Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVIII

Prosegue dalla parte LVII . Ed ecco il palesarsi di un'altra prima volta...anzi, "altre prime volte". Eh Sì! Poiché i risco...

mercoledì 16 marzo 2011

DEVASTANTE TERREMOTO IN GIAPPONE. L'INCUBO NUCLEARE CONTINUA

Prosegue da questo post.


15/03/2011 - LE VOCI DELLA RETE
"Tornare a casa o rimanere qui", i dubbi degli italiani in Giappone

«Non mi muoverò, per ora la situazione non lo richiede»

ALICE CASTAGNERI

«Partire, non partire. La mia testa sta scoppiando». E ’ il dubbio che assilla un ragazzo italiano che vive in Giappone. Un dilemma che sta riempiendo la testa di molti, ora che a tenere banco è l ’incubo nucleare. Dopo le nuove esplosioni nella centrale di Fukushima, l’allarme per le radiazioni è diventato una realtà con cui fare i conti. Vincenzo Petrone, ambasciatore italiano a Tokyo, esorta i connazionali a lasciare il Paese.
«Molti italiani sono a Osaka e in altre città: per chi lavora qui il consiglio di base è mandare via i familiari, anche in Italia», dice l'ambasciatore.
Petrone ha sottolineato che il rischio contaminazione c'è, anche a Tokyo. Il ministro degli Esteri Takeaki Matsumoto ha detto oggi che «le radiazioni dovute all ’incidente nel reattore numero 4 della centrale di Fukushima potrebbero essere dannose per la salute della popolazione».

Continua su: lastampa.it

NUCLEARE: CRESCE PAURA IN EUROPA PER VECCHIO IMPIANTO IN ARMENIA

(ASCA-AFP) - Yerevan, 15 mar - Dopo l'incidente di Fukushima in Giappone, cresce la paura in Europa per il vecchio impianto nucleare dell'era sovietica presente in Armenia, a soli 30 chilometri dalla capitale Yerevan e vicino al confine con la Turchia, in una zona fortemente sismica, come dimostrato dal terremoto che nel 1988 causo' 25 mila morti.

Un portavoce del Ministero armeno che si occupa delle situazioni di emergenza ha convocato una conferenza stampa, sostenendo che l'impianto di Metsamor e' stato costruito per reggere all'urto sismico.

L'Unione Europea aveva chiesto gia' in passato a Yerevan di chiudere il reattore per motivi di sicurezza, ma il governo armeno aveva risposto facendo presente che l'impianto aveva resistito al terremoto del 1988 ed era pertanto da considerare sicuro.

La centrale era rimasta chiusa per cinque anni dopo il terremoto, ma di fronte alle carenze di energia elettrica nel paese le autorita' locali avevano deciso di riaprirla malgrado il parere negativo di Stati Uniti e paesi europei.

Nel 2004 la Ue aveva perfino offerto 100 milioni di euro di compensazione al governo armeno in cambio della chiusura dell'impianto, ma l'Armenia sembra intenzionata a costruire a Metsamor un nuovo reattore, prolungando cosi' la vita della centrale. red-uda/sam/lv

Giappone: nuovo incendio a Fukushima

Esplosione e fiamme, temperature altissime nell'edificio

15 marzo, 23:40

(ANSA) - TOKYO, 15 MAR - Un nuovo incendio si e' sviluppato al reattore numero 4 della centrale nucleare giapponese di Fukushima, a poche ore da un'esplosione che gia' aveva provocato un primo incendio. Lo ha comunicato la Tepco, l'ente gestore dell'impianto. La tv giapponese ha trasmesso le immagini. Un esperto ha spiegato che c'e' stata una nuova esplosione e poi si sono viste fiamme uscire dalla struttura.

Non e' possibile entrare all'interno dell'edificio, a causa delle altissime temperature.

IL REPORTAGE

In fuga da Tokyo e dalla nube assalto ai negozi, scaffali vuoti

"Non ci fidiamo del governo, qui si rischia troppo". Si teme la nube potenzialmente radioattiva in arrivo da nord. Nuove scoss. E nei negozi si fa incetta di materiale da campeggio

di RAIMONDO BULTRINI

TOKYO - Alla stazione centrale di Tokyo in attesa dello Shinkansen, il treno proiettile, la giovane mamma tira in alto la zippo della tendina di plastica che avvolge completamente la carrozzina di sua figlia. Come migliaia di altri genitori che se lo possono permettere, sta lasciando Tokyo per andare verso sud, lontana dal vento radioattivo che ha portato per parecchie ore il livello di particelle letali 40 volte in più dei parametri dei rilevatori. "Mio marito deve lavorare ed è rimasto, ma noi non ce la sentiamo di rischiare", dice Kyu Muramoto, che indossa una mascherina bianca come tanti passeggeri in attesa. "Adesso dicono però che il vento ha cambiato direzione, e le radiazioni diminuiranno. Ma sarà proprio così?".

Continua su: repubblica.it

IL REPORTAGE

Senza più cibo né acqua da 5 giorni
Tra i dannati della città abbandonata

Onagawacho è isolata, le squadre dei soccorritori non arrivano. Nel fango ci sono migliaia di morti.
Seimila persone in trappola sulla collina. "Qui moriremo tutti"

dal nostro inviato GIAMPAOLO VISETTI

ONAGAWACHO - Qui fino ad oggi nessuno era arrivato. È bastato il crollo di un ponte, due chilometri all'interno, per isolare Onagawacho dal mondo. Invalicabili macerie, in parte galleggianti sulla melma, impediscono ancora ai soccorritori di raggiungere la cittadina che il Giappone, da venerdì, sembra aver cancellato anche dalla carta geografica.
Poco distante, a Onagawa, la centrale nucleare si è salvata dall'onda per duecento metri e i soldati dell'esercito ammucchiano ora sacchi di sabbia attorno ai capannoni che custodiscono i reattori spenti. Qui invece è servito l'atterraggio di fortuna di un elicottero, sospeso sopra pericolanti cumuli di rovine, per scoprire che seimila persone da cinque giorni sono abbandonate su una collina lambita dal fango e tra gli scogli, contro cui l'oceano sbatte centinaia di corpi.

Continua su: repubblica.it

IL CASO

La denuncia degli italiani in Giappone
"Tornare indietro? Alitalia vuole 5000 euro"

Un blog di 120 connazionali intrappolati nel dopo sisma. "Abbiamo provato a prendere un biglietto, ci davano solo la business". La replica della compagnia: "Abbiamo rimediato, ora tariffe agevolate a 800 euro per chiunque decida di rientrare". Tutti i voli spostati su Osaka. Stasera l'aereo per riportare a casa il Maggio Musicale Fiorentino

di ARTURO COCCHI

Vogliono ritornare, eccome, gli italiani che si trovano nel Giappone sotto scacco per l'emergenza nucleare del dopo terremoto. Ma molti non hanno ancora potuto farlo, e non solo per la difficoltà in cui il sisma ha messo la rete di trasporti, anche lontano dalla zona più calda, come a Tokyo e Osaka. Il problema, incredibile ma vero, non è solo quando partire, né da dove (solo oggi tutti i voli Alitalia sono stati spostati definitivamente da Tokyo alla sicura Osaka), ma trovare una tariffa ragionevole.

Continua su: repubblica.it

16/03/2011 - INCUBO ATOMICO

Giappone, fallito il piano dell'esercito
Un mega-idrante sul reattore nucleare
L'imperatore in tv: "Enorme tristezza"

A Fukushima le alte radiazioni
bloccano il blitz degli elicotteri.
Si tenta con cannone ad acqua.
Wikileaks: conoscevano i rischi
Ma la Borsa rimbalza a +5,68%

TOKYO
Ormai è una corsa contro il tempo. Ma l'Apocalisse potrebbe avvenire da un momento all'altro. Fallito a causa dell ’eccesso di radioattività il tentativo dell’esercito giapponese di riversare acqua sul reattore tre della centrale atomica di Fukushima 1, sarà adesso la Polizia Nazionale a provare un altro metodo, sperimentandolo sul reattore numero quattro.

Continua su: lastampa.it

DIRETTA

Fukushima, "Radiazioni letali dal reattore 4"
Ue: "Allerta su import, si faccia analisi su cibi"

Link aggiornamenti del 16/03/2011: repubblica.it

E tratto dal link qui sopra della diretta di repubblica.it, metto in evidenza alcune notizie, cercando, dal mio punto di vista ( seppur limitato ) di fare un pò di chiarezza sulla realtà della situazione...

14:46
ESPERTO RUSSO: "REAZIONE NUCLEARE A CATENA È IMPOSSIBILE"
Un eminente esperto nucleare russo, l'ex ministro per l'Energia atomica Ievgheni Adamov, ha detto che nella centrale di Fukushima una reazione a catena con esplosione nucleare è impossibile.
"Questa opzione è esclusa in virtù della struttura del reattore", ha detto l'esperto al quotidiano russo Izsvestia sottolineando fra l'altro una differenza rispetto alla centrale di Cernobyl che esplose nel 1986: "l'assenza di grafite". "Garantisco che un'esplosione nucleare non può aver luogo", ha sostenuto Adamov.

15:09
CONTRO RADIAZIONI IN CAMPO ANCHE ROBOT
Il ministero dell'Educazione e della Ricerca giapponese ha messo a disposizione della compagnia elettrica Tokyo denryoku (Toden) un robot per il monitoraggio delle radiazioni nei punti in cui è pericoloso per gli operatori andare. Lo scrive il sito internet del quotidiano Asahi Shinbun. "Ha preso parte in precedenza a esercitazioni, ma è la prima volta che viene utilizzato in un'operazione reale", sostiene in un comunicato il Centro di tecnologia per la sicurezza nucleare di Tokyo, che ha sviluppato il robot.

15:13
CAPO AGENZIA ATOMICA RUSSA:
''È LO SCENARIO PEGGIORE''
Il capo dell'Agenzia atomica russa, Serghiei Kirienko, ha affermato che la crisi nucleare in Giappone si sta sviluppando secondo lo scenario peggiore.

15:41
ALLARME DI EMERGENZA NUCLEARE TRA USA E ASIA
È stato emesso un allarme di ''emergenza nucleare'' per dieci regioni dello spazio aereo tra Giappone, Alaska, Russia, Cina, Corea del Nord e del Sud a causa dell'incidente nella centrale nucleare giapponese di Fukushima. L'allarme, su richiesta dell' Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) è stato aggiornato alle 11 Utc (le 12 italiane) dopo essere stato emesso alle 3:00 (le 4:00 italiane), dal Vaac (Volcanic Ash Advisory Centre) di Londra centro che dallo scorso anno ha competenza anche per gli allarmi radioattivi oltre che sulla presenza di ceneri vulcani che nell'atmosfera. L'avviso è pubblicato- tra l'altro - sul sito operativo Cfmu Nop del centro di controllo aereo europeo Eurocontrol.
( Ecco, a mio parere questa decisione, anche se magari, a loro dire solo a titolo prudenziale, da già, in particolare, insieme ad altre due, che posterò più avanti, il "polso del situazione" )

15:46
GERMANIA INVITA TEDESCHI A LASCIARE REGIONE TOKIO
Le autorità di Berlino hanno invitato oggi tutti i tedeschi a lasciare la regione di Tokyo a causa dell'aggravarsi della crisi nucleare nel nord del Giappone. "Invitiamo tutti i tedeschi a lasciare la regione di Tokyo e Yokohama in direzione di Osaka o di lasciare il paese passando per Osaka" nel sud del Giappone, ha dichiarato Andreas Peschke,portavoce del ministero tedesco degli Affari esteri.

15:50
RUSSIA, VIA DAL GIAPPONE FAMIGLIE DEI DIPLOMATICI
La Russia porterà via dal Giappone le famiglie dei funzionari delle rappresentanze diplomatiche russe ma non si tratta ancora dell'evacuazione di tutti i cittadini: lo ha reso noto il ministero degli Esteri russo citato dall'agenzia Ria Novosti. Il dicastero precisa che l'operazione è prevista il 18 marzo

17:20
PILLOLE ANTI-RADIAZIONI AI MILITARI USA
Il Pentagono ha reso noto che i militari Usa che partecipano alle missioni di soccorso in Giappone riceveranno pillole di ioduro di potassio come misura precauzionale contro le radiazioni. Il Pentagono ha comunque sottolineato che nessun militare Usa dislocato in Giappone ha finora mostrato alcun sintomo di avvelenamento da radiazioni.
( Questa, è una delle notizie a cui mi riferivo )

17:44
USA INVIANO AEREI SPIA SULLA CENTRALE DI FUKUSHIMA
Aerei da ricognizione senza pilota americani saranno inviati in missione sulla centrale nucleare di Fukushima per raccogliere informazioni sullo stato dei reattori. Forse la missione si svolgerà già domani. Lo ha anticipato una fonte del governo giapponese

18:00
OETTINGER: "SITUAZIONE FUORI CONTROLLO"
Il commissario europeo per l'Energia, Guenther Oettinger, teme che "Nelle prossime ore corriamo il rischio di assistere a una nuova catastrofe" alla centrale nucleare giapponese di Fukushima, dove la situazione "E' fuori controllo".

18:59
AMBASCIATA USA: ''EVACUARE ENTRO 80 KM DA FUKUSHIMA''
L'ambasciata americana a Tokyo ha raccomandato ai cittadini americani che vivono nel raggio di 80 chilometri dalla centrale nucleare Fukushima Daiichi di evacuare la zona oppure "di rimanere al riparo a casa, se non è possibile l'evacuazione", ha detto l'ambasciatore americano in Giappone John Roos
( E questa, è l'altra )

Ed infatti, ecco che è giunta la conferma ai miei sentori sulla situazione, da parte americana, giusto appunto...

19:25
USA: ATTORNO AL REATTORE 4 ''DOSI LETALI DI RADIOATTIVITÀ
Le radiazioni intorno al reattore 4 dell'impianto di Fukushima sono "letali". L'allarme è stato lanciato dal responsabile della Commissione nucleare Usa Gregory Jaczko. Durante un'audizioni alla Commissione Energia. "Sarebbe molto difficile per i lavoratori in loco avvicinarsi ai reattori" ha detto.
"Le dosi di radioattività potrebbero dimostrarsi letali in un breve periodo di tempo'

Di loro...vi fidate?


A seguire.

DEVASTANTE TERREMOTO IN GIAPPONE. INCUBO NUCLEARE. RADIAZIONI

Nessun commento: