Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVIII

Prosegue dalla parte LVII . Ed ecco il palesarsi di un'altra prima volta...anzi, "altre prime volte". Eh Sì! Poiché i risco...

martedì 8 febbraio 2011

WIKILEAKS: NUOVA PUBBLICAZIONE DI DOCUMENTI - Parte XXVI

Prosegue dalla parte XXV.


lunedì 7 febbraio - par Francesco Piccinini

AgoraVox incontra Julian Assange. "Ecco cosa penso di Berlusconi, dell ’Italia e dei giornali italiani"

Due ore a colloquio con Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, l ’uomo del momento che proprio in queste ore si difende davanti ad un Tribunale britannico.

Due ore dense in cui abbiamo parlato d’Italia, di Berlusconi ("non mi piace ma agli italiani sì"); dell ’Eni ("è corrotta") ma anche di due testate nazionali che si sarebbero rifiutate di pubblicare i cables e dei problema dell ’informazione italiana ("i vostri giornali pubblicano solo se già è arrivata la magistratura").

- Parte Prima.

AgoraVox incontra Julian Assange: "Sarò punito, poiché sono un rischio. Ho osato dire no agli USA"

La seconda parte del lungo colloquio con Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, l ’uomo del momento che proprio in queste ore si difende davanti ad un Tribunale britannico che dovrà decidere se estradarlo o meno in Svezia, dov ’è ricercato con l’accusa di stupro.

- Parte Seconda.


E poi, ancora un aggiornamento, in merito alla questione, "Wikileaks e gli Ufo"...

SECURITY

WikiLeaks’ UFO Cables:
More About Raelian Cult Than Alien Life
I CABLOGRAMMI SUGLI UFO DI WIKILEAKS:
LA MAGGIOR PARTE RIGUARDANO IL CULTO RAELIANO PIÙ CHE LA VITA ALIENA
( in inglese - blogs.forbes.com ).

Cito un breve stralcio, forse il più interessante, dall'articolo...

"In the first of a series of video interviews posted Sunday that WikiLeaks is calling a “Live People’s Conference,” Assange answered questions submitted by the group’s’ fans. One, sent in by a Canadian named Pierre Brunet, asked about the upcoming UFO cable release. And Assange ’s answer, which appears around 5:40 in the video below, may disappoint those who have been busy building alien landing sites out of their mashed potatoes."

"Nella prima di una serie di video interviste postate domenica in cui Wikileaks è stata convocata ad "una conferenza dal vivo con la gente," Assange rispondeva a domande a lui sottoposte da un gruppo di sostenitori. Ad una, inviata da un canadese di nome Pierre Brunet, che chiedeva riguardo a quando sarebbe avvenuto il rilascio dei cablogrammi sugli UFO. La risposta di Assange è stata, riferendosi a ciò che appare intorno al minuto 5:40 del video sotto, può deludere quelli che erano stati occupati nella costruzione dei siti di atterraggio alieno fuori dal loro purè di patate."

Ha risposto..."pure"...con una battuta.

( N.B.: Al fine della massima comprensione, i link, che sono presenti nello stralcio da me citato, sono attivi alla fonte ).

Ed a commento delle sue dichiarazioni, date in questa conferenza dal vivo, c'è anche un altro articolo da altra fonte...

WikiLeaks’ UFO Cables:
Assange Admits Hype, Cover up?
I CABLOGRAMMI SUGLI UFO DI WIKILEAKS:
ASSANGE AMMETTE L'INGANNO, UNA COPERTURA ?
( in inglese - examiner.com ).

Da cui cito, l'interessante ( o intrigante, fate voi ), conclusione...

"Assange has been pressured by the US government to return the cables; lawsuits and incarceration have been threatened. Is it possible Assange has now “caved in” and returned or destroyed UFO disclosure information? Is the Raelian and community criticism simply a smokescreen? What do you think?"

"Assange ha ricevuto pressioni affinché renda i cablogrammi dal governo degli Stati Uniti; essendo stato minacciato di persecuzione ed incarcerazione. È possibile che Assange ora abbia "tolto" e reso o distrutto le informazioni riguardanti la divulgazione sugli Ufo? È la questione dei Raeliani e il criticismo sulla comunità un semplice fumo negli occhi? Cosa ne pensi/ate?

A seguire, il commento a tal riguardo, di Michael E. Salla...

Assange reveals significance of Wikileaks UFO cables
ASSANGE RIVELA IL SIGNIFICATO DEI CABLOGRAMMI DI WIKILEAKS SUGLI UFO
( in inglese - news.exopoliticsinstitute.org ).


Assange, processo aggiornato a venerdì

La nuova udienza e' stata fissata venerdi' alle 10:30, ora di Londra. Assange, sono stanco.

Londra, 08-02-2011

Il processo alla Belmarsh Court per l'estradizione in Svezia di Julian Assange e' stato aggiornato a venerdi prossimo. Lo ha annunciato il giudice Howard Riddle. La nuova udienza e' stata fissata venerdi' alle 10:30, ora di Londra, un'ora piu' tardi in Italia.

Continua su: rainews24.rai.it


WikiLeaks/ Per Usa riserve greggio Arabia Saudita sovrastimate

Documenti ambasciata Riad: Gonfiate del 40%

Rome, 9 feb. (TMNews) - Gli Stati Uniti temono che l'Arabia saudita, il principale Paese esportatore di petrolio, non abbia riserve di oro nero a sufficienza per evitare l'escalation dei prezzi. Lo rivelano alcuni documenti riservati dell'ambasciata statunitense di Riad diffusi da WikiLeaks e ripresi dal quotidiano britannico "Guardian".

Secondo i cablogrammi, redatti tra il 2007 e il 2009, Washington dovrebbe prendere in seria considerazione l'avvertimento lanciato da un ex membro del governo saudita, Sadad al-Husseini, convinto che le stime sulle riserve di greggio siano state gonfiate di oltre 300 miliardi di barili, vale a dire il 40% in più.


E in correlazione alla notizia qui sopra, ce n'è una che va a toccare l'argomento Ufo, in particolare, la vicenda di Billy Meier e ciò che decenni fà è da loro Venuto a conoscenza CON largo anticipo...

New WikiLeaks Cable Confirms UFO Contact's Predictions

UN NUOVO CABLOGRAMMA DI WIKILEAKS CONFERMA LE PREDIZIONI DI UN CONTATTATO DAGLI UFO
( in inglese - examiner.com ).

E sempre riguardo a "Wikileaks e gli Ufo", l'articolo che segue, attingendo dalla intervista rilasciata alla CBS alcuni giorni fà, cita una risposta data da Assange, di cui francamente, nei termini sotto esposti, io non ho trovato, quantomeno per ora, alcun riscontro altrove...

Wikileaks torna sugli Ufo con una notizia clamorosa

Nel 2004 fu guerra tra Usa e una flotta aliena!

Assange, ritorna sugli Ufo. In una recente intervista alla CBS, dichiara che sarebbero stati intercettati messaggi criptati relativi ad un rapporto dell ’European Union Times nel quale si descriverebbe una guerra segreta tra Stati Uniti e una base UFO nel Sud del Pacifico. Il caso ‘Wikileaks UFO’ è ora al vaglio dello US Navy Network Information Center, con base a Camp Pendleton, in California. Il mondo attende col fiato sospeso. Almeno così dice il Guardian.

di SONIA T. CAROBI

Aveva detto di non possedere niente di “esclusivo” su tutta la solfa Ufo e Alieni. Poi, quasi per gettare acqua sul fuoco sacro delle attese di tanti, aveva pubblicato un documento che azzerava ogni speranza. Uno stralcio di una dichiarazione rilasciata da tal Yuriy Zhadobin, pomposamente definito capo dell ’Intelligence bielorusso. Andare a caccia di extraterrestri è solo uno spreco di denaro. Chiusa qua.
Inutile dire che in qualche settimana il fascino di Wikileaks, almeno per gli appassionati dell ’argomento, era andato giu’ in picchiata. Dal bunker di Stoccolma non sarebbero arrivate rivelazioni clamorose. E invece …
Era un bluff. E c’era da aspettarselo.
Qualche giorno fa mr. Julian Paul Assange, classe ’71, un passato da hacker birboncello e un futuro da Che Guevara smanettone del nuovo millennio, ha calato l ’asso davanti ai giornalisti della CBS che stavano girando la loro puntata sul personaggio del giorno. Ufo? Siamo in piena guerra! Standing ovation. Naturalmente.
E mentre quella gentaglia che passa la vita a battere i polpastrelli su una tastiera di un pc (i giornalisti ndr) combatteva contro il rischio d ’un coccolone in diretta lui, sornione, ha raccontato la sua storia. Mettetevi comodi. Ve la giriamo pari pari. In fondo siamo qui per questo.

Continua su: gialli.it

Ed ancora, sempre per ciò che riguarda il tema "Wikileaks e gli Ufo", vi posto un altro interessante articolo in lingua italiana, che però, è di tono decisamente meno "euforico" del precedente...

UFO, TRA GERUSALEMME E WIKILEAKS: UN CORTO CIRCUITO !


Londra 22:40
WIKILEAKS: NOTIZIE SU BANK OF AMERICA FORSE UN FIASCO

Le rivelazioni di Wikileaks che, secondo Julian Assange, avrebbero dovuto 'far crollare una o due banche' negli Stati Uniti, tra cui Bank of America, sarebbero in realta' un fiasco. Ad ammetterlo in privato e' stato lo stesso fondatore di Wikileaks, secondo quanto riferito dalla Reuters. Il 39enne australiano ha spiegato di non sapere in realta' se i dati in suo possesso, la cui diffusione dovrebbe essere imminente, contengano grandi notizie o scandali .
( 9 febbraio 2011 - Fonte: repubblica.it ).


EGITTO. WIKILEAKS, SULEIMAN PROPOSE DI "RIPULIRE" IL SINAI.


IN GERMANIA IL PRIMO INCONTRO CON IL FONDATORE DI OPEN LEAKS

"Salvo Wikileaks, non Assange"

Daniel Domscheit-Berg racconta in un libri i retroscena dell'addio: "Pensa ai soldi e non ai contenuti il sito non è morto ma bloccato"

ALESSANDRO ALVIANI

BERLINO
Wikileaks «non è morta», ma è come paralizzata: al momento il sito di Julian Assange «non è in grado di funzionare», visto che non ha neanche un server sicuro per la posta elettronica ed è costretto a usare gmail. A rivelarlo è stato l'ex portavoce del progetto, Daniel Domscheit-Berg, che stamattina a Berlino ha presentato durante un'affollata conferenza stampa il suo libro “Inside Wikileaks”, che uscirà domani in Germania (in Italia sarà pubblicato il 16 febbraio da Marsilio).

Continua su: lastampa.it


Wikileaks: “guerre stellari” tra Cina e Usa per la conquista militare dello spazio

WASHINGTON – Era il 1983, quando il presidente americano Ronald Reagan lanciò un programma militare che fu ironicamente chiamato “Guerre Stellari”. Non esistevano, dissero allora gli scienziati, le conoscenze e le tecniche necessarie per portare a termine alcuni degli obbiettivi del progetto. Riuscire a costruire uno scudo globale – uno dei punti cardine del piano di Reagan – era non solo irrealizzabile, ma perfino non scientifico.
Da allora, molta acqua è passata sotto i ponti e il progetto si trasformato, dapprima per lo svanire della minaccia sovietica, in seguito per i nuovi sviluppi scientifici e tecnologici. Questo non significa però che gli Stati Uniti siano rimasti i padroni dello spazio. Le pubblicazioni di alcuni dispacci di Wikileaks mostrano un confronto piuttosto teso con la Cina riguardo alla politica militare nello spazio extraterrestre.

La storia si ripete, sembrerebbe.

Continua su: blitzquotidiano.it


A seguire la parte XXVII.

Nessun commento: