Post in evidenza

PANDORA'S TIMES parte CCXLVI

Prosegue dalla parte CCXLV . "Noi siamo Uno... TUTTO è UNO". Siamo polvere di stelle, ma di altre galassie: gli astrofisic...

giovedì 24 marzo 2011

DEVASTANTE TERREMOTO IN GIAPPONE.INCUBO NUCLEARE. RADIOATTIVITÀ.CONTAMINAZIONE

Prosegue da questo post.


SALUTE: GIAPPONE, CONTAMINAZIONE DA RADIAZIONI IN LATTE, ACQUA E VERDURA

(ASCA) - Roma, 24 mar - Dopo il terremoto e lo tsunami, ora il Giappone deve affrontare il pericolo radiazioni. Per salvaguardare la salute pubblica il Governo ha avviato un monitoraggio di acqua, cibo e vegetali rilevando la presenza di iodio-131 (che causa il cancro alla tiroide) e di cesio-137 (responsabile di alcune forme tumorali) nel latte, nell'acqua corrente e nella verdure a foglia verde, superiore in alcuni casi ai livelli consentiti.

Anche se i rischi per la salute umana derivano dal consumo a lungo termine di questi alimenti, spiega dalle pagine della rivista Nature William McCarthy, ricercatore del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge (Usa), ''la cosa piu' prudente da fare e' non assumere questi cibi''. noe/mar/rob

GIAPPONE: TRE LAVORATORI CONTAMINATI DA ALTE RADIAZIONI A FUKUSHIMA

(ASCA) - Roma, 24 mar - Tre lavoratori all'opera presso la centrale nucleare di Fukushima 1 sono stati ricoverati in ospedale perche' contagiati da alte radiazioni. Lo hanno reso noto l'agenzia di
sicurezza nucleare giapponese e la Tepco, citate dall'agenzia Kyodo news.

I tre uomini, tra i 20 e i 30 anni, sono stati esposti a radiazioni pari a 173-180 millisievert mentre erano a lavoro al reattore numero 3 dell'impianto.

A due di loro sono state diagnosticate possibili ustioni da raggi beta, quindi nelle prossime ore saranno inviati all'Istituto Nazionale di Scienze Radiologiche nella Prefettura di Chiba, spiega l'agenzia. red/sam/ss

Giappone, allarme acqua
contaminata: corsa a
scorte di bottiglie

A Hitachi l'invito ad astenersi dal bere quella del rubinetto

(TMnews) - 24 marzo 2011 - Emergenza radioattività in Giappone, dopo i danni alle centrali nucleari di Fukushima causati dal terremoto e dallo tsunami dell'11 marzo. In particolare è alta la preoccupazione per l'acqua corrente: dalla città di Hitachi arriva la notizia della presenza di iodio radioattivo e l'invito delle autorità governativealla popolazione di astenersi dal dare acqua corrente ai bambini. Per questo si stanno predisponendo scorte di acqua in bottiglia da consegnare con i camion: oltre 2,4 tonnellate di acqua minerale arrivano dalla città di Gujo.

Notizie (ufficiali), sempre più preoccupanti, giungono dal...

GIAPPONE

Fukushima, gravità
potrebbe salire a 6
probabili danni alla
vasca del reattore 3

L'Agenzia per la sicurezza nucleare non esclude di portare al penultimo gradino della scala di valutazione l'incidente alla centrale. Il governo invita alla "evacuazione volontaria" fino ai 30 chilometri dall'impianto. Oltre 27 mila morti e dispersi

TOKYO - Prima l'Agenzia giapponese per la sicurezza nucleare indica che potrebbe rialzare da 5 a 6 su una scala di 7 il livello di gravità dell'incidente alla centrale di Fukushima. Poi arriva la notizia che potrebbe essere stato danneggiato il contenitore delle barre di combustibile del reattore numero 3. La situazione rimane critica, tanto che il governo nipponico invita alla "evacuazione volontaria" fino ai 30 chilometri dall'impianto, sostenendo che l'obiettivo è "migliorare la qualità della vita quotidiana" e che la scelta non è "legata a motivi di sicurezza". Ad aumentare l'allarme ci sono anche i risultati delle analisi su legumi provenienti da Tokyo, ma non destinati alla vendita in cui per la prima volta è stato riscontrato un livello superiore al limite consentito di radioattività. Citando il ministro della Sanità, i mezzi di informazione locali hanno riferito che si tratta di un legume con foglie verdi, il komatsuna, coltivato in un centro ricerche a Edogawa, nella periferia di Tokyo e a 250 chilometri dalla centrale nucleare di Fukushima. Secondo la televisione pubblica Nhk, non ci sono rischi sulla salute.

L'Agenzia per la sicurezza nucleare (Nisa) aveva assegnato un rating provvisorio di 5 ("incidente con più ampie conseguenze") lo scorso 18 marzo, a una settimana dal sisma e dallo tsunami che hanno messo fuori uso l'impianto di raffreddamento della centrale e causato gravi danni ad alcuni dei suoi reattori. Ora, dopo la raccolta di dati sui livelli di radioattività nelle zone limitrofe, pensa di portarlo a 6 ("grave incidente").

"Il rating attuale e provvisorio si basa sulle informazioni disponibili al momento della valutazione", ha spiegato Hidehiko Nishiyama, portavoce della Nisa, in una conferenza stampa.
"La situazione rimane fluida e per la valutazione finale è necessario attendere che la situazione si stabilizzi e che tutti i dati sulle radiazioni diventino disponibili", ha concluso.

I giudizi sulla gravità degli incidenti nucleari sono emessi secondo la International Nuclear and Radiological Event Scale (Ines), una scala introdotta dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea, che fa capo all'Onu), per consentire la comunicazione tempestiva delle informazioni rilevanti sulla sicurezza in caso di incidenti nucleari. La Ines si compone di 7 livelli: finora quello più grave, il settimo, è stato assegnato al disastro di Chernobyl del 26 aprile del 1986.

Continua su: repubblica.it

Come d'altronde, era già intuibile, nei giorni scorsi.

Giappone: acqua radioattiva in 4 reattori

Pari a 10.000 volte i livelli normali

25 marzo, 16:48

(ANSA) - TOKYO, 25 MAR - L'agenzia Kyodo, citando la Tepco, riferisce che acqua altamente radioattiva e' stata rilevata nei quattro reattori piu' problematici della centrale nucleare di Fukushima, pari a 10.000 volte i livelli normali. Tepco ha iniziato oggi a riversare acqua dolce nei reattori n.1 e n.3, quelli che hanno mostrato segnali piu' critici nelle ultime ore, allo scopo di migliorare l'efficienza del raffreddamento, anche se l'acqua radioattiva e' stata trovata in entrambi e in quelli n.2 e n.4.

Fukushima: iodio e cesio come a Chernobyl

Lo spiega un articolo sulla rivista 'New Scientist'

25 marzo, 19:17

(ANSA) - ROMA, 25 MAR - I livelli di iodio e cesio radioattivo emessi da Fukushima sono sempre piu' simili a quelli dell'incidente di Chernobyl. Lo iodio-131 rilasciato giornalmente e' pari al 73% di quello visto a Chernobyl, e il cesio-137 al 60%. A spiegarlo e' il 'New Scientist'. Mentre a Chernobyl l'incendio rilascio' molto materiale radioattivo sotto forma di fumo, a Fukushima invece solo gli elementi volatili, come iodio e cesio, stanno traboccando fuori. Ma queste sostanze sono comunque pericolose.

Giappone: governo, situazione e' stabile

Edano: difficile prevedere fine. Livelli iodio in mare +1.250%

26 marzo, 10:56

(ANSA) - TOKYO, 26 MAR - La situazione alla centrale nucleare di Fukushima e' stabile e ''non peggiora, ma c'e' ancora molto lavoro da fare''.
Lo ha detto il capo di gabinetto del governo, Yukio Edano, aggiungendo che ''e' difficile prevedere la fine della crisi''. Intanto l'Agenzia giapponese per la sicurezza nucleare rende noto che i livelli di iodio radioattivo in mare a Fukushima sono 1.250 volte piu' alti della norma: 50 centilitri di acqua ne contengono il limite annuale assorbibile dall'uomo.

Ovvero, se un uomo, ingerisse mezzo litro di quell'acqua, assorbirebbe una dose di radiazioni pari al limite tollerabile in un anno.

E poi.

Cittadini...tutto a posto, calma e relax...

Giappone: controlli acqua mare Fukushima

Funzionari ottimisti: non c'e' motivo di preoccupazione

26 marzo, 11:36

(ANSA) - TOKYO, 26 MAR - Funzionari giapponesi stanno controllando i livelli di radiazioni nell'acqua di mare a 30 km dalla centrale nucleare di Fukushima ma sono convinti che i dati mostreranno che non c'e' motivo di preoccupazione per il rischio di contaminazione del pesce. Un funzionario del Ministero della Scienza aveva detto in una conferenza stampa che i livelli di iodio 131 nell'acqua di mare a quella distanza dall'impianto nucleare costiero erano nei limiti di legge.

Ma "qualcuno", non la reputa così tranquilla e rilassata.

Come presunto in precedenza, un poco alla volta, la "verità dei fatti", nell'immane disastro giapponese, sta venendo alla luce...

Giappone: Greenpeace, Fukushima già a livello 7 come Cernobyl

Secondo studio di esperto tedesco su dati francesi e austriaci

26 marzo, 13:59

ROMA - Un nuovo studio commissionato da Greenpeace Germania a Helmut Hirsch, esperto di sicurezza nucleare, rivela che l'incidente alla centrale giapponese di Fukushima, avrebbe già rilasciato un tale livello di radioattività da essere classificato di livello 7, secondo l'International Nuclear Event Scale (INES). Lo studio di Hirsch, che si basa sui dati pubblicati dall'Agenzia Governativa Francese per la Protezione da Radiazioni (IRSN) e dall'Istituto Centrale di Meteorologia Austriaco (ZAMG), ha rilevato che la quantità totale di radionuclidi di iodio-131 e cesio-137, rilasciata a Fukushima tra 11 e il 13 marzo 2011, equivale al triplo del valore minimo per classificare un incidente come livello 7 nella scala INES. Il livello 7 è quello massimo di gravità per gli incidenti nucleari, raggiunto in precedenza solo durante l'incidente a Cernobyl del 1986.
Greenpeace ha inviato in Giappone un gruppo di esperti che da oggi inizieranno a monitorare i livelli di contaminazione radioattiva intorno alla zona di evacuazione.

Mentre a Cernobyl l'incidente aveva coinvolto un solo reattore, a Fukushima, osserva Greepeace, "si ha avuto rilascio di radioattività da quattro reattori. I reattori 1, 2 e 3 hanno subito perdita di liquido refrigerante che ha portato alla fusione del combustibile nucleare. La piscina del reattore 4, contenente combustibile nucleare esausto, ha perso liquido refrigerante fino a produrre un incendio che ha coinvolto il combustibile.
Un'esplosione di idrogeno ha infine distrutto la struttura del reattore 4". "Sommando i rilasci di radiazione da tutti i reattori dell'impianto di Fukushima-daiichi, ovvio che sia raggiunto il livello 7 nella scala INES. E' probabile che la quantità totale di radiazione equivale al triplo del valore minimo per classificare un incidente come livello 7. Il rilascio di radioattivit, infatti, 100.000 TBq (TeraBequerel) per ogni reattore, dunque si tratta di tre incidenti di scala 7" conclude Hirsch, l'esperto tedesco che ha redatto lo studio.
Greenpeace si dice particolarmente preoccupata
per gli effetti che la ricaduta radioattiva avrà su un paese ad alta densità di popolazione come il Giappone. La maggior parte della radioattività di Cernobyl ricaduta sulla Bielorussia, con una densità abitativa di 40 persone per chilometro quadrato. Il Giappone ha una densità media di 800 persone per chilometro quadrato. L'area metropolitana di Tokyo ha densità di oltre 1200 persone per chilometro quadro. "Le implicazioni per la dose collettiva di radiazione sulla popolazione - conclude l'associazione - potrebbero essere enormi".

Link articolo: ansa.it

Fino a creare un nuovo livello, il livello 8...FUKUSHIMA, nella scala INES.

Speriamo, che nella realtà dei fatti, non si arrivi a tanto.

"La replica...dall'Italia"...

Giappone: esperto nucleare, no livello 7

'Contaminazione a Fukushima non massiva come a Chernobyl'

26 marzo, 16:33

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Non ci sono elementi per valutare al livello 7 l'incidente nella centrale nucleare giapponese di Fukushima 1: lo ha detto l'esperto dell'Enea Eugenio Santoro. E' invece piu' plausibile, ha osservato, che l'incidente possa essere classificato dall'attuale livello 5 al livello 6 della scala Ines. Secondo Santoro 'la contaminazione avvenuta a Fukushima non e' massiva come lo e' stata quella di Chernobyl', dove un'esplosione violenta scaglio' materiali radioattivi direttamente nell'alta atmosfera.

A chi credere?


A seguire.

DEVASTANTE TERREMOTO IN GIAPPONE. CONTAMINAZIONE. L'INCUBO NUCLEARE CONTINUA

Nessun commento: