Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

domenica 7 agosto 2011

Cile, lo spettacolo delle Cattedrali di Marmo



Le grotte più belle del mondo? Forse. Ma se è vero che chiunque le collocherebbe in zona podio, per Linde Waiderhofer non potrebbero che essere sul gradino più alto. Lei, 67enne del Colorado, ambientalista nonché grande fotografa di paesaggio, dal 2003, anno della sua prima visita, è letteralmente fell in love con la Cattedrali di Marmo del Lago General Carrera, Patagonia, Cile.
Prendete un ambiente di per sé unico, un dedalo di caverne di marmo parzialmente riempite d'acqua. Aggiungete un lago azzurro come solo l'incredibile blu cobalto del cielo della Patagonia oltre il 45mo grado Sud sa rendere. Otterrete uno scenario irreale, dove il "cielo" di marmo e il "livello terra" costituito dalla parte coperta del lago si intrecciano e si fondono in una tavolozza di nuance azzurro-verdi che non ha eguali. Il capolavoro si trova non lontano da Coyhaique, a circa 2mila chilometri a meridione di Santiago, in una felicissima quanto poco accessibile area, crocevia naturale tra la regione dei grandi laghi, quella dei fiordi e le estreme Ande Patagoniche del Cerro Fitz Roy e delle Torres del Paine. La vicinanza è relativa: gli ultimi 200 chilometri da Coyhaique al sito sono di duro sterrato, una di quelle strade, tipiche dell'estremo Sud del mondo abitato, che sembrano fatte apposta per trasformare ogni piccolo spostamento in una grande conquista. Ma, a quanto pare, ne vale la pena: le grotte sono "magiche", come racconta la stessa Linde nel suo libro "Blue Light". E le sue immagini (Linde Waidehofer/Barcroft Media/Getty Images) sono di quelle capaci di indurre ogni amante del viaggio e della fotografia di paesaggio a sognare di potersi teletrasportare lì all'istante.
Per scrutare, attraverso la sua Slr, quelle sfumature di verde, azzurro e grigio, per giocare a sua volta con i riflessi, per tentare di catturare forme e curvature con il 24 mm, o magari osare con il 18 o il 16, per trasformare i sinuosi disegni della roccia in pattern con un tele. Nel tentativo di cogliere l'essenza davvero speciale di un paradiso della natura (arturo cocchi)



Link articolo con fotogallery: repubblica.it

Che Dire.

"Sembra di vedere immagini, provenienti da un altro mondo"...

"Aliene".

Stupendo, il bianco del marmo, che si specchia nell'acqua e gli dona un colore inusuale.

Si, pare di vedere un paesaggio alieno.

Nessun commento: