Post in evidenza

Due Passi nel Mistero/13

Continua da questo post . Scoperte in grado di cambiare...quantomeno, "UN" mondo... LA SCOPERTA Germania, un dente-fossile ...

giovedì 28 ottobre 2010

TRADOTTO IL LINGUAGGIO DEI NEURONI "COSÌ I PENSIERI PRENDONO VITA SU UN MONITOR"

LA SCOPERTA

California, tradotto il linguaggio dei neuroni
"Così i pensieri prendono vita su un monitor"

Una ricerca pubblicata sul nuovo numero di Nature: dodici pazienti affetti da epilessia sono stati in grado di controllare, nascondere e sovrapporre immagini sul computer, concentrandosi su diverse aree del cervello

ROMA - Comandare con il pensiero un'immagine su computer è possibile: lo hanno dimostrato gli scienziati del California Institute of Technology riuscendo a leggere l'attività dei neuroni nel cervello umano e a tradurre - grazie a un decoder solo all'apparenza simile a quello della tv - questi impulsi elettrici in immagini.

Lo studio, pubblicato sul nuovo numero della prestigiosa rivista statunitense 'Nature', prende il via da una scoperta del 2005: in quel caso, il neuroscienziato Christof Koch aveva dimostrato che singoli gruppi di neuroni del lobo temporale si attivano al riconoscimento di volti, paesaggi e oggetti complessi. L'evoluzione naturale di questa scoperta è l'analisi e la traduzione di questi segnali: il team guidato da Moran Cerf a Pasadena ha testato quest'ipotesi effettuando dei test su 12 pazienti affetti da epilessia e in attesa di operazione.

L'ESPERIMENTO. Prima i ricercatori hanno collocato degli elettrodi nel cervello dei pazienti e poi gli hanno chiesto i nomi di cantanti e attori preferiti. Grazie agli elettrodi, è stato possibile 'rintracciare' il singolo neurone che custodisce l'immagine relativa a quel nome. Solo a quel punto i volontari hanno imparato a concentrarsi e modificare l'attività di quel neurone, riuscendo a controllare su video la foto del loro attore o cantante preferito.

Inoltre, mostrando composizioni fotografiche di più elementi legati a diversi neuroni, i pazienti sono riusciti a nascondere o a sovrapporre le immagini attivando l'una o l'altra parte del cervello.

Ad esempio, se al paziente piaceva Marylin Monroe, gli veniva mostrata un'immagine ibrida costituita da una foto di Marylin e da una di Michael Jackson, chiedendogli di far prevalere quella preferita cercando di 'accendere' il neurone corrispondente. Nel 70% dei casi, riporta l'articolo, l'esperimento ha avuto successo, anche nel caso in cui l'immagine era composta al 90% da quella di disturbo

LE APPLICAZIONI. "Gli individui - spiegano gli autori della ricerca - possono controllare rapidamente, coscientemente, volontariamente neuroni posti in profondità nel loro cervello" e così facendo comandare apparecchi collegati al cervello. Le applicazioni pratiche di questo tipo di evoluzioni scientifiche e tecnologiche sono evidenti: la principale è il controllo di macchinari, anche complessi, da parte di persone affette da handicap fisici.

Link articolo : repubblica.it


E fra le varie applicazioni di questa scoperta, a fin di bene.

Me ne vengono in mente come minimo altre tante, votate all'impossessarsi dei pensieri e quindi, anche dei più reconditi segreti altrui.

Come dico ( scrivendolo ), sempre.

Vedremo...che cosa il futuro ci riserverà anche in questo "caso".

Nessun commento: