Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

sabato 7 maggio 2011

PANDORA'S TIMES parte CXXXI

Prosegue dalla parte CXXX.


Il Fuoco derivato dalla Menzogna cova,
là...dove nidificano le bugie
e la Verità è soffocata,
sia da una formale, ma falsa, libertà,
che dalla più crudele e sanguinaria,
ma palese...delle dittature.

Paolo


Curiosità

"Com'è difficile, per talune persone, passare inosservate"...

'Ha sei dita': arrestato
narcotrafficante

È stato tradito da un segno inequivocabile: le sue dodici dita. Un trafficante di droga nello stato di Santa Catarina, in Brasile, è stato arrestato dopo anni di latitanza. L'uomo, che aveva presentato il documento del fratello alla polizia che voleva identificarlo, non ha convinto gli agenti: è servita una chiamata all'anagrafe del suo paese di nascita per avere la conferma che l'uomo ricercato era nato con sei dita per ogni mano


Una mano 6 dita, due...12


Link articolo e fotogallery: repubblica.it


Nuovo Ordine Mondiale.

GLI STATI UNITI RECUPERANO IL PETROLIO
DELLA LIBIA DALLA CINA

DEL DOTT. PAUL CRAIG ROBERTS
Press TV

Press TV ha intervistato da Panama City il dottor Paul Craig Roberts, ex assistente del Tesoro degli Stati Uniti, che dà la sua versione sulla rivoluzione in Libia e sul perché il Presidente Barack Obama abbia bisogno di rovesciare Gheddafi, quando nessun altro Presidente Americano lo aveva pensato prima.

Press TV: La Russia ha criticato la NATO per aver oltrepassato il mandato delle Nazioni Unite. In altre parole, un’operazione comune (Joint Op Ed) sarà effettuata da Obama, Cameron e Sarkozy, che hanno dichiarato che“lasciare Gheddafi al potere sarebbe stato un tradimento inconcepibile per il popolo libico”. Sappiamo che il mandato non prevede un cambiamento di regime; l’amministrazione Obama ha dichiarato che non ci sarà un cambio di regime, ma le cose sembrano un po' differenti, non vi sembra?

Roberts: Sì, sembrano differenti. Prima di tutto, notate che le proteste in Libia sono diverse da quelle in Egitto, Yemen, Bahrein o in Tunisia e la differenza è che questa è una ribellione armata.

Ci sono anche altre differenze: un’altra è che queste proteste sono iniziate nella zona ad est della Libia dove c’è il petrolio, non sono iniziate nella capitale. E fin dall’inizio abbiamo sentito rapporti credibili che indicavano che la CIA fosse coinvolta nelle proteste e ci sono stati molti dispacci d'agenzia che dichiaravano che la CIA avesse inviato in Libia i suoi agenti per dirigere la rivoluzione libica.

E’ una mia idea questo sia stato fatto per eliminare la Cina dal Mediterraneo. La Cina ha grandi investimenti nel campo energetico e nell'edilizia in Libia. Stanno guardando all’Africa come la fonte energetica del proprio futuro.

Gli Americani stanno contrastando questo percorso con il Comando Americano in Africa (USAC), a cui Gheddafi si è rifiutato di partecipare.
E questa è la seconda ragione per cui gli Americani vogliono Gheddafi fuori.

La terza ragione è che la Libia controlla parte della costa del mediterraneo, che non è nelle mani degli USA.

Continua su: comedonchisciotte.org


MEDIO ORIENTE

SIRIA

LA SCACCHIERA SIRIANA

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Le battute in Medio Oriente vengono immerse nell’arsenico: il regime di Bashar al-Assad in Siria ha aumentato lo stato di emergenza ma, visto che è in emergenza da 48 anni, ora che è veramente in emergenza nessuno ci crede. Una sorta di 'al lupo al lupo'.
E poi un giornale di regime, Tishrin, afferma che "la forma più sublime di libertà è la sicurezza della patria".
Per "la sicurezza della patria" il regime di Assad - un'oligarchia familiare-affaristica-militare – ha de facto invaso la città di Daraa con le colonne di carri armati. Assad aveva fatto alcune concessioni per calmare le proteste siriane, ma non hanno funzionato.

Così il regime ha cercato di emulare il successo della Casa di Saud nella creazione della 'democrazia' in Bahrein.
Per un risultato sicuro si copia il Pentagono; l'assalto a Daraa è la versione siriana dello 'shock and awe' (ndt: colpisci e stupisci).
Il problema è che, così facendo, il regime ha creato le condizioni per una lunga e sanguinosa guerra civile in stile iracheno. Ed è per questo che tutti gli attori principali - e regionali in tutto l'Occidente – stanno correndo ai ripari.

Continua su: comedonchisciotte.org

Siria, tank bombardano Homs
Terza città del paese

11 maggio, 08:48

(ANSA) - AMMAN (GIORDANIA), 11 MAG - Carri armati siriani bombardano la citta' di Homs, in particolare il quartiere di Bab Amro. Lo ha reso noto un attivista per i diritti umani nella citta'.
''Homs e' scossa dal suono delle esplosioni del bombardamento da parte di carri armati e mitragliatrici pesanti'', ha detto l'attivista Najati Tayrara. Homs e' la terza citta' della Siria e Bab Amro e' un quartiere residenziale.

IRAN

Ahmadinejad in difficolta' va in Turchia

Improbabile che politica estera rafforzi suo ruolo all'interno

08 maggio, 17:15

(ANSA) - TEHERAN, 8 MAG - Mahmud Ahmadinejad si recherà domani in visita in Turchia, Paese con il quale la diplomazia di Teheran ha saputo allacciare nell'ultimo anno stretti rapporti di cooperazione. Ma appare improbabile che nuovi successi in politica estera possano aiutare il presidente iraniano a rafforzare la sua posizione all'interno del Paese, diventata problematica da quando, il mese scorso, ha sfidato l'autorità della Guida suprema, l'ayatollah Ali Khamenei.

Colloqui nucleare Iran a Istanbul

Lo ha annunciato Ahmadinejad durante visita in Turchia

09 maggio, 19:59

(ANSA) - ISTANBUL, 9 MAG - Il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad ha annunciato che i prossimi colloqui sul nucleare nella forma del '5+1' riprenderanno ad Istanbul. "Spero che questo tema cosi' importante trovera' una soluzione finale nei prossimi colloqui di Istanbul", ha detto Ahmadinejad, che si trova in visita in Turchia, in una conferenza stampa trasmessa in diretta dalla tv di stato iraniana.


LIBIA

Libia, aerei rais bombardano Misurata

Presi di mira quattro depositi di petrolio

07 maggio, 14:08

(ANSA) - ROMA, 7 MAG - Aerei del regime di Gheddafi hanno bombardato quattro depositi di petrolio a Misurata provocando un enorme incendio. Il regime, stando a quanto raccontato da un portavoce dei ribelli, avrebbe utilizzato per l'attacco aereo, in violazione della no-fly zone imposta dalla Nato, dei piccoli velivoli normalmente usati per spargere pesticidi. Durante la notte, gli aerei hanno colpito quattro depositi di petrolio a Qasr Ahmed, vicino il porto di Misurata.

LA MISSIONE

Libia, raid aereo nella
notte
obiettivo il bunker di
Gheddafi

Violenti bombardamenti a Tripoli: otto attacchi in
tre ore. Esplosioni vicino alle sedi della televisione di Stato e dell'agenzia ufficiale Jana. Secondo Al Arabiya, colpito anche il compound del leader libico. Il governo libico: "Colpita l'Alta commissione per l'infanzia, 4 bambini feriti"

Continua su: repubblica.it

Libia: sito, Tripoli in rivolta

'Esponenti sicurezza Gheddafi defezionano'

10 maggio, 15:57

(ANSA) - ROMA, 10 MAG - Rivolte contro Gheddafi sarebbero scoppiate anche alla periferia di Tripoli e migliaia di ribelli sarebbero pronti a marciare verso il centro della capitale. Lo scrive il sito libico di opposizione Berniq che riferisce anche di alcuni video che mostrerebbero bandiere degli insorti che sventolano gia' anche su vari edifici della capitale. Esponenti della sicurezza di Muammar Gheddafi a Tripoli starebbero defezionando e passando con i rivoltosi.


EGITTO

Egitto, 11 morti in scontri copti-musulmani

Matrimonio contestato o conversione a islam possibili cause

08 maggio, 14:36

IL CAIRO - Gruppi di salafiti e di copti si sono scontrati ieri sera al Cairo ingaggiando una vera e propria battaglia attorno ad una chiesa cristiana che, secondo fonti mediche, ha lasciato sul terreno almeno undici morti e oltre 150 i feriti di cui sei gravi. Gli incidenti sono avvenuti nel quartiere periferico di Embaba attorno alla chiesa di Saint Mina. Secondo un responsabile della parrocchia, padre Hermina, i morti sarebbero tutti copti ma la notizia non e' confermata. Non e' ancora ben chiaro che cosa abbia innescato i disordini. Il ministro dell'interno Mansour el Essawi ha parlato in Tv di un matrimonio contestato tra un musulmano e una cristiana.
Diversi testimoni invece hanno riferito che centinaia di salafiti hanno circondato la chiesa dove a quanto sembra era stata rinchiusa una donna convertitasi all'Islam. E' stato chiesto insistentemente che la donna fosse fatta uscire ma le guardie proposte alla sorveglianza del luogo di culto si sono rifiutate. Ne e' seguito un alterco sempre piu' acceso che, secondo testimoni, e' degenerato in una sparatoria arrestata solo da polizia e militari con i gas lacrimogeni.

Continua su: ansa.it


MAROCCO

Marocco: nuovo corteo, vogliamo riforme

In 5mila hanno manifestato a Marrakech per nuova Costituzione

08 maggio, 13:34

(ANSA) - MARRAKECH, 8 MAG - Oltre 5.000 persone hanno manifestato stamani a Marrakech, in Marocco, aderendo all'invito del movimento 20 febbraio, che reclama riforme politiche nel Paese, per denunciare l'attentato del 28 aprile scorso che ha causato 17 morti tra i quali 13 turisti. "No al terrorismo!", "Un re che regna ma non governa", "Per una nuova Costituzione", sono gli slogan scanditi dai manifestanti.


Economia.

CRISI

S&P taglia il rating alla
Grecia
Atene: "Decisione
immotivata"

Dura replica del governo al declassamento: "I giudizi espressi solo su voci di mercato mettono in dubbio la serietà di chi li esprime". Effetti immediatai sui mercati: vendite sul comparto bancario ed euro in flessione sul dollaro

ROMA - L'agenzia Standard and Poor's ha tagliato il rating sulla Grecia a B dal precedente BB-, aggiungendo che il giudizio potrebbe essere ulteriormente rivisto al ribasso. Il giudizio dell'agenzia arriva a pochi giorni dalla polemica sull'ipotetica uscita di Atene dall'euro 1, ventilata in un servizio del settimanale der Spiegel. Il governo greco aveva definito priva di fondamento l'ipotesi, sostenendo che dietro vi fosse un'operazione di speculazione.

Continua su: repubblica.it

"A volte mi chiedo", se per "puro caso"...ovviamente, queste agenzie di rating, abbiano a che fare con gli..."Agenti del Caos".

CRISI: BINI-SMAGHI, RIASSETTO DEBITO GRECIA PORTEREBBE AL COLLASSO

(ASCA) - Roma, 10 mag - Il riassetto del debito della Grecia provecherebbe il collasso. E' quanto ripete Lorenzo Bini-Smaghi in una intervista alla Stampa nella quale l'esponente del board della Bce sottolinea che ''l'idea della ristrutturazione ordinata e' una favola''. Bini-Smaghi bacchetta tuttavia il governo di Atene. ''La Grecia ha perso tempo a considerare'' la possibilita' di un riassetto ordinato ''per qualche mese, consigliata da alcune banche d'affari e da studi di avvocati in cerca di provvigioni che si erano pero' dimenticati di evidenziare gli effetti negativi''. Il risultato e' che il processo di riforme ha rallentato.

Sulla posizione della Germania che sta premendo per una ristrutturazione del debito greco, Bini-Smaghi evidenzia che e' ''una posizione autolesionistica perche' i principali creditori risiedono proprio in Germania''. red/did/


Disastri..."Climatico-Ambientali".

USA

Esonda Mississippi, allarme
Memphis

Portata fiume a livelli record.
Otto Stati toccati da alluvioni

09 maggio, 20:04

(ANSA) - NEW YORK, 9 MAG - Allarme-alluvione a Memphis, in Tennessee, ma 5 anni dopo Katrina torna l'allarme anche a New Orleans, in Louisiana.
La portata del Mississippi è cresciuta negli ultimi giorni a livelli record in seguito alle grandi piogge che hanno caratterizzato il mese di aprile. Già 8 gli Stati toccati da alluvioni. Il livello delle acque del fiume e' di gran lunga sopra alla media stagionale: nella zona di Memphis, l'acqua supera i 14 metri, vale a dire oltre 4 metri sopra il livello di guardia.


A seguire la parte CXXXII.

Nessun commento: