Post in evidenza

WIKILEAKS: VAULT 7

Continua da questo post Dai primi giorni di febbraio l'account twitter di Wikileaks posta misteriosi messaggi accompagnati da immagin...

mercoledì 30 giugno 2010

PANDORA'S TIMES parte XXVIII

Prosegue dalla parte XXVII.

Nuovo Ordine Mondiale.

Altre "scintille" ( e "conferme" ) medio-asiatiche, minacce ( ed esercitazioni ) asiatiche, moderne spie "venute dal freddo", tensioni greche, ed ulteriori truppe e mezzi navali davanti alle coste dell'Iran...

Gerusalemme est : tensione e incidenti.
Scontri in due rioni con abitanti israeliani.
28 giugno, 11:01
(ANSA) - GERUSALEMME, 28 GIU - Torna a salire la tensione a Gerusalemme est in due rioni dove e' piu' sensibile l'insediamento di cittadini israeliani.
Un focolare e' segnalato a Silwan, dove nella notte si sono avuti scontri fra dimostranti palestinesi e le forze dell'ordine. Secondo la stampa, sono decine gli intossicati dai lacrimogeni. Tensione anche nel rione di Sheikh Jarrah dove ieri - dice la tv Canale 10 - sono iniziati lavori nell'ex Hotel Sheperd, edificio storico per i palestinesi.

Gaza: blitz, vittime turche crivellate.
Cinque di loro sono state colpite alla testa.
29 giugno, 18:48
(ANSA) - ANKARA, 29 GIU - 7 delle 9 vittime turche dell'assalto israeliano al convoglio navale umanitario diretto a Gaza sono state 'crivellate di proiettili' Cinque di loro sono state colpite alla testa. Lo si desume dalle autopsie diffuse in giornata alla stampa dai legali delle famiglie che hanno sporto denuncia alla magistratura turca. Le 9 vittime sono state raggiunte da 31 proiettili; la piu' giovane, un ragazzo di 19 anni che aveva anche cittadinanza Usa, e' stato raggiunto da 5 proiettili, 1 alla testa.

Corea del Nord minaccia, rafforzeremo il nostro arsenale.
Pyongyang accusa gli Stati Uniti di aver portato armi pesanti al confine con il Sud.
( ansa.it )
28 giugno, 15:09
SEUL - La Corea del Nord rafforzera' il proprio arsenale nucleare. Lo riferisce l'agenzia ufficiale Kcna, in un dispaccio che suona come una risposta al presidente Usa, Barack Obama, che da Toronto ha detto di avere discusso ''in modo molto franco'' con il presidente cinese Hu Jintao sul comportamento ''bellicoso'' di Pyongyang, ''inaccettabile'' per la comunita' internazionale.
L'annuncio sull'ulteriore rafforzamento dell'arsenale nucleare, con ''un metodo nuovo'' e non meglio specificato, ha lo scopo di contrastare quello che Pyongyang definisce ''la politica ostile degli Stati Uniti e le minacce militari'' verso la nazione comunista. Un portavoce del ministero degli Esteri nordcoreano ha spiegato, in una nota, che documenti ''declassificati di recente dimostrano che gli Stati Uniti avevano tramato attacchi nucleari'' contro il Nord. ''I dati storici - inoltre - dimostrano che la Corea del Nord aveva ragione quando ha deciso di reagire alle armi nucleari con un deterrente nucleare. I recenti e inquietanti sviluppi nella penisola coreana sottolineano la necessita' che la Corea del Nord sostenga il suo deterrente nucleare con un nuovo metodo di sviluppo contro la persistente politica americana ostile e la sua minaccia militare verso la Corea del Nord''. Pyongyang ha un programma nucleare di armamenti, basato sul plutonio e uranio, ma il regime ha affermato a maggio di essere in grado di produrre una reazione di fusione nucleare capace di essere utilizzati per una bomba a idrogeno. Tuttavia, gli esperti hanno definito l'annuncio come un bluff, osservando la 'commercializzazione' della tecnologia alla base della fusione nucleare richiede ancora decenni di sviluppo.
La Corea del Nord accusa gli Stati Uniti di aver portato armi pesanti nella zona demilitarizzata al confine con la Corea del Sud, e minaccia ''pesanti misure militari'' se non saranno ritirate velocemente. Il riferimento e' alla Joint Security Area (JSA), spesso piu' nota come Truce Village: il dispaccio dell'agenzia ufficiale del regime, la Kcna, riprende una relazione della missione del Nord presso il sito di Panmunjon secondo cui ''le forze Usa hanno introdotto tali armi verso le ore 7.25 del 26 giugno (25 minuti dopo la mezzanotte in Italia, ndr)''. Il trasporto di armi pesanti ''e' una provocazione premeditata con lo scopo di innescare un grave conflitto militare''. Gli Usa, continua il resoconto della Kcna, ''devono ritirare tutte le armi gia' portate nella zona. Se non sara' soddisfatta la richiesta, l'esercito del Nord prendera' dure contromisure militari''. Il sito di Panmunjom, sorvegliato congiuntamente sia dalle forze americane sotto la guida Onu sia dalla Corea del Nord, ha visto la firma della tregua nel 1953 che chiuse la Guerra di Corea del 1950-1953.
L'avvertimento di Pyongyang e' stato diffuso subito dopo la nota del ministero degli Esteri nordcoreano sulla volonta' di rafforzare l'arsenale nucleare ''in modo nuovo'' per contrastare la politica ostile degli Usa e le minacce militari.

Corea Nord: minaccia attacco per esercitazioni Usa-Seul.
'Anche il minimo incidente puo' condurre a un conflitto armato' dice il quotidiano ufficiale del governo.
( ansa.it )
29 giugno, 11:37
SEUL - La Corea del Nord, minacciando di attaccare la ''roccaforte degli invasori'' se Stati Uniti e Corea del Sud ''provocheranno la guerra'', lancia un chiaro monito contro le esercitazioni militari congiunte di Seul e Washington in programma nell'area.
Secondo l'editoriale al vetriolo pubblicato dal Munju Chosun, il quotidiano ufficiale del governo nordcoreano, e rilanciato dall'agenzia statale Kcna, le esercitazioni militari Usa-Corea del Sud ''corrono il rischio di far esplodere una guerra''.
''E' chiaro che anche il minimo incidente puo' condurre a un conflitto armato e a una guerra totale - sostiene minaccioso il giornale nordcoreano -. Noi tuttavia guadagneremo una vittoria completa, sradicando la roccaforte degli invasori e punendoli senza pieta'''.
L'editoriale non chiarisce il riferimento alla ''roccaforte degli invasori'', anche se in passato il regime comunista ha minacciato a piu' riprese di ridurre la capitale sudcoreana, Seul, a un ''mare di fuoco''. Stati Uniti e Corea del Sud hanno in programma di organizzare nell'area un'imponente esercitazione militare, in risposta all' affondamento della corvetta sudcoreana Cheonan nel mar Giallo.
In base a quanto riferito da esponenti del governo del Sud, Washington inviera' la portaerei a propulsione nucleare USS George Washington, l'ammiraglia da 97.000 tonnellate della VII Flotta che si trova a Iokosuka, in Giappone.
In piu', e' atteso anche l'invio di un cacciatorpediniere Aegis e di un sottomarino nucleare, mentre Seul fara' partecipare un cacciatorpediniere da 4.500 tonnellate, un sottomarino e alcuni caccia F-15K.

Usa: arrestate 10 presunte spie russe.
Dall'Fbi dopo indagini durate anni. Un undicesimo e' latitante.
28 giugno, 22:59
(ANSA)- NEW YORK, 28 GIU - L'Fbi ha arrestato in Usa 10 presunte spie russe. Lo annuncia la Cbs.
Un 11/o individuo e' latitante ma e' stato identificato.
Degli arrestati, uomini e donne, solo uno, Mikhail Semenko, ha un nome russo. Tutti gli altri hanno nomi dal suono inglese, ispanico, italo-americano.
Tutti gli 11 sono accusati di cospirazione per aver agito come agenti illegali della Federazione Russa all'interno degli Usa; per 9 di loro, anche riciclaggio di denaro sporco. Le indagini sono durate anni.

Grecia: polizia lancia lacrimogeni.
Manifestanti volevano raggiungere ingresso del Parlamento.
29 giugno, 15:12
(ANSA) - ATENE, 29 GIU - La polizia greca ha lanciato gas lacrimogeni per impedire ad alcune decine di manifestanti di raggiungere l'entrata del parlamento. Il gruppo, con cartelli antigovernativi per chiedere il ritiro della riforma delle pensioni, usciva da una manifestazione in occasione dello sciopero generale cui hanno partecipato migliaia di persone su convocazione dei sindacati pubblici e privati. Una marcia separata era avvenuta in precedenza da parte del sindacato comunista Pame, senza incidenti.

Third US carrier, 4,000 Marines augment US armada opposite Iran
UNA TERZA PORTAEREI ( USS NASSAU ) E 4.000 MARINES AUMENTANO L'ARMATA DEGLI STATI UNITI IN OPPOSIZIONE ALL'IRAN...
( in inglese - debka.com ).

Dall'articolo...

"DEBKAfile's military sources report that Washington has posted a third carrier opposite Iran's shores. It is supported by amphibious assault ships and up to 4,000 Navy and Marine Corps personnel, bringing the total US strength in these waters to three carriers and 10,000 combat personnel."

"Le fonti militari di DEBKAfile riportano che Washington ha annunciato una terza portaerei da schierare in opposizione all' Iran davanti alle sue coste. È supportata da navi d'assalto anfibie e più di 4.000 marinai e personale del corpo dei marines, portando il totale delle forze degli Stati Uniti in queste acque a TRE portaerei e 10.000 combattenti."

Pensavo.

Con tutta questa concentrazione di mezzi e questo movimento nell'area, con almeno una nave e 3 sommergibili israeliani, in mezzo a loro.

Mah !

Dicono che, "ha pensar male si fà peccato"...

Però...

Non vorrei che trovino, ma per davvero, il modo di far attaccare l'Iran, anche se non vuole attaccare.

In due parole...

FALSE FLAG.

Anche se comunque sarebbe...

"Come da copione".

A seguire la parte XXIX.

PANDORA'S TIMES parte XXVII

Prosegue dalla parte XXVI.

Nuovo Ordine Mondiale.

"Flottiglie mancate" ( e ripensamenti ), raid aerei, oscuramenti e cupi scenari di una guerra incombente...

Iran non inviera' piu' nave aiuti a Gaza .
L'annuncio di Teheran: vogliamo evitare strumentalizzazioni.
25 giugno, 07:51
(ANSA) - ROMA, 25 GIU - La nave iraniana che doveva salpare domenica per portare aiuti a Gaza, forzando il blocco israeliano, non partira' piu'. Lo ha annunciato Hossein Sheikholeslam, segretario generale della conferenza per il sostegno all'Intifada palestinese. Gli aiuti saranno inviati con altri mezzi. La partenza della nave, che inizialmente era prevista per ieri, era stata poi fissata per domenica. 'Non vogliamo che la questione degli aiuti sia strumentalizzata' ha spiegato Sheikholeslam.

La nave iraniana per Gaza non parte più per timore di “minacce israeliane”.
L’impresa sembrava difficile fin dall’inizio. La partenza è stata posposta fino alla cancellazione.
La radio militare israeliana afferma che una nave iraniana sta giungendo nel mediterraneo via Mar Caspio.
( asianews.it ).

Iran: ancora in programma navi per Gaza.
Dichiarazioni contrastanti autorita' iraniane sull' iniziativa.
27 giugno, 10:34
(ANSA) - TEHERAN, 27 GIU - Per il viceministro degli Esteri Mohammad Reza Sheybani Teheran 'ha ancora in programma' l'invio di una nave con aiuti umanitari a Gaza La nave dovrebbe sfidare il blocco imposto da Israele al territorio palestinese.
Un'iniziativa che venerdi' un altro responsabile iraniano aveva detto essere stata abbandonata. La data della partenza 'sara' decisa in coordinamento con altri che vogliono inviare altre navi da diverse parti del mondo'.

FLOTTIGLIA DELLA LIBERTÀ ; IL DETTAGLIO CHE NETANYAHU IGNORAVA.

Gaza, raid aerei israeliani nella notte.
Attaccata la citta' di Rafah al confine con l'Egitto, un ferito.
25 giugno, 09:55
(ANSA) - GAZA, 25 GIU - L'aviazione israeliana ha effettuato nella notte tre raid sulla striscia di Gaza che hanno causato un ferito palestinese. Gli aerei hanno prima attaccato Rafah, al confine con l'Egitto. Gli altri due raid hanno preso di mira il sito del vecchio aeroporto, sempre nel sud, e la localita' di Beit Hanun, nel nord della striscia. 'I nostri aerei - ha detto una portavoce militare israeliana - hanno attaccato una fabbrica di armi e due tunnel utilizzati per contrabbandare armi'.

Oscurata la tv di Hamas in Europa.
I suoi programmi avrebbero incitato all'odio e alla violenza.
25 giugno, 13:29
(ANSA) - PARIGI, 25 GIU - E' stata definitivamente oscurata in Europa Al-Aqsa tv, la televisione del movimento Hamas, diffusa da Noorsat attraverso Eutelsat. Noorsat ha deciso di bloccare le trasmissioni dopo che la Commissione europea e il Consiglio superiore dell'audiovisivo francese (Csa) avevano minacciato dure sanzioni. Al-Aqsa tv avrebbe infatti diffuso programmi che violano le norme francesi ed europee contro l'incitamento all'odio e alle violenze per motivi di razza, religione e nazionalita'.

VERSO LA GUERRA CON L'IRAN : ECCO LA STRATEGIA ISRAELIANA.

Assolutamente da leggere...

L'"INVEROSIMILE" ATTACCO PROSSIMO VENTURO.
( Intervista a Giulietto Chiesa ).

COME VORREI SBAGLIARMI

L'Avana, 25 giu (Prensa Latina).
Prensa Latina pubblica di seguito l'ultima riflessione del leader della Rivoluzione Cubana, Fidel Castro Ruz: “ Quando domani, venerdì, queste righe saranno pubblicate sul quotidiano Granma, il 26 luglio, data in cui sempre ricordiamo con orgoglio l'onore di avere resistito agli attacchi dell'impero, sarà distante, nonostante manchino solo 32 giorni. Coloro che determinano ogni passo del peggiore nemico dell'umanità - l'imperialismo degli Stati Uniti, un miscuglio di meschini interessi materiali, di disprezzo e di sottovalutazione delle altre persone che abitano il pianeta - hanno calcolato tutto con precisione matematica.
Nella riflessione del 16 giugno, ho scritto: "Tra una partita e l'altra della Coppa del Mondo di Calcio, le diaboliche notizie scivolano poco a poco, in modo che nessuno se ne occupi."

Continua a questo link.

IRAN : ISRAELE ATTREZZA BASE IN ARABIA SAUDITA PER ATTACCO
(AGI) Gerusalemme - L'aeronautica israeliana ha spostato attrezzature e armi in una base in Arabia Saudita per attaccare l'Iran. Il tutto, scrive il Jerusalem Post, sarebbe avvenuto il 18 e il 19 giugno. La base si troverebbe a 8 km dalla citta' nordoccidentale di Tabuk, la piu' vicina a Israele.
Due settimane fa il britannico Times rivelo' che Riad, culla del wahabismo sunnita nemico dello sciismo iraniano, ha autorizzato il sorvolo del proprio territorio ai jet con la Stella di David .

La Cia: "Iran ha uranio per due bombe atomiche".
Lo ha detto il capo della Cia Leon Panetta alla Abc.
( ansa.it )
27 giugno, 17:04
NEW YORK - L'Iran ha abbastanza uranio per fabbricare due bombe atomiche: lo ha detto il capo della Cia Leon Panetta alla Abc. Secondo Panetta l'Iran potrebbe mettere a punto un'arma atomica in due anni. Il capo della Cia ha stimato con la Abc che l'Iran "potrebbe impiegare un anno a fabbricare la bomba e un altro anno per sviluppare un sistema operativo per utilizzare questa arma".
Emergono divergenze tra Stati Uniti e Israele sulle intenzioni nucleari dell'Iran: "Israele è più convinto di noi che Teheran ha deciso di procedere con la bomba atomica", ha detto il capo della Cia Leon Panetta alla Abc. Ma alla richiesta della rete tv di giudicare la probabilità di un attacco israeliano contro gli impianti nucleari iraniani nei prossimi due anni, Panetta ha risposto che Israele è disposto a dare agli Stati Uniti il tempo di esplorare l'opzione diplomatica. "Sanno che le sanzioni avranno un impatto, sanno che se continuiamo a spingere l'Iran dal punto diplomatico avremo un impatto e ci vogliono lasciare il tempo di cambiare l'Iran diplomaticamente, culturalmente e politicamente anziché cambiarlo militarmente", ha detto Panetta.

La "fine dei tempi", in cui antiche e giurate vendette, verranno portate a termine...

Pedofilia: 'sdegno' Vaticano con Belgio S.Sede sgomenta per blitz.
Bruxelles, Chiesa non ha immunita'.
25 giugno, 21:33
(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 25 GIU -
Vaticano sdegnato dopo le perquisizioni nella cripta di una chiesa belga alla ricerca di documenti sugli abusi. La Santa Sede ha protestato con Bruxelles. Il Vaticano torna a condannare l'abuso di minori da parte di religiosi, esprimendo pero' 'vivo stupore' per le modalita' in cui sono avvenute le perquisizioni. L'ambasciatore belga ha ribadito che nel suo paese 'i poteri tra Stato e Chiesa sono separati' e il 'potere giudiziario e' totalmente indipendente'.

PEDOFILIA: AVVENIRE, BLITZ POLIZIA BELGA SEMBRA FILM DAN BROWN
(ASCA) - Roma, 26 giu - ''Un blitz nella cripta di una cattedrale, come fosse il cuore di una organizzazione criminale... Ha il sapore di un film di Dan Brown quello che e' successo a Mechelen in Belgio''. Lo scrive Avvenire, il quotidiano della Cei, criticando la perquisizione negli edifici della Chiesa belga nell'ambito di un'inchiesta sulla pedofilia.
''Non e' in discussione la liceita' delle indagini, ne' l'esigenza di arrivare alla verita', se abusi ci sono stati - si legge nell'editoriale -: da mesi il Papa insiste sulla necessita' di riparare al male fatto.
Fatto anche in Belgio.
Da singoli uomini. Ma in questo blitz in cattedrale, nella violazione delle tombe di due arcivescovi della diocesi di Bruxelles, si legge qualcosa che va oltre la legittima esigenza di giustizia''.
''Era davvero necessario - si chiede Marina Corradi che firma l'articolo - arrivare, come ha scritto la stampa belga, con i martelli pneumatici in una cripta mortuaria? E non assume invece, un simile assalto, un valore simbolico, il segno di una voglia di attaccare la Chiesa nella sua totalita''?''...''E non tanto per le colpe terribili e odiose di alcuni suoi ministri, quanto per cio' che la Chiesa stessa rappresenta, per cio' che e'''. ''Di chiese aggredite nella storia - conclude Avvenire - ce ne sono state tante, e con ben altra distruttivita'. In rivoluzioni e tragedie imparagonabili a questo piccolo blitz di un giudice, incursione legale, protetta dai timbri di un ordine di perquisizione. E tuttavia, violare tombe di cardinali in una cattedrale e' un gesto che sa di violenza''... ''E anche se niente e' stato trovato - e' la conclusione - il senso di una profanazione rimane, insieme agli indimostrati ma angosciosi dubbi seminati; come se proprio la radice di quella citta', di quel popolo si volesse incrinare''. asp/cam/ss

A seguire la parte XXVIII.

martedì 29 giugno 2010

PANDORA'S TIMES parte XXVI

Prosegue dalla parte XXV.

Nuovo Ordine Mondiale.

"Controllo, concentrazioni, capacità e nuove sfide"...

Israele/ Lanciato nuovo satellite spia "Ofek 9".
Dotato di obbiettivo fotografico ad alta risuluzione.
Gerusalemme, 22 giu. (Ap) - Israele ha lanciato un nuovo satellite spia per utilizzo militare, denominato "Ofek 9": lo ha reso noto il Ministero della Difesa dello Stato ebraico.
Il lancio è avvenuto dalla base aerea di Palmachim: il satellite - il terzo satellite spia israeliano - è dotato di una macchina fotografica ad alta risoluzione; nessun altro dettaglio è stato reso noto sul posizionamento di "Ofek 9": i satelliti spia israeliani vengono utilizzati soprattutto per sorvegliare i programmi nucleari iraniani.

ISRAELE PREPARA LA GUERRA CONTRO L'IRAN.

Dopo aver letto questo articolo, mi sono chiarito un paio di dubbi che avevo.

Il primo riguardo al Pakistan, ed il secondo a riguardo del si senza, almeno apparentemente, "tante storie", alle sanzioni contro l'Iran, da parte della Russia.

La parola magica è...

BUSINESS.

Iran on war alert over "US and Israeli concentrations" in Azerbaijan
L'IRAN OLTRE L'ALLERTA DI GUERRA A CAUSA "DELLE CONCENTRAZIONI ( di truppe ) USA ED ISRAELIANE" IN AZERBAIJAN...
( in inglese - debka.com ).

Iran: gia' 17 kg uranio arricchito a 20%.
Salehi, abbiamo capacita' per produrne cinque kg al mese.
23 giugno, 13:03
(ANSA) - TEHERAN, 23 GIU - L'Iran ha prodotto finora 'piu' di 17 kg' di uranio arricchito al 20% e ha la capacita' di continuare a produrne 'cinque kg al mese'. Lo ha detto oggi il capo dell'Organizzazione iraniana per l'energia atomica, Ali Akbar Salehi, citato dall'agenzia Isna. L'ultima stima Aiea, di inizio aprile, fissava a 5,7 kg la quantita' di uranio arricchita dall'Iran al 20% da febbraio, all'inizio dell'attivita'. In precedenza i tecnici iraniani avevano arricchito solo fino al 3,5% il materiale fissile.

"Ballistic Missiles, Anti-Tank Divisions, Chemical Weapons Israel war planners aim for tanks to stand at Damascus' gates within five days. Syria is preparing a missile assault to smash Israel's infrastructure coupled with chemical weapons."

"Missili balistici, divisioni anti-carro, armi chimiche I piani di guerra d'Israele sono mirati a far si che i carri armati si trovino alle porte di Damasco entro cinque giorni. La Siria stà preparando un'assalto missilistico alle infrastrutture israeliane collegate con le armi chimiche."

Da Debka.com

Una breve considerazione...
Che l'apice della piramide sia oscuro è certo, ma è altrettanto certo, a mio parere, che alcuni membri, fra le "allegre combricole di amici" vedete Bilderberg, Trilaterale, Club di Roma etc. li conosca per certo, o quantomeno, conosca i loro diretti sottoposti.

Dimenticavo.

Nel gioco "INWO"...

Esiste, la carta del...

Burattinaio ( ma forse è più adatto il termine marionettista ) oscuro.

Ma ricordate.

Il controllo globale ed assoluto...

Ancora...

Non lo posseggono.

Finché vi saranno nazioni che si sottraggono alla loro influenza...

E quindi, al loro potere di controllo.

"Il gioco Illuminato del Nuovo Ordine Mondiale".

Non sarà compiuto ( o se preferite terminato ).

Studiatele bene quelle carte, noterete che sono aderenti a diverse e molte, anche antiche, profezie.

Ed infine, se ben ricordo, fra "quelle carte da gioco" ce né anche una denominata...

Messia.

Tenetelo ( e tenetela ) in considerazione, in prospettiva futura.

CARO IRAN, È TEMPO PURTROPPO, DI MOSTRARE I MUSCOLI...
( rinascita.eu ).

L'Iran dispone di radar nel Golfo di Persia.
( Fonte : italian.cri.cn )
2010-06-24 09:30:24
Il 23 giugno, il responsabile della zona della difesa aerea nel Sud dell'Iran, Qanbar-Ali Aslanhian, ha affermato che l'Iran ha già disposto nel Golfo di Persia un sistema di radar prodotto nel paese che può seguire e distruggere navi da guerra ed aeroplani da guerra del nemico.
Nel corso di un'intervista all'agenzia di stampa Fars, Qanbar-Ali Aslanhian ha affermato che questo sistema radar ha sostituito quello prodotto in occidente e che è in grado di coprire la regione del Golfo di Persia ed i paesi costieri.

Nucleare: Iran, presto nostre condizioni.
Leader, settimana prossima annunceremo richieste per negoziare.
24 giugno, 14:53
(ANSA) - TEHERAN, 24 GIU - L'Iran annuncera' la settimana prossima ''le sue condizioni'' per eventuali negoziati sul suo programma nucleare con il gruppo dei Sei Lo ha detto oggi il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad. Lo scorso 9 giugno, 12 dei 15 membri del Consiglio di Sicurezza dell'Onu hanno approvato una nuova risoluzione che rafforza le sanzioni economiche contro l'Iran a causa del suo programma nucleare.
'Prima adottano la risoluzione e poi ci ci chiedono di negoziare', ha aggiunto Ahmadinejad.

SANZIONI & PAGELLE : MINACCIA AD HOC PER OGNI NAZIONE.

BLOCCO GAZA. ISRAELE METTE LE MANI AVANTI.

Navi, Libano : Israele responsabile azioni.
Jacchia: intifada navi e' vera sfida per Tel Aviv.
23 giugno, 13:26
(ANSA) - BEIRUT, 23 GIU - Il Libano riterra' Israele responsabile per ogni attacco agli attivisti che a bordo di 2 imbarcazioni di aiuti infrangeranno il blocco. Lo scrive il ministro degli esteri libanese in una lettera alle Nazioni Unite. Israele sosteneva di aver tutto il diritto di utilizzare 'tutta la forza necessaria' per fermare le navi. Il responsabile Centro Studi Strategici Jacchia : 'Hamas ha trovato il modo migliore per proseguire la guerra contro Israele, privilegiando l'intifada condotta dalle navi'.

GAZA, L'ALTRA FLOTTIGLIA.

"STRATEGIA DELLA TENSIONE" CONTRO LA TURCHIA.

Economia...
TREMONTI: NUOVO RISCHIO DI DEVASTANTE FUORIGIOCO DELLA FINANZA
(ASCA) - Roma 22 giu - ''In quest'anno l'economia ha lentamente ripreso la sua corsa, ma sull'economia ancora e di nuovo incombe il rischio di un drammatico e devastante e nuovo fuorigioco della finanza''. Lo afferma il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, in un passaggio del suo discorso in occasione della celebrazione del 236* anniversario di fondazione della Guardia di Finanza, in corso a Roma.
''Oggi, sul mercato - spiega Tremonti -, il valore nozionale dei derivati 'Over The Counter' e' pari a circa 12 volte il valore del Pil mondiale.
Esattamente come prima del crollo delle piramidi bancarie, nell'autunno del 2008. La massa della finanza e' cresciuta, e cresce ancora a dismisura e fine a se' stessa e incombe sull'economia reale, nella forma immanente e permanente tipica del rischio sistemico''. sam/sam/bra

LA CRISI

Arriva il G20 ma è un dialogo tra sordi.
Torna la paura della bancarotta greca.
Gelo tra Usa ed Europa. Giù le Borse anche per i debiti di Madrid e Lisbona. Mentre gli americani criticano al Merkel per la politica restrittiva.
( repubblica.it ).

A seguire la parte XXVII.

lunedì 28 giugno 2010

PANDORA'S TIMES parte XXV

Prosegue dalla parte XXIV.

Nuovo Ordine Mondiale.

Movimenti di truppe, nuove flottiglie e scenari di guerra...
Eleven US warships, one Israeli vessel transit Suez Canal to Persian Gulf
UNDICI NAVI DA GUERRA USA, ED UN VASCELLO ISRAELIANO SONO TRANSITATE ( ieri venerdì 18 giugno ) NEL CANALE DI SUEZ DIRETTE VERSO IL GOLFO PERSICO...
( in inglese - debka.com ).

SUEZ, IL MISTERO DELLE NAVI AMERICANE.

Con qualunque ipotesi citata nell'articolo...

C'è il rischio concreto, che divampi il fuoco nell'intero medioriente.

US-led armada secretly drilled bombing Iranian targets, missile defense with Israel
GLI STATI UNITI HANNO PORTATO IN SEGRETO UN'ARMATA AD ESERCITARSI CON ISRAELE NEL BOMBARDARE BERSAGLI IRANIANI, LA DIFESA MISSILISTICA...
( in inglese - debka.com ).

More flotillas for Gaza, Lebanese army joins Hizballah war alert
ANCORA FLOTTIGLIE PER GAZA, LE FORZE ARMATE LIBANESI UNITE AD HEZBOLLAH SONO IN STATO D'ALLERTA PER UNA POSSIBILE GUERRA...
( in inglese - debka.com ).

Dall'articolo...

"DEBKAfile's intelligence sources report the Lebanese army and Hizballah are pooling their military resources to be ready for any Israeli action against Lebanese ships heading for Gaza."

"Le fonti d'intelligence di DEBKAfile riportano che le forze armate libanesi ed Hezbollah stanno unendo le loro risorse militari per essere pronti per ogni azione israeliana contro le navi libanesi che si stanno per dirigere a Gaza."

M.O.: RITARDATA PARTENZA NAVI DI AIUTI IRANIANE A GAZA
(ASCA-AFP) - Teheran, 21 giu - La partenza di due navi iraniane di aiuti per Gaza e' stata ritardata a causa di problemi di coordinamento e di scambio del carico. Lo ha reso noto l'agenzia di stampa Isna, citando Mohammad Javad Jafarian, capo della Mezzaluna rossa.
Al momento ''non e' stata definita una data'' per la partenza delle imbarcazioni, ha aggiunto.
''Le due navi iraniane porteranno aiuti umanitari e non avranno armi a bordo...qualsiasi aggressione contro di loro sara' una violazione del diritto marittimo'', ha spiegato Jafarian.
Ieri Israele ha revocato il blocco terrestre della striscia di Gaza, limitatamente a prodotti che hanno impieghi civili e militari, ma non di quello navale. La decisione e' stata annunciata a conclusione di un colloquio del premier Benyamin Netanyahu con l'inviato del Quartetto per il Medio Oriente Tony Blair.
L'Iran ha deciso di inviare le due navi di aiuti dopo l'attacco mortale dell'esercito israeliano ad una flottiglia di aiuti per Gaza, in cui lo scorso 31 maggio hanno perso la vita 9 attivisti pro-palestinesi turchi. red/sam/rob

» 22/06/2010 10:45
USA-IRAN
Aumenta la pressione militare americana nel Golfo Persico
di Maurizio d'Orlando
Nei giorni scorsi, 12 navi da guerra della marina Usa hanno traversato il canale di Suez. Sono tre, ora, le squadre navali presenti nell ’area. Il dispositivo appare pronto al bombardamento dei siti nucleari iraniani. A rischio il periodo tra fine luglio e i primi di agosto. Gli iraniani minacciano di scatenare il caos in Arabia Saudita. I motivi economici che possono determinare i tempi della crisi.
Milano (AsiaNews) - Dopo l ’invio alla base militare di Diego Garcia, nell ’Oceano Indiano, di 387 bombe ad alto potenziale di cui AsiaNews aveva dato notizia lo scorso 14 aprile (vedi Venti di guerra e crisi economica dietro gli attacchi al Papa ), altre 12 navi da guerra americane hanno attraversato il canale di Suez, unitamente ad una corvetta israeliana. Lo afferma il quotidiano egiziano Al-Quds-al-Arabi. La notizia è confermata dai quotidiani Jerusalem Post e Haaretz. Anche l ’agenzia d’informazione internet Debka, che solitamente appare ben connessa con il Mossad, i servizi segreti israeliani, ha confermato un incremento dell ’attività nel Golfo Persico.
Secondo la Debka vi sarebbe anche la presenza in quelle acque di tre sottomarini israeliani dotati di missili con teste nucleari. I sommergibili israeliani sono stati costruiti in Germania e sono considerati tecnologicamente molto avanzati. Tra le navi da guerra transitate da Suez, secondo fonti di agenzia, ci sarebbe anche la portaerei Harry Truman, che finora era stazionata nel Mediterraneo. Lo afferma un articolo pubblicato su zerohedge (vedi 12-american-warships-including-one-aircraft-carrier-and-one-israeli-corvette-cross-suez-canal ). Salgono perciò a tre le squadre navali d ’attacco aereo operative in zona, che si aggiungono alle forze aeree di stanza sull ’isola di Diego Garcia. Si completa così un dispositivo pronto al bombardamento dei siti in cui gli iraniani, secondo gli USA ed Israele, starebbero per approntare la propria prima bomba nucleare. Si può ipotizzare che a rischio di conflitto sia il periodo a cavallo tra fine luglio ed i primi di agosto.
Gli iraniani hanno sempre sostenuto che le installazioni di arricchimento dell ’uranio servono per gli impianti nucleari ad usi civili per la produzione di energia. Nel corso degli ultimi anni hanno permesso a diversi gruppi d ’ispezione della Aiea (l’Agenzia Onu per l’energia atomica), di ispezionare le proprie installazioni per verificarne che non vi fossero impianti per usi militari. Inoltre di recente, lo scorso 16 maggio, l ’Iran ha aderito ad una proposta messa a punto dal Brasile e dalla Turchia (vedi Teheran-accetta-un-accordo-sull ’uranio-arricchito-con-Turchia-e-Brasile) che prevedeva che il processo di arricchimento dell ’uranio venisse completato fuori dai propri confini nazionali, in Turchia, in modo da garantire che tale processo non avesse alcuna finalità militare. Questa iniziativa non è stata accolta favorevolmente da Israele.
Ad una minaccia corrisponde una controminaccia. Da parte sua, infatti, l’agenzia iraniana Press TV, lo scorso 9 giugno ha pubblicato in inglese il monito di un membro della famiglia reale saudita, il principe Turki bin Abdul Aziz Al Saud (vedi Prince warns S. Arabia of Apocalypse). Il testo era stato tratto da quanto riportato in arabo da un ’agenzia del Cairo, la Wagze news agency. Il principe, che vive da anni in Egitto perché da tempo in disaccordo con la famiglia regnante, secondo quanto riportato, avrebbe affermato che i membri della dinastia sarebbero a rischio perché essa è ormai molto invisa alla popolazione e perché un golpe militare potrebbe presto spodestarla. A rischio sarebbe la vita stessa dei componenti della famiglia reale saudita. Il principe perciò avrebbe invitato il resto della famiglia a mettersi al più presto in salvo all ’estero, “prima che ci taglino la testa per le strade” ha aggiunto con toni drammatici. La gran parte dei giacimenti di greggio saudita si trova in zone del paese abitate da popolazioni di religione mussulmana sciita, come in Iran. Come è noto, si tratta di una confessione religiosa in forte contrasto con l’ islam sunnita di orientamento wahabita sostenuto dalla dinastia saudita. La pubblicazione di questo monito pare indicare quale sia la strategia iraniana in caso di bombardamento: provocare il caos nel vicino regno saudita e metterne così a rischio le esportazioni di petrolio. In tal caso gli effetti sul prezzo mondiale del greggio sarebbero enormi perché l ’Arabia Saudita è il maggiore paese esportatore di petrolio al mondo. Non è comunque chiaro quanto reale sia questa minaccia iraniana di sovvertire la dinastia saudita.
In questo monito c ’è, però, un altro elemento.
“Non contate – dice rivolto al folto clan della famiglia reale saudita –su USA, Gran Bretagna ed Israele, perché non sopravviveranno alla perdita (in ing. “because they will not survive the loss”), avrebbe ancora proseguito il principe. Questa parte è un po ’ oscura perché non si capisce a che cosa si riferisce: il termine potrebbe essere inteso sia come perdita economica che come sconfitta militare. Forse, tuttavia, questo oscuro monito attribuito al principe dalla fonte iraniana potrebbe essere messo in relazione con un possibile appello da parte del regime di Teheran allo “Jihad”.
Si tratterebbe in pratica di una sorta di chiamata alla “guerra santa”, vale a dire alla sollevazione delle masse popolari nei paesi a maggioranza mussulmana e di un segnale rivolto alle cellule islamiste presenti in tutto il mondo perché si attivino per azioni terroristiche. Anche qui non è comunque chiaro se un ipotetico appello iraniano alla solidarietà islamica in caso di attacco e ad una controffensiva terroristica possano concretizzarsi.
Secondo nostre valutazioni, tra minacce e controminacce, a rischio di conflitto è il periodo a cavallo tra fine luglio ed i primi di agosto, per varie ragioni.
In primo luogo perché il dispiegamento del dispositivo militare americano-israeliano di attacco dovrebbe completarsi per tale periodo.
In secondo luogo, perché il prossimo G8 / G20 di fine giugno di Toronto dovrebbe permettere una serie di consultazioni di alto livello e questo è un passaggio preliminare necessario per un evento politico militare di questo tipo. Per parte sua l ’Iran deve, invece, attendere l’innesco della provocazione necessaria ad innalzare il livello di tensione: l ’arrivo della flottiglia che deve forzare il blocco marittimo di Gaza per portare aiuti “ umanitari”.
Il peso del debito americano I principali fattori che determinano i tempi di questa crisi politico militari sono però di tipo economico.
Il primo elemento è che a metà settembre dovrebbero essere resi ufficialmente noti i dati del preconsuntivo del bilancio USA del 2010. Di solito, però, già in agosto iniziano a trapelare voci ed indiscrezioni. Quest ’anno non occorre, tuttavia, attendere il propagarsi di tali voci. È già chiaro che lo “stimolo economico” deciso da Obama su suggerimento degli economisti keynesiani come Paul Krugman non solo non ha incrementato l ’occupazione negli USA ma, dilatando a dismisura le spese statali, ha aperto un buco senza precedenti nel deficit federale americano, di certo superiore al 10 % del PIL. Per mascherare questo fallimento economico e sociale (la disoccupazione reale ha toccato il 22 % della popolazione attiva) occorre perciò che la minaccia esterna, l’emergenza militare e politica, prenda forma prima che i dati del bilancio fiscale e dell ’occupazione debbano, per un minimo di credibilità, essere riportati anche dai grandi organi d ’informazione.
Un secondo elemento, spesso trascurato nelle analisi, è che oltre al problema del debito pubblico esiste in America (e non solo) quello del debito privato, cioè di imprese e famiglie.
Il debito privato in USA è di circa 50'000 miliardi di dollari (in ing. 50 trillions)., circa il 330 % del PIL USA. Chiaramente non è sostenibile e dovrà ridursi in termini reali o per via della deflazione o dell ’iperinflazione. Ne consegue che dovrà essere ridotta la leva finanziaria, cioè il settore privato dovrà liquidare i beni patrimoniali acquisiti in toto o parzialmente a debito. Molto probabilmente si ripeterà cioè quanto si è già verificato nel settembre 2007 con la crisi dei mutui “subprime”.
La differenza è che mentre allora si resero insolventi i debitori “subprime”, cioè non primari, questa volta verranno ad essere colpiti quei debitori privati considerati di solito maggiormente solvibili. In scadenza per gli inizi di quest’ autunno, di nuovo a metà settembre, sono perciò i mutui su un ’enorme massa di mutui commerciali e debiti di buona qualità, che troveranno difficoltà ad essere rinnovati. Anche in questo caso una minaccia esterna deve prendere forma prima che si produca il crollo del valore reale di immobili, azioni ed obbligazioni e che possa così coagularsi una reale minaccia politica interna alla tradizionale struttura bipartitica del sistema di potere negli USA.
Anche il regime iraniano ha necessità al più presto di una minaccia esterna per mantenere saldo il controllo del potere all ’interno. Monta, infatti, la pressione delle nuove generazioni che vedono con insofferenza sia la corruzione del regime che l ’arretratezza tecnologica del Paese. A pesare soprattutto sui giovani è l’incapacità di trovare sbocchi occupazionali e la chiusura al mondo esterno. Non hanno partecipato alla rivoluzione islamica contro lo scià, intesa anche e forse soprattutto come sollevazione contro l ’imperialismo economico e culturale americano.
Non sanno bene perciò che cosa sia l ’antiamericanismo e quindi considerano quindi quella del “grande satana” americano come una stanca retorica, utile solo ai fini del potere interno.
Per questo il regime ritiene opportuno non abbassare i toni, ma anzi mantenere alta la minaccia ed il livello di guardia con elementi concreti.
La logica prevalente in entrambi i fronti sembra essere quella già osservata in occasione della guerra delle Falklands/Malvinas, con i generali argentini, assillati dalla bancarotta economica e l ’establishment britannico alle prese con una difficile ristrutturazione economica interna per gli strascichi di lungo periodo della decolonizzazione.
Montare una minaccia esterna, un conflitto per coagulare il fronte interno è una tecnica antica e ben collaudata. Il problema è che oggi l ’instabilità sociale, politica ed economica ha una dimensione globale. È difficile ipotizzare un ’operazione “chirurgica”, che rimanga cioè confinata in un ambito ristretto. Se tale ambito è quello del Golfo Persico, gettarvi un cerino significa accendere un fuoco che facilmente potrebbe diffondersi e provocare lo scoppio di tutta la polveriera mondiale.

Link articolo : asianews.it

Ripensamenti...
LA KNESSET SUL GENOCIDIO ARMENO.

ISRAELE VS USS LIBERTY E FREEDOM FLOTILLA : STESSA VIOLENZA, STESSI OBIETTIVI.

E sostituzioni.
Nucleare, Iran chiede sostituzione due ispettori.
Accusati di avere scritto rapporti non rispondenti al vero.
( ansa.it )
21 giugno, 11:16
TEHERAN - L'Iran ha deciso di negare l'entrata nel Paese a due ispettori dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), chiedendo a questo organismo delle Nazioni Unite di nominarne altri due al loro posto per le prossime ispezioni.
Lo ha reso noto oggi il capo dell' Organizzazione per l'energia atomica iraniana, Ali Akbar Salehi, citato dall'agenzia Isna, lamentando che i rapporti dei due ispettori erano "non rispondenti alla realtà". Anche se l'episodio appare come un ulteriore segnale di una tensione crescente nel braccio di ferro sul nucleare iraniano, dopo ulteriori sanzioni imposte all'Iran dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu il 9 giugno scorso, Salehi non ha fatto alcun cenno alla possibilità che Teheran decida di mettere fine alle ispezioni ai suoi impianti. Il capo del programma iraniano ha anzi sottolineato che la Repubblica islamica intende continuare ad agire "nell'ambito del Trattato di non proliferazione nucleare" (Tnp).
Nel suo ultimo rapporto pubblicato il mese scorso sulla base anche delle informazioni fornite dagli ispettori, l'Aiea ha sottolineato che l'Iran stava preparando nuove apparecchiature per aumentare il livello di arricchimento dell'uranio e non aveva risposto a sue domande circa possibili aspetti militari delle sue attività. Secondo Salehi, i due ispettori, di cui non sono forniti i nomi e le nazionalità, hanno trasmesso "informazioni non rispondenti alla realtà" e hanno "fatto trapelare notizie prima dei tempi stabiliti" dai regolamenti.
"In base al Tnp, abbiamo chiesto all'Aiea di non inviare più in Iran questi due ispettori e di nominarne altri due al loro posto", ha aggiunto il responsabile iraniano.

A seguire la parte XXVI.

martedì 22 giugno 2010

PANDORA'S TIMES - ILLUMINATI CARD GAME

Certo che visto l'immane disastro occorso alla piattaforma petrolifera nel Golfo del Messico, la seguente carta, a chi avesse ancora dubbi, sulla reale esistenza degli "oscuri signori" di cui sono le "oscure mani"che governano sul "destino del mondo".

Potrebbe riuscire "nell'intento" di dissiparli, definitivamente.


Image and video hosting by TinyPic


Ed al seguente link, ci sono tutte...

"ILLUMINATI CARD GAME".


Oppure qui, per chi non ha l'account di windows live.

O infine, tramite la ricerca di Google per immagini.


Queste carte sono fantastiche.

Non fosse altro che ci sono pure le carte :

- Pentagon
(doppia)

- Terrorist Nuke (WTC)
(doppia e due sono stati gli "attentati")

- Biological hazard

- Yacatisma
(invasione da Orione)

etc.etc.

Ma soprattutto, almeno a mio parere, fanno meditare e molto quelle dell' :

- Oratore di colore, nel sangue

- Bank merger

- Vatican City

- WW3

Ed ora, proviamo a vedere, se riusciamo a capirci qualcosa...

Che la carta degli "attacchi combinati a Londra", sia da associare all'attentato già avvenuto alla metropolitana, non ci metterei la mano sul fuoco.

Comunque diamola per buona ( ovvero, già accaduta ).

Poi...

La carta "Center for desease control"...

Secondo me si riferisce alla pandemia di A/H1N1, dichiarata, guarda caso, in data 11/06/2009.

Che badate bene, non è detto che sia finita qui, anche alla "luce" degli studi pubblicati, su di un suo riassortimento nei suini, che ho postato in PANDORA'S TIMES parte XXIV.


"Le torri gemelle". Accaduta

Anche se di queste carte globalmente ce ne sono due.

Una a bordo rosso, ed una a bordo nero ( forse, apparterranno a due differenti edizioni ).

Ed il WTC...DI ATTENTATI NE HA SUBITI DUE, uno nel "93 e poi l'11/09/2001.


"Pentagon". Accaduta.

Stessa considerazione fatta per la carta precedente ( WTC ).

Unica differenza, che nella realtà ha subito un'attacco solo l'11/09/2001.

Quantomeno, da ciò che è di mia attuale conoscenza.

Quindi in futuro, potrebbe essere ancora un'obiettivo.


"Ucciso per la pace". Accaduto ( o perlomeno, in fase di accadimento ).

Dalle proteste dei no global al G-8 di Genova ( col morto ), per arrivare ai fatti recenti dei pacifisti della "Freedom flotilla".


"Oil Spill". Accaduta.

Non credo che vi siano dubbi.

Vista l'immane catastrofe della piattaforma della British Petroleum nel golfo del Messico.

Mah ! Che dire, se non...

"Allucinante", quantomeno come "coincidenza" .

Vedremo.


Ed alla luce degli attachi cibernetici di questi ultimi tempi, vedete Stuxnet etc. di Wikileaks degli Anonymous e quant'altro, penso che anche, gli eventi contenuti nella seguente carta, siano da considerarsi come...



Hackers


Accaduti...o quantomeno, in fase di accadimento.

Come alla luce di fatti ancor più recenti...con "foto comparativa"...la seguente...



E RESTA Morto


D'altronde...secondo voi, è...o non è, "essere come morti" (""= almeno un pò), rimanere segregati...nel suo caso attuale, all'interno di un ambasciata...per più di un anno...a continuare?

E l'11 marzo (3) 2011 ( e già la data è un programma), alla luce del Devastante terremoto in Giappone, a quanto pare, sembrerebbe che quanto contenuto in un'altra carta di questo gioco, sia divenuto realtà...



Combined Disasaster


Certo che la somiglianza è notevole.

Sinceramente, la prima volta che ho visto questa carta, pensando alla torre con orologio mi è venuta in mente Londra.

Ma ora devo ricredermi.

Un ultima cosa.

Ricordiamo ( e ricordiamoci ), che queste carte sono uscite sul mercato nel 1995, ma se ben ricordo, causa problemi di "varia natura", che ne hanno ritardato la effettiva messa in commercio, in realtà, sono state disegnate e prodotte alcuni anni prima.

E poi, c'è anche quest'altra...



Earthquake Projector


Tratta dal seguente, ed a mio parere, interessantissimo articolo...

Le carte da gioco degli illuminati, i terremoti artificiali, il disastro del Giappone, l'11 settembre

Ed alla luce, di quanto sta accadendo in alcuni stati Usa, anche la carta seguente, "porta a meditare, su inquietanti pensieri"...


Tornado

lunedì 21 giugno 2010

PANDORA'S TIMES parte XXIV

Prosegue dalla parte XXIII.

Nuovo Ordine Mondiale.

IRAN.
Sanzioni Onu.
Divergenze...

IRAN : RUSSIA, INACCETTABILI NUOVE SANZIONI USA UE
(AGI) - Mosca - Le sanzioni aggiuntive imposte all'Iran da Usa e Ue sono "inaccettabili". Inoltre, minano gli sforzi di collaborazione per risolvere la disputa sul programma nucleare.
Lo dice in comunicato del ministero degli Esteri.
In precedenza il vice ministro degli Esteri, Sergei Ryabkov aveva detto che Mosca e' "estremamente rammaricata" che ne' gli Usa ne' l'Unione europa abbiano ascoltato gli appelli per evitare tali decisioni.

"Reali minacce"...
Gates: Iran could attack Europe with scores or hundreds of missiles
GATES : L'IRAN PUÒ ATTACCARE L'EUROPA CON VENTINE O CENTINAIA DI MISSILI...
( in inglese - debka.com ).

Giustificazioni...
Iran: nostri missili solo per difesa.
Lo ha affermato il ministro della Difesa Vahidi.
19 giugno, 17:05
(ANSA) - TEHERAN, 19 GIU -L'arsenale missilistico iraniano e' volto solo a 'difendere il Paese contro ogni aggressione militare e non e' una minaccia per nessuno'. Lo ha detto il ministro della Difesa Ahmad Vahidi, respingendo le affermazioni fatte giovedi' dal segretario alla Difesa Usa Robert Gates, secondo cui l'Iran e' in grado di portare un attacco all'Europa con 'decine o anche centinaia' di missili.
'Si tratta solo di propaganda da parte degli Stati Uniti - ha affermato Vahidi, citato dall'agenzia Fars.

"Scintille" ,ed...( interessati ) scontri asiatici
...
Palestinesi feriti da spari
israeliani.
A Beit Hanun, nella striscia di Gaza.
19 giugno, 17:52
(ANSA) - TEL AVIV, 19 GIU - Tre palestinesi sono stati feriti oggi dagli spari di vedette israeliane ai margini della striscia di Gaza, nella zona di Beit Hanun. Secondo un portavoce militare a Tel Aviv i soldati hanno aperto il fuoco in direzione di alcune figure sospette che si trovavano a ridosso dei recinti di demarcazione. I militari, secondo il portavoce, hanno lanciato ripetuti avvertimenti prima di sparare. Da Gaza fonti locali riferiscono che gli spari hanno ferito tre manovali che lavoravano nei campi.

Karimov,scontri istigati da fuori.
Anche i kirghizi accusano l'ex presidente deposto da rivolta.
19 giugno, 08:45
(ANSA) - BISHKEK (KIRGHIZISTAN), 19 GIU - Il presidente dell'Uzbekistan Islam Karimov ha accusato elementi ''esterni'' di aver istigato le violenze nel Kirghizistan.
''Ne' gli uzbeki ne' i kirghisi sono da accusare per questo - ha detto Karimov, citato dall'agenzia ufficiale Uza -.Queste azioni devastatrici sono state organizzate e gestite dell'esterno''.Le affermazioni di Karimov fanno eco a quelle del governo a interim del Kirghizistan, che ha accusato l'ex presidente deposto di essere la mente dietro le violenze.

"Freedom flotilla", aggiornamento, "favori negati"...

M.O./ Israele ha chiesto all'Egitto di fermare le navi iraniane.
Il Cairo ha respinto la richiesta
Roma, 18 giu. (Apcom) - Israele ha chiesto all'Egitto di impedire alle navi iraniane dirette verso la Striscia di Gaza con aiuti umanitari a bordo di raggiungere il territorio palestinese attraverso il Canale di Suez. Lo ha scritto oggi il quotidiano egiziano A-Dar, secondo quanto riporta il sito web del quotidiano israeliano Jerusalem Post. Le autorità egiziane hanno però respinto la richiesta, ha precisato A-Dar, poiché a loro giudizio il diritto internazionale non gli consente di vietare il passaggio a qualsiasi imbarcazione attraverso il canale.
Nel fine settimana una seconda nave iraniana carica con aiuti per la popolazione di Gaza potrebbe salpare dal porto di Bandar-Abbas, nel sud dell'Iran, secondo quanto ha annunciato nei giorni scorsi sul suo sito web la Mezzaluna rossa iraniana. Una prima nave sarebbe già salpata e dovrebbe arrivare a Gaza attraverso il Mar Rosso.
Israele ha imposto un blocco alla Striscia di Gaza nel 2007 dopo che il gruppo integralista Hamas ha preso il controllo del territorio con la forza, estromettendo l'Autorità Palestinese. Il 31 maggio scorso le forze israeliane hanno assaltato una flottiglia navale, organizzata da una Ong turca accusata da Israele di essere vicina ad Hamas, e negli scontri scoppiati a bordo di una nave del convoglio sono rimasti uccisi nove attivisti turchi.
Dopo questo episodio l'Iran ha annunciato che avrebbe inviato nella Striscia altre navi umanitarie per infrangere il blocco.

ISRAELE GIOCA COL FUOCO.

Resistenze...
(AGI) IRAN: CHAVEZ ALLEATO, “PRONTI A RESISTERE ALTRI 100 ANNI”
(AGI) - Caracas, 20 giu. - Teheran e Caracas alleati contro le sanzioni: Venezuela e Iran, ha detto il presidente Hugo Chavez, “sono pronti a resistere per altro 100 anni”. Chavez ha accusato il Consiglio di sicurezza dell’ONU di aver punito l’Iran in modo “immorale, ingiusto e illegale, violando il diritto internazionale”. (AGI) Fab

E poi...
"Siete pronti ad una nuova pandemia" ?

L'INFLUENZA H1N1 STA PASSANDO ATTRAVERSO CAMBIAMENTI GENETICI NEI MAIALI...
( in inglese - businessweek.com ).

Sarebbe...

"Come da copione".

La conferma, dallo studio pubblicato da fonte autorevolissima...

IL VIRUS DELL'INFLUENZA A/H1N1 SI STA RIASSORTENDO NEI MAIALI...
( in inglese - sciencemag.org ).

E per la serie...

"Non facciamoci mancare nulla".

LA MATRICE 911 E IL 21 GIUGNO 2010...
( in inglese - project.nsearch.com ).

In sostanza..

C'è un nesso, un disegno, tra l'incendio del reichstag che ha agevolato la salita al potere di Hitler nel "33 da molti ritenuta un'operazione false flag e l'attacco di Pearl Harbour del "41, 8 anni 9 mesi e 10 giorni dopo, come l'11 settembre 2001 con il 21 giugno 2010 ?

IL FILM MATRIX DEL "99 ALLUDE A QUESTO.

MAH !!!

Vedremo.

E poi...

"PANDORA'S TIMES - ILLUMINATI CARD GAME".

Economia.

CRISI: MEDVEDEV, PREOCCUPA SECONDA ONDATA. FORTI TIMORI PER L'EURO
(ASCA-AFP) - San Pietroburgo, 19 giu - La Russia, che detiene oltre il 40 per cento delle sue riserve in euro, teme per la salute della moneta unica. Lo ha affermato il presidente russo Dmitry Medvedev, durante il suo discorso finale al Forum economico di San Pietroburgo, sottolineando che la Russia e' preoccupata per una seconda ondata di crisi economica.
''Siamo spaventati dalla salute dell'euro - ha detto Medvedev -. Ci auguriamo un rapido recupero perche' e' anche la nostra moneta. Non e' solo la moneta dell'Unione europea, e' una moneta che usiamo, perche' e' una moneta di riserva''.
Le riserve valutarie della Russia, infatti, sono in gran parte in euro e dollari Usa, con circa il 10% in sterline e appena oltre 1 per cento in yen. map/mcc/ss

IL CASO

Usa,chiude l'ultima fabbrica la città di Evansville resta senza lavoro.
Dopo 50 anni la compagnia Whirlpool ha deciso di chiudere lo stabilimento e trasferirlo in Messico dove il costo del lavoro è più basso. Era l'ultimo polo industriale. Gli abitanti:"Come faremo a sopravvivere?"
( repubblica.it ).

IL BUSINESS NASCOSTO SOTTO LA MACCHIA DI PETROLIO DI BP.

Misteri.

ESPERTO RUSSO DI NUCLEARE ASSASSINATO : GIALLO A MALTA...
( leggo.it ).

A seguire la parte XXV.

PANDORA'S TIMES parte XXIII

Prosegue dalla parte XXII.

Nuovo Ordine Mondiale.

Accuse e negazioni nella penisola coreana, scontri asiatici, ed annunci e/di "punizioni", mediorientali...

Coree: due diverse versioni all'Onu.
Seul accusa dell'affondamento Pyongyang che nega tutto.
15 giugno, 15:07
(ANSA) - WASHINGTON, 14 GIU - Le due Coree hanno presentato al consiglio di sicurezza dell'Onu le rispettive versioni sull'affondamento della corvetta di Seul. Una delegazione di Seul ha accusato il Nord di essere responsabile dell'affondamento della corvetta Cheonan avvenuto il 26 marzo a causa di un siluro lanciato da un sottomarino nordcoreano. Ma Pyongyang respinge le accuse. "Non abbiamo niente a che fare con questo - ha ribadito il vice-ambasciatore all'Onu - Siamo anche noi vittime di questo incidente".

IL CONFLITTO ETNICO

In Kirghizistan, morti a centinaia e decine di migliaia sono in fuga.
La Croce Rossa afferma che però le vittime potrebbero essere molte di più.
Oltre 200 mila uzbeki ammassati ai confini meridionali, inseguiti dai kirghisi. Secondo l'UNHCR i rifugiati sarebbero già oltre settantacinque mila.
( repubblica.it ).

Iranian Speaker Larijani plans to reach Gaza-Israel border Saturday
IL PORTAVOCE IRANIANO LARIJANI, INTENDIAMO RAGGIUNGERE IL CONFINE GAZA - ISRAELE SABATO...
( in inglese - debka.com ).

IRAN : TEHERAN ANNUNCIA "POTENTE" REATTORE PER LA RICERCA NUCLEARE
(AGI) Teheran - L'Iran lavora a un nuovo reattore per la produzione di isotopi radioattivi, "piu' potente" del reattore di Teheran. Lo ha annunciato il capo dell'Organizzazione atomica iraniana, Ali Akbar Salehi. "L'Iran sta progettando un reattore per produrre isotopi radioattivi che sara' piu' potente del reattore di Teheran e che sara' presto autorizzato", ha detto Salehi, secondo il website della tv di Stato. Bia

NUCLEARE.

IRAN : AHMADINEJAD, NEGOZIATI DOPO AVERVI PUNITI.

"Freedom flotilla", aggiornamenti...
MEDIO ORIENTE : NUOVO ALLERTA PER GAZA.

ALTRE NAVI PER ROMPERE IL BLOCCO DI GAZA.

L'AVVERTIMENTO DI ISRAELE A LIBANO E IRAN : "FAREMO DI TUTTO PER BLOCCARE LE VOSTRE NAVI".

Iranian threats over Gaza keep USS Truman carrier in Mediterranean
LE MINACCE IRANIANE SU GAZA MANTENGONO LA PORTAEREI STATUNITENSE TRUMAN NEL MEDITERRANEO...
( in inglese - debka.com ).

M.O. : ISRAELE, ARRIVO NAVI DA IRAN E LIBANO È UN'ATTO "OSTILE"
Gerusalemme, 16 giu. (Adnkronos/Dpa) - Israele intende considerare come un atto "ostile" il tentativo di navi libanesi e iraniane di forzare il blocco alla Striscia di Gaza. Lo ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri israeliano, Yigal Palmor, spiegando che queste navi provengono da paesi nemici e quindi "il loro status e' diverso" da quello delle navi della Freedom Flotilla, che erano accusate soltanto di compiere una provocazione in violazione della legge.
Queste navi "provengono da stati nemici e cio' significa che il loro trattamento sara' differente, perche' vi e' una differenza legale", ha detto Palmor all'agenzia stampa Dpa. Il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman ha riferito un simile messaggio alla responsabile della politica estera europea Catherine Ashton, e ai colleghi spagnolo e tedesco, Miguel Angel Moratinos e Guido Westerwelle. Palmor ha sottolineato di non avere informazioni certe sull'arrivo delle navi, due iraniane e una libanese, spiegando che "e' troppo presto" per capire come si agira' sul piano pratico per fermarle. Ha poi aggiunto che Israele ha avviato "contatti diplomatici con paesi amici" contro queste iniziative. Ma non ha chiarito se e' stato chiesto all'Egitto d'impedire il passaggio delle navi iraniane nel mar Rosso.
Quanto alla nave libanese, uno degli organizzatori, Samar al Hadj, ha detto a Beirut che la Mariam trasportera' 50 donne cristiane e musulmane, una trentina delle quali libanesi e il resto europee. A

TURCHIA : SOSPENSIONE DI TUTTI GLI ACCORDI CON ISRAELE.

Economia...
LETTERA DEGLI ECONOMISTI.

LA POLITICA RESTRITTIVA AGGRAVA LA CRISI, ALIMENTA LA SPECULAZIONE E PUO ’ CONDURRE ALLA DEFLAGRAZIONE DELLA ZONA EURO.
SERVE UNA SVOLTA DI POLITICA ECONOMICA PER SCONGIURARE UNA CADUTA ULTERIORE DEI REDDITI E DELL ’OCCUPAZIONE.
( letteradeglieconomisti.it ).

SITUAZIONE ECONOMICA DISPERATA, PEGGIOR BOLLA DI DEBITI DELLA STORIA MONDIALE : 50 STATISTICHE SULL'ECONOMIA STATUNITENSE.

Medioriente sull'orlo dell'abisso ?

Ciò che segue, a mio parere, è una forte constatazione, sull'evidente inevitabilità di una guerra nell'area.

In Israele un"governo piromane".

PER ASSAD IN MEDIORIENTE LA GUERRA È VICINA.
Dopo il blitz alla Flottiglia nella regione "non c'è nessuna chance di pace nel prossimo futuro". Il Presidente siriano, intervistato dalla Bbc, nega anche di fornire armi a Hezbollah.
( rainews24.it )
Londra, 17-06-2010
Quello Israeliano è "un governo piromane" e il raid contro la Freedom Flotilla ha "distrutto ogni possibilità di pace nel prossimo futuro". Sono parole del Presidente siriano Bashar al-Assad, intervistato dalla Bbc.
Neanche prima del blitz sulle navi, sostiene Assad, Netanyahu sarebbe stato un "partner di pace" nella regione: "Con questo esecutivo" la diplomazia "è qualcosa di diverso da qualsiasi precedente governo israeliano". Alla domanda se l'attacco abbia aumentato il rischio di un conflitto regionale, ha risposto: "Assolutamente, assolutamente. Ma realisticamente questo pericolo c'era già prima del raid perché ci sono altri dati di fatto che indicano le intenzioni di questo governo nei confronti dei palestinesi, l'intenzione di uccidere i palestinesi."
Assad ha anche respinto le accuse formulate nei confronti del suo Paese di fornire armamenti al movimento sciita libanese di Hezbollah.

E se lui, lo dice apertamente...

"Non sò il perché"...

Ma è un forte indizio, a conferma che ciò accadrà realmente.

Come da "copione".

Ricordate sempre...

Che all'origine di molti mali, anche secolari, vi sia la brama di potere, sia esso per fini vendicativi di antichi torti subiti, o per semplice delirio di onnipotenza di potentissime caste elitarie...

IL FUTURO PROSSIMO SECONDO ALBERT PIKE.

( Quanto è riferito nell'articolo qui sopra, è sempre bene, a mio modestissimo parere, tenerlo a mente )

"Alla luce del puzzle che si stà svelando di pari passo con il suo completamento"...

a parer mio, risulta evidente.

Ed ancora, concludendo...

"Non dimenticate mai",quando si tratta di fatti turchi, di tenere in considerazione, il "peso"...

"Dei generali ed ammiragli turchi", anche di quelli in "pensione", oppure, "all'estero".

A seguire la parte XXIV.

sabato 19 giugno 2010

PANDORA'S TIMES parte XXII

Prosegue dalla parte XXI.

Nuovo Ordine Mondiale.

Scontri asiatici...e gas venefici...
Kirghizistan: 62 morti e 800 feriti.
Nuovo bilancio scontri fornito da ministero della Sanita'.
12 giugno, 14:40
(ANSA) - MARKHAMAT (KIRGHIZISTAN) 12 GIU -
Sale a 62 morti e piu' di 800 feriti il bilancio degli scontri inter-etnici in corso da 2 giorni nel sud del Kirghizistan. L'ultimo bilancio e' stato fornito dal ministero della sanita'. Il sud del Paese e' la roccaforte dell'ex presidente Kurmanbek Bakyev, deposto da una rivolta popolare e costretto alla fuga. Oggi la presidente e premier ad interim, Roza Otunbayeva, ha lanciato l'allarme per una situazione definita fuori controllo e ha chiesto l'intervento militare di Mosca.

Kirghizistan: polizia autorizzata a sparare a vista.
( ansa.it )
12 giugno, 20:00
BISHKEK - Autorizzati a sparare a vista contro chiunque imbracci armi da fuoco: questo l'ultimo ordine inviato alle forze di sicurezza dalle autorita' del Kirghizistan che finora non sono riuscite, nonostante il coprifuoco, a riprendere in mano una situazione sempre piu' fuori controllo nel sud del Paese.
Le violenze interetniche con la minoranza uzbeka oggi si sono estese dalla citta' di Osh - dove erano cominciate nella notte tra giovedi' e venerdi' - alla vicina Jalalabad: l'ultimo bilancio e' di 75 morti, un migliaio di feriti, migliaia di persone in fuga dalle loro case. La presidente al interim Roza Otumbayeva, dopo aver verificato che le zone interessate da uccisioni, saccheggi e incendi si va estendendo, ha dichiarato lo stato d'emergenza in tutta l'area e ha anche deciso di chiedere l'intervento militare della Russia ''per evitare la guerra civile nel sud del Paese''. Ma Mosca ha risposto picche: per ora di aiuto militare non si parla, ''questo e' un problema interno'' ha fatto sapere il Cremlino e al massimo ci si puo' attivare per inviare aiuti umanitari. Di fronte a cio' e visto il rischio di destabilizzazione sempre piu' ampio, la Otumbayeva ha deciso di aprire la frontiera con l'Uzbekistan per permettere agli uzbeki, che sono in minoranza, di fuggire e rifugiarsi nella vicina repubblica ex-sovietica. Secondo la Croce Rossa sono gia' migliaia le persone che si dirigono verso il confine per raggiungere Marhamat, tra loro soprattutto donne e bambini che nessuno riesce a difendere. ''Poliziotti e soldati dispiegati a Osh e a Jalalabad stanno crollando per la fatica - ha comunicato un responsabile locale - Ormai dormono nelle strade che dovrebbero pattugliare ... Non riusciremo a garantire sicurezza a nessuno, se non riceveremo aiuti''.
Dal canto suo l'Uzbekistan sta lasciando entrare gli sfollati di etnia uzbeka ma, nel dichiarare ''profonda preoccupazione e inquietudine'', afferma anche di ritenere che le violenze siano ''state organizzate, calcolate e provocate'' proprio per alimentare il conflitto interetnico e costringere la minoranza uzbeka ad abbandonare il Kirghizistan. Facendo leva sui motivi umanitari, anche l'organizzazione Human Rights Watch (Hrw) ha rivolto un appello alla comunita' internazionale affinche' intervenga a sostegno del governo kirghizo prima che il disastro umanitario diventi irreversibile. ''Non c'e' tempo da perdere - ha detto un attivista barricato in una casa di Osh - I feriti potrebbero essere migliaia ... e non si sa come soccorrerli''. A Osh tra l'altro e' stata interrotta l'erogazione del gas e dell'energia elettrica, e anche l'acqua potabile in gran parte della citta' ormai non arriva piu'. Il Kirghizistan, indipendente dal collasso dell'Unione Sovietica (1991), vive una situazione di violenta instabilita' dallo scorso 7 aprile, da quando cioe' il presidente Kurmanbek Bakyev fu costretto alla fuga da una sanguinosa rivolta di piazza. Secondo la presidente ad interim, proprio il deposto capo di stato (kirghizo come lei) avrebbe fomentato gli scontri interetnici con gli uzbeki per impedire - secondo la sua denuncia - il referendum nazionale del 27 giugno, indetto per modificare la Costituzione.

Afghanistan: ricoverate 50 scolare.
Hanno sintomi di avvelenamento, si sospetta attacco ai gas.
12 giugno, 16:12
(ANSA) - KABUL, 12 GIU - Circa 50 allieve di una scuola in Afghanistan sono state ricoverate con sintomi da avvelenamento.
Si sospetta un attacco terroristico.Ad avanzare il sospetto di un attentato con l'uso di gas sono le forze di sicurezza afgane.
Se confermato, si tratterebbe dell'ultimo di una serie di attacchi per i quali si sospettano integralisti islamici che si oppongono alla scolarizzazione delle donne. L'episodio e' avvenuto nella provincia di Ghazni.

Embargo, pianificazioni, "scintille" e...

Iran, Brasile ignorerà l'embargo.
Nonostante Usa darà a Teheran evano.
Il Brasile non terrà conto degli ammonimenti degli Usa a chi vuole vendere etanolo all'Iran. Lo ha assicurato una fonte del ministero degli esteri, citata dai media. "Noi esportiamo dove vogliamo", ha precisato la fonte, sottolineando comunque che le sanzioni approvate dall'Onu, non proibiscono le vendite di questo alcol usato come combustibile. Il Brasile, assieme alla Turchia, si era fatto promotore di una mediazione contro le sanzioni. (ANSA)

ISRAELE STA PIANIFICANDO UN'ATTO DISPERATO ?
Ha ancora due bombe atomiche rubate che potrebbe usare per attaccare un porto.

E non solo quello.

Attacco in Cisgiordania, agenti feriti.
Coloni chiusi in casa per motivi di sicurezza.
14 giugno, 09:40
(ANSA) - TEL AVIV, 14 GIU - A Hebron (Cisgiordania meridionale) quattro agenti della polizia israeliana sono rimasti feriti in un attacco palestinese. Uno dei feriti e' stato ricoverato in un ospedale di Gerusalemme in condizioni ''molto gravi'', secondo fonti giornalistiche. Per motivi di sicurezza, la popolazione degli insediamenti ebraici vicini ha avuto ordine di restare nelle proprie abitazioni.

"Freedom flotilla".
Mo: Turchia, no a inchiesta Israele.
Ankara insiste su commissione sotto controllo Onu.
14 giugno, 13:38
(ANSA) - ANKARA, 14 GIU - La Turchia non ha fiducia in una commissione d'inchiesta di Israele sul raid del 31 maggio contro un convoglio umanitario diretto a Gaza. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri turco Ahmet Davutoglu.
Ankara insiste per l'istituzione di una commissione d'inchiesta 'sotto il controllo diretto dell'Onu con la partecipazione della Turchia e di Israele', perche' nel raid rimasero uccisi 9 cittadini turchi che viaggiavano a bordo della nave turca Mavi Marmaris.

MEDIO ORIENTE : SALPATA PRIMA NAVE IRANIANA CON AIUTI PER GAZA
(AGI) Teheran - E' salpata la prima nave iraniana con gli aiuti per Gaza. La notizia, resa nota dalla radio, e' destinata ad essere considerata una provocazione da Israele che accusa Teheran di fornire armi all'enclave palestinese. Un mercantile e' salpato domenica e un altro partira' venerdi', entrambi carichi di cibo, materiale da costruzione e giocattoli. Bia

E adesso, sono proprio curioso di vedere cosa accadrà, se qualcosa accadrà, ovviamente.

"Che l'incubo abbia inizio"?

Vedremo.

Economia...
È SUCCESSO QUALCOSA.

"Frammenti di verità" dal passato, a futura memoria...

Usa: mafia voleva ricattare i Kennedy usando Frank Sinatra.
E' quanto risulta da un dossier Fbi del 1965 appena pubblicato.
( ansa.it )
15 giugno, 16:05
WASHINGTON - Un documento del dossier su Ted Kennedy appena pubblicato dall'Fbi mostra che l'agenzia federale indago' sulla possibilita' che la mafia volesse usare Frank Sinatra per cogliere i fratelli Kennedy in situazioni sessuali ricattabili con donne del "giro" del famoso cantante.
L'informazione era giunta al quartier generale dell'Fbi a Washington da agenti dell'ufficio di Milwaukee. La voce raccolta da un informatore "solitamente affidabile" era che la mafia cercasse un modo per vendicarsi di Bob e Ted Kennedy dopo l'offensiva di Bob, come Attorney General, contro il crimine organizzato. Il documento, che risale al 1965, cerca di trovare conferma che la mafia intendesse sfruttare i suoi contatti con il clan Sinatra per usare donne per porre Bob e Ted Kennedy in situazioni compromettenti e ricattabili.
Nel mirino della mafia c'era anche Peter Lawford: l'attore, membro del clan Sinatra, era sposato a Patricia Kennedy. Ma il direttore dell'Fbi J.Edgar Hoover non riusci' mai a trovare conferma a tali informazioni. Le migliaia di pagine di dossier sono dominate dalle minacce di morte contro Ted Kennedy. Ma un altro documento del dossier riporta la voce di festini in un hotel di New York con la partecipazione (in occasioni diverse) dei tre fratelli Kennedy, Frank Sinatra e Marilyn Monroe.

A seguire la parte XXIII.

AFGHANISTAN : SCOPERTO DAGLI STATI UNITI UN TESORO DI GIACIMENTI MINERARI

Tesoro minerario in Afghianistan.

Potrebbe cambiare l'economia afghana e il corso della guerra.
Governo Kabul: notizia eccezionale.

Link articolo : ansa.it.
14 giugno, 18:10

NEW YORK - Gli Stati Uniti hanno scoperto in Afghanistan un tesoro di giacimenti minerari che potrebbe radicalmente cambiare l'economia afghana e il corso della guerra.

I giacimenti, secondo il New York Times che cita in proposito alti funzionari del governo americano, valgono circa mille miliardi di dollari e includono vene di ferro, rame, cobalto, oro e litio.

"Sono metalli essenziali all'industria moderna e l'Afghanistan un giorno potrebbe diventare uno dei più importanti centri minerari del mondo", hanno detto le fonti che hanno chiesto di non essere identificate. In un memorandum interno del Pentagono si afferma ad esempio che l'Afghanistan potrebbe diventare "l'Arabia Saudita del litio", un materiale indispensabile nella produzione di batterie per i lap-top e i blackberry.

La vasta scala di ricchezze minerarie afghane è stata scoperta da un piccolo team di esperti del Pentagono e da geologi americani. Il governo afghano e il presidente Hamid Karzai sono stati informati di recente, hanno indicato le fonti. Il responsabile del Central Command, generale David Petraeus, ha confermato l'esistenza dei giacimenti in una intervista al New York Times: "Il potenziale è enorme. Ci sono molti se, ma in ogni caso è una scoperta significativa".

GOVERNO, NOTIZIA ECCEZIONALE - I risultati dello studio realizzato dallo United States Geological Survey sul potenziale minerario dell'Afghanistan "é la notizia migliore da noi avuta da molti anni". Lo ha dichiarato oggi a Kabul il portavoce presidenziale, Waheed Omar. In una conferenza stampa in cui non ha nascosto la soddisfazione per le notizie riferite dal New York Times, Omar ha ricordato che il Survey è stato contrattato dal governo afghano e che quindi "siamo sostanzialmente di fronte ad una iniziativa del nostro governo". "Voglio sottolineare - ha aggiunto - che quanto rivelato non é una sintesi di tutti i minerali afghani, ma solo di una parte, il cui valore effettivamente potrebbe essere di 1.000 miliardi di dollari". Fra i minerali segnalati in varie province, l'attenzione degli esperti è concentrata sui giacimenti di litio che si troverebbero nella provincia di Ghazni, dove attualmente sono situate numerose basi dei talebani. Lo scorso anno l'Afghanistan ha fatto con la Cina un accordo per lo sfruttamento di quella che presumibilmente è la più grande miniera di rame del mondo. Il ministro per le Miniere afghano, Ibrahim Adel, e il gruppo metallurgico statale cinese Mcc, hanno firmato al riguardo un contratto del valore di 3,5 miliardi di dollari per l'estrazione del metallo dalla miniera di Aynak (provincia di Logar), a sud di Kabul. (ANSA).


Scommetterei, che lo sapevano almeno da circa
sette anni.

E secondo voi ?


Aggiornamento...

Afghanistan: giacimento 1,8 mld barili

Scoperto da geologi afghani e stranieri nelle province del Nord

15 agosto, 12:21

(ANSA) - KABUL, 15 AGO - Un giacimento petrolifero stimato in almeno 1,8 miliardi di barili e' stato scoperto nel nord dell'Afghanistan. La scoperta e' frutto di prospezioni condotte da geologi afghani e stranieri fra le province settentrionali di Balkh e di Shiberghan. Il giacimento sara' offerto per lo sfruttamento nei prossimi mesi.


Aggiornamento...

AFGHANISTAN

Il ritorno dei russi dopo oltre 20 anni
"Sfida economica per rimpiazzare gli Usa"

Karzai a Mosca discute progetti di cooperazione per un miliardo di dollari. Putin e Medvedev hanno a lungo temuto un chiaro successo Usa: ma ora questo scenario sembra irrealizzabile

di GUIDO RAMPOLDI

PERCHÉ questa estate Washington ha ufficialmente scoperto quel che nelle segrete stanze dell'Amministrazione sapevano già da tempo, e cioè che il sottosuolo afgano nasconde minerali rari ed idrocarburi?

La soluzione dell'enigma è nella nuova prospettiva con la quale i pesi massimi dell'area stanno guardando all'Afghanistan.

Se prima auspicavano un fiasco occidentale che togliesse definitivamente dalla testa di americani e Nato ogni illusione egemonica in Asia centrale, ora Mosca e Pechino cominciano a pensare che l'Afghanistan sia un buon affare. Così il China Metallurgical Group ha investito una cifra notevole, 3 miliardi di dollari, nelle miniere di rame a sud di Kabul. E i russi hanno appena discusso con il premier afgano Hamid Karzai, questa settimana in visita a Mosca, progetti di cooperazione economica per un miliardo di dollari. Quanto più russi e cinesi fossero coinvolti in Afghanistan, tanto più avrebbero a cuore la stabilità del Paese. Non è detto che il calcolo funzioni, ma è finalmente un tentativo astuto di costruire un consenso regionale intorno al progetto di un Afghanistan pacificato, un esito che da quelle parti fino a ieri piaceva a pochi: suonava come una vittoria degli occidentali, gli intrusi, in Asia centrale.

Continua su : repubblica.it

IL RITORNO DI HAYABUSA

SPAZIO

È tornata la sonda giapponese che si è posata sull'asteroide.
Hayabusa è atterrata, dopo un viaggio complicato di sette anni nello spazio, nella notte australiana.
La stanno cercando. Dovrebbe avere con sè la sabbia di Itokawa, il corpo celeste che ha toccato.
Comunque vada è stato un successo.
( repubblica.it ).


Il mio personale pensiero, in merito all'avventura effettuata da questa sonda, mi porta a pensare alle future applicazioni in questo campo e non solo dal punto di vista dello studio degli stessi asteroidi. Ma anche dal loro sfruttamento minerario per la costruzione di avamposti abitativi, se non il loro utilizzo a fini stanziali, là dove non vi siano pianeti, o loro satelliti, "ospitali".


Aggiornamento...

Possible Asteroid Particles Found in Returned Space Probe
TROVATA LA POSSIBILE PRESENZA DI PARTICELLE NEL CAMPIONE DELL'ASTEROIDE ALL'INTERNO DELLA SONDA RITORNATA DALLO SPAZIO...
( in inglese - space.com ).


Aggiornamento...

Possible space particles found in Hayabusa explorer's capsule: media

English.news.cn 2010-10-06 16:20:04

TOKYO, Oct. 6 (Xinhua) -- Extraterrestrial particles had been apparently found in a container of the Hayabusa explorer, local media reported on Wednesday.

An analysis conducted by electronic microscopes indicates that the particles feature some characteristics that are different from terrestrial materials, Kyodo News reported, citing the Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) sources.

- "Un'analisi condotta per mezzo di un microscopio elettronico indica che quelle particelle presentano alcune caratteristiche che sono differenti dai materiali terrestri, riportato da Kyodo News, citando una fonte dell'Agenzia per l'Esplorazione Aerospaziale del Giappone (JAXA)."-

Hayabusa was launched in 2003. It reached an asteroid named Itokawa in 2005 and made two touchdowns on it in November the same year.

The spacecraft experienced a fuel leak and loss of contact with Earth for seven weeks before returning to earth earlier in June.

The particles will be brought to the SPring-8 synchrotron radiation facility in Hyogo Prefecture for further identification.

Link : xinhuanet.com

E poi, da altra fonte...

Japan's Hayabusa probe may have brought home space dust - reports

AFP October 06, 2010 6:08PM

JAPAN'S space agency has found particles that may be extra-terrestrial in the capsule of the space probe Hayabusa that returned home in June after a seven-year journey to an asteroid, reports said Wednesday.

Scientists discovered minute particles that may be from outside Earth, the Yomiuri newspaper and Kyodo News agency reported.

Their components have characteristics that differ from dust or aluminum powder samples that had been collected earlier and which had been believed to have originated from Earth, the Yomiuri said without naming its sources.

Continua su : heraldsun.com.au

Ed ora, penso che sia...quantomeno in via di chiarimento. Quanto ci è stato riferito dalla BBC, a riguardo di quanto dichiarato dalla Othman :

"But the Malaysian astrophysicist said the possibility of discovering extra terrestrial life, even if just microbes, was increasing."

"Ma l'astrofisica della Malesya dice che la possibilità di scoprire vita extra terrestre, anche se solo di microbi, stà incrementando."

Ed infine, per ora almeno, da altra fonte, diciamo...più esplicita ?

Particles from Hayabusa space probe 'could contain extraterrestrial life'
LE PARTICELLE RIPORTATE DALLA SONDA SPAZIALE HAYABUSA 'POSSONO CONTENERE VITA EXTRATERRESTRE'

Particles that could contain alien life have been discovered inside a capsule of the Hayabusa probe that had collected asteroid dust, according to Japan ’s space agency.

Le Particelle che possono contenere la vita aliena sono state scoperte all'interno della capsula della sonda Hayabusa che ha raccolto la polvere dell'asteroide, secondo l'Agenzia Spaziale giapponese.

Continua su ( in inglese - con fotogallery ) : telegraph.co.uk


Il "contentino" del giorno dopo...

Japan has asteroid dust
IL GIAPPONE HA LA POLVERE DI UN ASTEROIDE
( in inglese - news.smh.com.au

Che non viene dalla Nasa.


Ora, se la polvere è extraterrestre.

Come da articoli in precedenza citati...

Anche le particelle ritrovate, con buona probabilità ( diciamo così...quantomeno )...

Sono extraterrestri...o "aliene", se preferite.


E di seguito, posto l'interessantissima galleria fotografica riguardante il rientro della sonda sulla Terra...

Hayabusa Returns to Earth
IL RITORNO A TERRA DI HAYABUSA

Link con fotogallery : space.com

PANDORA'S TIMES parte XXI

Prosegue dalla parte XX.

Incidenti casuali ?

Texas, nuovo scoppio di condotta gas.
Almeno 3 i feriti vicino Darrouzett nella contea di Lipscomb.
09 giugno, 09:33
(ANSA) - WASHINGTON, 9 GIU - Dopo lo scoppio di ieri, un nuova esplosione si e' verificata sempre in Texas, ancora in una conduttura di gas: almeno 3 i feriti. L'intera condotta e' avvolta da un incendio altissimo che rende impossibile ogni operazione di soccorso, con i vigili del fuoco costretti a restare lontani almeno 800 metri dal luogo dello scoppio.
L'incidente e' avvenuto presso la cittadina di Darrouzett, nella contea di Lipscomb (nord del Texas). Risultano disperse altre 3 persone.

Se ne salta un'altra, potrei iniziare a meditare sulla possibilità, che non siano, solo, semplici incidenti.

Nuovo Ordine Mondiale.

Economia...

LE PREVISIONI DEGLI ANALISTI ECONOMICI PER IL RESTO DEL 2010.

Continuo dalla parte precedente, a postare i commenti e le reazioni alle sanzioni all'Iran da parte del consiglio di sicurezza dell'Onu...

Iran/ Russia congela missili S-300? Versioni contrastanti.
Ieri approvate sanzioni dal Consiglio di sicurezza Onu.
Mosca, 10 giu.
(Apcom-Nuova Europa)
- La Russia potrebbe congelare la vendita di sistemi missilistici S-300 all'Iran in ossequio alle sanzioni decise ieri dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite, secondo una fonte dell'agenzia Interfax. Eppure per ora l'unica versione ufficiale dice il contrario: il capo della commissione per gli Affari Internazionale della Duma, Konstantin Kosachev osserva che le sanzioni riguardano la fornitura all'Iran di armi offensive, mentre "gli S-300 non rientrano in questa definizione" essendo armi di difesa antiaerea. "La risoluzione approvata la scorsa notte dal Consiglio di sicurezza dell'ONU - con il consenso di Mosca - non incide sugli aspetti della cooperazione russo-iraniana per l'atomo pacifico, cioè la centrale nucleare di Bushehr", ha specificato Kosachev.
Tuttavia una fonte che chiede l'anonimato, dice che "le risoluzioni dell'Onu sono vincolanti per tutti i paesi. La Russia non fa eccezione". E "naturalmente la fornitura dei sistemi missilistici S-300 a Teheran verrà congelata".
Ieri dopo il voto, l'ambasciatore russo permanente presso le Nazioni Unite Vitaly Churkin, ha definito le nuove sanzioni contro l'Iran, imposte dal Consiglio di sicurezza dell'Onu "un atto forzato", pur precisando che tale misura viene presa dalla Russia con "un atteggiamento equilibrato".

Iran: fornire S-300 violazione sanzioni.
Lo afferma una fonte del Cremlino.
11 giugno, 12:21
(ANSA) - TASHKENT, 11 GIU - La fornitura da parte della Russia del sistema missilistico S-300 all'Iran costituirebbe una 'violazione delle sanzioni' dell'Onu. Lo ha detto una fonte del Cremlino. E' l'ennesima dichiarazione sul tema da parte della Russia: ieri il ministro degli Esteri Serghei Lavrov aveva escluso che il sistema missilistico difensivo costituisse una violazione della risoluzione Onu, mentre oggi il viceministro Serghei Riabko aveva detto che Mosca sta 'studiando tutti gli aspetti della situazione'.

L'IRA DI AHMADINEJAD CONTRO ONU E ISRAELE
14:23 11 GIU 2010
(AGI) - Roma, 11 giu. - A quarantott'ore dal via libera delle sanzioni approvate dal Consiglio di sicurezza Onu, il presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad, ha attaccato duramente le Nazioni Unite, gli Usa e Israele "stato condannato".
Secondo il presidente iraniano, che ha parlato a margine dell'Expo di Shangai, le sanzioni Onu altro non sarebbero che "roba per il cestino dei rifiuti", "strumenti di dittatura" che "non avranno alcun effetto" sul programma nucleare iraniano. E per quanto riguarda Israele, stato "protetto" dagli Usa, Ahmadinejad ha detto che non sopravvivera' ed e' "condannato".
Il presidente iraniano ha anche accusato gli Stati Uniti di essere in malafede nel dibattito sul nucleare: "E' chiaro che gli Usa non sono contro le bombe atomiche perche' hanno un regime sionista con le bombe atomiche nella regione". E poi ha aggiunto: "Stanno cercando di salvare il regime sionista, ma il regime sionista non sopravvivera', e' condannato". Il problema restano quindi gli Usa e non Pechino, nonostante il fatto che la Cina nei giorni scorsi ha appoggiato la risoluzione delle Nazioni Unite. "Noi abbiamo relazioni molto buone con la Cina - ha proseguito Ahmadinejad - e non c'e' motivo di indebolirle."
"Il tempo dell'intimidazione e della coercizione e' finito" ha tuonato il presidente iraniano che domani tornera' in patria per il primo anniversario della sua contestata elezione. Mir Hossein Mussavi e Mehdi Karrubi avrebbero dovuto scendere in piazza ma all'ultimo momento hanno comunicato di aver rinunciato alla protesta. Scelta per cui la Hillary Clinton ha anche espresso "rammarico".
Intanto dagli Usa il segretario alla Difesa, Robert Gates, ha ribadito la linea del pressing nei confronti di Teheran. Ci vorranno dagli uno ai tre anni perche' l'Iran sia in grado di sviluppare un'arma atomica, ha detto aggiungendo che quindi c'e' ancora tempo per tenere l'Iran sotto pressione.

Iran risponderà in casi
di ispezioni a navi, dice parlamentare.
Venerdì 11 giugno 2010 15:18
TEHERAN (Reuters) - Un noto parlamentare iraniano oggi ha avvertito che la Repubblica Islamica inizierà a ispezionare navi straniere nel Golfo se quelle iraniane riceveranno questo trattamento in base alle nuove sanzioni approvate dall'Onu.
La risoluzione che prevede le sanzioni, approvata mercoledì dal Consiglio di Sicurezza, estende misure già esistenti volte a colpire banche e importazioni di armi, e prevede l'istituzione di un regime di ispezione delle navi simile a quello che riguarda la Corea del Nord.
Le nuove sanzioni sono state imposte per via del rifiuto di Teheran di sospendere il programma nucleare che l'Occidente sospetta sia finalizzato alla costruzione di bombe atomiche. Accusa che l'Iran respinge.
"Nell'ipotesi che anche una sola nave (iraniana) ... sia sottoposta a ispezione ci sarà una rappresaglia e ispezioneremo diverse navi", ha detto il parlamentare Hossein Ibrahimi, secondo quanto riportato dall'Agenzia stampa Mehr.
Ibrahimi è il numero due della Commissione parlamentare per la sicurezza nazionale e la politica estera.
"Lo Stretto di Hormuz e il Golfo Persico saranno il nostro campo di manovra in questo e chiunque coltivi l'intenzione di colpirci o danneggiarci sarà sua volta pesantemente danneggiato", ha aggiunto Ibrahimi.

"FREEDOM FLOTILLA".
DIFFUSO UN VIDEO GIRATO SULLA "MAVI MARMARA"...
( rainews24 ).

Tensioni e scontri asiatici...

Coree: corvetta, risultati indagine 14/6.
Saranno presentati da Seul al Consiglio Sicurezza Onu.
11 giugno, 12:45
(ANSA) - SEUL, 11 GIU - Saranno presentati lunedi' 14 al Consiglio di Sicurezza dell'Onu i risultati delle indagini sull'affondamento della corvetta Cheonan.
La responsabilita' del naufragio e' stata addebitata da Seul alla Corea del Nord.
Un team di investigatori internazionali, con a capo esperti della Corea del Sud,presentera' i risultati. Il pool di esperti, tra cui figurano anche esponenti di Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia e Svezia, mostrera' le prove del coinvolgimento di Pyongyang nell'incidente.

Kirghizistan: scontri, sono 23 i morti.
E 338 feriti, sale bilancio battaglia nel Sud.
11 giugno, 13:19
(ANSA) - MOSCA, 11 GIU - E' salito a 23 morti e 338 feriti il bilancio degli scontri nel sud del Kirghizistan. Lo ha reso noto il ministero della sanita' locale. Scontri interetnici tra kirghizi e uzbeki sono avvenuti nella notte e all'alba di oggi a Osh, capoluogo regionale a sud del Kirghizistan.
Le autorita' hanno ordinato un coprifuoco nella regione, dove in passato erano avvenuti duri scontri anche fra i sostenitori del'ex presidente Kurmanbek Bakyev - rifugiatosi in Bielorussia - e i fautori del nuovo corso.

E futuri programmi medio-asiatici...

IRAN : A BREVE UN NUOVO TRAGUARDO SU PROGRAMMA NUCLEARE
(AGI) - Teheran, 12 giu. - L'Iran annuncera' nei prossimi mesi un altro passo in avanti nel suo programma nucleare. A preannunciarlo, Ali Akbar Salehi, il capo dell'Organizzazione per l'Energia Atomica iraniana. Salehi non ha fornito ulteriori dettagli, ma le sue parole suonano come una nuova sfida pronunciata all'indomani della quarta tornata di sanzioni decisa dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu. Bia

IRAN/ ARABIA SAUDITA AUTORIZZA SORVOLI CACCIA ISRAELE PER RAID.
09:07 - ESTERI- 12 GIU 2010
Lo rivela il Times, già effettuati i test con accordo Washington.
Roma, 12 giu. (Apcom) - L'Arabia Saudita ha effettuato test per ritirare le sue difese aeree, per consentire possibili raid dei caccia israeliani contro i siti nucleari iraniani. Lo rivela il Times. Nella settimana in cui il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha imposto un nuovo ciclo di sanzioni contro Teheran, fonti della difesa nel Golfo hanno riferito che Riad ha accettato di consentire a Israele a utilizzare un limitato corridoio del suo spazio aereo - nel nord del Paese - per ridurre le distanze per un eventuale raid contro l'Iran. Per assicurarsi che i jet dello stato ebraico passino senza problemi, Riad ha effettuato test per essere certa che i suoi stessi caccia non si mettano in movimento e che i suoi sistemi di difesa missilistica non siano attivati. "I sauditi hanno dato il permesso di sorvolo agli israeliani", ha dichiarato una fonte della difesa statunitense al quotidiano britannico, "Hanno già effettuato test per accertarsi che i loro stessi caccia non si attivino e nessuno sia abbattuto. Tutto questo è stato concordato con il Dipartimento dello stato" di Washington.

Ma "noi" questo già lo sapevamo da tempo.

Tuttavia, ora ne abbiamo la conferma.

A seguire la parte XXII.

mercoledì 16 giugno 2010

PANDORA'S TIMES parte XX

Prosegue dalla parte XIX.

Nuovo Ordine Mondiale.

Improbabili nascondigli...

Osama bin Laden and top aides are hiding in Sabzevar, Iran
OSAMA BIN LADEN ED I SUOI MIGLIORI AIUTANTI SI STANNO NASCONDENDO A SABZEVAR, IN IRAN...
( in inglese - debka.com ).

Si sta nascondendo da 5 anni sotto la protezione del regime di Teheran, in una città fra i monti dell'Iran nordorientale.

Possibili scontri...
Assolutamente da leggere, secondo me.

Iran's Gaza-bound ships ready for clash with Israel -Ahmadinejad...AHMADINEJAD - LE NAVI IRANIANE DIRETTE A GAZA SONO PRONTE PER LO SCONTRO CON ISRAELE...
( in inglese - debka.com ).

Presunti rapimenti ( o diserzioni )...
IRAN: TEHERAN, GLI USA RILASCINO LO SCIENZIATO NUCLEARE RAPITO
(ASCA-AFP) - Tehran, 8 giu - L'Iran ha annunciato oggi che seguira' tutte le possibili strade legali per assicurarsi il rilascio dello scienziato nucleare Shahram Amiri, che in un video diffuso dalla televisione iraniana ha dichiarato di essere stati rapito dagli agenti dei servizi segreti di Stati Uniti ed Arabia Saudita. Nel filmato, l'uomo dice di trovarsi ora nella citta' di Tucson, in Arizona e di essere stato rapito durante un viaggio alla Mecca in Arabia Saudita nel giugno del 2009.
Il video, ottenuto dai servizi segreti iraniani, dimostra - secondo quanto detto dal portavoce del ministero degli Esteri iraniano - che l'uomo e' stato portato negli Usa contro la sua volonta' e non perche' abbia disertato di sua iniziativa, come sostenuto dalla ABC news nel marzo scorso. red-uda/mcc/rob

E sanzioni.
IRAN : ACCORDO ALL'ONU SU LISTA OBIETTIVI DELLE NUOVE SANZIONI
(AGI) - New York, 8 giu. - L'ambasciatore francese, Gerard Araud ha confermato che la risoluzione potrebbe essere gia' votata domani.
Secondo fonti diplomatiche a favore dovrebbero votare 12 dei 15 Paesi membri. Contro si dovrebbero esprimere solo Brasile e Turchia - sostenitrici di una mediazione in extremis - e il Libano, tutti membri a rotazione del Consiglio di Sicurezza La bozza e' stata il prodotto di mesi di negoziati tra Usa, Gran Bretagna, Francia, Germania, Cina e Russia. Le quattro potenze occidentali volevano colpire il settore energetico iraniano, in particolare le importazioni di benzina (il 40% dei prodotti raffinati viene dall'estero) ma Pechino e Mosca si sono opposte Il documento dispone misure punitive contro le filiali delle banche iraniane attive all'estero se connesse al programma nucleare o missilistico, cosi' come la stretta vigilanza su tutte le operazioni bancarie. Le sanzioni espandono anche l'embargo Onu sulla vendita di armi e la possibilita' di controllare i mercantili di Teheran in alto mare e nei porti di tutto il mondo.

E loro s'incazzano...

E fanno saltare in aria la quinta flotta nel golfo Persico...

E poi bloccano lo stretto di Hormuz.

Ed a noi...

Prima ci toccherà pagare la benzina 2 euro al litro, se andrà bene.

E poi...

Ci toccherà rimanere senza.

IRAN : IN 41 NELLA LISTA NERA DELLE SANZIONI ONU (AGI) - New York, 8 giu. - La bozza di risoluzione che sara' votata dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu domani alle 10 locali (le 16 in Italia) elenca 41 entita' iraniane sospettate di avere legami con il programma nucleare di Teheran e che saranno oggetto delle sanzioni. Lo riferiscono fonti diplomatiche aggiungendo che almeno un nome potrebbe essere escluso all'ultimo momento.

NUCLEARE : ONU, CONSIGLIO SICUREZZA APPROVA SANZIONI ALL'IRAN.
Il Consiglio di sicurezza è chiamato ad approvare la quarta serie di misure contro Teheran.
09 giugno, 18:06
NEW YORK - Via libera alle sanzioni all'Iran. Dopo sei mesi di pressing dell'amministrazione Obama, il quarto round di misure punitive per convincere Teheran a rinunciare al suo programma nucleare è stato approvato dal Consiglio di Sicurezza.
La risoluzione è stata approvata con 12 voti a favore, due contro e un astenuto. Hanno votato no Turchia e Brasile, il Libano si è astenuto. Il documento impone sanzioni alla Guardia Rivoluzionaria iraniana (i Pasdaran), alla maggiore compagnia di navigazione e due delle sue banche.
E' esteso anche il bando alla vendita di armi e vengono fissate regole per le interdizioni in mare di navi sospettate di portare componenti per i programmi missilistici e nucleare di Teheran.
Dopo mesi di negoziati con Russia e Cina gli Stati Uniti hanno fatto concessioni per arrivare al voto di oggi: Washington avrebbe voluto misure più ampie contro il settore energetico iraniano e un maggior numero di banche. Il documento contiene però ganci per sanzioni unilaterali quando ad esempio fa appello a esercitare vigilanza sulla banca centrale iraniana.

continua...

Iran: agenzia nucleare, voto Cina a sanzioni dimostra dominio Occidente.
ultimo aggiornamento: 10 giugno, ore 08:48
Teheran, 10 giu. - (Adnkronos/Aki) - Il direttore dell'Organizzazione per l'Energia atomica dell'Iran, Ali-Akbar Salehi, ha duramente criticato il voto della Cina a favore del nuovo pacchetto di sanzioni contro l'Iran approvato ieri dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. In un'intervista all'agenzia di stampa 'Isna', Salehi ha descritto il voto cinese come un'indicazione della ''azione di dominio'' che l'Occidente esercita sul governo di Pechino.

US, France, UK practice aerial strikes in time with feeble sanctions against Iran...
STATI UNITI, FRANCIA E GRAN BRETAGNA SIMULANO ATTACCHI AEREI IN TEMPO CON LE DEBOLI SANZIONI CONTRO L'IRAN...
( in inglese -debka.com ).

Stanno testando l'interoperabilità fra aerei e portaerei, in particolare, tra quelle statunitensi e francesi.

Mah !!!

Chissà perché ?

Erdogan: un errore sanzioni a Iran.
Premier turco, continueremo sulla via diplomatica.
10 giugno, 13:01
(ANSA) - ISTANBUL, 10 GIU - Il primo ministro turco Tayyip Erdogan ha definito un errore le sanzioni imposte ieri dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu contro l'Iran. La Turchia ed il Brasile hanno votato contro le sanzioni. Erdogan ha aggiunto che i due paesi continueranno a perseguire la via della trattativa diplomatica con la repubblica islamica.

IRAN: GB, DOPO SANZIONI ONU ULTERIORI MISURE DA UNIONE EUROPEA
(ASCA-AFP) - Berlino, 10 giu - Dopo le sanzioni decise in sede di Consiglio di Sicurezza Onu, l'Ue dovrebbe prendere in considerazione ''ulteriori misure'' contro l'Iran. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri britannico William Hague nel corso di una conferenza stampa a Berlino.
''Credo sia molto importante che l'Ue adotti altre misure per mostrare che l'Unione Europea e' pronta a questo e altro per usare il suo peso nel mondo'', ha detto.
Hague e il suo omologo tedesco Guido Westerwelle hanno fatto sapere che discuteranno della questione lunedi' prossimo nel corso del Consiglio Affari Generali e Consiglio Affari Esteri di Lussemburgo. ghi/sam/rob

Iran/ Nucleare, Mottaki: Teheran riflette su reazioni a sanzioni.
Parigi, 10 giu. (Apcom) - L'Iran sta riflettendo su quale reazione adottare dopo l'approvazione delle nuove sanzioni decise dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu: lo ha affermato il ministro degli Esteri iraniano, Manucher Mottaki, intervistato dalla rete televisiva France24. "E' inaccettabile che delle sanzioni siano basate su dei dubbi", ha commentato Mottaki, sottolineando come "cinquantasette Paesi" abbiano accettato e sostenuto l'accordo trilaterale firmato con Turchia e Brasile per lo scambio di combustibile nucleare e uranio arricchito. Il Ministro degli Esteri iraniano ha concluso osservando come la politica delle sanzioni sia comunque condannata al fallimento, specie per l'Unione Europea: se cinque anni fa il 60% degli scambi commerciali iraniani riguardava l'Ue e il 40% l'Asia, le percentuali si sono oggi rovesciate e quella europea "continuerà a calare" se la politica di Bruxelles non subirà cambiamenti. (fonte Afp)

Continua...

A seguire la parte XXI.