Post in evidenza

WIKILEAKS: Assange e "l'Ultima Possibilità"/6

Prosegue da questo post . Il giungere "infine" del tempo delle "giuste scelte" e delle conseguenze? - L'ultimo...

giovedì 29 marzo 2018

PANDORA'S TIMES parte CCXLIX

Prosegue dalla parte CCXLVIII.


Spie, letali veleni, diplomatiche ritorsioni e potenzialmente non solo diplomatici Chiari assi, diretti ad Est.

EUROPA.

L'interessante, a tratti finanche Intrigante, ma potenzialmente mortale, complicarsi l'esistenza...di questo finanche Assai bello, affascinante, ma talvolta assai...ma Assai, Strano mondo...

Spia avvelenata,
Usa, Germania e
Francia contro la
Russia. Gentiloni,
forte solidarietà
con la premier May


Dopo l'espulsione di 23 alti rappresentanti russi da parte del Regno Unito, anche Mosca espelle diplomatici britannici. Comunicato congiunto di Washington, Berlino e Parigi con Londra. Il presidente francese dopo la cautela di ieri: "Misure contro Mosca, nessun dubbio sulle responsabilità". La Nato: "La Russia è una minaccia alla sicurezza internazionale e alla pace".

Continua su: repubblica.it


Nuovo Ordine Mondiale.

Politica...Geo-politica e Società, Globale.

ASIA - ESTREMO ORIENTE

CINA.

Preliminari...Cordiali riavvicinamenti, auspicio di future aperture, anche ad occidente...

Corea Nord, Kim da Xi, a sorpresa prima
missione estero


Media ufficiali confermano, focus su nucleare e legami
bilaterali

28 marzo 2018 10:22

Dopo due giorni di anticipazioni, voci di vario tipo e depistaggi, i media ufficiali di Cina e Corea del Nord hanno confermato la visita a sorpresa a Pechino del leader Kim Jong-un su invito del presidente Xi Jinping, in quella che è stata non soltanto la sua prima missione ufficiale all'estero, ma anche il primo faccia a faccia con la controparte del Paese alleato con cui c'è "un lungo e storico legame". Rapporti consolidati che, tuttavia, sono finiti sotto pressione per l'adesione di Pechino alle sanzioni Onu contro i piani nucleari e missilistici di Pyongyang. Kim è arrivato domenica per ripartire mercoledì, accompagnato dalla first lady Ri Sol-ju: ha incontrato Xi e la consorte Peng Liyuan e, in base alle immagini diffuse dalla Cctv, la tv di Stato cinese, in un'atmosfera cordiale nella Grande sala del popolo, dove lunedì Kim e Xi hanno avuto il bilaterale. Una visita "non ufficiale", ha precisato l'agenzia Nuova Cina, che ha permesso di affrontare i legami bilaterali, la situazione sulla penisola coreana e gli imminenti sviluppi che vedono a fine aprile il summit a Panmunjom, i cui preparativi tra le parti partiranno domani, tra Kim e il presidente sudcoreano Mon Jae-in. E soprattutto, il vertice tra Kim e il presidente americano Donald Trump atteso a maggio durante il quale Washington chiederà con forza di procedere alla denuclearizzazione. In quest'ottica, Kim appare pronto al confronto, ribadito a Xi, ma puntando proprio sul sostegno della Cina.

Continua su: ansa.it

COREA DEL NORD.

"Parlando all'occidente, ad alti livelli", ed in prospettiva...

Corea, l'annuncio di Kim Jong-Un:
"A maggio smantelleremo il sito
dei test nucleari"


La chiusura avverrà in forma pubblica con esperti americani e giornalisti. Anche Pompeo fiducioso: il leader nordcoreano si presenterà da Trump con piano di denuclearizzazione. Apprezzamento del Santo Padre al "coraggio del dialogo". Telefonata anche da Putin: "Contribuiremo allo sviluppo della cooperazione"

Continua su: repubblica.it


Musica, Società, Religioni e diverse...Libere idee, ed espressioni.

ASIA.

AFGHANISTAN.

Sfidando con la musica, antichi e crudeli costumi, in nome della libertà...

«Con la musica sfidiamo i talebani», la
band heavy metal che piace ai giovani
di Kabul


di Marta Serafini

«Siamo l'unica maledetta metal band dell'Afghanistan». Quando sono nati nel 2008, i District Unknown, rappresentavano davvero un'eccezione nel panorama musicale afghano. Oggi, dopo essere finiti sulla cover di Rolling Stone ed aver attirato l'attenzione della Bbc, sono diventati il simbolo di una generazione che ha sempre vissuto all'ombra della guerra e della violenza e che cerca di ribellarsi alle tradizioni tribali.

«In Afghanistan la musica heavy metal non è socialmente accettata come in Europa e se questo genere musicale rappresenta già di per sé una rottura con la società, da noi la contrapposizione è ancora più forte». Yusef Yo Khalifa Ahmad Shah, vocalist della band dal 2012, come tanti suoi coetanei se ne è andato a finire gli studi all'estero, a Newcastle, in Gran Bretagna. « Chi può scappare dall'Afghanistan lo fa. Come fai a vivere in un Paese dove una ragazzina viene data in sposa ad uomo di 50 anni solo per denaro?», spiega via Skype al Corriere. Difficile dunque non vedere in quella musica fatta di suoni forti e di urla un mezzo di ribellione. «Molti ragazzi che ci seguono non sanno nemmeno cosa sia l'heavy metal, magari non lo amano nemmeno troppo, ma la possibilità di poter gridare e di ballare a Kabul è qualcosa che va ben oltre il divertimento, è libera espressione».

Continua su: corriere.it


Spazio e Tecnologiche Società.

Riflettendo su di un possibile...tecnologico, "buio" globale...

Una tempesta solare potrebbe
riportare la civiltà all’inizio dell’800


di Luca Zanini

Se siete stati due giorni con il naso all’insù, pensando di poter scorgere il satellite cinese Tiangong-1 mentre cadeva sulla Terra (i frammenti sono caduti nel Pacifico), provate a immaginare di svegliarvi in piena notte, con il cielo illuminato a giorno da bagliori che virano dal rosso intenso al verde smeraldo. Dalla vostra vecchia radio a batterie, l’unica che non è andata in tilt come tutti gli altri apparecchi elettronici di casa, arrivano non si sa come notizie di aerei precipitati, incendi, intere città al buio e isolate, eventi distruttivi. Pensereste: è scoppiata la Terza Guerra Mondiale. Invece no. Perché più di un attacco nucleare, l’evento che state vivendo ha una portata catastrofica inimmaginabile: capace di portare il mondo alle condizioni dell’era preindustriale e di bloccarlo per mesi, anni.

Continua su: corriere.it


Società, Possibili pandemie e "vecchi...nuovi piani".

STATI UNITI.

Avvertendo per tempo di possibili, potenziali, ed assai nefasti, sviluppi...

Bill Gates avverte: “milioni potrebbero morire” se gli
USA non si preparano per l’imminente pandemia


DI TYLER DURDEN

zerohedge.com

Se una pandemia mortale, paragonabile all’epidemia di influenza del 1918, raggiungerà gli Stati Uniti nel prossimo futuro, il governo americano non riuscirebbe a fermarla. E con ogni probabilità, centinaia di migliaia – se non milioni – di cittadini moriranno. Questo il messaggio di Bill Gates, in un’intervista al Washington Post, che ha toccato molti degli stessi argomenti contenuti in un discorso tenuto il venerdì prima alla Medical Society del Massachusetts.

“Bill Gates dice che il governo americano sta fallendo nel preparare la nazione ed il mondo intero alla “significativa probabilità di una letale pandemia”.

Gates ha detto di aver chiesto all’amministrazione Trump di mettere da parte maggiori finanziamenti per i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie.

Secondo Gates, Trump gli ha detto di sollevare questi problemi ai funzionari del Dipartimento di Salute e Servizi Umani, degli Istituti Nazionali della Salute e della Food and Drug Administration. Ha detto di aver incontrato anche HR McMaster, cacciato il mese scorso dalla sua posizione di Consigliere per la Sicurezza Nazionale, e spera di incontrarne il successore John Bolton.

Detto questo, Gates potrebbe avere delle ragioni: la stagione influenzale di quest’inverno – la peggiore degli ultimi anni – ha travolto gli ospedali, alcuni dei quali sono stati costretti a piantare tende fuori delle strutture e dispiegare altri alloggi di emergenza.

Continua su: comedonchisciotte.org


A seguire la CCL.

Nessun commento: