Post in evidenza

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/50

Continua da questo post . Segnalando altolocati, altrui punti di vista...e consigli, da un ormai in percorso d'uscita, Oltremanica......

martedì 30 aprile 2013

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/85

Prosegue dalla parte 84.


Altre...Seppur, Sempre chimiche e/ma non ben definite..."Linee Rosse"...

Siria: anche per Iran utilizzo armi
chimiche rappresenta ''linea rossa''


30 Aprile 2013 - 16:40

(ASCA) - Roma, 30 apr - L'Iran fa da eco al suo principale avversario: il ministro degli Esteri Ali Akbar Salehi ha dichiarato che anche per Tehran - come per gli Stati Uniti - l'utilizzo di armi chimiche nella guerra civile in Siria rappresenta ''una linea rossa'' nella gestione del conflitto.

Lo riporta YnetNews. Continuando a considerare i ribelli siriani il principale responsabile dell'escalation di violenza nel paese, Tehran non ha dato comunque nessuna indicazione sulle azioni che l'Iran potrebbe intraprendere in caso venisse provato l'utilizzo di armi chimiche da entrambe le parti in conflitto. red/uda

Dovute Precauzioni...o Riscontri di Estremamente Elevate, Tensioni, al punto di Combustione?

Russia: Mosca sospende voli civili nello
spazio aereo siriano


30 Aprile 2013 - 16:38

(ASCA-AFP) - Mosca, 30 apr - L'ente che si occupa dei trasporti in Russia ha vietato i voli civili nello spazio aereo siriano.

La decisione, presa dall'agenzia federale Rosaviation, arriva dopo le segnalazioni fatte dall'equipaggio di un volo di linea russo, con a bordo 159 passeggeri, convinto di essersi trovato in serio pericolo mentre il veivolo volava sulla Siria.

Secondo fonti dell'agenzia Interfax, che di fatto hanno confermato la versione dell'equipaggio, due missili terra aria sarebbero stati effettivamente sparati in direzione dell'aereo che viaggiava tra Sharm-el-Sheikh e Kazan.

Il Ministero degli Esteri russo ha dichiarato di aver chiesto al governo siriano di fornire spiegazioni sull'episodio. red/uda


Possibili...Imminenti, Scenari.

Richiamando Riservisti, ed Ammassando truppe e mezzi, ai confini Siro-libanesi, in attesa della luce verde/del palesarsi...ad/di "Imminenti" Eventi Nefasti... "Come da Copione?

Surprise Israeli military drill on Syrian,
Lebanese borders. Reservists mobilized

Un esercitazione militare Israeliana a sorpresa sui confini Siriano e Libanese. Mobilizzati i Riservisti
( in inglese - debka.com ).

Gli Stati Uniti pronti allo Strike in Siria

Il pentagono si starebbe concretamente preparando per uno Strike con obiettivo i depositi di armi chimiche presenti in Siria. Piani operativi sarebbero stati preparati per dar seguito alle decisioni dell’esecutivo americano, nel caso in cui il Senato ed il Presidente decidessero di agire rapidamente.
L’opzione che pare più probabile è l’utilizzo esclusivo di missili cruise, sistemi missilistici a lungo raggio e di estrema precisione. La piattaforma ideale per questo tipo di attacco sarebbe la versione modificata dei sottomarini classe Ohaio.

Continua su: geopoliticalcenter.com

Altresì Interessante...dall'articolo di Debka, il riferimento...all'attesa, per una dichiarazione del capo di Hezbollah programmata per stanotte.

Beh! Questa volta sono proprio curioso, di osservare che "piega" prenderanno gli eventi, nelle prossime ore, giorni...o settimane.

Vedremo.

Opponenti "Certezze"...Oltre ogni dubbio, o in Piena Lealtà...

Obama: "Siria, usate armi chimiche.
Pronti a rivedere la nostra strategia"


Il presidente Usa: "Prove che siano state usate ma non sappiamo dove, come e chi le abbia utilizzate.
Necessario continuare ad investigare per avere certezze. Ma questo cambierebbe completamente lo scenario". Tensione per Quirico, il giornalista devLa Stampa scomparso da 20 giorni. Autobomba a Damasco, 14 morti

Continua su: repubblica.it

Siria: Hezbollah, opposizione
non vincera'


Combattiamo con esercito Damasco, la battaglia
non e' finita

30 aprile, 21:48

(ANSA) - BEIRUT, 30 APR - Il leader di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ha detto che l'opposizione siriana non potra' deporre il presidente Bashar al Assad. ''I veri amici della Siria nella regione non consentiranno che il Paese ''cada nelle mani degli Usa, di Israele e degli estremisti''. Nasrallah ha poi confermato che il suo movimento partecipa ai combattimenti in Siria, a fianco dell'esercito di Damasco nella regione di Qussair, nel centro del Paese. ''La battaglia non è finita'', ha aggiunto.

E questa è dunque una definitiva conferma del loro coinvolgimento.

Per quanto riguarda l'inizio delle Esercitazioni militari israeliane sui confini Siro-libanesi, dall'aggiornamento dell'articolo di Debka, qui sopra, parrebbe essere Lunedì. Resto in più che interessata attesa, dell'evolversi della situazione...con visione Globale


"Riassumendo"...

Siria, tutti minacciano di intervenire


Ieri il leader di Hezbollah, Nasrallah, ha promesso di non abbandonare il presidente Assad. Oltreoceano, Obama si dice pronto ad un'escalation.

Continua su: nena-news.globalist.it

Scenari Geopolitici...dai risvolti, non solo mediorientali, con uno sguardo al passato...

La Situazione Geopolitica nello Stretto di Hormuz


Questo articolo vuole essere un pò più tecnico e spiegare perchè la situazione geopolitica dello stretto di Hormuz è complessa non solo dal punto di vista militare ma anche dal punto di vista del diritto internazionale, e delle sue interpretazioni.

Continua su: geopoliticalcenter.com

Potrebbe andare a "finire", anche così...prima del "Vero" Inizio...

In Siria, prove di Asadistan con l’aiuto
di Hezbollah


di Lorenzo Trombetta

RUBRICA DAMASCO-BEIRUT Il regime del presidente Asad potrebbe dover presto o tardi lasciare Damasco, ma con il sostegno del Partito di Dio libanese si sta già costruendo un'alternativa: uno Stato costiero filorusso e filoiraniano. Homs e Qusayr gli snodi fondamentali.

Continua su: temi.repubblica.it/limes

Storie di Patti...

Il Patto di mutua difesa tra Siria
ed Iran


Nei giorni concitati dell’abbattimento del caccia F4-E turco nei pressi delle acque territoriali siriane molto si è parlato del trattato di Washington sul quale si regge oggi la NATO. Nel trattato tra le altre cose spicca l’obbligo al mutuo soccorso, tra le nazioni aderenti, in caso di minaccia alla sicurezza e integrità territoriale di una delle nazioni contraenti.
Quasi nessuno parla di un altro patto che è stato siglato nel 2008, quale revisione di un precedente trattato del 2006, tra due protagonisti della geopolitica contemporanea: la Siria e l’Iran. Il patto in questione denominato “Patto di mutuo supporto a difesa dell’indipendenza e dell’integrità territoriale di Iran e Siria” costituisce un ulteriore ostacolo al paventato intervento americano in supporto dei ribelli del Free Syrian Army.

Continua su: geopoliticalcenter.com

E di una loro, apparente...e seppur parziale, messa in pratica (?)...

Iranian troops face Israel
from Syria. US video shows
upgraded bunker buster

Truppe Iraniane dalla Siria davanti ad Israele. Un video statunitense mostra l'aggiornamento delle bombe demolisci/spacca bunker
( in inglese - debka.com ).


A seguire la parte 86.

2 commenti:

UNATANTUM ha detto...

Una visione...diretta, "Differente"...

Del Grande: In Siria ho visto gli orrori
della guerra


di Daniele Biella

Di ritorno dalla martoriata Aleppo, l'ideatore dell'Osservatorio Fortress Europe racconta la situazione. "La gente vuole la pace, ma di fronte ai crimini del regime di Assad appoggia la resistenza armata dei ribelli"

Continua su: vita.it

Un paio di cose da dire.

1) Un presidente che ha veramente a cuore il bene del suo Popolo e non della sua etnia, o dei compagni...di patti in armi, ed in territori in armi...stranieri.

Non usa la forza, Men che meno indiscriminata, contro di esso.

2) Per "l'Occidente" (mi riferisco quantomeno ai popoli che lo formano) per "sua"/nostra tranquillità, è preferibile un Dittatore come lui, ad un Paese in preda a più milizie armate, anche di sua pari specie o di peggior rango, inconciliabili fra loro, unite solo dall'intento di spodestarlo.

Ma ciò non toglie, che lui sia un Dittatore sanguinario. ;)

A coloro, che fra di voi, pensa...a senso unico...per esempio, che l'Occidente sia il male Assoluto, o altri che la vedono/pensano come voi e non riescono, o non vogliono, vederlo...io non dirò, Perché non l'avete provato sulla vostra pelle, vi manderei laggiù a provare.

No! ;)

Io vi dico, continuate a pensarla come volete...e come dal mio punto di vista, è Giusto che sia, arriverà il "Giusto Tempo" dell'Illuminazione, anche per voi.

Non so, se vi piacerà...poiché dovrete scegliere Una parte...e sarà nella Realtà. ;)

Ciao. :)

UNATANTUM ha detto...

A prescindere da come la si possa pensare, Non È Mai cosa Buona, cancellare la Libertà di Stampa... ;)

Siria, libertà di stampa nel mirino:
"La guerra ferma i giornalisti"


I dati del rapporto "Colpire il messaggero" di Amnesty International, presentato in occasione della Giornata mondiale della libertà di informazione. Uno degli ultimi casi è quello di Domenico Quirico, inviato della stampa scomparso 23 giorni fa

di VALERIA PINI

Continua su: repubblica.it

Beh! A meno che...non si è dei fanatici...Terroristi o meno, o dei Dittatori, più o meno sanguinari. ;)