Post in evidenza

WIKILEAKS: VAULT 7 - parte seconda

Prosegue da questo post . Rivelando segreti..."potenzialmente, di mezz'età...e forse più in verità"... WikiLeaks beffa la...

venerdì 22 settembre 2017

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/224

Prosegue dalla parte 223.


"La Reale linea rossa".

Duro...dovuto, Botta e risposta verbale Usa-Corea del Nord e possibili, potenziali - finanche nefasti e..."Come da Copione" - scenari...


- Trump all'Onu: «Da Kim Jong-un
missione suicida. Se ci attacca,
distruggeremo la Corea del Nord»


Pyongyang: "Pensiamo di far esplodere una bomba
all'idrogeno nel Pacifico". Kim contro Trump:
"Pagherà caro le sue minacce


Nuova "puntata" dell'escalation verbale tra il maresciallo nord coreano e il presidente Usa. E cresce la paura che dalle parole si possa passare ad un vero e proprio scontro militare. Dai contorni e dalle conseguenze imprevedibili

dal nostro corrispondente ANGELO AQUARO

Continua su: repubblica.it

- Gli effetti fisici, diplomatici e militari di un test
atomico nord-coreano sul Pacifico


sabato 29 luglio 2017

PANDORA'S TIMES parte CCXLVI

Prosegue dalla parte CCXLV.


"Noi siamo Uno...

TUTTO è UNO".

Siamo polvere di stelle, ma di altre galassie: gli
astrofisici riscrivono le origini



La nebulosa di Orione


La metà degli atomi che formano i nostri corpi viene da molto lontano: è materia prodotta fuori dalla Via Lattea

di MATTEO MARINI
28 Luglio 2017

Continua su: repubblica.it

venerdì 16 giugno 2017

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/222

Prosegue dalla parte 221.


Un "nuovo" (nella potenziale "giustificata usabilità")..."vecchio" incubo, che "potrebbe" tornare prepotentemente nel nostro futuro...

L’INCHIESTA Milano, 13 giugno 2017 - 21:24

Armi nucleari di nuova generazione L’atomica che verrà

di Paolo Valentino

Più piccole, più precise, più furtive. Ma ancora in grado di provocare l’Apocalisse. Anzi, proprio perché più maneggevoli e per così dire limitate negli effetti, meno impensabili da usare. Una nuova generazione di armi atomiche sta per fare il suo esordio sulla scena globale. La progressiva obsolescenza degli ordigni attuali, vecchi di decenni, e le nuove strategie militari, fondate su difese anti-aeree sempre più sofisticate e impenetrabili, spingono le grandi potenze nucleari al più massiccio e radicale rinnovamento dei loro arsenali dell’ultimo mezzo secolo. Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Gran Bretagna (i 5 Paesi che posseggono ufficialmente la Bomba) sono già di fatto dentro una modernizzazione, che punta a garantirsi, da qui al 2080, dotazioni «sicure, protette e affidabili». Quanto alle potenze non dichiarate — India, Pakistan, Israele e Corea del Nord — anche loro stanno sviluppando nuove capacità «tattiche» diversificate, che le mettono potenzialmente in grado di usarle nei teatri regionali.

Continua su: corriere.it

lunedì 12 giugno 2017

Brindando al passato

È brindando con te che ti ho conosciuta, in un, Non solo mio, oscuro passato, di...in verità, un assai oscuro locale, dove, tra molti altri, per puro caso, i nostri calici si sono incontrati e con loro, i nostri occhi.

Sul momento, seppur assai piacevole fosse il tuo sguardo, non mi hai "stregato", ma ciò che non fecero i tuoi occhi, qualche istante dopo, poté la tua voce, ed in verità, il tuo sinuoso corpo. Bronzea pelle, in precisamente locate forme...un diluvio di gioia, per gli occhi, ma anche per la mente.


sabato 27 maggio 2017

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/221

Prosegue dalla parte 220.


"Moderate riconferme" (dipende, come sempre d'altronde, dai punti di vista) elettorali iraniane. Interessanti - da un "certo" punto di vista ovviamente - ex-presidenziali, interviste e finanche, "per taluni almeno" (sempre, idem come alcune parole fa), correlati, eventi missilistici più ad est...

Iran, Rouhani vince la sfida con Raisi: è
presidente per la seconda volta


Altissima partecipazione al voto per il presidente: oltre il 70%. Una consultazione che segnerà il futuro della Repubblica islamica: la scelta era tra il riformismo del leader uscente che vuole continuare ad aprire all'Occidente e il conservatorismo del candidato della Guida suprema Khamenei.

dal nostro inviato VINCENZO NIGRO
20 Maggio 2017

Continua su: repubblica.it

- L’ex leader Ahmadinejad rilancia:
«Potere al popolo, l’impero è morto»


- La Nord Corea lancia un altro missile
Traiettoria di 500 chilometri


- Il test missilistico della Corea del Nord, un riflesso
dall’Iran


domenica 14 maggio 2017

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/220

Prosegue dalla parte 219.


"Guardando all'estremo Oriente, ma pensando...molto più ad Occidente"...

La Nord Corea è un diversivo
all’invasione della Siria da parte di
Stati Uniti e Giordania?




DI MIKE WHITNEY

counterpunch.org

“Assad sa che la Giordania vuole inviare truppe nel sud della Siria con la collaborazione degli americani… La Giordania non è un paese indipendente. Ciò che gli U.S.A. vogliono accadrà, ha detto il presidente siriano”.
— Middle East Monitor

“In caso di una divisione de facto della Siria, gli Stati Uniti e i loro alleati otterrebbero una regione strategicamente importante. È attraverso Deir Ezzor che il gasdotto proposto dal Qatar passerà… La provincia di Deir Ezzor è anche la sede del più grande deposito petrolifero siriano, l’Al-Omar… la città e la provincia sono particolarmente importanti in quanto i depositi contengono il greggio di qualità pregiata, utilizzabile nella produzione di benzina e diesel”.

— South Front, “La fortezza di Deir Ezzor; Cosa bisogna sapere”

Gli Stati Uniti non attaccheranno la Corea del Nord. I rischi vanno ben oltre i vantaggi e inoltre gli U.S.A. non hanno alcuna intenzione di cadere in un conflitto che non avanza i propri obiettivi geopolitici. Le minacce sono solo un tentativo di distogliere l’attenzione dal confine siriano-giordano dove Stati Uniti e Giordania stanno ammassando truppe e attrezzature per invadere la Siria. Ecco cosa sta succedendo. La Corea è uno specchietto per le allodole.

Continua su: comedonchisciotte.org

Ma questo, corroborato o meno, fosse solo d'indizi è...e rimane, seppur da taluni condiviso, un punto di vista. E come avevo scritto, in tempi finanche non sospetti, le due crisi, "possono essere/sono/saranno" correlate e...concomitanti. Come al solito, vedremo se così sarà...oppure, No!