Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

sabato 15 gennaio 2011

"DESERT STORM" - 17/01/1991, VENT'ANNI FA

Iraq: 20 anni fa "Desert Storm"

La prima guerra del Golfo

14 gennaio, 16:09

di Nicoletta Nencioli

WASHINGTON - Vent'anni fa, poco prima delle tre del mattino, scattava l'operazione 'Desert Storm' contro l'Iraq del regime di Saddam Hussein, che il precedente 2 agosto aveva invaso i territori del Kuwait: nel giro di pochi minuti, all'alba del 17 gennaio 1991, una dozzina di elicotteri della task Force 'Normandy' colpirono le istallazioni radio delle difese aree irachene ai confini con il Kuwait, aprendo un corridoio sicuro per i bombardieri e gli stealth della Coalizione diretti contro Bagdad. Voluta in primo luogo dall'America guidata dall'allora presidente George Bush padre e dalla Gran Bretagna al fine di prevenire le mire espansioniste di Saddam sui pozzi petroliferi del Kuwait e dell'Arabia Saudita, sostenuta da una coalizione di 34 paesi tra cui l'Italia, e preceduta da una serie di risoluzioni delle Nazioni Unite che intimavano inutilmente a Saddam di ritirarsi dal Kuwait, prendeva cosi' il via la cosiddetta prima Guerra del Golfo.

Quella che lo stesso Hussein chiamo' ''la Madre di tutte le Battaglie'' e che lo vide sconfitto in soli 45 giorni. Anche se, negli accordi che seguirono il 'cessate il fuoco', il dittatore venne lasciato al potere. Falliti tutti gli sforzi diplomatici, dopo una serie di risoluzioni che imposero sanzioni economiche all'Iraq, era stata la stessa Onu con la risoluzione 678 del novembre 1990 a dare un ultimatum per il 15 gennaio 1991 al regime di Baghdad: se per quella data l'Iraq non si fosse ritirato dal Kuwait ''viene autorizzato l'uso di tutti i mezzi necessari per implementare l'ordinanza''.
Fu il primo conflitto annunciato e seguito da dirette tivu' di tutto il mondo, lanciato con il drammatico e spettacolare bombardamento a tappeto di Bagdad e di tutto l'Iraq.

La potente campagna aerea sgancio' ben 88.500 tonnellate di bombe in migliaia di spedizioni.
L'assalto di terra decisivo fu lanciato il 23 febbraio successivo, quando le forze alleate capitanate dai marines e dall'esercito Usa e con una forte presenza saudita segnarono la vittoria che libero' il Kuwait e apri' la strada alla conquista dell'Iraq. In meno di 100 ore la guerra fu dichiarata conclusa: Saddam Hussein annuncio' il ritiro dal Kuwait il 26 febbraio, il 28 febbraio Bush e la Coalizione dichiararono il 'cessate il fuoco', il 3 marzo i leader iracheni accettarono i termini della fine del conflitto. Nei mesi seguenti, a difendere la decisione di non aver proseguito le ostilita' fino al rovesciamento del regime di Hussein fu l'allora ministro della difesa, Dick Cheney: ''E' stato giusto fermarci dopo l'espulsione di Saddam dal Kuwait e non tentare di conquistare l'Iraq perche' la verita' e' che Hussein non vale la perdita di altre vite umane americane''. Nel 2003, da vicepresidente Usa, proprio Cheney fu tra gli artefici della seconda Guerra del Golfo.

Link articolo: ansa.it


Ricordo nitidamente, le immagini che scorrevano sulla tv, dei traccianti della contraerea nel cielo di Bagdad e le deflagrazioni delle bombe al suolo.

Di ciò che è stata, la prima guerra "trasmessa in diretta".

Oserei dire, fino dalla sua "preparazione".

Sicuramente, uno spettacolo, anche se realmente, moriva gente...povera gente.

Anche se, non mi sono ancora riuscito a spiegare il perché, quell'evento, non sia mai stato preso seriamente in considerazione, stile seconda guerra mondiale per intenderci, per una fastosa produzione cinematografica hollywoodiana.

Chissà perché !

Nessun commento: