Post in evidenza

Due Passi nel Mistero/13

Continua da questo post . Scoperte in grado di cambiare...quantomeno, "UN" mondo... LA SCOPERTA Germania, un dente-fossile ...

sabato 11 settembre 2010

"L'11 SETTEMBRE BRUCIAMO IL CORANO" PASTORE EVANGELICO PREOCCUPA LA CASA BIANCA - Parte II

Prosegue dalla parte I.


Aggiornamento...

Jones, ultimatum su moschea New York
Mea culpa dai media Usa per aver creato una crisi internazionale
10 settembre, 19:58
(ANSA) - WASHINGTON, 10 SET - Il pastore della Florida Terry Jones ha detto di volere nel giro di due ore una risposta sullo spostamento della Moschea di New York. L'Imam della Grande Mela Faisal Abdul Rauf, pero', ha confermato ancora una volta di non avere in agenda nessun incontro con il pastore. Dai media Usa, mea culpa per aver creato una crisi internazionale amplificando le intenzioni del pastore: 'La liberta' di stampa e' anche liberta' di non pubblicare', ha detto il direttore del New York Times.


E se per caso vi sorgesse spontaneo, qualche dubbio, ed iniziaste a pensare ad "ipotetici complotti"...

Pensate anche, che all'interno del movimento "neocon" ( ma non solo ) statunitense di questi "signori/predicatori" ce ne stà in "quantità industriale".

E fra "loro", degli imam fondamentalisti o dei rabbini ultraortodossi, sinceramente non saprei chi scegliere.


Aggiornamento...

ROGO CORANO : IMAM USA, "A JONES NON ABBIAMO PROMESSO NULLA"

19:10 10 SET 2010

(AGI) - Gainesville (Florida), 10 set. - Gli imam della Florida e di New York frenano sull'incontro che avranno con il pastore Terry Jones e soprattutto sulla promessa di trasferire in altro luogo la moschea anche sara' edificata nei pressi di Ground Zero. Era stato il pastore della chiesa evangelica che ha or ganizzato il rogo del Corano a millantare il risultato, ottenuto, a suo dire, con la rinuncia alle fiamme 'purificatrici'. "Non ho nessuna autorita' sulla moschea di New York", ha precisato alla CNN, l'immam Mohammad Musri, "sono solo un mediatore. Ho promesso di organizzare l'incontro e di prendervi parte, ma senza nessun impegno circa il destino della moschea. Questo e' cio'che gli ho offerto, e lui ha esagerato un po'". Quanto all'inedito meeting interreligioso, Musri ha spiegato che non e' detto che avvenga domani, anche se Jones e' dato in partenza per New York.
"Sarebbe meraviglioso se fosse domani", ha aggiunto, "ma potrebbe anche essere lunedi', martedi', non appena le tre parti in causa troveranno il tempo di vedersi".


Aggiornamento...

Figlia Jones, mio padre e' impazzito

Condanno i suoi propositi. Padre e figlia non si parlano da anni

10 settembre, 21:02

(ANSA) - BERLINO, 10 SET - 'Mio padre ha bisogno di aiuto...penso che sia impazzito': a dirlo e' Emma Jones, figlia di Terry Jones. Il pastore americano ha proposto di bruciare copie del Corano in occasione dell'anniversario dell'11 settembre.

'Sono scioccata e condanno' i suoi propositi, ha detto la donna, che non parla col padre da due anni. 'Quando sento cio' che dice nelle interviste sulle sue ragioni, mi sembra un altro. Gli ho scritto: "Papa' non lo fare''.


Aggiornamento...

Rogo Corano, padre Jones vola a New York

Vuole convincere Imam a spostare moschea lontano da Ground Zero

11 settembre, 09:18

(ANSA) - GAINESVILLE (USA), 11 SET - Padre Jones e' volato a New York per tentare di convincere l'Imam Rauf a spostare la moschea lontano dal Ground Zero. Il pastore lascia Gainsville in un clima di calma apparente ma le autorita' hanno diramato un messaggio alla cittadinanza perche' aiuti a garantire la sicurezza.
Anche se il 'Koran burning Day' e' stato ufficialmente sconvocato, si temono problemi.
Intanto a Ground Zero in 2mila si sono radunati per sostenere la costruzione della moschea nella zona.


Aggiornamento...

Rogo Corano:Jones,non lo bruceremo mai

Intervista pastore a Nbc, nessun incontro con imam New York

11 settembre, 14:50

(ANSA) - ROMA, 11 SET - Intervistato dall'emittente Nbc, il pastore Terry Jones ha detto:
'Sicuramente non bruceremo il Corano, ne' oggi, ne' mai'. Jones, si legge su Msnbc, ha inoltre detto all' intervistatrice che non c'e' nessun incontro programmato con l'imam di New York, Faisal Rauf, sull'ipotizzata moschea vicino a Ground Zero.


Aggiornamento...

TERRORISMO

11 settembre, il mondo ricorda le vittime

Lacrime e candele tra polemiche e paure Obama:
"Non abbiamo paura.

Dobbiamo restare uniti ed essere tolleranti". Minuti di silenzio in concomitanza dell'orario degli attentati di nove anni fa. Timori e proteste per la minaccia del reverendo Jones che voleva bruciare il Corano, ma che poi ha rinunciato

NEW YORK - Undici settembre 2001, undici settembre 2010. L'America si è fermata, nove anni dopo gli attentati terroristici che sconvolsero il mondo, per commemorare le vittime di quel giorno: i passeggeri degli aerei dirottati dai terroristi, le persone che si trovavano nelle Torri Gemelle e tutti quelli che, subito dopo la tragedia, accorsero per prestare soccorso e rimasero schiacciati sotto il crollo dei grattacieli.

Da Ground Zero al Pentagono, dalla Pennsylvania a tutte le città del mondo, tra la tensione scatenata dal reverendo Jones che voleva bruciare il Corano ma poi ci ha ripensato ("Non lo farò né oggi né mai"), le polemiche per la costruzione di una moschea vicino al luogo dove sorgevano le Twin Towers, sono state tantissime le cerimonie organizzate per rendere omaggio alle vittime.

Continua su : repubblica.it


Usa : bruciate copie Corano nel Tennessee

Due leader religiosi a Springfield : 'al rogo un libro di odio'

12 settembre, 11:53

(ANSA) - ROMA, 12 SET - Nonostante la rinuncia del pastore Terry Jones, due leader religiosi hanno comunque dato alle fiamme copie del Corano nel giardino di casa. E' accaduto a Springfield, nel Tennessee. Il reverendo Bob Old e il reverendo Danny Allen hanno dichiarato che il rogo non ha nulla a che fare con l'11/9. 'E' una questione di fede, e' una questione d'amore, mentre il Corano e' un libro di odio'. Tra gli obiettivi, hanno aggiunto, quello di difendere la Costituzione degli Stati Uniti e il popolo americano.


Imam Ny, falo' Corano sarebbe disastro

Spostamento moschea farebbe sentire Islam sotto attacco in Usa

12 settembre, 16:41

(ANSA) -WASHINGTON, 12 SET- Bruciare copie del Corano avrebbe mandato un messaggio negativo e portato a un disastro nel mondo musulmano. Cosi' l'Imam di New York. Feisal Abdul Rauf, responsabile del progetto di costruire una moschea nei pressi di Ground Zero, teme fortemente che uno spostamento del luogo di culto spingerebbe il mondo musulmano a reagire sentendosi 'sotto attacco negli Stati Uniti'. Il mondo musulmano potrebbe reagire - ha detto - con grandi titoli affermando che l'Islam e' sotto attacco negli Usa.


Aggiornamento...

ROGO AL CORANO

India, tre scuole
cristiane attaccate in Kashmir

Dimostranti musulmani hanno attaccato nel Kashmir indiano, inferociti per la profanazione del libro sacro all'Islam da parte degli Stati Uniti

Continua su : repubblica.it


Aggiornamento...

Afghanistan: migliaia in piazza a Kabul

Petraeus: minacce padre Jones ha danneggiato interessi Usa

15 settembre, 08:57

(ANSA)-KABUL, 15 SET- Migliaia di manifestanti anti-americani sono scesi in piazza a Kabul al grido di 'morte all'America', 'morte ai cristiani','morte a Karzai'. Colpi in aria sono stati sparati da agenti per disperdere la folla, forse 2 persone sono rimaste ferite. Per il comandante Usa Petraeus la minaccia del pastore Jones di bruciare copie del Corano ha danneggiato gli interessi Usa in Afghanistan, dove i progressi sono cosi' lenti come 'guardare l'erba crescere o un dipinto asciugarsi'.


Aggiornamento...

NY: confermata moschea a Ground Zero

Sharif El-Gamal: opposizione 'inaspettata', falsa percezione

30 settembre, 21:59

(ANSA) - WASHINGTON, 30 SET - Un imprenditore musulmano responsabile della controversa costruzione di una moschea nei pressi di Ground Zero conferma il progetto. Sharif El-Gamal ha detto che la forte opposizione al progetto era 'inaspettata' e che le reazioni provocate sono state 'una rivelazione' sulle false percezioni esistenti negli Stati Uniti sulla fede musulmana. Ma ha ribadito che non intende spostare il luogo di culto in un'altra localita'.


A mio parere...

Il "problema", in questo caso almeno, non è tanto di "chi dice" o "chi pubblica", ma in ...

"Chi Legge/sente/vede".

Per esempio...

Per quanto mi riguarda...

Sicuramente...

Per quanto trovi stupido bruciare qualunque libro in generale.

Nemmeno mi sognerei, di andare a lanciare pietre, o ad inneggiare frasi ingiuriose, o peggio, farmi saltare in aria nel mezzo di luogo affollato, qualunque esso sia.

Perché un tizio a dato fuoco a ciò che credo sia l'assoluta verità rivelata.

Ma forse, è "solo" perché, non credo in nessuna assoluta verità rivelata.

"Sarà un mio grande limite".

Nessun commento: