Post in evidenza

Due Passi nel Mistero/13

Continua da questo post . Scoperte in grado di cambiare...quantomeno, "UN" mondo... LA SCOPERTA Germania, un dente-fossile ...

sabato 30 giugno 2018

Non Credo

Non credo a vecchi e nuovi dèi.

Non credo alle promesse degli uomini,
né ai loro giuramenti.

Non credo ai poteri della preghiera e/o della meditazione spirituale.
Che come la magia e la superstizione, sono solo modalità per
offuscare la mente con finanche antichi, pensieri d'altri.

Ed il cui lucroso scopo, a scapito dei diversamente bisognosi soggetti,
per taluni, ma per nulla pochi, rimane nei secoli celato nel fulgido splendore del nulla e della speranza.


venerdì 29 giugno 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/234

Prosegue dalla parte 233.


Finanche profetiche...dichiarazioni turche...

Erdogan, Austria vuole guerra religione


'Misure portano a nuovo conflitto fra Crociati e Mezzaluna'

10 giugno 2018 01:25

(ANSA) - ROMA, 10 GIU - Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha avvertito l'Austria, che ha di recente chiuso alcune moschee ed espulso degli imam, avvertendo che queste azioni portano alla guerra di religione.
"Queste misure prese dal cancelliere austriaco stanno, io temo, portando il mondo verso una guerra fra Crociati e la Mezzaluna", ha detto il leader turco in un discorso tenuto a Istanbul. Erdogan ha dichiarato che il provvedimento del cancelliere Sebastian Kurz ha un carattere "anti-islamico" e ha promesso una risposta. Fra le misure adottate da Vienna, la chiusura di sette moschee in territorio austriaco e l'espulsione di decine di imam "finanziati dalla Turchia". "Loro dicono di voler buttare fuori dall'Austria i nostri religiosi. Credete forse che noi non reagiremo se faranno una cosa del genere?", ha detto nel suo discorso Erdogan, che già ieri aveva criticato il governo di Vienna, giudicando il suo provvedimento il "risultato di un'ondata populista, islamofoba, razzista e discriminatoria".

mercoledì 27 giugno 2018

"Un Interessante Test"

Tempo fa in una sezione del forum di un sito il cui link è fra i siti amici qui a fianco nella pagina, un utente ha postato un "secondo me" (dipende, Sempre, dai variegati - e talvolta senza limiti, ma va bene così - punti di vista...ovviamente) interessante test della personalità, ed oggi mi sono chiesto, perché non rendere partecipi di codesto test anche gli eventuali visitatori interessati - non comuni al forum - di questo blog?

Ma bando alle ciance, ecco il link (c'è anche nella versione - originale - inglese):


- https://www.16personalities.com/it/test-della-personalita-gratis

Ah! Dimenticavo. Se, per puro caso, qualcuno si chiedesse se anche lo scrivente si fosse cimentato in tale test. Beh...la risposta sarebbe Sì!

giovedì 31 maggio 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/233

Prosegue dalla parte 232.


Le tensioni in medioriente non si placano, anzi, in precise date...donate da precisi - ma non solo correnti - eventi, tendono ad intensificarsi, sia a parole che nei Fatti...

Teheran: 'L'Europa ha 60 giorni per dare
garanzie'


Viceministro Esteri: 'Altrimenti faremo altre scelte'

14 maggio 2018 00:00

(ANSA) - TEHERAN - "Gli europei hanno tra i 45 e i 60 giorni per dare le garanzie necessarie per assicurare gli interessi dell'Iran e compensare i danni causati dall'uscita degli Stati Uniti" dall'accordo sul nucleare. Lo ha detto il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Araghchi, secondo quanto riferito dall'agenzia Irna. "Se gli europei non daranno garanzie", l'Iran "prenderà le decisioni necessarie".

Gerusalemme, inaugura ambasciata Usa. A Gaza
58 palestinesi uccisi. Abbas: "Un massacro"




Cerimonia alla sede diplomatica Usa che coincide con i 70 anni dalla fondazione dello Stato d'Israele. Trump: "La nostra più grande speranza è per la pace". Scontri lungo la barriera difensiva: 15mila si avvicinano al confine, oltre duemila feriti. Tra le vittime un bambino ucciso dai gas lacrimogeni. Abu Mazen proclama tre giorni di lutto di KATIA RICCARDI

Continua su: repubblica.it

- Gaza, la vita non conta

martedì 22 maggio 2018

PANDORA'S TIMES parte CCL

Prosegue dalla parte CCXLIX.


Scienza, Tecnologia, Società e Libere considerazioni...e condivisioni, Globali.

GINEVRA (SVIZZERA).

Intriganti compleanni di una libera rete globale...

Venticinque anni fa, quando il World Wide Web
divenne libero


Il 30 aprile del 1993 il Cern rilasciò il codice sorgente della rete inventata da Tim Berners-Lee in pubblico dominio. Libero e gratuito. E fu l'inizio della rivoluzione

29 Aprile 2018

ROMA - Il 30 aprile 1993 non fu un giorno qualunque. Anzi. Fu quando il Cern (l'organizzazione europea per la ricerca nucleare, con sede a Ginevra) mise a disposizione del pubblico il World Wide Web, fino a quel momento utilizzato dalla sola comunità scientifica, rinunciando a qualsiasi tipo di diritto sul software scritto qualche anno prima da un suo ricercatore laureatosi in fisica a Oxford, il britannico Tim Berners-Lee. Fu in quel giorno di 25 anni fa che il Web divenne di fatto libero, perché allora il suo inventore decise di donare agli sviluppatori di tutto il mondo il linguaggio di questo nuovo mondo digitale, il suo codice sorgente.

Continua su: repubblica.it

Ed ancora, Grazie Tim.

lunedì 30 aprile 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/232

Prosegue dalla parte 231.


Fornendo un'altra pericolosa scintilla, da parte di "misteriose" fonti...

Siria, missili su basi militari ad
Aleppo e Hama: almeno 38 morti


Colpiti due depositi dell'esercito di Damasco. Tra le vittime anche
miliziani iraniani. I media filo-Assad accusano: "E' un attacco
israeliano"

Continua su: repubblica.it

In attesa di altre, eventualmente e potenzialmente, ben più chiare, mirate, ed incendiarie...

Iran: Netanyanu parlerà al Paese


Stasera alle 19 italiane, lo annuncia l'ufficio del premier

30 aprile 2018 15:47

(ANSAmed) - TEL AVIV, 30 APR - "Il primo ministro Benyamin Netanyahu farà un annuncio stasera circa uno sviluppo significativo per quanto concerne gli accordi sul nucleare dell'Iran". Lo ha reso noto il suo ufficio precisando che quell'annuncio avrà luogo alle ore 20 locali, le 19 in Italia.

Annuncio che a quanto pare, avverrebbe da una base militare. Interessante.

E che in realtà, è poi avvenuto in uno "spazio" (vano/locale/sala etc.) del parlamento israeliano. Interessante comunque (in particolare, visti i fatti a seguire), seppur un po' di meno a mio parere.

Iran, Netanyahu accusa:
"Abbiamo le prove di un
programma atomico segreto"


Secondo il premier israeliano, il Paese guidato da Rohani "mente sfacciatamente" sulle proprie intenzioni di pace e anzi "punta a dotarsi di almeno cinque ordigni nucleari come quelli di Hiroshima". Informazioni condivise con gli Usa. Trump: "La prova che avevo ragione"

Continua su: repubblica.it

- “L’Iran mente”: novità e punti chiave del discorso
al mondo di Netanyahu


sabato 28 aprile 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/231

Prosegue dalla parte 230.


Poi, il 7 aprile - per taluni almeno...anche come i russi avevano per tempo avvertito - un'altra tragedia - finanche greca - nello stra-martoriato territorio - o teatro, vedete voi, sempre ognun per se o in compagnia - siriano, si mostrò/palesò al mondo intero...con tutto ciò che di assai nefasto ne poteva derivare, ed in realtà, ciò che poi ne è derivato. Ma l'evento realmente/veramente interessante, "correlato o meno" (fosse solamente nel cogliere un'opportunità data dal primario evento) è un altro. Ed in un futuro, chissà, finanche "Come da copione" e "Come da, talune almeno, Profezie", potremmo vederne gli amari sviluppi e gli acidi frutti, ed...ahinoi, potenzialmente, non solo nel territorio siriano e relative vicinanze...

- Strage chimica a Duma: un casus belli per la Siria

Siria: Trump-Macron, 'forte risposta'

'Attacco orribile, Assad deve essere chiamato a rispondere'

09 aprile 2018 07:30

(ANSA) - WASHINGTON, 9 APR - Donald Trump ed Emmanuel Macron hanno "condannato fortemente l'orribile attacco con armi chimiche in Siria e hanno concordato che il regime di Assad deve essere chiamato a rispondere per i suoi continui abusi dei diritti umani": lo rende noto la Casa Bianca riferendo di una telefonata tra i due leader, che hanno concordato anche di "scambiare informazioni sulla natura dell'attacco e di coordinare una forte risposta comune".

Siria: Mosca, raid fatto pericoloso

Lavrov, Usa lo capiscano

09 aprile 2018 12:22

(ANSA) - MOSCA, 9 APR - Il raid contro la base aerea siriana è uno sviluppo "pericoloso" della situazione sul campo e "spero che gli Stati Uniti lo comprendano". Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov. La situazione in Siria, aggiunto, sta diventando "fin troppo pericolosa" poiché compaiono sulla scena "attori che nessuno ha invitato e anzi si sono autoinvitati". Lo riporta Interfax.