Post in evidenza

PANDORA'S TIMES parte CCXLVI

Prosegue dalla parte CCXLV . "Noi siamo Uno... TUTTO è UNO". Siamo polvere di stelle, ma di altre galassie: gli astrofisic...

giovedì 4 agosto 2011

PANDORA'S TIMES parte CLXII

Prosegue dalla parte CLXI.


Internet, Pirati e...Stati.

"La Guerra Cibernetica Globale"...

IL CASO

"Hacker contro Onu e
governi"
Forti sospetti sulla Cina


La società di sicurezza informatica McAfee dice di aver sventato un'enorme azione di pirateria ai danni di 72 soggetti tra cui aziende hi-tech e della difesa, l'amministrazione Usa e il Cio.
Responsabile un "soggetto statale"



BOSTON - La società di sicurezza informatica McAfee ha reso noto di aver scoperto la maggiore serie di attacchi informatici della storia, con violazione dei database di 72 soggetti. Tra le vittime ci sono Onu, i governi di Stati Uniti, Canada, Corea del sud, India, Vietnam e Taiwan, il Comitato olimpico internazionale, l'Asean (associazione degli Stati del Sud-est asiatico), nell'Agenzia mondiale antidoping, numerose società dei settori difesa e hi-tech. Gli attacchi secondo McAfee vengono da un "soggetto statale" non identificato, che secondo diversi esperti sarebbe la Cina. L'offensiva hacker era cominciata almeno dal 2006 ed è stata battezzata dagli scopritori Operazione Shady RAT.

Continua su: repubblica.it

La replica da parte cinese...

INTERNET: CINA, SU CYBER-SPIONAGGIO SOSPETTI ''IRRESPONSABILI''

(ASCA-AFP) - Pechino, 5 ago - ''Irresponsabili'': con queste parole il Quotidiano del Popolo, organo ufficiale del Partito Comunista Cinese, ha liquidato le accuse rivolte a Pechino a proposito della violazione dei database di 72 organismi tra cui l'Onu, i governi di Usa, Canada, Corea del sud India, Taiwan e decine di societa' americane del settore hi-tech e della difesa, smascherata dalla societa'di sicurezza informatica McAfee. ''E' irresponsabile collegare la Cina ai pirati di internet'', si legge sul quotidiano. red/cam/bra


Nuovo Ordine Mondiale.

Ordine Pubblico.

ITALIA

LA RIVOLTA AL CARA

Rapporto choc della
Digos
“I migranti volevano
uccidere”


La ricostruzione in un'informativa che la Digos ha depositato in procura. Agli atti, le immagini della guerriglia urbana: i migranti hanno lanciato con delle fionde artigianali grossi massi e scagliato i sassi puntando alla testa di agenti e militari in servizio. Tra i reati che potrebbero essere contestati anche il tentato omicidio

Continua su: bari.repubblica.it


MEDIO ORIENTE

"Caldi Confini...ed Abbondanti Scintille"...

Libano-Israele: escalation di violenza ai confini


Giovedì 04 Agosto 2011 12:55

Le Nazioni Unite sono state informate tramite il governo israeliano, delle sparatorie avvenute ai confini con il Libano. L'ambasciatore israeliano Ron Prosor ha riferito al Segretario Generale dell'ONU Ban Ki-moon, che il Libano avrebbe violato in questo modo il cessate il fuoco stabilito con l'esercito israeliano, destabilizzando la regione.

Sebbene Proson abbia richiesto l'intervento immediato della Comunità Internazionale, nessuno è rimasto ferito nello scontro a fuoco tra le truppe, che secondo qualcuno farebbe presagire una riapertura della disputa tra i due Paesi. In un messaggio inviato al governo Libanese, si legge che questi attacchi non sono considerati dallo Stato Israeliano soltanto una violazione della Risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza, ma anche una provocazione che potrebbe condurre ad un'escalation di violenza, minacciando la pace e la stabilità dell'area.

Link articolo: focusmo.it

M.O.: RAID AEREI CONTRO GAZA.
CENTOMILA FEDELI A GERUSALEMME PER RAMADAN

(ASCA-AFP) - Gerusalemme, 5 ago - Raid aerei dell'aviazione israeliana hanno colpito nella notte un campo di addestramento delle Brigate Ezzedin al Qassam, braccio armato di Hamas che controlla l'enclave costiera palestinese, ferendo tre persone, tra cui un bambino. Lo riferiscono testimoni e fonti mediche. L'esercito di Tel Aviv ha confermato i bombardamenti nella Striscia.

Intanto, e' alta la tensione nella citta' vecchia di Gerusalemme, dove la polizia israeliana si e' dispiegata in forze in vista del primo venerdi' di preghiera del Ramadan, che ha accolto circa centomila fedeli musulmani. red/uda

SIRIA

"Avvertimenti"...

SIRIA: CASA BIANCA, ASSAD HA MESSO IL PAESE SU SENTIERO PERICOLOSO

(ASCA-AFP) - Washington, 4 ago - ''E' ormai chiaro a tutto il mondo che le azioni di Assad hanno messo la Siria e l'intera regione su un sentiero molto pericoloso''. Lo ha detto il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, commentando le ultime notizie dalla Siria.
''Possiamo affermare con sicurezza che la Siria sarebbe un posto migliore senza il presidente Assad''. red-uda/

COME 10.000 MANIFESTANTI SI
MOLTIPLICANO DURANTE LA NOTTE PER
DIVENTARE 500.000


Si, anche secondo me, le cifre di questa rivolta (oltre che di quella libica), almeno in parte, sembrano...un pò gonfiate.

Ma le notizie che stanno arrivando, non lasciano presagire nulla di buono per il "prossimo futuro"...

Russia: NATO close to military steps in Syria for beachhead to attack Iran

Russia: La NATO è vicina a compiere passi in Siria come testa di ponte per l'attacco all'Iran
( in inglese - debka.com ).

E poi,
la stessa notizia anche da fonte italiana...


Siria. La Russia lancia l’allarme: “Nato pronta a colpire’’

Conferme?

Siria: Usa, connazionali lascino Paese

Finche' saranno disponibili i trasporti commerciali


06 agosto, 11:00

(ANSA) - ROMA, 6 AGO - Il dipartimento di Stato Usa ha invitato tutti i cittadini statunitensi ha lasciare "immediatamente" la Siria finche' sono ancora disponibili i trasporti commerciali.

Lo si legge in un comunicato ufficiale.

Il dipartimento di Stato invita i cittadini statunitensi a non recarsi nel Paese, e a quelli che devono rimanervi a limitare al minimo gli spostamenti non essenziali. (ANSA).

"Immediatamente"...e..."Finché sono ancora disponibili i trasporti commerciali".

"Pensando Male"...

Chissà perché?

E le dichiarazioni, da fonti israeliane, contenute nell'articolo seguente, sono correlabili, (se non, decisamente correlate) alla notizia sopra esposta?

Israele vs. Iran. E' l'ora dei militari

di Simone Santini
Pubblicato il 05 Agosto 2011

Hanno il sapore di un ultimatum agli Stati Uniti le dichiarazioni rilasciate al quotidiano Il Foglio di oggi, 5 agosto 2011, dall'ex alto ufficiale israeliano Ephraim Sneh. Sneh, già generale di lungo corso, deputato laburista per sedici anni e due volte ministro, comandante militare in Libano, fin dagli anni '90 analista strategico del dossier iraniano, ritiene che l'opzione militare unilaterale di Tel Aviv contro Teheran sia reale e che verrà attuata con o senza il consenso di Washington: "Sull'Iran non parliamo di risposta, a Israele spetta la prima mossa. [...] Israele non accetterà mai di vivere sotto minaccia atomica iraniana. Su questo c'è consenso. E' sui mezzi che c'è discussione, ma l'attacco militare, seppur l'ultima, resta una possibilità concreta. Se siamo lasciati da soli, agiremo da soli. [...] Lascio gli esperti alle loro analisi, io mi fido dell'esercito".

Continua su: clarissa.it

Che l'invito del Dipartimento di Stato Usa, riferito alla Siria, considerando il patto di reciproca assistenza, anche (o soprattutto) militare con l'Iran, in previsione dell'istituzione di una "No Fly Zone" Nato sulla Siria, sia correlato, ad "imminenti azioni israeliane di contorno", sulle infrastrutture nucleari iraniane?

Siria: Assad, agiamo contro fuorilegge

Il presidente, obbligo per lo Stato garantire sicurezza

07 agosto, 13:35

(ANSA) - DAMASCO, 7 AGO - ''E' un dovere agire contro i fuorilegge'': lo ha affermato il presidente siriano Bashar al Assad, mentre ancora oggi arrivano notizie di altre uccisioni tra i manifestanti anti-regime. ''Agire contro i fuorilegge che bloccano le strade, isolano le citta' e terrorizzano la popolazione - ha detto Assad - e' un obbligo per lo Stato che deve garantire la sicurezza e proteggere la vita dei cittadini''.


LIBIA

"Se il Nemico, hai sottovalutato..."

LIBIA: FRANCIA, ABBIAMO SOTTOVALUTATO LE FORZE DI GHEDDAFI

(ASCA-AFP) - Parigi, 5 ago - ''Abbiamo sottovalutato la resistenza delle forze di Gheddafi, anche se nessuno aveva parlato di una guerra lampo''. Cosi', il ministro degli Esteri francese, Alain Juppe', ai microfoni di Tv France 2, precisando che, tuttavia, l'intervento militare internazionale in Libia non e' in ''fase di stallo'' e i ribelli stanno progredendo nella loro lotta contro le forze del regime di Tripoli. red/cam/bra

"...in Futuro, il Destino...potresti aver Segnato".

Eh si! Sempre più, Tempi Interessanti..."sempre più, palesemente, già scritti"...da Tempo.

"Uccisioni, Ire, ed eventuali Future Conseguenze"...


Libia: uccisio uno dei figli di Gheddafi

Lo riferiscono i ribelli. Sarebbe Khamis, detto 'il macellaio'

05 agosto, 09:54

(ANSA) - BENGASI, 5 AGO - Uno dei figli di Muammar Gheddafi è rimasto ucciso in un raid della Nato a Zliten, 150 km a est di Tripoli, in cui hanno perso la vita complessivamente 32 persone.

Lo riferiscono fonti dei ribelli di Bengasi. Si tratterebbe di Khamis, nato nel maggio del 1983, figlio minore del rais.

Comandante della 32/a Brigata, la più temuta, è in prima linea sul fronte contro gli insorti, che lo hanno definito 'il macellaio'.

In seguito, da Tripoli, a riguardo è giunta una smentita. Dove risiede la verità, al momento almeno, non ci è dato saperlo.

LIBIA: VERSO LA MORTE DEL CNT


DI ALLAIN JULES
Allainjules.com

È il canto del cigno del CNT e il probabile ritiro della NATO con la coda tra le gambe…
Il periodo estivo è un calvario per i “senza tetto”, ma anche per il governo francese che in Libia ha puntato vergognosamente su uno svampito. Saif el-Islam ha sfidato i soldati dell'apocalisse. I 258 milioni di euro che Sarkozy ha appena concesso ai rinnegati di Benghazi, questi islamici a progetto e traditori della loro nazione senza contropartita, non serviranno per la guerra (la paga degli stipendi dei soldati di latta o gli acquisti di armi).
Questo denaro è stato dato semplicemente per comprare le coscienze. Caspita!

Continua su: comedonchisciotte.org

"Fraintendimenti, che suonano come...Avvertimenti"...

Tripoli: nessun razzo a nave italiana

Portavoce regime: miei commenti sono stati ''fraintesi''

05 agosto, 20:11

(ANSA) - ROMA, 5 AGO - Il regime libico ha smentito di aver lanciato missili contro la nave italiana Bersagliere. Lo si legge sul sito della Cnn.
''Non abbiamo lanciato nessun missile in mare contro la nave'', ha dichiarato il portavoce del governo libico, Mussa Ibrahim, che in un primo momento aveva rivendicato il lancio del razzo caduto mercoledi' a due chilometri dalla fregata.
Mussa ha quindi precisato che i suoi commenti in proposito sono stati ''fraintesi''.


A seguire la parte CLXIII.

Nessun commento: