Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

venerdì 27 agosto 2010

SCOPERTA NELLE SCIMMIE PROTEINA CHE BLOCCA L'HIV

SALUTE: SCOPERTA NELLE SCIMMIE PROTEINA CHE BLOCCA HIV

(ASCA) - Roma, 25 ago - Ricercatori americani hanno scoperto nelle scimmie una proteina in grado di distruggere il virus dell'Hiv. L'annuncio arriva dai laboratori della Loyola University di Chicago dove l'equipe guidata da Edward M.
Campbell ha individuato TRIM5a, proteina presente nel sangue delle scimmie Rhesus, in grado di bloccare l'infezione e debellare il virus. Lo studio pubblicato nell'edizione online della rivista Virology apre a nuove terapie contro il virus che porta l'Aids, la Sindrome da immunodeficienza acquisita.

A rendere inattivo l'Hiv, spiegano Campbell e i suoi collaboratori, sono sei degli oltre 500 aminoacidi che compongono la sequenza molecolare di TRIM5a. Quando la catena risulta alterata nelle cellule umane queste perdono la capacita' di reagire agli agenti patogeni. noe/luq/bra

Link : asca.it

E questa è una bella notizia per tutti noi.

Attendiamo con speranza gli sviluppi di questa
scoperta.


Il commento dell'esperto...

SALUTE: PROTEINA ANTI-HIV, 'IN SCIMMIE PRESENTE IMMUNITA' NATURALE'

(ASCA) - Roma, 25 ago - ''Si tratta di studi molto interessanti, che ci aiutano a capire perche' le scimmie, pur essendo infettate dall'Hiv, non si ammalano come accade agli uomini''. E' il commento all'ASCA di Giorgio Palu', presidente vicario della Societa' europea di Virologia, alla notizia pubblicata su Virology che un team di ricercatori americani della Loyola University avrebbe individuato in una proteina sei aminoacidi in grado di distruggere il virus responsabile nell'uomo dell'Aids. ''L'Hiv e' una zoonosi che si e' trasmessa dallo scimpanze' all'uomo all'inizio del secolo scorso - spiega Palu' -, ma negli animali ci deve essere un meccanismo che non permette al virus di replicarsi e di non essere patogeno''. La proteina in questione, TRIM5-aplha e' una molecola attiva contro l'infezione da retrovirus, ma scimmie e uomini non condividono la stessa struttura.

''Identificare gli aminoacidi che li differenziano potrebbe aprire le porte a nuove cure - conclude Palu' - come un'immunizzazione cellulare o una terapia genica che utilizzi staminali sane per stimolare una immunita' naturale''. noe/luq/bra

Link : asca.it

Nessun commento: