Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

martedì 12 aprile 2011

PANDORA'S TIMES parte CXXIII

Prosegue dalla parte CXXII.


SPAZIO: MEDVEDEV, PER RUSSIA E' ANCORA PRIORITA'

(ASCA-AFP) - Mosca, 12 apr - A 50 anni dallo storico volo di Yuri Gagarin, lo spazio resta una priorita' della Russia. Lo ha dichiarato il presidente russo Dmitry Medvedev nel corso di una cerimonia al Cremlino in onore del primo uomo nello spazio.

''Cio' che avvenne, nella storia della moderna Russia, ha spento ogni dubbio'', ha sottolineato Medvedev nel suo intervento riferendosi alle perplessita' che seguirono la caduta dell'Unione sovietica riguardo all'importanza delle esplorazioni russe nello spazio.

''Oggi non abbiamo dubbi: senza lo spazio non c'e' futuro'', ha affermato davanti ad una platea di cosmonauti, funzionari e davanti alla vedova di Gagarin, Valentina, in una delle sue rare apparizioni pubbliche.

''Anche se le nostre idee, da allora, sono diventate piu' pragmatiche. Non abbiamo cambiato la nostra ideologia. Non e' un caso se l'industria spaziale e' una delle priorita' dello sviluppo del nostro Paese'', ha aggiunto. ghi/mau/alf


Nuovo Ordine Mondiale.

Bilderberg 2011: fissati il luogo e la data del simposio

By Edoardo Capuano - Posted on 10 aprile 2011

Anche quest'anno i 'benefattori' dell'umanità del gruppo Bilderberg hanno deciso di riunirsi.

Essi si sono sempre riuniti in luoghi di prestigio nel più sfarzoso lusso. Pure quest'anno hanno scelto un posto estremamente esclusivo: la stupenda cittadina di St. Moritz, nel sud est della Svizzera. Da notare che St. Moritz non dista molto da Davos, una città in cui si sono sempre riuniti al World Economic Forum proprietari di banche, politici ai vertici delle graduatorie massoniche ed altri notabili massoni. Ma a differenza di Davos, dove la stampa è sempre il benvenuto, Bilderberg cerca ancora di mantenere il segreto assoluto.

Continua su: ecplanet.com


Epidemie.

La "maiala" colpisce ancora...nell'emisfero sud...

Influenza A: Venezuela, finora 13 morti

In tutto il paese sono state contagiate 1.200 persone

12 aprile, 09:42

(ANSA) - CARACAS, 12 APR - Le autorita' sanitarie venezuelane hanno annunciato che il numero di
persone contagiate dall'influenza causata dal virus A/H1N1 e' salito a 1.200 in tutto il Paese. Secondo l'ultimo rapporto del ministero della Salute, fino ad oggi sono morte 13 persone e 7 sono ricoverate in ospedale. Un comunicato ufficiale fa sapere che le autorita' stanno circoscrivendo l'epidemia distribuendo i vaccini, di cui possono garantire la disponibilita'.


EGITTO

Egitto pronto ad aprire «una nuova pagina» con Teheran


MEDIO ORIENTE

STATI UNITI

Mo: Clinton, nuova offensiva per pace

Obama illustrera' in prossime settimane politica Usa

13 aprile, 08:36

(ANSA) - WASHINGTON, 13 APR - Gli Stati Uniti stanno preparando una nuova offensiva per promuovere una pace globale arabo-israeliana e il presidente Barack Obama illustrera' nelle prossime settimane la politica americana nei confronti del Medio Oriente e del Nord Africa. Lo ha affermato il segretario di Stato Hillary Clinton al Forum Usa-Mondo Islamico. L'iniziativa di Obama fa seguito a quella che ha portato lo scorso settembre all'avvio di negoziati diretti israelo-palestinesi, rimasti senza esito.

GAZA

Le Lega Araba propone all’Onu l’istituzione di una no fly zone sulla Striscia. Reazioni positive del governo dell’enclave e dell’Anp

Gaza. Tregua Hamas-Israele: la quiete prima della tempesta

Continua su: rinascita.eu

ARABIA SAUDITA

Saudi Arabia: Second Fukushima if Iranian Bushehr activated in May
ARABIA SAUDITA: UNA SECONDA FUKUSHIMA SE LA CENTRALE IRANIANA DI BUSHEHR VERRÀ ATTIVATA IN MAGGIO
( in inglese - debka.com ).

Dall'articolo, il suo inizio...

Kuwait officials have warned the US that if Iran activates its first nuclear reactor at Bushehr in May as planned, there is a good chance it will blow up and the entire Gulf region suffer a nuclear disaster on the scale of the misfortune at Japan's Fukushima and expose millions to radiation contamination.

Ufficiali kuwaitiani hanno avvertito gli Stati Uniti che se l'Iran attiverà il suo primo reattore nucleare a Bushehr in maggio, come pianificato, c'è una buona possibilità che esploderà e l'intera regione del Golfo soffra un disastro nucleare sulla scala dell'incidente nucleare giapponese esponendo milioni di persone alla contaminazione da radiazioni.

IRAN

Assalto all'ambasciata Saudita a Theran

Mercoledì 13 Aprile 2011 12:40

Un lampo nella notte. Sei, sette bottiglie incendiarie lanciate contro le finestre e i cancelli dell'ambasciata dell'Arabia Saudita a Teheran.
''Morte agli Usa, morte a Israele e morte ai Saud'', la famiglia regnante in Arabia Saudita. Questo almeno ha riportato la Fars, agenzia stampa vicina al governo iraniano.

Il piccolo gruppo si è staccato da un corteo più grande, che sfilava per la strade della capitale iraniana, per protestare contro l'intervento militare saudita in Bahrein. La tensione sale tra Teheran e Riad e il piccolo Bahrein pare il terreno di scontro ideale - e per ora solo virtuale - delle due grandi potenze regionali. Un esempio della tensione strisciante? Un deputato iraniano, Ruhollah Hosseinian, ha affermato ieri che Teheran dovrebbe ''mettere in stato d'allerta le sue truppe per impedire che l'Arabia Saudita si avvicini ai suoi confini''. Mica poco. L'idea, per Teheran, è che sia inaccettabile l'intervento dei 1500 militari sauditi in Bahrein, dove la monarchia è messa alle corde dalla rivolta degli sciiti.

Continua su: focusmo.it

Iran: niente carburante ad aerei europei

Per rappresaglia a sanzioni, ma Alitalia per ora vola

13 aprile, 20:28

(ANSA) - TEHERAN, 13 APR - L'Iran ha deciso di interrompere la fornitura di carburante agli aerei di compagnie europee nello scalo di Teheran, in risposta ad un'analoga misura presa in diversi aeroporti europei nei confronti dei velivoli della Iran Air come conseguenza delle sanzioni americane contro la Repubblica islamica per il suo programma nucleare sospettato di avere finalita' militari. L'ufficio Alitalia di Teheran ha segnalato che per ora i voli con la capitale iraniana ''rimangono regolari''.

Iran: sostegno ad Assad nella repressione dei manifestanti

Giovedì 14 Aprile 2011 11:29

L’Iran sta aiutando il Presidente siriano Bashar al Assad a reprimere le manifestazioni di piazza.

Continua su: focusmo.it

"Curiosa proposta" per il ripristino di vecchi usi...religiosi...

Iran: proposta, cani via perche' impuri

Gruppo di deputati chiede di ripristinare veto islamico

14 aprile, 15:30

(ANSA) - TEHERAN, 14 APR - Considerati 'impuri' dalla legge islamica, in passato totalmente esiliati dalle citta', i cani iraniani stanno guadagnandosi negli ultimi anni, per lo meno nella capitale Teheran, un crescente affetto di padroni umani in tutti i sensi. Ma una quarantina di deputati, affermano i giornali locali, vorrebbe tornare in Iran al veto islamico per quegli animali da compagnia, che considera 'pericolosi e nocivi alla salute'. Chiedono multe tra 100 e 500 dollari e la confisca degli animali.

SIRIA

Siria: Assad parla di un complotto straniero

ISRAELE

NETANYAHU CERCA DI CONTENERE GLI EFFETTI DELLA RISOLUZIONE ONU

Israele: Iron Dome è stato attivato

Giovedì 14 Aprile 2011 15:41

La Cupola di ferro è stata collocata. Israele non teme più Hamas. Iron Dome, il nuovo sistema antimissile messo appunto dall'esercito israeliano, ha recentemente intercettato e fatto esplodere in aria otto degli ultimi missili lanciati contro Israele dai militanti palestinesi della Striscia di Gaza.

Costato poco più di 200 milioni di dollari, Iron Dome è l'orgoglio della tecnologia militare israeliana e dovrebbe porre fine alla guerra missilistica messa in atto da gruppi terroristici palestinesi contro le città israeliane del sud. Il sistema d'intercettazione balistica è stato progettato dalla Rafael Advanced Defence Systems, l'autorità israeliana per la ricerca tecnologica militare.

Link articolo: focusmo.it


CINA

Cina: prima portaerei pronta al varo

Gli Usa minimizzano, ma i Paesi vicini sono preoccupati

13 aprile, 14:28

(ANSA) - PECHINO, 13 APR - La Cina e' pronta varare la sua prima portaerei, secondo notizie comparse sulla stampa cinese ma non confermate ufficialmente. Alcuni siti web hanno pubblicato le foto della nave, la 'Varyag', acquistata 10 anni fa dall'Ucraina e che appare pronta a essere messa in funzione. E mentre l'ammiraglio Willard, uno dei piu' alti ufficiali della flotta Usa nel Pacifico, definisce 'largamente simbolica' l'importanza della portaerei, i Paesi vicini, a cominciare da Taiwan, sono preoccupati


LIBIA

Libia: La Russa, riluttanti a bombardare

Vedra' lunedi' Segretario alla Difesa Usa, Gates

12 aprile, 16:58

(ANSA) - ROMA, 12 APR - 'C'e' stata chiesta una maggiore partecipazione ai bombardamenti in Libia, ma da parte nostra c'e' riluttanza'. Lo ha detto il ministero della Difesa, Ignazio La Russa, conversando con i giornalisti alla Camera. La Russa ha anche informato di aver appena sentito al telefono il segretario alla Difesa americano, Bob Gates, con il quale si vedra' lunedi' prossimo a Washington.

REPORTAGE: Misurata
citta' martire, appello
Onu

Ban Ki-Moon: 3,6 mln a rischio. Attacchi nato a Tripoli e Sirte

13 aprile, 21:53

dell'inviato Claudio Accogli

BENGASI - Il mondo si mobilita per la "città martire di Misurata", l'enclave controllata dai ribelli libici che si oppongono a Muammar Gheddafi, nel conflitto tra Tripoli e Bengasi che rischia di scatenare una emergenza umanitaria per oltre 3 milioni e mezzo di persone, denuncia Ban Ki-moon. Dalla capitale degli insorti, intanto, ogni giorno partono battelli diretti a ovest, carichi di aiuti: oggi è stata la volta della Ionan Spirit, messa in acqua dall'organizzazione internazionale dei migranti, che evacuerà nelle prossime 24 ore almeno un migliaio di persone.

Continua su: ansa.it

Gheddafi tempesta di
missili Misurata
Parigi gela il Cnt: "Non
armiamo i ribelli"

Le forze del colonnello hanno lanciato circa 80 Grad nella zona del porto. 23 civili sarebbero rimasti uccisi. I paesi del Brics si sono dichiarati contrari all'intervento armato per risolvere la crisi libica e hanno criticato i bombardamenti della Nato. Il ministro Juppé smentisce gli insorti: "Contrari a fornire armi a Bengasi"

Continua su: repubblica.it


A seguire la parte CXXIV.

Nessun commento: