Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

mercoledì 4 maggio 2011

PANDORA'S TIMES parte CXXX

Prosegue dalla parte CXXIX.


Curiosità...Catastrofiche.

TERREMOTO: SISMA L'11 MAGGIO A ROMA? OPEN DAY ALL'INGV

(ASCA) - Roma, 3 mag - L'11 maggio 2011 e' considerato da molti come il giorno in cui a Roma si scatenera' un devastante terremoto, sulla base della teoria di Raffaele Bendandi (1893-1979) e di un veloce tam-tam su Internet. Ma, precisa l'INGV, l'11 maggio in Italia avverranno probabilmente circa 30 terremoti: questo infatti e' il numero medio di eventi sismici che vengono rilevati quotidianamente nel nostro Paese.

Ma per affrontare la paura in modo razionale l'Istituto organizza l'11 maggio un 'open day' (le cui finalita' saranno illustrate il 9 con una conferenza stampa) che prevede incontri con i ricercatori, visita alla sala di monitoraggio H24, esposizione interattiva sui terremoti, proiezione di video: la sede dell'INGV in via di Vigna Murata 605, sara' aperta per tutti dalle 10 alle 20.

''E' importante ricordare - sottolinea l'Istituto - che negli ultimi due decenni i terremoti hanno causato piu' di 500 mila morti nel mondo e molti scienziati credono che il terremoto da 1 milione di morti si avvicini sempre di piu' se non si affronta il problema con le tre parole chiave che la comunita' scientifica porta avanti da anni: Conoscenza, Prevenzione, Educazione. Difendersi dai terremoti si puo'. E se il prossimo grande terremoto in Italia sara' catastrofico come quello di Haiti, che ha causato oltre 220.000 vittime, o come quello del New Mexico, che ne ha causate 2, puravendo magnitudo confrontabili (7,0 e 7,2), dipendera' dalle scelte che si fanno oggi''. com/mpd


Nuovo Ordine Mondiale.

LIBIA

Francia: "L'obiettivo
non è morte di
Gheddafi"
Forti esplosioni nella
notte a Tripoli

Il ministro degli Esteri francese Alain Juppè ha precisato che lo scopo degli interventi è quello di indebolire l'apparato repressivo del colonnello.
Scaduta l'amnistia a Misurata. I fedeli al rais bombardano il porto, almeno 5 vittime. Frattini: "Occorre soluzione politica"

Continua su: repubblica.it

Libia, aerei Nato eliminano 2 elicotteri

Lo ha rivelato un portavoce dei ribelli

05 maggio, 15:05

(ANSA) - ALGERI, 5 MAG - Aerei della Nato hanno distrutto oggi almeno due elicotteri di Gheddafi al suolo vicino la citta' di Zintan, sotto il controllo degli insorti. Lo ha rivelato un portavoce dei ribelli.
''La Nato ha distrutto oggi due o tre elicotteri trasportati su grossi camion'', ha detto il portavoce, Abdulrahman. ''Testimoni mi hanno riferito di aver visto del fumo sollevarsi dalla zona.
Quel tipo di camion sono solitamente usati per trasportare carri armati'', ha aggiunto.


TURCHIA

Turchia, attacco a scorta Erdogan

Ucciso un agente, premier era partito in elicottero

04 maggio, 17:58

(ANSA) - ANKARA, 4 MAG - Un auto di scorta ad un autobus del convoglio del primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan e' stata attaccata subito dopo la fine di un comizio del premier, che era ripartito in elicottero. "Le forze di sicurezza hanno risposto all'attacco" viene precisato aggiungendo che sul posto sono stati inviati "rinforzi e ambulanze". Un agente e' rimasto ucciso ed un collaboratore ferito. L'attacco e' avvenuto a Kastamou, nel nord del paese.

ALGERIA

Algeria: saccheggiati hotel 'immorali'

Gravi danni a strutture in localita' turistica di Tichi

06 maggio, 20:26

(ANSA) - ALGERI, 6 MAG - Alcuni alberghi della localita' turistica algerina di Tichi, in Cabilia, sono stati saccheggiati la scorsa notte da manifestanti che ne chiedevano la chiusura perche' attentano alla morigeratezza dei costumi. Tichi, a 200 chilometri da Algeri, e' una stazione balneare molto nota. I danni maggiori sono stati subiti dagli alberghi 'Le Saphir Bleu', 'Le Golf' e la 'Villa d'Est', teatro anche di scontri tra gli assalitori e addetti alla sicurezza.


MEDIO ORIENTE

Hizballah prepares to pull its heavy missiles from Syrian safekeeping
HEZBOLLAH SI PREPARA A TOGLIERE DALLA CUSTODIA SIRIANA I SUOI MISSILI PIÙ PESANTI ( Nel senso, di potenti e/o con maggior gittata, ndr )
( in inglese - debka.com ).

Mo: riconciliazione Fatah-Hamas

Cerimonia per festeggiare la riconciliazione, dopo 4 anni di divisioni, con Fatah

04 maggio, 16:11

Continua su: ansa.it

Interessante, da un altro "lancio" di agenzia, sempre dell'Ansa, l'approfondimento sul "botta e risposta" a distanza, fra Abu Mazen e Netanyahu...

Netanyahu: patto palestinese colpo pace

Abu Mazen dal Cairo, no minacce Israele, Stato entro settembre

04 maggio, 15:25

(ANSA)-LONDRA,4 MAG-Per il premier israeliano Benjamin Netanyahu, oggi in vista a Londra, il patto di unità palestinese tra Hamas e Fatah è "un duro colpo per la pace e una grande vittoria per il terrorismo". Dal Cairo, intanto, il presidente dell'Anp Abu Mazen ha sottolineato la necessita' della nascita dello Stato Palestinese, indicando la data di settembre 2011.

''Non ci piegheremo alle minacce e ricatti israeliani sulla creazione di uno Stato'', ha sottolineato nella cerimonia di riconciliazione con Hamas.(ANSA).

ARABIA SAUDITA

Arabia Saudita: nuove proteste antigovernative

IRAN

Iran: Khamenei, rivolte arriveranno in Ue

Popoli si solleveranno a chi li ha fatti piegare a Usa-Israele

04 maggio, 13:02

(ANSA) - ROMA, 4 MAG - Le rivolte in corso in diversi Paesi arabi del Medio Oriente e del Nord Africa "si propagheranno ai Paesi europei", ha affermato oggi la Guida suprema iraniana, ayatollah Ali Khamenei, citato dalla televisione di Stato.

Khamenei ha affermato che "un giorno anche i popoli dell'Europa si solleveranno contro i politici e governanti che li hanno fatti piegare alle politiche economiche e culturali degli Usa e del regime sionista", cioé Israele.

Il più che interessante articolo a seguire, contiene, più che interessanti notizie, che mi confermano, tra l'altro, diciamo...alcune coincidenze numeriche...che già, avevo notato...

E' scontro tra Khamenei
e Ahmadinejad
Retata tra collaboratori:
"Sono stregoni"

L'accusa ai più stretti alleati del presidente arriva in un momento di tensione con l'ayatollah Khamenei. Secondo una tv araba la Guida suprema ha chiesto l'impeachment per il leader.
Preso anche il capo di gabinetto e braccio destro Esfandiar Rahim Mashaei

TEHERAN - Alcuni collaboratori stretti del presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad, sono stati arrestati con l'accusa di usare poteri soprannaturali e di invocare gli spiriti. Secondo l'accusa, spingerebbero in maniera "magica" la politica del presidente per far vincere la sua posizione nei contrasti ormai sempre più aspri tra lui e la Guida suprema del Paese, l'ayatollah Ali Khamenei. Ieri una tv araba ha annunciato - ma la notizia non ha ancora trovato conferma - che Khameini avrebbe richiesto ad Ahmadinejad di rinunciare alla carica, e a diversi parlamentari di avviare una procedura di impeachment nei suoi confronti.

Continua su: repubblica.it

E di cui, diciamo che... sospettavo, "Il Fine e...l'Origine"...già da tempo, in verità.

Zoroastro era persiano, vero?

ISRAELE

Israele: Bloccato lo scalo di Tel Aviv

Carburante contaminato?

Anche se può essere solo un errore, sarebbe più che interessante, sapere...da che sostanza.

Ex 007 Israele evoca attacco a Nasrallah

Zeevi-Farkash, cambiamento graduale in regola guerra terrorismo

06 maggio, 11:24

(ANSA) - TEL AVIV, 6 MAG - Sull'esempio dell'uccisione di Osama Bin Laden, e confortato dalle reazioni favorevoli della comunità internazionale, Israele potrebbe colpire il leader degli Hezbollah Hassan Nasrallah.

Lo dice l'ex capo dell'intelligence militare Aharon Zeevi-Farkash. "Non siamo una superpotenza e non tutto quello è lecito per gli USA viene consentito anche a noi - spiega -.

Tuttavia c'é un cambiamento graduale nelle regole della guerra al terrorismo, e si è aperta più libertà di manovra''.

SIRIA

Interessante articolo ( sempre a mio parere...ovviamente ), che da un punto di vista, situato, anche all'interno del Paese..."dipana le matassa"...delle forze che stanno giocando, nella polveriera siriana...

La Cospirazione Crescente Contro la Siria

YEMEN

Sanaa, in piazza sostenitori e avversari

Presidente, 'resistero''

06 maggio, 13:13

(ANSA) - SANAA, 6 MAG - Decine di migliaia di sostenitori e oppositori del regime dello Yemen si sono riuniti a Sanaa, in due distinte manifestazioni, dopo che una mediazione del Golfo che prevedeva l'uscita di scena del presidente Ali Abdallah Saleh ha subito una battuta di arresto.

A Sanaa, migliaia di persone hanno invocato la dipartita di Saleh. Un'iniziativa simile si e' replicata a Taez. Una manifestazione e' stata organizzata anche dai sostenitori. Il presidente ha promesso di resistere.


Economia.

"Senza vie di uscita"...

Altro che Bin Laden, ora Obama pensa al debito

Di cui cito la conclusione...

Sono quindi probabili minori acquisti del debito Usa da parte di investitori e governi stranieri, che ne detengono attualmente il 46%. Già nelle ultime aste la Federal Reserve ha dovuto comprare fino al 70% dei titoli emessi, ma la cosa– ci ha detto ieri Bernanke – finirà a giugno. Sarà inevitabile, prima o poi, un aumento degli interessi sui titoli di Stato a lungo termine, con la conseguenza di un aggravamento della situazione debitoria. A quel punto, unacrisi del debito statunitense non sarà più fantascienza.

(Il Fatto Quotidiano, 4 maggio 2011)

Tranne (forse), due:

- Tagli estremi, con anche, anzi, soprattutto...un forte ridimensionamento dell'apparato militare.

Oppure...

- Guerra.

E mi associo, a coloro che pensano...che non sarebbe la prima volta.

Poiché, cos'è una guerra, in particolare, se combattuta lontano da casa...ma supportata da una forte minaccia all'interno...se non, materialmente, un prestito a "fondo perduto", che produce ricchezza, posti di lavoro (anche, o soprattutto, in prospettiva futura), libera spazi, riduce popolazioni ("magari...in esubero")...e distoglie dai pensieri?

CRISI

Spiegel: "La Grecia vuol
lasciare l'euro"
Atene nega e accusa:
"Speculazione"

Secondo il settimanale tedesco, il governo ellenico starebbe pensando di tornare alla dracma anche nel tentativo di placare la popolazione davanti ai sacrifici richiesti dal piano di rientro degli aiuti Ue.
Anche Juncker smentisce, ma intanto la moneta unica cede sul dollaro

MILANO - Il governo di Atene starebbe considerando un passo clamoroso: fa uscire la Grecia dall'Eurozona e tornare alla dracma o comunque a una moneta nazionale. E' quanto riporta il quotidiano tedesco der Spiegel nella sua edizione online. Secondo il giornale, per stasera sarebbe stata convocata addirittura una riunione "segreta" d'emergenza dei ministri delle Finanze dell'Eurozona, in Lussemburgo, per esaminare la questione. Secondo il portavoce del presidente dell'Eurogruppo, Juncker, ripreso dall'agenzia Reuters,le voci su una riunione d'emergenza sul caso Grecia sono tuttavia "del tutto errate".

Continua su: repubblica.it

C'è una guerra in corso, ed è combattuta con armi non convenzionali.


A seguire la parte CXXXI.

Nessun commento: