Post in evidenza

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/50

Continua da questo post . Segnalando altolocati, altrui punti di vista...e consigli, da un ormai in percorso d'uscita, Oltremanica......

lunedì 21 marzo 2011

PANDORA'S TIMES parte CXIV

Prosegue dalla parte CXIII.


IRAN

Arriva l’UFO degli Ayatollah, il video del Zohal iraniano

MARTEDÌ, 22 MARZO 2011 | 10:16



Link articolo: notiziefresche.info

Articolo originale, in inglese del Daily mail.

Se corrisponde a realtà, è interessante sotto molti aspetti.


Nuovo Ordine Mondiale.

YEMEN

Yemen: 20 morti in combattimenti

Governatore di Aden passa con rivoltosi, si dimette ambasciatore

21 marzo, 13:14

(ANSA) - SANAA, 21 MAR - Combattimenti nel nord dello Yemen tra esercito e ribelli che si battono contro il regime del presidente Saleh, al potere da 32 anni, hanno causato ieri almeno 20 morti. Intanto il governatore di Aden e' passato con i ribelli e l'ambasciatore yemenita a Damasco si e' dimesso. Anche il generale Ali Mohsen al Ahmar ha presentato oggi le dimissioni. Carri armati sono dispiegati stamani a Sanaa, intorno al palazzo presidenziale. Sono 60 gli ufficiali dell'esercito passati con la protesta nel sud-est.

PROTESTA

Yemen, il presidente "È colpo di Stato, ci sarà sanguinosa guerra civile"

Abdullah Saleh, il giorno dopo la defezione di alcuni generali che si sono uniti ai manifestanti, avvisa sulle tragiche conseguenze di un eventuale golpe. Dura condanna della Farnesina per
l'uccisione di manifestanti

Continua su: repubblica.it


LIBIA

La guerra segreta delle 'Operazioni Psicologiche'

21 marzo, 13:10

ROMA - La guerra non si combatte solo con le bombe ma anche con la psicologia: e gli aerei che trasmettono i messaggi 'subliminali' ai libici sono già entrati in azione. Secondo quanto racconta il centro olandese di monitoraggio delle frequenze, Fmc, accanto ad Odyssey Dawn sono partite le 'Psyops', o 'Operazioni psicologiche': da alcuni aerei della coalizione dei volenterosi vengono diffusi messaggi di minaccia per l'esercito libico.
''Navi libiche, se cercate di lasciare il porto, sarette immediatamente attaccate e distrutte quindi non vi muovete'', ''Per la vostra sicurezza, non cercate di lasciare il porto'', è uno dei messaggi scanditi in inglese, francese e arabo.

Link articolo, con pdf correlato: ansa.it

IL REPORTAGE

Il pianto via radio del generale ribelle
"Soldati, abbandonate Gheddafi"

Appelli alla defezione dagli altoparlanti appesi ai lampioni. Nella capitale degli insorti caccia agli infiltrat. A guidare la ribellione l'ex ministro Fatah Yunis

Continua su: repubblica.it

DIRETTA

Frattini: "Senza Nato ci riprendiamo le basi"
Scontro con la Francia sul comando
Tripoli, attacco al bunker di Gheddafi

Link aggiornamenti del 21/03/2011: repubblica.it

E dalla diretta, cito...

10:32

ESPERTO RUSSO: "POSSIBILI KAMIKAZE IN ITALIA"
Uno degli esperti militari russi più noti ha avvertito che il leader libico Muammar Gheddafi potrebbe inviare kamikaze contro basi Nato in Italia. Lo riferisce l'agenzia Interfax. "Gheddafi - ha detto il generale in pensione Leonid Ivashov - potrebbe usare altri metodi, come sabotaggi contro basi Nato in Italia e basi statunitensi e britanniche in paesi arabi. In queste azioni potrebbe coinvolgere forze anti-americane e anti-europee, giovani e attentatori suicidi". L'esperto ha detto che "Gheddafi ha sistemi in grado di abbattere aerei della Nato, ma l'aggressore ha una generale superiorità".

( Si, concordo. Questa è la minaccia più realistica. Infiltrare tra i clandestini potenziali terroristi, anche se, non necessariamente...suicidi )

LIBIA

Il regime ora spera
"Il peggio è passato"

Raid occidentali sui porti. I ribelli: "Il raìs usa scudi
umani". A Misurata i tank contro i civili: decine di
morti. Le forze di Gheddafi nascondono ai caccia i
loro soldati e i loro carri armati in città e villaggi

Continua su: repubblica.it

Libia: 40 morti a Misurata

Precipita caccia Usa, ribelli salvano pilota

22 marzo, 12:09

(ANSA) - LIBIA, 22 MAR - Sono almeno 40, secondo testimoni, le persone uccise nel cannoneggiamento da parte dei carri armati di
Gheddafi, sulla citta' ribelle di Misurata. Morti anche 4 bambini. Un cacciabombardiere F-15 Usa e' precipitato in Libia durante un raid, a quanto pare per un'avaria. Salvati i due piloti, lanciatisi dall'abitacolo, dai ribelli libici.

Intanto, secondo l'Alto commissariato delle Nazioni unite per i profughi, migliaia di persone sono fuggite dalle loro case e si sono rifugiate nell'est del paese.

L'Iran prende le distanze dallo
storico alleato Gheddafi

Martedì 22 Marzo 2011 12:20

A metà degli anni Ottanta l’allora presidente iraniano Ali Khamenei e il suo ministro per i Pasdaran, Mohsen Rafiq-Dust, visitarono Tripoli per suggellare un accordo fondamentale con Muhammar Gheddafi. Dopo mesi di negoziati e contatti, la Repubblica islamica riuscì ad acquistare una partita consistente di missili Scud-B dal rais di Tripoli, che divenne così l’unico leader arabo a
rifornire Teheran di armi “pesanti” durante la lunga e sanguinosa guerra contro l’Iraq di Saddam Hussein, allora passata alla fase del
conflitto missilistico a distanza.

Continua su: focusmo.it

Mistero sul nascondiglio di Gheddafi

Nel deserto con 40 vergini?

22 marzo, 20:56

di Mattia Bernardo Bagnoli

LONDRA - Dov'é il Colonnello? Nascosto nella sua tana, "come un ratto" (parola del numero due della missione libica all'ONU), o nel deserto, protetto dalla vastità del Sahara e dall'abbraccio
della "sua" gente, i beduini che lo amano e i mercenari che amano il suo oro? Non si sa.
Gheddafi, da quando sono volate le prime bombe, s'é dato alla macchia. Meglio non stuzzicare i missili teleguidati anglo-americani, persino loro incerti se il rais sia un obiettivo militare o meno.

Continua su: ansa.it

LIBIA

Missili su Tripoli, sangue
a Misurata
"Trovato accordo sul
comando Nato"

Nuovi raid. Attacco lealista a Misurata e ad Ajdabiya, almeno 40 morti. Precipita un jet americano, nei soccorsi feriti sei civili. Obama, Cameron e Sarkozy trovano l'intesa sul comando dell'Alleanza. Strappo della Germania: ritira la Marina dalle operazioni nel Mediterraneo. Ora il dibattito in Parlamento

Continua su: repubblica.it

Nato, lo strappo della Germania ritira la Marina dal Mediterraneo

Berlino annuncia il ritiro della Bundesmarine dalle operazioni dell'Alleanza, dopo il no alle operazioni
congiunte per imporre la no fly zone sulla Libia.
Gli osservatori: un danno alla posizione negoziale,
alla credibilità e all'immagine del Paese di Merkel e Westerwelle

Continua su: repubblica.it

Interessante.

E se ciò, rappresentasse la realtà, di ciò che ha scritto uno studioso alchimista francese del secolo XVI nelle sue profezie, ovvero, il tradimento del "lupo"?

Ciò starebbe anche a significare, che il tempo di grandi eventi bellici "mondiali", è ormai "prossimo".

"Manca solo...una cometa", o altro evento, talmente visibile però, ad occhio nudo, da apparire come un secondo sole.

Vedremo.


"E mentre tutto il mondo, guarda alla Libia"..

GAZA

"Scintille...'pesanti'...in medioriente"...

Carrarmati contro casa,
uccisi due bambini
Continuano raid aerei su
Gaza, 17 feriti

Secondo fonti mediche palestinesi nell'attacco
all'abitazione sono morte almeno 4 persone e i
feriti sarebbero il doppio. Gli israeliani hanno
compiuto nella notte cinque raid aerei contro
diversi obiettivi e aperto il fuoco contro militanti
palestinesi che volevano lanciare missili anti tank
ai soldati oltre confine

Continua su: repubblica.it

Ed ancora, da altra fonte...

Tensione al confine tra Gaza e Israele

Martedì 22 Marzo 2011 15:20

Mentre gli occhi della comunità internazionale
sono puntati sulla Libia, sale la tensione al confine
tra Gaza e Israele. Dopo gli incidenti registrati nel
fine settimana, e che hanno causato, tra l’altro, la
morte di due presunti terroristi palestinesi, nella
serata di ieri l’aviazione israeliana ha bombardato
ripetutamente Gaza.

Continua su: focusmo.it


ISRAELE

Netanyahu, agire sull'Iran come in Libia

Comunita' si mobilitino anche per impedire stragi in Iran

22 marzo, 20:03

(ANSA) - GERUSALEMME, 22 MAR - Il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha chiesto all'Occidente di comportarsi con l'Iran come sta ora facendo nei confronti della Libia. Secondo Netanyahu le rivolte in corso in Libia e in diversi stati della regione non sono cominciati a Tunisi ma un anno e mezzo fa in Iran quando 'in milioni sono scesi in piazza per chiedere liberta' uguaglianza e diritti'. Se il mondo democratico si mobilita per impedire stragi in Libia, ha sottolineato, deve fare lo stesso anche in Iran.

Gaza: Netanyahu convoca consultazione

Altri razzi sul Neghev, non ci sono vittime

23 marzo, 09:33

(ANSA) - GERUSALEMME, 23 MAR - Una
consultazione straordinaria e' stata convocata per
oggi dal premier Benyamin Netanyahu per
esaminare la situazione creatasi nel sud di Israele,
esposto da ieri a ripetuti attacchi di razzi e mortai
palestinesi, da Gaza.

Alla consultazione parteciperanno i ministri a lui
piu' vicini e responsabili militari. Nel frattempo
Beer Sheba, la principale citta' del Neghev, e' stata
attaccata stamane per la seconda volta in poche
ore con un razzo Grad sparato da Gaza. Non ci
sono vittime.

Dichiarazione di "Preparativi per una catastrofe", dapprima regionale e poi...Mondiale...

Israele: possibile una seconda operazione "Piombo fuso"

Mercoledì 23 Marzo 2011 12:58

«Israele potrebbe dover considerare una nuova
offensiva contro Gaza». A prospettare l’eventualità
di una Piombo fuso II è stato il vice premier israeliano, Silvan Shalom, che oggi ha commentato alla radio nazionale la recrudescenza
di attacchi e incidenti al confine con la striscia costiera governata dall’organizzazione islamico-radicale di Hamas.

L’ultima aggressione è stata rivendicata dalla Jihad
islamica, sigla minore e occasionale alleato del
maggiore partito islamico palestinese. Missili e
colpi di mortaio sono stati sparati nelle prime ore
della mattina contro Ashdod, città al confine con l’enclave palestinese, e contro Beer Sheva, importante centro nel deserto del Negev. Da settimane attacchi e rappresaglie si susseguono a ritmo serrato. Particolarmente drammatico il bilancio degli ultimi giorni: nella notte di lunedì, Israele ha compiuto raid aerei ripetuti contro «obiettivi terroristici», uccidendo almeno otto persone, tra bambini e civili. Nel fine settimana, una pioggia di razzi e colpi di mortaio era stata sparata dalla striscia costiera, senza provocare vittime, né danni significativi, ma facendo balzare alle stelle il livello di allarme. Parlando alla radio, Shalom ha dichiarato che la situazione attuale ricorda quella immediatamente precedente la guerra di Gaza del 2008-9. «Potremmo dover ricorrere a un’azione simile», ha ammesso il vice premier, aggiungendo: «Mi rendo conto che una cosa del genere di certo degraderebbe la situazione regionale, rendendola ancor più infiammabile». Ma se il fuoco di fila da Gaza continuerà, ha proseguito il numero due di Netanyahu, potrebbe essere necessaria «un’operazione militare di ampio raggio per rovesciare il regime di Hamas».

Link articolo: focusmo.it

E l'evento, relativo alla notizia che segue, potrebbe essere una delle "scintille...predestinate", ad accendere..."l'inferno di fuoco"...

M.O.: ESPLOSIONE A STAZIONE BUS A GERUSALEMME, MOLTI FERITI (1 UPDATE)

(ASCA-AFP) - Gerusalemme, 23 mar - Una potente esplosione ha colpito un bus nei pressi della stazione centrale dei mezzi pubblici a Gerusalemme. Fonti mediche parlano di molte persone ferite, almeno una ventina, alcune in modo grave.

L'esplosione e' avvenuta poco dopo le 15.00 (14.00 ora italiana) e ha fatto tremare i palazzi fino
a centinaia di metri di distanza.

Un corrispondente dell'AFP ha raccontato di persone a terra coperte di sangue e di molte macchine e autobus con i vetri infranti. Per la citta' si sentono a decine le sirene delle ambulanze. red-uda/sam/rob


A seguire la parte CXV.

Nessun commento: