Post in evidenza

Due Passi nel Mistero/13

Continua da questo post . Scoperte in grado di cambiare...quantomeno, "UN" mondo... LA SCOPERTA Germania, un dente-fossile ...

lunedì 25 luglio 2011

STATI UNITI: AD UN MANCATO ACCORDO, DAL DEFAULT/3

Prosegue da questo post.


"Continuano le Fumate Nere sull'Accordo"...

STATI UNITI

Il piano repubblicano
non piace
lontano l'accordo sul
debito


Boehner presenta un accordo in due fasi: tagli per mille miliardi e un rialzo del tetto del deficit, ma il partito di Obama dice no. Reid, espressione della maggioranza al Senato mette a punto misure per tagliare 2mila 700 miliardi di dollari

NEW YORK - E' stallo sulla crisi del debito americano, l'intesa bipartisan non è arrivata neppure con la riapertura dei mercati in Asia, tutti in ribasso per lo spettro di un "default" sovrano della più grande economia mondiale. La serata di domenica si è chiusa a Washington con un nulla di fatto. Invece di trovare un piano comune, che consenta di alzare il tetto del debito Usa prima della cessazione dei pagamenti statali (che scatterà il 2 agosto), il Congresso si è spaccato in due.

Continua su: repubblica.it

Di cui, cito anche un passaggio della conclusione...

"Tra le varie ipotesi per evitare la paralisi totale e il "default", viene rilanciata la proposta di Bill Clinton: rispolverare una legge di guerra che consenta al presidente la facoltà unilaterale di alzare il tetto del debito."

Una legge di Guerra?

Domanda da ignorante...

Ma si può prendere così com'è, ed applicarla..."grazie", alla guerra al "terrorismo globale".

Oppure...

Devo, "pensar male" nuovamente?

"Che oramai, visto i tempi, rischia di diventare, il mio sport preferito".



"Speranze o...Conoscenze?"...

USA: CLINTON, FIDUCIOSA PER ACCORDO AL CONGRESSO SU DEBITO

(ASCA-AFP) - Hong Kong, 25 lug - Il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, si e' detta ''fiduciosa'' sulla possibilita' che il Congresso raggiunga un accordo sul debito per evitare il default degli Stati Uniti.

Parlando ad un convegno ad Hong Kong, il capo della diplomazia Usa ha detto che ''il braccio di ferro politico a Washington e' molto forte in questo momento. Ma questi dibattiti sono una costante della nostra vita politica gia' da prima della fondazione della nostra repubblica''.

''Sono fiduciosa - ha proseguito - che il Congresso raggiungera' un accordo sul tetto del debito e che lavorera' con il presidente Obama per fare i passi necessari per migliorare le nostre prospettive fiscali sul lungo termine''. fgl/


USA: FMI, ALZARE SENZA ESITAZIONI TETTO SU DEBITO PUBBLICO


"L'Appello"...

STATI UNITI

Debito, Obama parla alla
nazione
"Convincete i vostri
deputati ad agire"


Il presidente americano rivolge un appello solenne per risolvere lo stallo delle trattative con i repubblicani: "Rischiamo una profonda crisi economica". E il sito della Camera va in tilt. Ma il presidente della Camera Boehner dice no: "Niente tasse"

Continua su: repubblica.it


USA: CASA BIANCA, RESTIAMO FIDUCIOSI PER ACCORDO SU DEBITO


CAMBI: NESSUNO VUOLE I DOLLARI (ANALISI FXCM)


"Scommesse"...

USA: S&P, NON CREDIAMO A DEFAULT MA SERVE PIANO CREDIBILE

(ASCA-AFP) - Washington, 27 lug - Standard & Poor's non prevede un default del debito degli Stati Uniti ma avverte che serve un piano ''credibile'' per tagliare il deficit ed evitare un downgrade. Lo ha detto il presidente dell'agenzia Deven Sharma in un'audizione al Congersso.

''I nostri analisti non credono'' ad un default, ha detto, ''cambiare il rating degli Stati Uniti non significa che andranno in default, significa che i rischi sono aumentati''.

Ma Sharma ha confermato la minaccia di un taglio delgiudizio sul debito Usa lanciata dall'agenzia lo scorso 14 luglio. Per evitare il downgrade, ha detto, ''ci deve essere un piano credibile per ridurre il debito e i livelli del deficit''. fgl/


La Crisi del Debito in America? Dio la Vuole…


"Extra Time Moment"...

STATI UNITI

Debito Usa, fumata nera
la Camera rinvia il voto


Smacco per il leader repubblicano John Boehner: costretto a ritirare la sua proposta di legge per le defezioni nel suo partito. Ma rimane sempre difficile un accordo con i democratici. La scadenza del 2 agosto forse spostata al 10

dal nostro corrispondente FEDERICO RAMPINI


Boehner e altri leader repubblicani


NEW YORK - Fermi tutti, la Camera Usa rinvia la votazione sulla manovra di tagli al deficit voluta dalla destra. John Boehner, il presidente della Camera nonché leader dei repubblicani che sono maggioranza in quel ramo del Congresso, ha dovuto ritirare almeno per ora il suo progetto di legge. La ragione: non l'ostilità di Barack Obama che aveva minacciato l'uso del veto presidenziale, bensì le defezioni all'interno della destra.

Continua su: repubblica.it


"Cittadini...Abbiate Fiducia"...

USA: OBAMA, QUASI FUORI TEMPO MASSIMO PER ACCORDO SU DEBITO

(ASCA-AFP) - Washington, 29 lug - Gli Stati Uniti sono ''quasi fuori tempo massimo'' per trovare un accordo sull'innalzamento del tetto del debito pubblico. E' l'avvertimento lanciato dal presidente Barack Obama che ribadisce come l'intesa sia ormai a portata di mano.

''Questa non e' una situazione in cui i due partiti sono distanti miglia'' ha detto Obama in una dichiarazione alla Casa Bianca ribadendo che l'accordo dovra' essere bipartisan e chiedendo agli americanidi mantenere la pressione su Democratici e Repubblicani. fgl/


Chi Detiene il Debito Pubblico Americano


"Estreme Bocciature e Speranze di Compromessi...in Extremis"...

DEBITO USA

Bocciato il piano
Boehner
ora si spera nel
compromesso


Alla Camera controllata dai repubblicani passa il progetto di riduzione del deficit elaborato dello speaker, ma il Senato a maggioranza democratica dice no. Si spera in un'intesa bipartisan in extremis



WASHINGTON - Si è infranto come previsto sugli scogli del Senato il piano di riduzione del deficit e del debito elaborato dallo speaker repubblicano della Camera John Boehner. Il piano, ulteriormente rivisto, è passato con 218 voti a favore e 210 contrari nella camera bassa. Ma nell'altro ramo del Congresso, dove i democratici sono maggioranza, è stato respinto. "Ora che un altro esercizio politico è alle nostre spalle - afferma la Casa Bianca - è il momento di lavorare insieme per raggiungere un compromesso che ci consenta di evitare il default e getti le basi per una riduzione bilanciata del deficit".

Continua su: repubblica.it


LETTERA DI LORD BLANKFEIN A OBAMA E BOEHNER

Pochi giorni prima del fallimento della
lehman brothers nel settembre 2008

MERCATO LIBERO era riuscito ad entrare in possesso di una lettera inviata da Lord blankfein (goldman sachs) al ceo della Lehman
ECCO IL TESTO DELLA LETTERA

ORA A DISTANZA DI 3 ANNI MERCATO LIBERO E' RIUSCITO AD OTTENERE UN ALTRO GRANDE SCOOP PER I NOSTRI AMICI LETTORI...L'ENNESIMA LETTERA DI LORD BLANKFEIN QUESTA VOLTA INDIRIZZATA A....


Continua su: ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com


"E se Default si palesasse"?

CHI SCOMMETTE SULLE CALENDE DI AGOSTO


29/07/2011

Se negli Usa non ci sarà un accordo sul limite massimo del debito, ne potrebbero conseguire l'avvitamento del sistema finanziario e la caduta del dollaro come moneta di riferimento

Continua su: sbilanciamoci.info


"Possibili Accordi di Compromesso...in Extremis"...

LA CRISI

Debito Usa, la Casa
Bianca tratta
slitta il voto al Senato


Sembra più vicino un accordo preliminare che scongiurerebbe il default, ora si lavora ai dettagli.
Si prevede un aumento del tetto del debito in due fasi e tagli alle spese. La proposta sarà votata alle 19 di oggi. Ieri giornata di incontri per il presidente Obama con il leader della maggioranza democratica al Senato Reid e i colleghi repubblicani McConnel e Boehner

Continua su: repubblica.it


LA CRISI DEL TETTO DEL DEBITO: UNA
SCIARADA BI-PARTISAN

L’ECONOMIA POLITICA DEL
MILITARISMO USA


DI ISMAEL HOSSEIN-ZADEH
Global Research

Alla luce del fatto che, nei negoziati sul bilancio in corso, il presidente Obama e i dirigenti repubblicani condividono l’obiettivo comune di tagliare drasticamente le spese sociali non militari, tutti questi battibecchi tra le due parti sorprendono assai e, visto che i tagli previsti alle spese sociali sono quasi identici, perché litigano tanto?

Continua su: comedonchisciotte.org


US parties hopeful of debt limit deal as deadline looms
Sembra che in extremis i partiti Statunitensi sperino in un accordo sul limite del debito

Dall'articolo...


Le Opzioni.


( in inglese - bbc.co.uk ).

"Come sempre, vedremo come andrà a Finire.

Se si vorrà, che...ciò avvenga."



Continua...QUI.

Nessun commento: