Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

mercoledì 8 agosto 2012

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/54

Prosegue dalla parte 53.


Quel Drappello Turco..."Dimenticato", in Pieno Territorio Siriano...

Siria: guardia turca
mausoleo Suleyman
Shah, rischio scintilla


Drappello 'dimenticato' vicino Aleppo,
cerino vicino dinamite

08 AGOSTO, 18:01

(di Francesco Cerri) (ANSAmed) - ANKARA, 8
AGO - Sono come un cerino alla cassetta di dinamite, un potenziale casus belli per le gia' delicatissime relazioni fra Damasco e Ankara: 15 soldati turchi aggrappati alla bandiera della Mezzaluna, che in base a un trattato del 1921 custodiscono in terra siriana il mausoleo di Suleyman Shah, nonno del sultano Osman I il Grande, fondatore dell'impero ottomano.

La sorte del drappello di militari turchi 'dimenticato' nella tempesta siriana suscita preoccupazione ad Ankara, al punto che il premier islamico nazionalista Recep Tayyip Erdogan ha ritenuto necessario ora lanciare un fermo 'guai a chi li tocca'.

''La tomba di Suleyman Shah e il terreno che la circonda sono territorio turco'': qualsiasi atto di aggressione, ha tuonato in tv, sarebbe ''un attacco contro il nostro territorio e contro il territorio Nato''.

Il piccolo presidio di Ankara in territorio siriano, nel bucolico villaggio di Kara Kozak, sulle rive dell'Eufrate, e' - ora pericolosamente - a soli 50 chilometri dall'inferno di Aleppo, teatro dei violenti scontri fra ribelli e forze governative, e a 25 dalla frontiera e dalla cittadina turca di Mursitpinar.

Fino alle ultime settimane per i soldati turchi era una tranquilla missione di routine: issare la bandiera, presentare le armi, restare impettiti davanti all'ingresso in alta uniforme, tenere d'occhio visitatori e pellegrini. Ma dall'abbattimento a fine giugno di un caccia turco al largo delle coste siriane, le relazioni fra Ankara e Damasco si sono fatte incandescenti, a volte vicine a un possibile scontro armato. La Turchia sunnita appoggia i ribelli sunniti siriani, e Damasco secondo Ankara aiuta i i ribelli curdi del Pkk che nelle ultime settimane hanno lanciato un'offensiva nel Kurdistan turco.

La pattuglia di Ankara finora non ha subito attacchi. Ma sull'improvviso monito di Erdogan potrebbero avere influito segnalazioni dei servizi turchi su possibili nuovi fattori di rischio. Che potrebbero venire dalle milizie vicine al regime siriano. Ma anche da possibili provocazioni dei ribelli, fra i quali c'e' un numero crescente di jihadisti stranieri, che potrebbero cercare un coinvolgimento militare turco.

Ankara teme ''attacchi o provocazioni'' conferma Hurriyet.

Intanto nel bucolico pezzetto di Turchia in terra siriana tutto continua come prima, almeno in apparenza. I rifornimenti continuano ad arrivare dal comando di Sanliurfa, oltre frontiera, gli uomini vengono sostituiti due volte alla settimana.

Un ritiro dal 'luogo sacro' dei soldati di Ankara al momento sembra escluso dai turchi. Soprattutto da parte di un governo presieduto dal 'sultano' Erdogan, che punta a restituire alla Turchia moderna la sfera d'influenza fra Europa e Asia dell'impero ottomano.
(ANSAmed).

Vedete che...quantomeno, in alcune occasioni, quando scrivo che questo mondo "è strano...e "forse" anche "grazie a questo"...Interessante, "non mi sbaglio".

E se, "dovessi provare Meraviglia", più che dall'eventuale "Scintilla", scaturita da tal episodio in particolare, la proverei...osservando più in generale, anche sull'intero "teatro" mediorientale e nel tempo, sul/sui perché...vista l'enorme quantità di "carne al fuoco"...la Giusta Scintilla", non è scaturita finora.



La secessione siriana e lo stato Alawita

Una Possibile "Giusta Scintilla", all'Orizzonte...

Siria-Usa: fermare i
caccia di Assad


La Casa Bianca non esclude la possibilità di imporre una no-fly zone sulla Siria. La Turchia tona in primo piano, ma che diranno Russia e Cina?

Continua su: globalist.it

La seguente è una notizia a dir poco, intrigante...

Arabia Saudita: niente aerei Israeliani in
rotta verso l'Iran

Tel Aviv, Israele - Minacciato
l'abbattimento di qualsiasi caccia diretto a
Tehran


(WAPA) - Una strana dichiarazione è stata riportata oggi da fonti stampa internazionali a seguito di una prima pubblicazione in Israele.

L'Arabia Saudita, antagonista storico dell'Iran e alleato degli Stati Uniti in Medio Oriente (ricordiamo che la maggior parte delle difese aeree e dell'aeronautica militare saudita è di origine americana), avrebbe affermato oggi che nessun aereo militare israeliano potrà passare nel proprio spazio aereo se diretto verso l'Iran.

Continua su: avionews.it

Viene "quasi" da chiedersi..."cosa sanno loro, che noi non sappiamo".

"Forse", qualcosa di più e di "certo", in merito a ciò di cui ci ragguaglia Debka,
in questo articolo?

Da cui cito un passaggio, come al solito, a mio parere, interessante...

He referred in answer to a question to the comment by former Mossad chief Ephraim Halevy made last week: “if I were an Iranian, I would be very worried in the next twelve weeks.”
Lui (Barak) riferisce come risposta ad una domanda il commento fatto la scorsa settimana dell'ex capo del Mossad Ephraim Halevy: "Se Io fossi un Iraniano, Potrei essere/Sarei realmente preoccupato nelle prossime dodici settimane."

Dove...tra l'altro, vi è il riferimento alla notizia iniziale.

Comunque...

Si vede che, non erano poi tanto in accordo sull'utilizzo dello spazio aereo, come notizie precedenti "lasciavano intendere".

A meno che...altri eventi, a noi ignoti...

"Riassuntivi articoli, su partigiane conferenze di pace e su Inevitabili, Oscuri Scenari Futuri"...


Perché la conferenza di pace
e riconciliazione di Teheran
non può interrompere
l’escalation globale


..."Come da Copione (Originale)"...

“Israele attaccherà
l’Iran in autunno”


10/08/2012 - Lo riferisce il quotidiano Yediot Ahronot a tutta pagina

di Redazione

Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, e il ministro della Difesa, Ehud Barak, sono decisi ad attaccare l’Iran “in autunno”, prima delle elezioni presidenziali Usa: lo scrive a tutta pagina il quotidiano israeliano Yediot Ahronot, in un articolo a firma di due storici editorialisti, Nahum Barnea e Shimon Shiffer.

Continua su: giornalettismo.com.

"Il/Un Possibile Castigo all'Orizzonte".

Mi viene da esclamare..."Ma Chissà Mai Perché!!!

Terrorismo: allarme Usa, rischio
attentati Hezbollah in Europa


10 Agosto 2012 - 19:39

(ASCA-AFP) - Washington, 10 ago - Gli Stati Uniti temono che il gruppo militante libanese di Hezbollah, sostenuto dall'Iran, potrebbe a breve colpire con una serie di attentati l'Europa e il resto del mondo. A lanciare l'allarme il coordinatore dell'anti-terrorismo del dipartimento di Stato Usa, Daniel Benjamin.

''E' nostra convinzione che Hezbollah e Iran continueranno a mantenere alto il livello di attivita' e operazioni terroristiche nel prossimo futuro'', ha dichiarato Benjamin. ghi

In Attesa della..."Giusta Scintilla", fra "non più definiti...labili e pericolosi, Confini...

La vampata curda riparte dalla Siria

French special forces on Jordanian-
Syrian frontier

Forze speciali Francesi sulla frontiera Siro-Giordana

DEBKAfile August 11, 2012, 11:37 AM (GMT+02:00)

France Thursday flew into Jordan a special operations force for bolstering the American and Jordan units posted on the northern Jordanian border with Syria, Western military sources report.
Paris officials define its mission as “aiding Syrian refugees.” However, military observers say the French troops are trained for deep-penetration operations inside Syria.


Link: debka.com

La Turchia pronta ad agire in
Siria.


Cinque reggimenti corazzati in cinque punti strategici della frontiera con la Siria, cinque task forces molto simili nella loro composizione : 25 carri armati M-60 alcune centinaia di uomini dei reparti di fanteria, mezzi cingolati con missili antiaerei per la difesa di punto e tanta logistica. Oggi sembra più chiaro lo scopo di questo dispiegamento, formare cinque punti sicuri all’interno del territorio della Siria, dove ospitare i profughi e dove dare assistenza in modo informale ai ribelli.

Continua su: geopoliticalcenter.com

Confermate...Forniture militari da Occidente, "non tenendo conto, di eventuali dotazioni a contromisura, Russe"...Pianificando Scenari da Incubo...

Clinton: Chemical
warfare is planned for.
Rebels get first anti-air
Stingers

Clinton: la guerriglia Chimica è pianificata. I Ribelli ricevono il primo sistema anti-aereo Stinger
( in inglese - debka.com ).

...ma pur sempre..."Aderenti, al Vecchio 'Copione'".

Testando, Potenziali Ultimi Messaggi..."nei giorni, di provvidenzialmente...Profetiche, Collisioni"...

Israele, un sms annuncerà
raid missilistico


Parte test nazionale per preparare la popolazione ad eventuali attacchi da parte di Iran o Hezbollah

12 agosto, 10:41

GERUSALEMME - L'esercito israeliano ha annunciato l'avvio di un test nazionale, oggi, per un sistema di allarme che avvisa la popolazione di un attacco missilistico in arrivo attraverso sms. Messaggi in ebraico, arabo, inglese e russo verranno inviati ad abitanti di diverse regioni tra cui quelle di Tel Aviv, Gerusalemme e Haifa.

Il testo sarà "Comando di difesa passiva. Test del sistema di allerta mobile", secondo un comunicato
dell'esercito.

L'esperimento durerà fino a giovedì, quando sarà condotto a livello nazionale. Secondo i media locali, l'esercitazione serve a preparare la popolazione a possibili lanci di missili da parte dell'Iran o degli Hezbollah libanesi, in seguito a un eventuale attacco contro i siti nucleari iraniani.

Link: ansa.it

Lo USS Porter collide con una
petroliera ad Hormuz, lascerà
la 5ª flotta


Il cacciatorpedienere USS Porter, facente parte della task force della portaerei americana USS Enterprise, ha colliso questa mattina con una superpetroliera battente bandiera panamense nello stretto di Hormuz.

Continua su: geopoliticacenter.com

Beh! Il 15%, di potenziale di difesa in meno, da un attacco missilistico portato verso la flotta, non è per nulla poco...anzi, pensando ad...anche profetizzati...possibili scenari futuri in quell'area, questa potrebbe realmente rivelarsi, come una..."Collisione Micidiale".

O no?



A seguire la parte 55

Nessun commento: