ricordo un U2 ), fu costretto ad atterrare in Cina.

Poi, dopo una disputa durata settimane, fu restituito.

In seguito, da fonti statunitensi, diciamo ufficiose, riprese dalla stampa, si venne a conoscenza, che in quel lasso di tempo, i cinesi, sarebbero riusciti ad appropriarsi di molti segreti di tale velivolo.

Quindi.

"Volendo pensare male"...ma con un'occhio alla storia umana, nemmeno tanto.

Non sarebbe poi così difficile, spiegarsi il boom tecnologico nel campo militare cinese.

Anche considerando, le attualmente, enormi possibilità economiche.

Ed aggiungerei...

In quanto anch'esse storia relativamente recente, ne ha "accennato" anche Wikileaks nei suoi cablo

...i tentativi, a volte a quanto pare almeno, riusciti, di impossessarsi di segreti, celati negli archivi "iper protetti" statunitensi, tramite pratiche di hackeraggio, anche se fortemente negate e "rispedite al mittente".

Anche se poi, in ultima analisi, non si può fare a meno di notare che, effettivamente la Cina in tutti i campi tecnologici e non solo quello militare, stà facendo passi da gigante.

Se vi saranno novità, non mancherò di porle alla vostra attenzione.


Aggiornamento...

È proprio Vero che molte...molte volte, ipotizzando..."a Pensar Male", raramente si sbaglia...

Aerei: cinesi hanno rubato
segreti caccia Stealth Usa
f-35 da Gb



F-35


20:03 11 MAR 2012

(AGI) - Londra, 11 mar. - Quando alla fine del 2010 sono circolate le foto del primo caccia cinese invisibile (stealth) il J-20, gli analisti di tutto il mondo sono rimasti a bocca aperta per i progressi inattesi della tecnologia aeronautica di Pechino. Oggi il Sunday Times scrive che in realta' hacker cinesi sono riusciti a penetrare nei computer della Bae (British Aerospace), il colosso della difesa britannico, trafugando i dati del piu' moderno caccia-bombardiere Usa stealth, l'F-35, ancora in fase di sviluppo. La Bae, infatti, partecipa al progetto della casa madre Lockheed Martin (come per l'Italia fa Aleania Aermacchi del gruppo Finmeccanica) ed e' in possesso di tutte le specifiche ed i progetti del jet. La prima notizia dei tentativi degli hacker di Pechino di penetrare la rete della Bae risalgono a 3 anni fa. Ma, scrive l'edizione domenicale del Times, a renderle note fu lo scorso anno un dirigente della societa' durante una cena a Londra riservata agli specialisti di sicurezza cibernetica. Una delle persone presenti, citate dal Sunday Times, ha riferito che l'uomo della Bae ha raccontato che, "i cyber-attacchi dei cinesi sono andati avanti per 18 mesi e il loro obiettivo era mettere le mani sui segreti di uno dei loro ultimi caccia".
Bae si e' rifiutata di commentare la notizia, sostenendo che la societa' ha "sistemi di sicurezza tali da resistere ad ogni tentativo di infiltrazione".

Ovviamente.

Se quanto sopra riportato corrisponde al vero e non è, "una informazione", in qualche modo, ed a vari livelli...uscita, al fine di fuorviare l'opinione pubblica occidentale, su quanto sono "brutti, ladri e cattivi"...in questo caso, i cinesi.

Eh Si! Perché non si può mica..."Pensar Male", a Senso Unico.

O No?




Collegamenti:

- DONG FENG 21, IL KILLER DELLE SUPER PORTAEREI. A RISCHIO LA SUPREMAZIA USA NELL'OCEANO PACIFICO

Nessun commento: