Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVIII

Prosegue dalla parte LVII . Ed ecco il palesarsi di un'altra prima volta...anzi, "altre prime volte". Eh Sì! Poiché i risco...

lunedì 14 marzo 2011

DEVASTANTE TERREMOTO IN GIAPPONE. INCUBO NUCLEARE

Prosegue da questo post.


GIAPPONE: FRANCIA, FUKUSHIMA PEGGIO DI THREE MILES ISLAND (1 UPDATE)

(ASCA-AFP) - Parigi, 14 mar - Anche se non ha ancora raggiunto il livello di Chernobyl, l'incidente alla centrale nucleare di Fukushima ''e' andato al di la''' di quello di Three Mile Island, avvenuto negli Stati Uniti nel 1979. Lo ha affermato il presidente dell'Autorita' francese per la sicurezza nucleare, Andre'-Claude Lacoste.

Sabato le autorita' giapponesi avevano annunciato che l'incidente era da classificare al livello 4 della scala INES, che conta sette livelli di gravita'. Ma secondo Lacoste si sarebbe gia' arrivati al livello 6, superando quello dell'incidente avvenuto in America trent'anni fa. ''Abbiamo la sensazione che si sia gia' andati al di la' del livello di Three Miles Island (classificato a 5)'', ha detto l'esperto francese aggiungendo che non si puo' escludere che il rischio per la centrale giapponese raggiunga il livello 7, quello della catastrofe in Ucraina. red-uda/cam/ss

America on nuclear alert: Could fallout from Japan explosion reach U.S. West Coast?
AMERICA IN ALLERTA NUCLEARE: PUÒ LA RICADUTA RADIOATTIVA DATA DALL'ESPLOSIONE GIAPPONESE RAGGIUNGERE LA COSTA OCCIDENTALE DEGLI STATI UNITI?




I tre giorni dell'incubo nucleare

( in inglese - dailymail.co.uk ).

GIAPPONE, PAURA FUKUSHIMA: ESPLODE IL REATTORE N° 2. TOKYO CHIEDE AIUTO AGLI USA

Martedì 15 Marzo 2011 - 01:00

TOKYO - Un'esplosione è avvenuta oggi al reattore n.2 della centrale nucleare di Fukushima 1, danneggiata dal sisma e dallo tsunami che hanno colpito il nord est del Giappone venerdì scorso.
Lo ha annunciato il governo giapponese, precisando che l'esplosione, udita poco dopo le 6 locali (le 22 di ieri in Italia), ha danneggiato la vasca di condensazione del contenitore del nocciolo che ha il compito di impedire le fughe radioattive in caso di incidente. È la prima volta che viene danneggiato il contenitore del nocciolo di un reattore della centrale di Fukushima 1, colpita da diversi incidenti dopo il sisma e lo tsunami. Altre due esplosioni si sono verificate in altrettanti reattori dell'impianto - il n.1 e il n.3 - sabato scorso e ieri. In entrambi i casi la deflagrazione, dovuta all'idrogeno, ha danneggiato o distrutto la gabbia esterna del reattore, ma non - ha riferito il governo - il cuore dell'impianto.

Continua su: leggonline.it

Ora si, se confermato, che questa storia, diventa...da molto seria e preoccupante, ad un più che reale...incubo.

IL REPORTAGE

Incubo nucleare a Fukushima il nocciolo rischia la fusione

Nuova esplosione nella centrale. Tokyo chiede aiuto agli Usa. Danneggiati i reattori 2 e 3. Ora si teme una nuova Chernoby. Il terremoto ha fatto saltare l'energia elettrica, ma i generatori di emergenza hanno continuato a pompare acqua nell'impianto. Poi è arrivato lo tsunami, e ha spazzato via tutto

dal nostro inviato DANIELE MASTROGIACOMO

FUKUSHIMA - L'esplosione è improvvisa. Un boato che scuote dieci chilometri di territorio. Gli obiettivi delle telecamere tv, piazzate da giorni sulle colline, stringono verso la costa. Le immagini sono sfocate ma la scena si vede a occhio nudo. Un'immensa nube gialla e rossastra avvolge la struttura bianca in ferro e cemento.
Restiamo impietriti. Una voce lancia un grido soffocato: "È scoppiata la centrale". Attimi di panico. Pochi minuti ed ecco un secondo boato, più forte e profondo. La nuvola adesso è un polverone che svetta verso il cielo. Salta la copertura del reattore 3 della centrale di Fukushima 1, la Daiichi. È il mostro che trenta uomini, veri eroi di questa Apocalisse, cercano di domare da tre giorni. Una lotta contro il tempo.
Ma l'incubo sembra non finire: alle otto del mattino, quando in Italia era ormai notte, una nuova esplosione scuote Fukushima. E il governo deve ammettere: "Ha ceduto anche il reattore 2.
Non possiamo escludere il rischio di fughe radiottive".

Continua su: repubblica.it

E non solo in Giappone, ma anche molto, molto più lontano...

Effetto Giappone
Radioattività sotto controllo

Una circolare dell'Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca ambientale) invita a misurazioni più frequenti

di GIUSEPPE FILETTO

Non solo l'onda emotiva, adesso si rischia quella radioattiva. Nonostante l'Italia e Genova siano a 12 mila chilometri dalla centrale nucleare di Fukushima, ieri mattina è scattato lo stato di allarme dall'Ispra di Roma. L'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (il Dipartimento Nucleare) con una mail ha allertato tutte le Arpa italiane. "In relazione all'evento sismico in Giappone e alle apprensioni che destano le recenti notizie sulla situazione delle centrali nucleari, si richiede un incremento di misure di particolato atmosferico. Inoltre, di inserire immediatamente dopo ogni misura i relativi risultati nella banca dati".

Tanto che nella stessa giornata è iniziato il monitoraggio attraverso il rilevatore del particolato atmosferico situato sul tetto della sede di via Bombrini: in grado di misurare l'eventuale presenza di radioattività. Inoltre, nei prossimi giorni ne saranno installati altri due: ad Imperia ed a La Spezia.

Eccesso di zelo o consapevolezza che la nube radioattiva possa giungere fino a noi? La risposta, per ovvie ragioni, non arriva dall'Ispra che da 2 giorni si tiene costantemente in contatto con l'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica. Ma la comunicazione da parte dell'istituto alle agenzie regionali ha un significato. Chernobyl insegna.
Tanto più che il reattore numero 3 dell'impianto di Fukushima risulta danneggiato e tiene il mondo con il fiato sospeso.

Gino Vestri, direttore del "Dipartimento Aria" dell'Arpal di Genova, pur ritenendo l'arrivo della nube radioattiva in Liguria una sventura lontana, spiega però la possibilità: le particelle possono viaggiare per migliaia di chilometri, spinte dai venti, quando per una combinazione di variabili, salgono in quota, a livelli molto alti, sopra le nuvole.

Link articolo: genova.repubblica.it

DIRETTA

Oettinger: "Giappone, si parla di apocalisse"
L'allarme di Fukushima, radiazioni in aumento

Link aggiornamenti del 15/03/2011: repubblica.it

Pongo in evidenza dalla diretta qui sopra:

10:51
Ambasciatore: "Rischio contaminazione c'è, tornate in Italia"
"Molti nostri connazionali sono a Osaka e in altre città del Giappone: per chi lavora qui il consiglio di base è mandare via i familiari, anche in Italia". E' il consiglio dell'ambasciatore italiano a Tokyo, Vincenzo Petrone, secondo cui "il rischio di contaminazione c'è" e, naturalmente, mette in primo piano la capitale Tokyo, distante circa 230 km dalla centrale di Fukushima.

11:08
Fukushima, zona evacuazione ampliata a 30 km
Il premier giapponese Naoto Kan ha detto che la zona di evacuazione attorno alla centrale di Fukushima è stata ampliata a 30 km.

11:55
Fazio: "Nessun rischio per l'Italia"
"I miei esperti escludono che ci sia qualsiasi tipo di rischio in Italia per quello che sta avvenendo in Giappone, sia per quello che riguarda le nubi che per il pericolo di attraversamento della crosta terrestre" da parte del nucleo della centrale. Il ministro della Salute, Ferruccio Fazio ha spiegato anche che così come previsto dalla legge 230 del '95 stanno per essere pubblicate sul sito del ministero le informazioni ai cittadini sui possibili rischi immediati e a lungo termine".

12:17
Paura nucleare, corsa online all'acquisto pillole di iodio
Il rischio di una catastrofe nucleare in Giappone ha scatenato il panico nei Paesi dell'area e la corsa all'acquisto di pillole di iodio, che hanno raggiunto cifre record nelle aste online. Al punto che gli esperti si sono sentiti in dovere di avvertire che comunque si tratta di mezzi di utilità limitata nella protezione dallo iodio radioattivo. Le aziende Usa che vendono lo ioduro di potassio sono già a corto di scorte e le farmacie lungo la west coast del Pacifico hanno quantitativi limitati. Lo ioduro di potassio è un sale usato per proteggere la tiroide e bloccare l'assunzione di iodio radioattivo, una sostanza altamente cancerogena che può fuoriuscire dai reattori nucleari in caso di incidente. Un importante fornitore, la Anebx, ha reso noto di aver esaurito le scorte e di non poter far fronte a nuovi ordini fino al 18 aprile.

13:06
Francia: guscio reattore Fukushima si è aperto
La struttura di contenimento del reattore numero 2 della centrale nucleare di Fukushima in Giappone "non ha più tenuta stagna": lo ha dichiarato alla stampa il presidente dell'Autorità francese per la sicurezza nucleare (Asn), André-Claude Lacoste.

13:29
Le radiazioni nella sala di controllo di Fukushima sono troppo elevate
Le radiazioni nella sala di controllo della centrale di Fukushima sono troppo elevate perche" gli esperti della Tepco vi possano lavorare. Lo riferisce l"agenzia Kyodo.

14:19
Fukushima, Tepco non riesce a raffreddare reattore 4
La Tepco non riesce a versare acqua nel bacino di stoccaggio per il combustibile nucleare esaurito presente all'interno del reattore numero 4 della centrale di Fukushima. Lo riferisce l'agenzia Kyodo. Nel reattore, che era fermo per lavori di manutenzione al momento del sisma, si era verificato un incendio.

14:33
Ambasciatore: "Pericolo contaminazione prossime 48 ore"
In questo momento in Giappone "non c'è una situazione di emergenza acuta" dal punto di vista di una contaminazione nucleare, ma "ci potrebbe essere dopo le prossime 48 ore". Lo ha detto l'ambasciatore d'Italia a Tokyo Vincenzo Petrone ai microfoni di Sky TG24. "Chi non ha impellenze vere lasci Tokyo" per rientrare in Italia o almeno per spostarsi più a sud in Giappone.

15:17
Autorità Usa invitano militari a limitare attività esterne
Le autorità americane hanno raccomandato al personale e ai loro familiari delle basi militari di Yokosuka, nella baia di Tokyo, e Atsugi di "adottare precauzioni". Tra le misure consigliate c'è anche quella di limitare il più possibile le attività esterne.

15:56
Ministro giapponese: "Possibili danni salute cittadini"
Le radiazioni dovute all'incidente nel reattore n.4 della centrale di Fukushima, in Giappone, potrebbero essere "dannose per la salute" della popolazione. Lo ha detto oggi a Parigi il ministro degli Esteri giapponese, Takeaki Matsumoto, durante la conferenza stampa che ha seguito la riunione del G8.

17:53
Direttore generale Aiea: "danni al nocciolo del reattore 2"
Il direttore generale dell'Aiea, il giapponese Yukiya Amano, ha detto che il nocciolo 2 della centrale nucleare di Fukushima potrebbe aver subito danni limitati. "C'è la possibilità di danni al noccioli. La stima è che il danno sia inferiore al 5%", ha detto Amano in una conferenza stampa a Vienna.

18:15
Oettinger: "Incidenti passati a livello 6"
La valutazione della gravità degli incidenti nucleari in Giappone "è passata da un livello 4 ad un livello 6 sulla base di quanto successo nelle ultime 24 ore". Lo ha confermato il commissario europeo per l'energia, Gunther Oettinger, in una conferenza stampa tenuta dopo la riunione dei ministri e degli esperti di energia nucleare tenuta nel pomeriggio a Bruxelles".

Ecco fatto.

E dopo questa notizia, penso che riguardo alla gravità della situazione dei reattori nella centrale giapponese...non vi siano più dubbi.


A seguire.

DEVASTANTE TERREMOTO IN GIAPPONE. L'INCUBO NUCLEARE CONTINUA



Approfondimenti:

- COSA SUCCEDE CON LA FUSIONE DEL NOCCIOLO

1 commento:

Gaetano ha detto...

Ti garantisco contro un imprevisto?
http://orahovistotutto.blogspot.com/