Post in evidenza

WIKILEAKS: VAULT 7

Continua da questo post Dai primi giorni di febbraio l'account twitter di Wikileaks posta misteriosi messaggi accompagnati da immagin...

domenica 25 agosto 2013

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/114

Prosegue dalla parte 113.


Riassumendo notizie da italica fonte.

La...ovvia, scelta d'Albione, gli Incontri, i permessi d'ispezione e lo scadere del tempo nel continuar a prepararsi su più "sponde"...ed i Moniti, anche di quelli del "prima che sia troppo tardi" (ma forse lo è già)...

Siria, via libera del regime a
ispettori Onu.
Usa: "pochi dubbi" su uso
armi chimiche



Il presidente Usa Barack Obama e il primo
ministro britannico David Cameron (ansa)


Gli emissari delle Nazioni Unite da domani indagheranno sull'attacco del 21 agosto. Stati Uniti e Gran Bretagna si preparano a intervenire.
Teheran avverte: "Gravi conseguenze se si oltrepassa la linea rossa". Il 26 agosto vertice ad Amman. Papa Francesco: "Si fermi rumore delle armi"

Continua su: repubblica.it


"Ed a completare il quadro...Ecco il quantomeno iniziale...o nel preferir di qualcuno...Primo Atto del 'Tradir del Lupo' di profetiche memorie"(?)...

Siria: Merkel contro intervento
militare


"La soluzione deve essere politica", dice il
portavoce

24 agosto, 17:29

(ANSA) - BERLINO, 24 AGO - La cancelliera Angela Merkel è contro un intervento militare in Siria: ''Non seguiamo la strada di una soluzione militare'', ha dichiarato a Berlino il portavoce governativo, Steffen Seibert. ''Non crediamo che sia possibile risolvere (il conflitto) dall'esterno, crediamo invece che debba essere trovata una soluzione politica'', ha detto. Poco prima la Merkel aveva salutato l'appoggio della Russia a una commissione indipendente per accertare l'eventuale impiego di armi chimiche in Siria.

E da Debka...dal rigetto, "come tardivo per essere credibile" statunitense sulla concessione del permesso agli ispettori dell'Onu, al "dettaglio dei preparativi nell'area per ciò che andrà...o potrà andare, ad accadere"...mobilitazioni russe comprese...

US rebuffs Syrian access to chemical site as
“too late to be credible”

Gli Stati Uniti rigettano l'accesso Siriano al sito dell'attacco chimico come
"troppo tardo per essere credibile"
( in inglese - debka.com ).

Il riassunto odierno dalla Solita (Seppur a mio parere completo, anche per Sempre mia, comodità) fonte italica.

Voci giungan d'Albionesi sponde sullo stringer dei tempi, poi...ovviamente smentite, "ma come a confermar la voce stessa" e variegate dichiarazioni d'intenti da "Destra e Manca" che "in verità"..."Come da Copione", ben poco o nulla, quale la più Retta sia, fan percepire...e se poi si spara pure su chi dovrebbe, imparziale, appurar chimiche verità, a mio umile parere..."è un pò come sparar sulla Speranza"...

Siria, Stati Uniti e Gran
Bretagna
"Attacco entro i prossimi
dieci giorni"


Spari contro ispettori Onu, interrotta l'ispezione.
"Nessun ferito", precisa il portavoce delle Nazioni Unite. Due giornali inglesi sostengono che la decisione di un attacco militare sarà presa "entro 48 ore" e sarebbe frutto della lunga telefonata di ieri tra Barack Obama e David Cameron. Fonti della Casa Bianca smentiscono. Ma aggiungono "Abbiamo forti segnali dell'uso di armi chimiche".
Hollande: "Si deciderà entro prossima settimana".
Germania: "Governo ha prove chiare dell'attacco".
Lavrov: "Le conseguenze sarebbero gravissime".
Ban Ki-moon: "Ogni ora è importante per accertare la verità". Siria: "Pronti a qualsiasi eventualità"

Continua su: repubblica.it

"Ultima" annotazione, la posizione turca (in prospettiva di eventuali accadimenti "Come da Copione...e almeno alcune, Profezie"), mi sembra ormai ben delineata.

Parlando dell'arma con cui verosimilmente sarà quantomeno iniziato "l'eventuale attacco" (lasciamo il dubbio) sulla Siria...


- Tomahawk Usa per lo Strike in Siria

Che dire poi della seguenti dichiarazioni Siriane, realmente da..."O Gloria, o Morte"...

Siria: Damasco, noi pronti a tutto


26 Agosto 2013 - 13:05

(ASCA) - Roma, 26 ago - ''Le minacce occidentali di attacchi militari contro la Siria sono parte della pressione psicologica e politica condotta contro il nostro Paese, ma noi siamo pronti ad affrontare tutti gli scenari possibili''. Lo ha affermato un alto funzionario della sicurezza di Damasco. (fonte AFP). rba/lus/rl

Damascus: Any attack on Syria deemed coming from Israel
Damasco: Ogni attacco sulla Siria sarà come se arrivasse da Israele

A Syrian official spokesman warned Monday that Israel would be held responsble for any attack on his country and be treated accordingly. He said that Syria had strategic weapons pointing at Israel and that country and other parts of the Middle East would go up in a ball of fire.
Un portavoce ufficiale Siriano Lunedì ha avvisato che sarebbe ritenuto responsabile per ogni attacco sul suo Paese e verrebbe trattato di conseguenza. Egli dice che la Siria ha armi strategiche puntate verso Israele e quel paese ed altre parti del Medio Oriente salirebbero in una palla di fuoco.

Link: debka.com

Beh! Dichiarazioni ad effetto Direi...ora però e Sempre a mio umile parere, il punto è:

- Quanto è realmente ben armata la Siria...oppure se non è solo, un puro bluff, è per quella via?

La "Giusta Carta", il "Jolly" da giocare al momento appropriato (od opportuno...vedete voi)...

Obama invoca la “Responsibility to
Protect” o R2P per lo Strike in Siria


Presto molti di voi sentiranno parlare a proposito della Siria e forse dal presidente americano direttamente della “responsibility to protect o R2P”.
La “responsibility to protect” è una norma del diritto internazionale sancita nel 2005, con l’accordo di tutte le potenze aventi diritto di veto, che stabilisce la possibilità della comunità internazionale di intervenire in un paese che non sia in grado di proteggere i propri cittadini in caso di genocidio, crimini di guerra o sterminio settario (pulizia etnica).

Continua su: geopoliticalcenter.com


A seguire la parte 115.

Nessun commento: