Post in evidenza

Il 2012, i Segreti dei Maya, il Governo Messicano...ed un Documentario/18

Prosegue da questo post . Una interessante domanda d'inizio Aprile...a cui è stata fornita una risposta, Seppur...ad esser noiosi, n...

lunedì 20 ottobre 2014

NOSTRADAMUS - "Le Sestine, Nuove idee, Nuove datazioni/13"

Continua da questo post.


E che dire di quest'altra, se non terrificante e diretta...schietta "in verità"...

C.VII Q.6

Naples Palerne, & toute la Sicille,
Par main Barbare sera inhabitee:
Corsique, Salerne & de Sardeigne l'Isle,
Faim, peste guerre, fin de maux intentee.


Napoli Palermo, e tutta la Sicilia,
Per mano Barbara sarà inabitata:
Corsica, Salerno e della Sardegna l'Isola (Isolata),
Fame, peste guerra, fine/scopo di mal intentato.


Questa è forse la più chiara fra le quartine, in assoluto. A parte il fine gioco di parole intrapreso nel suo finire.

"Napoli Palermo," ("Palerne" è sicuramente il capoluogo siciliano, infatti subito dopo lo esplicita) "e tutta la Sicilia, Per mano Barbara sarà inabitata:" (Più Chiaro di così. Notate però l'iniziale maiuscola di "Barbare", ad evidenziare la chiara natura di costoro, come d'altronde traspare palesemente dal testo. Poi continua elencando un'altra città, e altre due regioni, nonché isole - Oggi appartenenti a due diversi stati - e poi, i "fatti e le cause") "Corsica, Salerno e della Sardegna l'Isola, Fame, peste guerra, fine/scopo del mal intentato/intrapreso." (per "Isle" vale quanto spiegato riguardo ad altre quartine dov'era presente. In questo specifico caso è pure evidente che la Sardegna - come la Sicilia d'altronde, al cui riguardo però, non l'ha specificato, ma ha scritto schiettamente il "fatto"..."sarà inabitata" - sia un'isola. E qui torna l'esser/il trovarsi isolata. Voi direte è un'isola...si, ma lui dal mio punto di vista penso intenda, dal momento dell'attacco, "senza più via di scampo". A riguardo poi c'è da ricordare che quelle due isole sono anche largamente militarizzate, penso che tutto ciò che sia stipato in quelle terre, non sia a conoscenza nemmeno di chi di alto grado in quelle basi svolga servizio. Ed in caso di pesantissimi bombardamenti, finanche non convenzionali...armi chimiche e/o batteriologiche per esempio, potrebbero avere la medesima risposta. Oppure, un attacco massiccio e finanche continuativo atto a devastare far terra bruciata, potrebbe causare lo spargimento nell'ambiente di sostanze in tali luoghi contenute. E nella devastazione, in particolare, senza alcuna via di fuga, ed i corpi e liquami vari a cielo aperto etc. A giungere alla Gloria altre non sarebbero che..."Fame, peste guerra". Beh! Oltre alla Morte, ed alla Distruzione ovviamente. MdN Assai spesso Intriga...affascina con i suoi fini giochi di parole. In questa occasione abbiamo la seguente frase..."fin de maux intentee."..."fin" vuol dire si "fine", ma può esser tradotto pure come "scopo" nel senso di "risultato", o come "fino" nel senso di "magro/scelto". Poi..."de maux" è chiaramente "di mal/male" - che poi altro non è, se non la stessa guerra con la sua desolante devastazione - ed "intentee", in lingua italiana può essere tradotto sia come "intentata", sia come "intrapresa"...ovvero, propriamente rivolta verso un fine. Quindi interpretando..."fino alla fine di mal intrapresa"...la conquista e/o l'annientamento. L'arte della guerra è anche, ove possibile, non lasciarsi il nemico alle spalle...Mai. In particolare in campi/spazi aperti. E sfruttare dove sia possibile le masse di civili in fuga al fine di creare Caos nelle Linee di difesa e nella logistica nemiche, già pesantemente provate dalla poderosa, massiccia e "cieca" offensiva intrapresa.

Note:


- Questa quartina narra di chiari "fatti" riguardo "l'invasione europea che verrà, sicuramente precedenti...quantomeno, alle altre quartine e sestine fra quelle qui finora trattate.
- Sempre secondo me...anche se penso di non essere il solo a pensarlo...È Interessante e finanche Assai evidente, il notare che fin dal suo inizio, la quartina indica...seppur non citandola, una chiara direzione di provenienza di questo futuro invasore. Ed altresì è Interessante che la prima città citata sia Napoli, sede di uno dei più importanti comandi della NATO.

Nota aggiuntiva a posteriori:

- A volte certi termini, sia nello specifico significato...che nel contesto della quartina, nemmeno li prendo in considerazione, da quanto li reputo talmente chiari da interpretare/nel fornire un assai chiaro significato...e direi, ancor di più considerando i fattori tempo, ed eventi, o se preferite "Giusti tempi" e "Giusti Eventi". Detto ciò...Io, letto gli eventi storici, inevitabilmente, avrei focalizzato la mia attenzione sul termine, posto da MdN..."inabitata". Da/Per cui...

Domanda: Tutti, o in parte, o finanche Solo uno di quei luoghi citati nella tal quartina, sono stati per causa di pestilenza...o barbare invasioni, ed etc. nei tempi intercorsi fra la pubblicazione della tal quartina e gli anche nostri tempi, resi inabitati (senza abitanti...quantomeno, umani...seppur tale termine si presterebbe a finanche Assai più definitive sentenze)?

Risposta: No! Poi, "sicuramente", un qualcosa mi sfuggirà.


Di cui la seguente penso sia ben chiara la non solo temporale concomitanza...seppur con altri finanche, ma per davvero, Assai Interessanti "dettagli e fatti"...

C.VIII Q.9

Pendant que l'Aigle & le Coq à Sauone
Seront vnis, Mer, Levant & Ongrie,
L'armee à Naples, Palerne, Marque d'Ancone,
Rome, Venise par Barbe horrible crie.


Mentre che l'Aquila e il Gallo a Savona
Saranno uniti, Mare, Vicino Oriente e Ungheria,
L'armata a Napoli, Palermo, Ancona delle Marche,
Roma, Venezia per Berberi orribili urla/pianto.

Questa quartina in realtà potrebbe risultare un pò ambigua, ma c'è (Sempre a mio parere, ovviamente) un particolare che "sicuramente" me la fà posizionare all'incirca nello stesso periodo della quartina qui sopra esposta. Ovvero. "La difesa "alleata" ("Anglo"-franco-statunitense, in particolare, ma non solo) di Savona"(ma in generale di Tutta la Costa, ed entroterra franco-ligure...come risulta da altre quartine qui trattate).

"Mentre che l'Aquila e il Gallo a Savona" (nessuna virgola) "Saranno uniti, Mare, Vicino Oriente e Ungheria" (Beh! Nazioni che come simbolo hanno il "Gallo" ve n'è soltant'una, la Francia. Con l'Aquila invece ve ne sono diverse, ma da alcuni secoli seppur fra alti e bassi soltant'una emerge, gli Stati Uniti, poi...particolarmente uniti nell'ultimo secolo ed anche più ed anche per assonanza - "aigle" - seppur nessuna aquila la simboleggia, vi è la Gran Bretagna. Ed ancora, fra le tante altre nazioni in verità, ed anche...diciamo, per obbligato diritto territoriale, vi è l'Italia - seppur anche lupo in verità, di cui il perché, "perduto" nel mito dell'origine di Roma se già non lo conoscete, lo troverete facilmente - a difendere la costa e le terre liguri. Il Mare con la "M" maiuscola è con buona probabilità...viste anche le località menzionate...il Mediterraneo con tutti "i suoi nomi". Il "Levante" è il Vicino Oriente, ovvero dal Sinai fino al Libano, comprese quindi Siria, Israele, Palestina e Giordania anche se si protende verso sud-est. Poi l'Ungheria. "Bene", questi alleati...non necessariamente ovunque insieme, tranne che Francia e Stati Uniti, saranno uniti sia nelle flotte nel Mediterraneo, sia nel Vicino Oriente - il che in ambedue i casi mi pare finanche attuale - sia in Ungheria - la quale nel caso vi fosse un tentativo d'invasione del cuore dell'Europa dalla Turchia attraverso i Balcani, o da Oriente - dalla Russia, un'altra aquila che chissà forse...nel Giusto tempo, potrebbe non essere per forza nemica - mi sembra adatta come luogo ad organizzare una linea di difesa ) "L'armata a Napoli, Palermo, Ancona delle Marche, Roma, Venezia per Berberi orribili urla/pianto." (E qui c'è la ripetizione con anche altre località della quartina trattata precedentemente. L'armata...nemica, al tempo che gli alleati uniti "presidieranno/si staranno riorganizzando su di un altro fronte di difesa"...fra anche altri luoghi, nelle coste ed entroterra liguri e francesi, avranno già conquistato e/o devastato/distrutto, Napoli, Palermo, Ancona e la sua regione, Roma, Venezia - e qui secondo me, "una delle informazioni più Interessanti di cui MdN ci fà dono"...forse non solo, strettamente di questa quartina, ma "fra quelle connesse in serie"...l'origine di gran parte almeno di questo invasore - temo, finanche già...almeno in parte, presente sul nostro territorio europeo - "celato" nel termine "Barbe"..."Berberi" - con la patria di "Annibale" come porta d'accesso, o se preferite...ponte - "crie"...significa urla-o/grida ma anche pianto. E cosa aspettarsi, se non "orribili urla, grida, pianti e lamenti", dal resoconto dei pre-visti...futuri "fatti" che, per iscritto ci ha narrato?



Continua...

1 commento:

UNATANTUM ha detto...

A scanso di equivoci per chi nutrisse dei dubbi riguardo al chi si riferisse MdN con "l'Aquila ed il Gallo" e la connessa, natura dei loro rapporti.

Un "recente articolo" (febbraio 2014)...

Obama incontra Hollande: stretto legame tra
Francia e Usa


ANGELO PAURA
11 FEBBRAIO 2014, 04:41

Link: america24.com

Da cui cito un Assai Interessante...ed alquanto esplicativo senza ombra di dubbio, passaggio...

"[Jefferson] si è ispirato alle idee dell'Illuminismo che circolavano in Francia e in Europa, [...] così questa casa rappresenta il collegamento che ha aiutato a guidare la Rivoluzione americana, ha aiutato a influenzare la Rivoluzione francese, figure come Lafayette, che hanno avuto un ruolo fondamentale nella nostra indipendenza", ha continuato Obama durante la conferenza con il capo dell'Eliseo.

Un ritorno alle radici che arriva in un momento fondamentale per i due Paesi che "devono rafforzare la loro cooperazione per il futuro", ha continuato il presidente americano. La risposta di Hollande ha fatto da eco a quanto detto da Obama: "I legami che ci uniscono non vengono scalfiti dal tempo. Eravamo alleati ai tempi di Jefferson, siamo alleati oggi. Jefferson e Lafayette erano amici e noi rimarremo amici per sempre". Jefferson fu amico personale di Lafayette (il politico francese che combatté per l'indipendenza americana) e fu ambasciatore americano in Francia prima dell'inizio della Rivoluzione del 1789.