Post in evidenza

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/53

Continua da questo post . "Evocando...Rare, Contromosse"... SCONTRO CINA-USA Guerra commerciale Cina-Usa, cosa sono le «terr...

lunedì 31 dicembre 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/239

Prosegue dalla parte 238.


Una lungimirante visione di un concreto ed assai nefasto rischio("?")...tra altro...

Putin: 'Mondo sottovaluta rischio catastrofe nucleare'


Conferenza stampa a Mosca con 1.700 giornalisti accreditati

20 dicembre 2018 15:00

"Il mondo sta sottovalutando il pericolo di una guerra nucleare". Lo ha detto Vladimir Putin, sottolineando come lo "sfacelo" del sistema di deterrenza internazionale, acuito dalla decisione degli Usa di uscire dal trattato Inf, "aumenta l'incertezza". "Le armi della Russia - ha aggiunto - servono a mantenere la parità strategica e se arriveranno i missili in Europa poi l'Occidente non squittisca se noi reagiremo. Ma io confido che l'umanità avrà abbastanza buon senso per evitare il peggio". Durante la sua conferenza stampa di fine anno a Mosca con circa 1.700 giornalisti accreditati e durata quasi 4 ore, Putin ha anche auspicato "un balzo in avanti tecnologico per entrare in questo secolo" che consenta alla Russia di entrare "nel gruppo dei migliori Paesi del mondo". Una crescita anche economica che sta già dando segni di risveglio: "Nei primi 10 mesi del 2018 il Pil russo ha segnato il +1,7%" ha detto il presidente aprendo la conferenza stampa di fine anno .

Putin ha poi puntato il dito contro le ipotesi di "abbassare" la soglia di tolleranza riguardo alle armi nucleari, cioè introdurre armi atomiche "per uso tattico", sostenendo che questo potrebbe portare a una "catastrofe globale". Inoltre esistono i missili balistici senza testate nucleari e noi dunque "non possiamo sapere", se viene lanciato un missile balistico, se è armato con testata nucleare o meno, e questo ha un impatto sui "nostri sistemi di difesa" programmati per rispondere "ad un attacco fatale". Putin, parlando dei rapporti col Giappone, ha infine stigmatizzato una volta di più lo scudo missilistico Usa. "Per noi questi sistemi non sono solo difensivi perché sono in realtà sincronizzati con l'apparato offensivo, e lo capiamo benissimo".

Fra le altre cosa, nella sua conferenza stampa Putin ha anche detto che la Russia ha bisogno di una "svolta", un "balzo in avanti per entrare in questo secolo" e agganciare le innovazioni tecnologiche. "Se questo non avviene - ha proseguito il leader del Cremlinoi - non avremo futuro: per questo il governo sta lavorando a grandi progetti di sviluppo nazionale", ha aggiunto. "Dobbiamo entrare in un'altra lega, nel gruppo dei migliori Paesi del mondo sulla base della parità del potere di acquisto".

"L'Occidente usa la russofobia e le sanzioni per contenere la potenza della Russia", ha aggiunto. "Non c'è nulla di nuovo, la Russia ha vissuto per tutta la sua storia, nell'800 e nel '900, con qualche forma di restrizioni, basta leggere il carteggio dei diplomatici", ha aggiunto Putin.

Link articolo news: ansa.it

domenica 25 novembre 2018

WIKILEAKS: Assange e "l'Ultima Possibilità"/7

Prosegue da questo post


Rivelando...seppur celati, per nulla oscuri, propositi...

Usa pronti a procedere contro Assange


Cresce ottimismo su possibilità di portarlo in corte americana

16 novembre 2018 10:18

(ANSA) - NEW YORK, 15 NOV - Il Dipartimento di Giustizia si sta preparando a perseguire legalmente il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ed è ottimista sulla possibilità di riuscire a portarlo in un tribunale statunitense. Lo riporta il Wall Street Journal citando alcune fonti, secondo le quali gli Stati Uniti stanno valutando diversi tipi di accuse contro Assange, e fra queste potrebbe esserci lo spionaggio.

Gli Usa pronti ad arrestare Assange
Un errore rivela l’incriminazione


Il fondatore di Wikileaks accolto dall’Ecuador a Londra. Ancora per
quanto?

di Giuseppe Sarcina, corrispondente da Washington

Continua su: corriere.it

lunedì 29 ottobre 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/238

Prosegue dalla parte 237.


L'imporre economici oboli di taluni, in altri, fa riscoprir passate, belligeranti, sensazioni...

Iran, è il giorno delle sanzioni.
Rouhani: "Siamo in una situazione di guerra"


Entrano in vigore le regole Usa per prevenire l'export di petrolio da Teheran. Oggi verrà resa nota la lista dei Paesi esenti: incerta la presenza dell'Italia

Continua su: repubblica.it

domenica 30 settembre 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/237

Prosegue dalla parte 236.


E dopo gli approfondimenti...e le spiegazioni bilaterali, le "dovute decisioni unilaterali"...

Mosca, daremo a Siria S-300


'Entro due settimane', consegna fu sospesa su richiesta Israele

24 settembre 2018 11:29

(ANSA) - MOSCA, 24 SET - Entro due settimane la Russia completerà la consegna a Damasco del sistema di difesa aerea S-300, precedentemente sospesa su richiesta d'Israele come risposta all'abbattimento della aereo russo IL-20 nel corso di un raid israeliano in Siria. Lo fa sapere il ministero della Difesa russo, citato da RT.

- Siria: concreto rischio di escalation militare tra
potenze maggiori


giovedì 27 settembre 2018

PANDORA'S TIMES parte CCLI

Prosegue dalla parte CCL.


Il continuo palesarsi nel tempo, sotto molteplici aspetti, della grandissima lungimiranza insita in Star Trek...

Il pianeta di Star
Trek. "A 16 anni
luce da noi una
super Terra come
Vulcano"



Il pianeta di Star Trek. "A 16 anni luce da noi una super Terra come Vulcano"


Come il luogo di origine di Spock, il vulcaniano coprotagonista della nota serie tv, questo esopianeta ha tre "soli" nel suo cielo. Orbita attorno a una stella nella costellazione di Eridano, visibile anche a occhio nudo

di MATTEO MARINI

Continua su: repubblica.it

giovedì 30 agosto 2018

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LX

Prosegue dalla parte LIX.


Ricevendo, ad ora "inspiegabili", misteriosi segnali dallo spazio profondo...

A Mysterious, Powerful Force Is
Flinging Radio Waves at Us from
Deep Space

Una Misteriosa e Potente Forza
Ci Sta Lanciando/Inviando Onde Radio dallo
Spazio Profondo
( in inglese - livescience.com ).

mercoledì 29 agosto 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/236

Prosegue dalla parte 235.


Tempi di variegati rinforzi e dispiegamenti...da più parti, "nell' oggi",più o meno...o per nulla, alleate. "Nel Domani"...si vedrà...

Siria: 'rinforzi turchi a nord Aleppo'


In vista di offensiva russo-iraniana-governativa su Idlib

28 agosto 2018 16:41

(ANSAmed) - BEIRUT, 28 AGO - La Turchia ha inviato rinforzi di truppe e rifornimenti militari nel nord della Siria in vista dell'offensiva russo-governativa-iraniana contro la regione di Idlib, confinante con la Turchia e dove le forze di Ankara esercitano la loro influenza su gruppi armati locali. Secondo fonti locali a Tell Rifaat e Manbij, a nord di Aleppo, sono arrivate nelle ultime 24 ore colonne di automezzi militari carichi di soldati, armamenti e munizioni. Il prossimo 7 settembre si svolgerà in Iran un vertice tra Iran, Russia e Turchia proprio per discutere della situazione nel nord-ovest della Siria, in particolare del destino della regione di Idlib.
Qui operano anche gruppi qaidisti e jihadisti, definiti terroristi dalla Russia, dall'Iran e dal governo siriano. L'Onu afferma che l'offensiva annunciata su Idlib

Siria: Mosca rinforza contingente navale

Inviate 2 fregate con missili Kalibr 'in vista di attacco Usa'

28 agosto 2018 12:12

(ANSA) - MOSCA, 28 AGO - Mosca è convinta che gli Usa e gli alleati stiano per attaccare la Siria e così ha rafforzato il suo contingente navale, inviando nel Mediterraneo dal Mar Nero le fregate Grigorovich ed Essen, entrambe armate con missili da crociera Kalibr. La base di Khemeimim è stata inoltre dotata di una batteria di missili da difesa Tor-M2. Lo riporta il Kommersant. Al momento 10 navi e 2 sottomarini russi si trovano al largo della costa siriana. Stando a Izvestia, "è il gruppo più massiccio dall'inizio dell'operazione".

Ed in merito alla Russia, è interessante pure la notizia riguardante la riattivazione di alcune centinaia di unità del vecchio carro-armato T-62, per il dispiegamento - a quanto pare - sui confini occidentali.

domenica 29 luglio 2018

WIKILEAKS: Assange e "l'Ultima Possibilità"/6

Prosegue da questo post.


Il giungere "infine" del tempo delle "giuste scelte" e delle conseguenze?

- L'ultimo tradimento di Moreno?
Assange verso la consegna al Regno Unito


Ecuador pronto a consegnare
Assange al governo inglese


Dopo aver concesso protezione nella sua ambasciata londinese per sei anni, il nuovo presidente potrebbe revocare l'asilo politico al fondatore di WikiLeaks. Che così rischia l'arresto e l'estradizione negli Usa

di STEFANIA MAURIZI

Continua su: repubblica.it

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/235

Prosegue dalla parte 234.


L'intraveder il divenir di chiare mosse, di gente dai precisi e decisi orientamenti (?)...

- Iran: i Pasdaran prendono le redini del paese

Punti di vista...

- Gli Usa: la guerra all'Iran non è così facile...

sabato 30 giugno 2018

Non Credo

Non credo a vecchi e nuovi dèi.

Non credo alle promesse degli uomini,
né ai loro giuramenti.

Non credo ai poteri della preghiera e/o della meditazione spirituale.
Che come la magia e la superstizione, sono solo modalità per
offuscare la mente con finanche antichi, pensieri d'altri.

Ed il cui lucroso scopo, a scapito dei diversamente bisognosi soggetti,
per taluni, ma per nulla pochi, rimane nei secoli celato nel fulgido splendore del nulla e della speranza.


venerdì 29 giugno 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/234

Prosegue dalla parte 233.


La prossima mossa, ad alto rischio...

Syrian Army Advances Toward Border With Israel

L'esercito Siriano Avanza Davanti al Confine Con Israele
( in inglese - haaretz.com ).

Medio Oriente: foschi scenari in Siria dopo la caduta di Daraa

La riconquista da parte siriana della città di Daraa segna probabilmente l’inizio della fine della guerra in Siria ma apre altri scenari per nulla tranquillizzanti con i quali la comunità internazionale dovrà fare i conti

Continua su: rightsreporter.org

mercoledì 27 giugno 2018

"Un Interessante Test"

Tempo fa in una sezione del forum di un sito il cui link è fra i siti amici qui a fianco nella pagina, un utente ha postato un "secondo me" (dipende, Sempre, dai variegati - e talvolta senza limiti, ma va bene così - punti di vista...ovviamente) interessante test della personalità, ed oggi mi sono chiesto, perché non rendere partecipi di codesto test anche gli eventuali visitatori interessati - non comuni al forum - di questo blog?

Ma bando alle ciance, ecco il link (c'è anche nella versione - originale - inglese):


- https://www.16personalities.com/it/test-della-personalita-gratis

Ah! Dimenticavo. Se, per puro caso, qualcuno si chiedesse se anche lo scrivente si fosse cimentato in tale test. Beh...la risposta sarebbe Sì!

giovedì 31 maggio 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/233

Prosegue dalla parte 232.


Le tensioni in medioriente non si placano, anzi, in precise date...donate da precisi - ma non solo correnti - eventi, tendono ad intensificarsi, sia a parole che nei Fatti...

Teheran: 'L'Europa ha 60 giorni per dare
garanzie'


Viceministro Esteri: 'Altrimenti faremo altre scelte'

14 maggio 2018 00:00

(ANSA) - TEHERAN - "Gli europei hanno tra i 45 e i 60 giorni per dare le garanzie necessarie per assicurare gli interessi dell'Iran e compensare i danni causati dall'uscita degli Stati Uniti" dall'accordo sul nucleare. Lo ha detto il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Araghchi, secondo quanto riferito dall'agenzia Irna. "Se gli europei non daranno garanzie", l'Iran "prenderà le decisioni necessarie".

Gerusalemme, inaugura ambasciata Usa. A Gaza
58 palestinesi uccisi. Abbas: "Un massacro"




Cerimonia alla sede diplomatica Usa che coincide con i 70 anni dalla fondazione dello Stato d'Israele. Trump: "La nostra più grande speranza è per la pace". Scontri lungo la barriera difensiva: 15mila si avvicinano al confine, oltre duemila feriti. Tra le vittime un bambino ucciso dai gas lacrimogeni. Abu Mazen proclama tre giorni di lutto

di KATIA RICCARDI

Continua su: repubblica.it

- Gaza, la vita non conta

martedì 22 maggio 2018

PANDORA'S TIMES parte CCL

Prosegue dalla parte CCXLIX.


Scienza, Tecnologia, Società e Libere considerazioni...e condivisioni, Globali.

GINEVRA (SVIZZERA).

Intriganti compleanni di una libera rete globale...

Venticinque anni fa, quando il World Wide Web
divenne libero


Il 30 aprile del 1993 il Cern rilasciò il codice sorgente della rete inventata da Tim Berners-Lee in pubblico dominio. Libero e gratuito. E fu l'inizio della rivoluzione

29 Aprile 2018

ROMA - Il 30 aprile 1993 non fu un giorno qualunque. Anzi. Fu quando il Cern (l'organizzazione europea per la ricerca nucleare, con sede a Ginevra) mise a disposizione del pubblico il World Wide Web, fino a quel momento utilizzato dalla sola comunità scientifica, rinunciando a qualsiasi tipo di diritto sul software scritto qualche anno prima da un suo ricercatore laureatosi in fisica a Oxford, il britannico Tim Berners-Lee. Fu in quel giorno di 25 anni fa che il Web divenne di fatto libero, perché allora il suo inventore decise di donare agli sviluppatori di tutto il mondo il linguaggio di questo nuovo mondo digitale, il suo codice sorgente.

Continua su: repubblica.it

Ed ancora, Grazie Tim.

lunedì 30 aprile 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/232

Prosegue dalla parte 231.


Fornendo un'altra pericolosa scintilla, da parte di "misteriose" fonti...

Siria, missili su basi militari ad
Aleppo e Hama: almeno 38 morti


Colpiti due depositi dell'esercito di Damasco. Tra le vittime anche
miliziani iraniani. I media filo-Assad accusano: "E' un attacco
israeliano"

Continua su: repubblica.it

In attesa di altre, eventualmente e potenzialmente, ben più chiare, mirate, ed incendiarie...

Iran: Netanyanu parlerà al Paese


Stasera alle 19 italiane, lo annuncia l'ufficio del premier

30 aprile 2018 15:47

(ANSAmed) - TEL AVIV, 30 APR - "Il primo ministro Benyamin Netanyahu farà un annuncio stasera circa uno sviluppo significativo per quanto concerne gli accordi sul nucleare dell'Iran". Lo ha reso noto il suo ufficio precisando che quell'annuncio avrà luogo alle ore 20 locali, le 19 in Italia.

Annuncio che a quanto pare, avverrebbe da una base militare. Interessante.

E che in realtà, è poi avvenuto in uno "spazio" (vano/locale/sala etc.) del parlamento israeliano. Interessante comunque (in particolare, visti i fatti a seguire), seppur un po' di meno a mio parere.

Iran, Netanyahu accusa:
"Abbiamo le prove di un
programma atomico segreto"


Secondo il premier israeliano, il Paese guidato da Rohani "mente sfacciatamente" sulle proprie intenzioni di pace e anzi "punta a dotarsi di almeno cinque ordigni nucleari come quelli di Hiroshima". Informazioni condivise con gli Usa. Trump: "La prova che avevo ragione"

Continua su: repubblica.it

- “L’Iran mente”: novità e punti chiave del discorso
al mondo di Netanyahu


sabato 28 aprile 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/231

Prosegue dalla parte 230.


Poi, il 7 aprile - per taluni almeno...anche come i russi avevano per tempo avvertito - un'altra tragedia - finanche greca - nello stra-martoriato territorio - o teatro, vedete voi, sempre ognun per se o in compagnia - siriano, si mostrò/palesò al mondo intero...con tutto ciò che di assai nefasto ne poteva derivare, ed in realtà, ciò che poi ne è derivato. Ma l'evento realmente/veramente interessante, "correlato o meno" (fosse solamente nel cogliere un'opportunità data dal primario evento) è un altro. Ed in un futuro, chissà, finanche "Come da copione" e "Come da, talune almeno, Profezie", potremmo vederne gli amari sviluppi e gli acidi frutti, ed...ahinoi, potenzialmente, non solo nel territorio siriano e relative vicinanze...

- Strage chimica a Duma: un casus belli per la Siria

Siria: Trump-Macron, 'forte risposta'

'Attacco orribile, Assad deve essere chiamato a rispondere'

09 aprile 2018 07:30

(ANSA) - WASHINGTON, 9 APR - Donald Trump ed Emmanuel Macron hanno "condannato fortemente l'orribile attacco con armi chimiche in Siria e hanno concordato che il regime di Assad deve essere chiamato a rispondere per i suoi continui abusi dei diritti umani": lo rende noto la Casa Bianca riferendo di una telefonata tra i due leader, che hanno concordato anche di "scambiare informazioni sulla natura dell'attacco e di coordinare una forte risposta comune".

Siria: Mosca, raid fatto pericoloso

Lavrov, Usa lo capiscano

09 aprile 2018 12:22

(ANSA) - MOSCA, 9 APR - Il raid contro la base aerea siriana è uno sviluppo "pericoloso" della situazione sul campo e "spero che gli Stati Uniti lo comprendano". Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov. La situazione in Siria, aggiunto, sta diventando "fin troppo pericolosa" poiché compaiono sulla scena "attori che nessuno ha invitato e anzi si sono autoinvitati". Lo riporta Interfax.

sabato 31 marzo 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/230

Prosegue dalla parte 229.


"Vecchie - presunte o reali - connivenze, Non - solo - Convenzionali" ed altrui - "i soliti" (a livello di Paesi quantomeno) - Punti di vista...

Armi chimiche, Corea Nord aiuta Siria'


Nyt, Onu, tecnici Pyongyang avvistati in impianti armi a Damasco

27 febbraio 2018 14:37

(ANSA) - NEW YORK, 27 FEB - La Corea del Nord ha spedito forniture al governo siriano che potevano essere usate per la produzione di armi chimiche. Lo affermano alcuni esperti dell'Onu, secondo un rapporto pubblicato dal New York Times. Tecnici nord coreani sono anche stati avvistati mentre lavoravano in conosciuti impianti di armi chimiche e missili in Siria.

giovedì 29 marzo 2018

PANDORA'S TIMES parte CCXLIX

Prosegue dalla parte CCXLVIII.


Spie, letali veleni, diplomatiche ritorsioni e potenzialmente non solo diplomatici Chiari assi, diretti ad Est.

EUROPA.

L'interessante, a tratti finanche Intrigante, ma potenzialmente mortale, complicarsi l'esistenza...di questo finanche Assai bello, affascinante, ma talvolta assai...ma Assai, Strano mondo...

Spia avvelenata,
Usa, Germania e
Francia contro la
Russia. Gentiloni,
forte solidarietà
con la premier May


Dopo l'espulsione di 23 alti rappresentanti russi da parte del Regno Unito, anche Mosca espelle diplomatici britannici. Comunicato congiunto di Washington, Berlino e Parigi con Londra. Il presidente francese dopo la cautela di ieri: "Misure contro Mosca, nessun dubbio sulle responsabilità". La Nato: "La Russia è una minaccia alla sicurezza internazionale e alla pace".

Continua su: repubblica.it

sabato 24 marzo 2018

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LIX

Prosegue dalla parte LVIII.


Intringante notizia.

Chissà se...nella prova della realtà dei fatti narrati...sarà mai ufficialmente svelata?

Did President Nixon Hide Proof of Alien Life in a Time Capsule?

Ha il Presidente Nixon Nascosto la Prova della Vita Aliena in una
Capsula del Tempo?
( in inglese - snopes.com ).

lunedì 19 febbraio 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/229

Prosegue dalla parte 228


Proseguendo il narrar di Strani Tempi, in cui, più di qualcuno, "Giustamente...o Errando" - più o meno - potrebbe concretamente, Pensar male...

- Un ex leader di al Qaeda in Siria
ringrazia i bombardamenti di Israele


Monaco: Gabriel, mondo davanti a baratro

Ministro esteri Germania a Conferenza sulla sicurezza

17 febbraio 2018 10:00

(ANSA) - MONACO, 17 FEB - Il mondo nel 2018 si trova davanti al baratro: "beni come calcolabilità e affidabilità sono molto scarsi nella politica internazionale". Lo ha detto il ministro degli Esteri tedesco, Sigmar Gabriel, a Monaco alla conferenza sulla Sicurezza. Gabriel ha citato il conflitto siriano, "che si sviluppa come acuto pericolo di guerra anche per nostri partner molto stretti". Quindi ha accennato al pericolo atomico rappresentato dalla Corea del nord, allo sviluppo dei nazionalismi e del protezionismo.

sabato 10 febbraio 2018

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/228

Prosegue dalla parte 227.


Tempi realmente più che interessanti...Intriganti. Ripeto, per certi versi, finanche "Come da, talune almeno, Profezie".

In particolare, pensando a moti libertari in tribolazioni Iberiche espressi, correlati, al ripetersi d'inondazioni in vasti territori Franchi e vari turbinii di Turbanti (sommosse in Iran comprese). E poi, altro ancora con al centro la ormai stra-martoriata, Siria...ed anche, la Turchia, gli Stati Uniti, la Russia, l'Iran...ed Israele...

Raid turchi contro i curdi filo-Usa.
Nuovo fronte nella guerra di Siria


I jet dell’aviazione di Ankara hanno cominciato a colpire la regione di Afrin. Il dilemma di Mosca: sostenere l’alleato siriano Assad o cercare un accordo anti Nato con Erdogan?

di Lorenzo Cremonesi

Continua su: corriere.it

domenica 14 gennaio 2018

WIKILEAKS: Assange e "l'Ultima Possibilità"/5

Prosegue da questo post.


Riuscendo "infine" ad ottenere cittadinanza ecuadoriana, seppur...al momento almeno, nulla cambi per le autorità britanniche...

Assange. Londra rifiuta di
concedergli lo status di
diplomatico ecuadoriano


Il fondatore di Wikileaks si è rifugiato da oltre 5 anni
nell'ambasciata del paese sudamericano a Londra.

LONDRA - La Gran Bretagna ha respinto la richiesta del governo dell'Ecuador di concedere lo status di diplomatico a Julian Assange, il cofondatore di WikiLeaks rifugiato nell'ambasciata a Londra del paese sudamericano dal 2012 per evitare di essere arrestato e scongiurare un'eventuale estradizione negli Stati Uniti. Lo ha reso noto il 'Foreign Officè britannico.

Assange, nato in Australia, ha recentemente ottenuto la cittadinanza ecuadoriana, almeno secondo i media locali. Se gli fosse stato concesso lo status di diplomatico avrebbe potuto lasciare l'ambasciata a Knightsbridge ed eventualmente il Regno Unito. La situazione di Assange in ambasciata da oltre 5 anni è state definita "insostenibile" dal ministro degli Esteri di Quito, Maria Fernanda Espinosa. Lo scorso maggio la procura svedese ha annunciato la chiusura, a sorpresa, delle indagini preliminari contro il patron di WikiLeaks per un presunto stupro. Assange rischia comunque l'arresto nel Regno Unito, se lascia l'ambasciata, per violazione dei termini della cauzione.

Link articolo: repubblica.it