Post in evidenza

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/49

Continua da questo post . "Bene. Ora la strada è spianata/senza più ostacoli"... No-Brexit, la Scozia fissa la data per un n...

mercoledì 26 giugno 2013

Monito all'Infinito

È Sempre Interessante notare, come a volte, alcune volte, il tempo pare fermarsi e cominciare a scorrere a ritroso, prendendosi beffa degli uomini e delle loro leggi materiali, anche, se Essi stessi, possono essere la mano, di cui, forse, ciò è stato...e forse, ciò sarà, la conseguenza.

Che un solo istante, basti...a cancellar per milioni,
di umane vite l'essenza e per lenta agonia,
di altrettante, nel volger di giorni,
scomparir le tumefatte membra.

Piangi...o terra, di madre colpita
e che il tuo triste...straziante lamento,
nel tempo, lenisca, la profonda ferita.

Ma...di Umana gente, nel frattempo perita,
nulla rimarrà, a sancir la dipartita,
ne ricordi...ne gesta, ne l'amor per la vita.

martedì 25 giugno 2013

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/102

Prosegue dalla parte 101.


Costruendo Infrastrutture e Vie alternative di rifornimento...e di Guerra, in particolare, contro il Vero Nemico dichiarato...

Iran secretly building in Port Sudan military
supply base for Syria, Hizballah

L'Iran costruisce segretamente a Port Sudan una base per il supporto militare a Siria, ed Hezbollah
( in inglese - debka.com ).

E nel frattempo...e sempre da Debka...

Pare che dal Sinai, hanno lanciato un Grad verso il canale di Suez, come avvertimento all'esercito egiziano, al non interferire, nella manifestazione di fine mese. E l'esercito...a quanto pare, intanto, inizia a schierarsi...poi, si vedrà...


- Egitto i militari escono dalla caserme e
si schierano in tutto il paese


lunedì 24 giugno 2013

PANDORA'S TIMES parte CCXV

Prosegue dalla parte CCXIV.


Turistiche Curiosità..."d'altri mondi".

Cina: il villaggio dei dischi volanti. Vacanze
marziane


All'interno del complesso ci sono anche supermercati e ristoranti. Si chiama 'Dream Beach Sunshine Coast', ed è un progetto realizzato nella località di Rizhao, nella provincia costiera di Shandong, in Cina: 27 piccoli appartamenti dal design futuristico ispirato al tema Ufo, che secondo alcuni rievocano i film fantascientifici di serie B degli anni Sessanta e Settanta. Ogni unità inoltre è provvista di bagno e camera da letto. Il tutto super ecologico e a impatto zero.


Foto ©ChinaFoto/Exclusivepix/IBERPRESS


Link articolo con fotogallery (8): repubblica.it

"Di marziane vacanze,
manco l'ombra ho poi visto,
in compenso, però,
di sorrisi...da buon oriental,
ne ho pieno le cesta."


venerdì 21 giugno 2013

"UNA STORIELLA DIVERTENTE" - Parte VII/3.

Prosegue dalla parte VII/2.



Parte VII/3.


Altri mesi passarono, senza che...quantomeno, a nostra conoscenza, nulla accadesse, tranne...ovviamente, i soliti voli notturni, i più udibili, in quanto esenti, dai normali rumori di vita, diurni.

Poi, sul finire di luglio del medesimo anno (2011) una sua, ormai usuale, telefonata, aggiunse un nuovo evento, alla...soprattutto, ma non solo...nostra, storiella.

Perseguendo Buoni Propositi...ma inevitabilmente, pur Sempre, per "eletti"

Usa, dentro al rifugio che salverà
l'umanità dai meteoriti




Viene dalla California l'uomo che ha creato il rifugio più grande del mondo nelle viscere di una miniera vicino a Kansas City. Costruito sopra un labirinto di grotte di calcare più di 100 anni fa, il complesso che ha utilizzato, si affaccia sul fiume Missouri. "Sono convinto di avere una missione spirituale", così Robert Vicino ha commentato l'impresa. Il progetto è salvare l'umanità da un possibile meteorite devastante o da un attacco nucleare (ap)

Link articolo con fotogallery (9): repubblica.it


La storia dell'umanità è costellata...fra altro, anche, di buone "compagnie" con ottimi se non eccellenti, propositi...ma anche, di brutte, se non bruttissime "compagnie", con alquanto nefasti propositi...è come se vi fosse, una sorta di equilibrio innato, in questo mondo, un qualcosa...come dire, non dovuto al "puro caso", volto a mantenere un "equilibrio tecnologico-evolutivo", su questo pianeta.

A volte, penso...e mi par Chiaro, che qualcuno "giochi", finanche da un remoto passato, a tener l'animale Uomo "in gabbia", che sia...per superiori studi, per innata indole, o per eventuali, anche correlate, ormai...stra-passate, "pre-istoriche", Insurrezioni...o d'altri mondi (in più sensi) conquiste belliche.

Cogliendo Magici Frammenti, dal Perpetuo Rinascere, di un Unico Mondo

Il risveglio: l'alba nel mondo



L'alba ha sempre avuto un fascino particolare nella fotografia. Complici i luoghi e le luci. Un mix che ha affascinato alcuni fotografi del Getty Images che nel loro archivio hanno caricato una selezione di scatti in giro per il mondo. Lo spettacolo delle prime luci del mattino.

(Foto Getty Images)
Sopra, l'Alaska

Link articolo con fotogallery (15): repubblica.it

Che nel contemplar la tua bellezza,
o madre, sublime pace trovai, solo,
nel conforto delle tue notti.

E Gioia...ed Amore,
solo nel caldo abbraccio,
dei tuoi tramonti.

Ma Nuovi stimoli, solo...

Cogliendo magici frammenti,
dal Perpetuo Rinascere,
di un Unico Mondo.

mercoledì 19 giugno 2013

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/101

Prosegue dalla parte 100.


"E Mentre...Più si parlerà di Pace...Più si preparerà la Guerra"...

Dialogo a tutto campo di Obama. Iran,
Corea e Talebani


L’inizio dell’estate del 2013 sarà ricordata nei libri di storia come il periodo nel quale il presidente americano Obama avviò negoziati a tutto campo con i principali nemici degli Stati Uniti d’America. Quasi simultaneamente l’America si troverà al tavolo negoziale con la Corea del Nord, l’Iran ed i Talebani afghani.
Il fatto da sottolineare è che gli Stati Uniti non sono stati ne i promotori, ne saranno i protagonisti di questi negoziati. In tutti e tre i casi citati l’amministrazione Obama ha subito l’iniziativa pubblica dei nemici dell’America, e ha accettato di discutere mentre le controparti continuano nelle azioni e nei progetti che mettono costantemente in pericolo sia la sicurezza nazionale americana, sia gli interessi strategici degli Stati Uniti.

Continua su: geopoliticalcenter.com

Al netto, Sempre...del fattore "caso", ovviamente.

Ma...guardando gli accadimenti e le dichiarazioni delle notizie che giungono da svariate fonti...ed "indirizzi", di parte o meno, ad ora, gli scenari...più o meno ipotetici, che se ne possono dedurre, vanno in quella direzione...poi, appunto, c'è il "caso".

A meno che...non "vogliamo" pensare, che sono più o meno, tutti d'accordo, ed in realtà tutto ciò, sia una Grandiosa, Immensa, presa per il culo Globale...e vi dirò, se fosse, in toto...o in parte, anche concomitante con "caso e complotti", ci sta/starebbe pure quello.


sabato 15 giugno 2013

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/100

Prosegue dalla parte 99.


"Fredde" Tensioni, forse...mai sopite e Sempre Più Possibili, vecchie, nuove...Calde Sfide...

Guerra Fredda: Stati Uniti e Russia in
rotta di collisione sulla Siria


Siamo tornati, o meglio stiamo tornado, a vivere i periodi più tesi della Guerra Fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica, con però alcune differenze fondamentali e non solo il fatto che al posto del blocco comunista gli Stati Uniti oggi dovranno confrontarsi con la Federazione Russa.Per prima cosa ci troviamo in una regione geografica storicamente instabile, il Medio Oriente ed in particolare la regione siriana, dove Federazione Russa e Stati Uniti faranno convergere nelle prossime settimane elementi di tutte e tre le forze militari: marina, aviazione e esercito.

Continua su: geopoliticalcenter.com

E dalla medesima fonte, giunge, Direi...la chiara risposta Ufficiale Russa, riguardo ad un'eventuale "Zona di Non-Volo" anche parziale sulla Siria...

- Lavrov una No Fly Zone in Siria
violerebbe la legge internazionale


giovedì 13 giugno 2013

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte XLIII

Prosegue dalla parte XLII.


"Contrordine. Là...può svilupparsi la Vita...forse, anche meglio"...

Tatooine-Like Alien Planets Could Host Life

Pianeti Simili a Tatooine Possono Ospitare la Vita


"Tatooine" Planet Kepler-35b
CREDIT: Lynette Cook


( in inglese - space.com ).

"Sempre che...non cambino (o Ri-cambino...vedete un pò voi) Idea".

mercoledì 12 giugno 2013

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/99

Prosegue dalla parte 98.


"Chiaro è, che dal secolare nemico, ordito fu un complotto, a far scannar...perlopiù, islamiche genti fra lor, mentre cospirator pre-gustano, succulento banchetto"...

Siria:imam al Azhar, no a
interferenze


Denuncia 'complotto', 'sciiti caduti nella
trappola'

11 giugno, 20:30

(ANSA) - IL CAIRO, 11 GIU - Il gran imam di al Azhar Ahmed el Tayyeb ha condannato ''l'interferenza politica e settaria in Siria'' e quella di Hezbollah che, ha detto il capo della principale istituzione del mondo sunnita, contribuisce ''allo spargimento di sangue e allo strappo del tessuto nazionale''. In un'intervista al quotidiano Al Hayat international el Tayyeb ha affermato, evocando un ''complotto'', che la Siria e' diventata ''il teatro assurdo di questo conflitto settario fra sciiti e sunniti''.

"Inusuali Parcheggi...e Mancate Constatazioni, nei Cieli Cinesi"

Cina, l'aereo atterra senza muso:
mistero in volo




Una misteriosa collisione in volo di un jet dell'Air China ha provocato il taglio quasi netto del muso dell'aereo. Costretti a un atterraggio d'emergenza, il pilota e l'equipaggio del Boeing 757, diretto a Guangzhou da Chengdu, non hanno voluto rilasciare dichiarazioni sull'accaduto. Si è appreso che durante il volo è esploso un fortissimo colpo che ha costretto il pilota a chiamare la torre di controllo per l'atterraggio d'emergenza. Nel momento in cui hanno toccato terra, si sono accorti di quello che era successo. Gli esperti reputano improbabile la collisione con uno stormo di uccelli, il Boeing volava troppo alto. SI stanno analizzando i resti del danno per risolvere il mistero che nel frattempo sta scatenando gli ufologi

Link articolo con fotogallery (3): repubblica.it


E l'occupante, proprietario del mezzo parcheggiato, al suo ritorno, esclamò...

"Maledetti pirati"! Inveendo pesantemente, ed Incolpando, per certo dell'accaduto, i soliti terrestri, che pur di farla franca, fingendo...manco ti vedono.

lunedì 10 giugno 2013

PANDORA'S TIMES parte CCXIV

Prosegue dalla parte CCXIII.


Datagate.

Urla di Libertà, a respinger eventuali minacce, Ricordando Inalienabili Diritti, insiti...anche in nomi, che giungan dal passato...

Datagate: Greenwald, minacce
sono inutili


Parla autore scoop, 'costituzione tutela liberta'
di parola'

09 giugno, 17:12

(ANSA) - WASHINGTON, 9 GIU - ''Sono pronto a parlare con l'Fbi. Direi loro che c'e' una cosa che si chiama Costituzione, il cui primo emendamento tutela la liberta' di parola''. Parla cosi' Glenn Greenwald, il giornalista del Guardian, cittadino americano, che con i suoi scoop sullo scandalo del 'Datagate' negli ultimi tempi ha messo in grave difficolta' l' amministrazione Obama. ''Gli direi anche che il tentativo di intimidire i cronisti e le fonti con queste minacce di indagini non funzionano'', ha aggiunto.

Usa: datagate, talpa scelse nome 'Verax'

Stesso nome dissidente inglese 1600, mori'
nella Torre di Londra

10 giugno, 07:53

(ANSA) - WASHINGTON, 10 GIU - Edward Snowden, la talpa che ha rivelato il programma Prism, nei contatti con il Washington Post scelse il nome in codice 'Verax', 'chi dice la verita'', in latino. Lo scrive Barton Gellman, premio Pulitzer e autore dei numerosi scoop sulla base delle soffiate del giovane informatico delle Hawaii. Verax fu lo stesso pseudonimo di Clement Walker, un politico che contesto' il parlamento inglese del 17/o secolo, e che per quelle critiche mori' rinchiuso nella Torre di Londra.

Offrendo alternative valutazioni, a Richiesta, ad altri...come, d'altri...contrapposti, tempi...

Usa/Datagate: Russia, valuteremo
eventuale richiesta asilo Snowden


11 Giugno 2013 - 09:27

(ASCA-AFP) - Mosca, 11 giu - Mosca prendera' in considerazione una eventuale richiesta di asilo politico in Russia di Edward Snowden, la 'talpa' del cosiddetto 'datagate' americano. Lo ha dichiarato Dmitry Peskov, portavoce del presidente Vladimir Putin, secondo quanto scrive il Kommersant.

''Agiremo sulla base degli eventi. Se riceveremo una tale richiesta, questa sara' considerata'', ha detto Peskov.

Domenica, in una videointervista al Guardian rilasciata all'indomani delle rivelazioni, il giovane 29 ex tecnico della Cia aveva chiesto asilo politico all'Islanda. rba/cam/bra

Schedando, "Oltre ogni limite...fino all'Essenza"...

Datagate, l'allarme del New York
Times:
"Raccolto il dna di migliaia di
americani"


Secondo il quotidiano statunitense centinaia di migliaia di cittadini sospettati di attività criminali o sovversive - ma anche innocenti vittime di reati - rischiano di essere 'schedati' a vita. Il direttore dell'Fbi Mueller: "Sorveglianza nel rispetto della legge"

Continua su: repubblica.it

domenica 9 giugno 2013

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/98

Prosegue dalla parte 97.


Preparando Uomini, Terre e Mezzi..."Sulla Via di Megiddo"(?)...

Tank siriani nel Golan demilitarizzato
Israele pronto all’intervento


Tank siriani delle forze fedeli al presidente Al Assad hanno preso posizione nella zone demilitarizzata delle alture del Golan causando l’immediata reazione delle forze armate israeliane.
Prima una necessaria premessa. Dopo la guerra del 67 Israele ha occupato tutte le alture dl Golan, e poteva minacciare con l’artiglieria la provincia di Damasco. Gli accordi per il cessate il fuoco stipulati tra Siria ed Israele prevedevano il parziale ritiro israeliano, il dispiegamento di una forza di pace delle Nazioni Unite nel Golan, e l’istituzione di una onda demilitarizzata in territorio siriano. Nella zona demilitarizzata non potevano, e non possono, stazionare carri armati, contraerea e forze di artiglieria pesante. In queste ultime settimane di conflitto in Siria la presenza delle forze regolari siriane nel Golan si è ampliata notevolmente e, da alcuni giorni, un numero sempre crescente di carri armati e mezzi blindati per il trasporto truppe (APC) si sono posizionati nella zona demilitarizzate.

Continua su: geopoliticalcenter.com

Megiddo...che a voler "Pensar Male", non è poi, veramente, tanto distante (alcune decine di chilometri, circa).

venerdì 7 giugno 2013

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/32

Prosegue da questo post.


"Elitari Ripensamenti"...

L’FMI ammette i propri errori?


Gentili lettori di GPC, chi ci segue dai nostri primi articoli, sa benissimo che abbiamo avuto sempre una posizione critica rispetto alle politiche del Fondo Monetario, laddove volte a salvare i conti di alcuni stati (Grecia, Spagna, Portogallo, Cipro). Da più di un anno lo andiamo raccontando, finchè un bel giorno, apprendiamo con mal celato stupore, che l’FMI stesso ammette di aver compiuto errori. Da anni una moltitudine di economisti ed esperti andava dicendo che in caso di recessione, l’applicazione pedissequa dell’austerità avrebbe portato a nient’altro che ad un avvitamento dell’economia su se stessa. E mentre le economie si avvitavano su loro stesse, come ampiamente predetto, l’FMI (e la Troika) continuava a professare il pensiero unico della austerità. Non solo le economie sono entrate in recessioni profonde e già sufficientemente punitive per i popoli europei (non i tedeschi, però), a questo doveva aggiungersi un’altra punizione: l’austerità, che si traduce in minori servizi e maggiori tasse. Si traduce nel famigerato e tanto temuto Fiscal Compact (per il quale noi italiani diventeremo sempre più poveri nei decenni a venire, ma della cui esistenza nessuno sembra ricordarsi). E allora, a questo punto ci viene da sorridere, scusate il nostro sarcasmo, al pensiero di un Fondo Monetario Internazionale che ammette i propri errori, dopo aver letteralmente mandato gambe all’aria intere nazioni. A noi sembra, in tutta onestà, una vera e propria dichiarazione di ipocrisia.
Davvero l’Europa merita un trattamento così irrispettoso e umiliante? Noi economisti non lo pensiamo affatto. L’Europa dei popoli può e deve ripartire e pensando alle italiche terre, ebbene dobbiamo ripartire dalla crescita, Lo diciamo da anni ormai, in ogni tipo di consesso al quale abbiamo accesso. Forse, l’idea sta finalmente facendo breccia, nella speranza che l’apparato politico non sprechi anche questa preziosa occasione.

Link articolo: geopoliticalcenter.com

mercoledì 5 giugno 2013

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/97

Prosegue dalla parte 96.


"Certezze Francesi, ed Esercitazioni e Dispiegamenti (non solo) Statunitensi...a concretizzar, brutti e cattivi pensieri, di Guerra"...

Siria: Fabius, regime uso' armi
chimiche


Tutte le opzioni sono sul tavolo, inclusa quella
militare

04 giugno, 20:58

(ANSA) - PARIGI, 4 GIU - Non c'e' "alcun dubbio" che il regime siriano di Bashar al Assad abbia fatto ricorso ad armi chimiche almeno una volta nel corso del conflitto in Siria: lo ha detto il ministro degli Esteri, Laurent Fabius, intervenendo su France 2, aggiungendo poi che "tutte le opzioni sono sul tavolo", inclusa quella militare. "O decidiamo di non reagire, o reagiamo, anche in modo armato, laddove viene prodotto, e conservato il gas, (ma, ndr.) non siamo ancora a questo punto".

- Patriot e F/16 per la Giordania dagli
Usa


Anche...nella versione, secondo Debka...

Large US Marine force lands in Aqaba to deploy on Jordanian-Syrian border

Una consistente forza di marine Statunitensi a preso terra ad Aqaba per essere dispiegata sul confine Siro-Giordano
( in inglese - debka.com ).

sabato 1 giugno 2013

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/96

Prosegue dalla parte 95.


"Il Ricordar di taluni...in ritardo, del Sentirsi Occidentali"...

Turchia è rivolta ad Istanbul e in altre
metropoli


Da oltre 48 ore in Turchia, non solo ad Istanbul, ma anche ad Ankara ed in altri centri minori del paese è in atto una vera e propria rivolta di piazza. Il governo turco, i media tradizionali turchi ed europei, riferiscono che il motore della protesta è la decisione del governo di Ankara di distruggere un parco con alberi secolari, nel centro di Istanbul, per fare spazio ad un grande centro commerciale ed a una grande moschea.
Una rivolta green quindi, all’insegna dell’ecologia.
In realtà, nella vera realtà, le motivazioni della rivolta sono altre.

Continua su: geopoliticalcenter.com

L'aggiornamento, ed alcune considerazioni sulle Possibili evoluzioni, dalla medesima fonte...

- Erdogan evoca lo scontro di piazza.
L’esercito sotto i riflettori


Altro aggiornamento, ed altre riflessioni....

- Erdogan: i social media una minaccia
per la società


Parlar e comportarsi...Tentando di "scaricar barili" ad altri, come chi, in un passato prossimo, si ha...finanche aspramente, biasimato...

Erdogan denuncia
'collegamenti esteri'


Premier usa argomenti leader contestati da
'Primavere arabe'

03 giugno, 16:00

(ANSA) - ANKARA, 3 GIU - Il premier turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato oggi che la rivolta antigovernativa ha ''collegamenti esteri'' ed e' organizzata da ''gruppi estremisti'', ricorrendo ad argomenti non diversi da quelli usati nei mesi scorsi di fronte alle proteste della cosiddetta Primavera Araba da leader da lui sempre condannati. Centinaia di migliaia di persone hanno partecipato negli ultimi giorni a manifestazioni di protesta nel Paese.