Post in evidenza

PANDORA'S TIMES parte CCXLVI

Prosegue dalla parte CCXLV . "Noi siamo Uno... TUTTO è UNO". Siamo polvere di stelle, ma di altre galassie: gli astrofisic...

sabato 19 marzo 2011

PANDORA'S TIMES parte CXIII

Prosegue dalla parte CXII.


Nuovo Ordine Mondiale.

BAHREIN

E poi, le minacce, divennero "un pò meno"...diplomatiche...

Truppe saudite in Bahrein, Ahmadinejad minaccia Riyad: “Farete la fine di Saddam Hussein”

Bahrein soffoca la rivolta, Iran minaccia la guerra

Link articolo: wallstreetitalia.com

Da cui cito...

L'Iran invece da parte sua non ha intenzione di rimanere con le mani in tasca e ha appena richiamato a casa l'ambasciatore in Bahrein e non sembra intenzionato a volersi fermare li'. Il deputato della Repubblica Islamica Hossein Naqavi ha annunciato in un intervento televisivo che "risponderanno con tutte le loro forze e potenziale a disposizione per mettere fine all'oppressione della gente in Bahrein". C'e' il rischio di una nuova Guerra del Golfo, con la differenza che questa volta sara' l'Iran a intervenire e non gli Usa.

In Bahrein, ricordo, c'è il quartier generale della quinta flotta Usa.

Ecco spiegato, almeno in ''buona parte'', il perché, le forze statunitensi, "ritengano di non esporsi più di tanto" sul fronte libico.

Ovvero, la minaccia più grande, per loro ( ed a ragione ), è situata nel golfo Persico.

"E di conseguenza, fino ad Israele."

Poi. Se ricordo bene, da qualche parte, avevo scritto che vi era la possibilità, che "colui che fisicamente" avrebbe acceso il fuoco mediorientale, non necessariamente sarebbe stato Israele.

Se ciò, che è sopra esposto si andrà a realizzare nella realtà degli eventi futuri...

Beh! Vi sarà un altro pò di "Gloria" in arrivo.

Bahrain, al Khalifa:" la repressione ha fatto fallire il complotto straniero"

Lunedì 21 Marzo 2011 12:35

Il re del Bahrain Hamad bin Isa al Khalifa ha affermato che la repressione poliziesca adottata nel Paese ha fatto fallire un "complotto straniero" contro i Paesi del Consiglio della cooperazione del Golfo in preparazione da "almeno venti o trent'anni".

Quest'anno la Repubblica islamica dell'Iran ha celebrato il trentaduesimo anniversario della Rivoluzione islamica, quindi il riferimento del sovrano marionetta di Manama era probabilmente rivolto all'Iran, anche in considerazione del fatto che gli al Khalifa, sunniti legati alla famiglia reale saudita, governano un Paese a stragrande maggioranza sciita, popolazione ampiamente discriminata.

Link: focusmo.it


LIBIA

Ciò che segue, è sempre tratto dalla diretta di repubblica.it.

20:57
È IN CORSO L'OPERAZIONE ''ODISSEA ALL'ALBA''
E' in corso l'operazione "Odissea all'alba" per distruggere la contraerea libica. Lo annuncia il Pentagono, precisando che oltre agli Usa sono coinvolti Gb, Francia, Italia e Canada. Le operazioni americane sono guidate dal generale Carter Ham, e hanno l'obiettivo di consentire le operazione decise dall'Onu.

21:08
BOSSI: "CI PORTERANNO VIA IL PETROLIO E IL GAS"
Bossi critico: "Non possiamo essere prudenti come la Germania? "Si, si. So quel che dice Berlusconi ma io penso che ci porteranno via il petrolio e il gas e con i bombardamenti che stanno facendo verranno qua milioni di immigrati, scappano tutti e vengono qua".

( E forse, almeno questa volta, "tutti i torti", non li ha...anzi )

22:37
GHEDDAFI MINACCIA: ''MEDITERRANEO CAMPO DI BATTAGLIA, COLPIREMO OBIETTIVI CIVILI E MILITARI''
"Il Mediterraneo e il Nordafrica sono un campo di battaglia, colpiremo obiettivi militari e civili". Lo ha detto il colonnello Muammar Gheddafi. Gheddafi ha parlato di un "attacco crociato" e ha chiesto ad africani, arabi, sudamericani e asiatici di unirsi ai libici contro il nemico. "I magazzini di armi saranno aperti al popolo per difendersi", ha aggiunto.

23:03
TESTIMONI ALL'ANSA: "COLPITO OSPEDALE IN SOBBORGO DI TRIPOLI"
Testimoni sul posto hanno detto all'agenzia Ansa che "è certo che un ospedale è stato colpito nei pressi di Tajoura", sobborgo a poca distanza da Tripoli. Secondo i testimoni alcuni giornalisti stranieri ospitati in un albergo del centro avrebbero parlato di esplosioni senza precisare esattamente il luogo né l'intensità.

LE OPERAZIONI

"Sarà una guerra lampo prima che il raìs incendi i pozzi"

I piani della coalizione: pioggia di fuoco giorno e notte. Nel mirino radar, cisterne e contraerea. Non ingaggerà in campo aperto: troppa la sproporzione delle forze Gheddafi non controlla né cielo né mare. I suoi Mig accecati dalla guerra elettronica

di CARLO BONINI

ROMA - Giorni. Pochi giorni. Non mesi.
Tantomeno settimane. Le ragioni, l'agenda e i delicati equilibri che tengono insieme le cancellerie di Parigi e Londra, la Casa Bianca e la Lega Araba, definiscono i "battle plans" degli stati maggiori alleati. Promettono - lo ha sottolineato ieri Barack Obama, lo annuncia questo incipit di guerra con gli attacchi al suolo francesi su bersagli in movimento e con i 110 missili da crociera americani e inglesi rovesciati in meno di un'ora sui quadranti di Tripoli e Misurata - un conflitto rapido. Con fuoco dal mare e dall'aria su obiettivi militari libici indicati come "circoscritti": installazioni radar, centri di controllo e comando, fortificazioni e rifugi sotterranei, caserme, difese costiere, unità meccanizzate e corazzate, batterie di lancio della difesa aerea e missilistica, depositi di carburante, basi aeree

Continua su: repubblica.it

IL COMMENTO

Rombano i motori dell'armata dell'Occidente

di EUGENIO SCALFARI

A PARIGI il vertice internazionale dei Paesi interventisti ha deciso l'attacco militare immediato avvertendo Gheddafi che lo stop ai raid è subordinato alla sua resa. Gli aerei delle potenze che agiscono sulla base della risoluzione dell'Onu sono arrivati nelle basi italiane. L'operazione militare è cominciata, ma il dibattito politico in Europa è apertissimo.

Continua su: repubblica.it

DIRETTA

Gheddafi: "Sarà un inferno per voi"
Il rimorchiatore italiano verso l'Italia
Napolitano: "Non siamo in guerra"

Link aggiornamenti del 20/03/2011: repubblica.it

Da cui cito...

11:49
STAMPA GB: FORZE SPECIALI INGLESI A FIANCO DEI RIBELLI GIÀ DA SETTIMANE
Centinaia di soldati delle forze speciali britanniche Sas sarebbero in azione da almeno tre settimane in Libia al fianco dei gruppi ribelli, afferma oggi il quotidiano Sunday Mirror. Due unità di forze speciali soprannominate "Smash" per la loro capacità distruttiva, avrebbero dato la caccia ai sistemi di lancio di missili terra aria di Muammar Gheddafi (i Sam 5 di fabbricazione russa) in grado di colpire bersagli attraverso il Mediterraneo con una gittata di quasi 400 chilometri. Affiancate da personale sanitario, ingegneri e segnalatori, le Sas hanno creato posizioni sul terreno in modo da venire in aiuto in caso in cui jet della coalizione fossero stati abbattuti durante i raid.

( Della presenza
di personale occidentale specializzato, o consulenti se preferite, in Libia, ne eravamo venuti a conoscenza, giusto appunto, alcune settimane fà tramite Debka. Piuttosto, alla luce del contenuto di questa notizia, mi chiedo...l'intervento, era già preventivato da più di alcune settimane? )

14:46
RUSSIA CHIEDE DI SOSPENDERE USO NON SELETTIVO DELLA FORZA
La Russia ha chiesto a Francia, Gran Bretagna e Usa di "sospendere l'uso non selettivo della forza" contro la Libia. In un comunicato il ministero degli Esteri di Mosca ha espresso "rammarico" per un intervento giudicato "troppo frettoloso". I media locali hanno inoltre citato "fonti" del Cremlino secondo le quali l'ambasciatore di Mosca a Tripoli è stato sollevato dall'incarico, per ragioni ancora non chiare

( riguardo l'ambasciatore, trovo che sarebbe, più che interessante, venire a conoscenza di queste "ragioni" )

Libia: Lega Araba critica raid aerei

Forze fedeli a Gheddafi entrano a Misurata e bloccano il porto

20 marzo, 15:32

(ANSA) - IL CAIRO, 20 MAR - La Lega Araba critica i raid aerei della coalizione internazionale sulla Libia, che sono andati oltre il loro obiettivo, che era di imporre una non fly zone; un obiettivo 'diverso da quanto sta succedendo'. 'Quello che vogliamo e' proteggere i civili, non bombardarne altri', ha detto il segretario generale, Amr Mussa.
Le forze fedeli a Gheddafi sono entrate intanto nella citta' insorta di Misurata e hanno bloccato il porto cittadino con le loro imbarcazioni, fermando gli approvvigionamenti

E poi, ancora dalla diretta di repubblica.it...

17:34
ARMI CHIMICHE, USA: CONTROLLIAMO LE RISERVE LIBICHE DI GAS MOSTARDA
Gli Usa "controllano da vicino" le riserve di gas mostarda in possesso del regime libico, nell'ambito dell'intervento della coalizione occidentale in Libia. Lo ha dichiarato oggi l'ammiraglio Mike Mullen, capo degli stati maggiori riuniti degli Stati Uniti, in un'intervista alla Cbs. "Ce n'è una certa quantità nelle riserve", ha precisato Mullen. Secondo l'organizzazione dell'Aja per la proibizione delle armi chimiche, a cui la Libia ha aderito nel 2004, il regime del Gheddafi dispone di oltre 10 tonnellate di questo gas, ma ha distrutto le munizioni necessarie per l'innesco delle testate.
Il gas mostarda venne utilizzato per la prima volta dall'esercito tedesco nel 1917, nella località belga di Ypres: indolore al contatto, è letale anche in piccole concentrazioni ed è in grado inoltre di provocare gravi lesioni cutanee, di difficile guarigione

Libya War - U.S Invading Libya For Oil Says, Louis Farrakhan
GUERRA IN LIBIA - SECONDO LOUIS FARRAKAN, GLI STATI UNITI STANNO INVADENDO LA LIBIA PER IL PETROLIO
( in inglese - ufo-blogger.com ).

Dall'articolo...

We don't have to forget in his United Nations (UN) organization's General Assembly speech in 2009 Gaddafi claimed that the H1N1 virus is a "military bio-weapon".
Noi non dobbiamo dimenticare che nel suo discorso all'Assemblea Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite nel 2009, Gheddafi ha affermato che il virus H1N1 è un'"arma biologica militare".

So now big question, Is Gaddafi paying price for telling the truth ?
Così ora la grande domanda, Gheddafi sta pagando il prezzo per aver raccontato la verità?


Mah! Secondo me, alcune domande interessanti sono...

Oltre, alla sempre verde motivazione petrolio-materie prime...in generale, ovviamente.

Per esempio.

- Quali armamenti pesanti, ha recentemente acquisito Gheddafi per 1,2 miliardi di dollari, da o tramite la Siria?

- A quale scopo serviranno, le armi chimiche ( molto probabilmente, "gas mostarda", che i libici hanno ancora, anche se, a quanto pare, hanno da tempo distrutto, in rispetto dei dettami Onu, gli inneschi per l'artiglieria, per l'eventuale lancio ), che i ribelli, grazie ad un intermediario iraniano, hanno ceduto ad Hamas ed Hezbollah?

Ed ancora...

- L'accanimento della Francia ad attaccare, addirittura da sola, è forse dovuto, alla minaccia esplicita di alcune settimane fa, da parte di Gheddafi, in merito a rivelazioni scottanti, riguardanti, in generale la Francia ed in particolare l'operato dei suoi governanti?

Se si...a che cosa si riferivano queste rivelazioni?

In un prossimo futuro, vista la situazione, le rivelerà?

- Nel 2009, ad una riunione dell'assemblea delle Nazione Unite, parlo apertamente del virus H1N1, come un'arma biologica militare.

Ciò che sta avvenendo, alla "luce" di cosa è accaduto ad altri personaggi che hanno sostenuto la medesima tesi, può essere la giusta punizione per quelle sue parole?

Mi fermo qui.


A seguire la parte CXIV.

Nessun commento: