Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

lunedì 20 agosto 2012

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/56

Prosegue dalla parte 55.


"La Svolta Egiziana"...

L'ANALISI

Il golpe di velluto
di Morsi l'egiziano


Il presidente, un tecnocrate candidato dai Fratelli Musulmani alle presidenziali come ripiego, ha conquistato un potere virtualmente senza limiti.
Mettendo in un angolo anche i vertici dell'esercito

di BERNARDO VALLI

LA PRIMAVERA araba, versione egiziana, conosce una nuova, sorprendente fase. Muhammad Morsi era fino a pochi giorni fa un presidente dimezzato.
Infatti, nonostante l'elezione al suffragio universale, era relegato in un angolo, privo di reali poteri, dagli onnipotenti generali del Supremo Consiglio delle Forze armate (Scaf). Oggi è un capo dello Stato con ampi, anzi illimitate prerogative, in quanto non precisate da una Costituzione. La quale non esiste. È ancora da scrivere. Non si sa neppure con esattezza quanto debba durare il mandato presidenziale.

Continua su: repubblica.it

Se reale svolta...democratica, sarà.


"Più o Meno...Privilegiati", Punti di Vista...

Reportage/ Ora la
Turchia teme contagio
guerra


Dopo sequestri in Libano, provincia frontiera contro Erdogan

18 agosto, 17:47

di Francesco Cerri

"Erdogan ci aveva promesso 'zero problemi con i vicini', ma oggi siamo ai ferri corti con tutti i paesi confinanti, Iraq, Iran, Armenia, Grecia, Cipro, e siamo sull'orlo della guerra con Damasco" tuona, mentre sorseggia un caffé turco, Ahmet, giovane studente alawita di Antiochia. Qui, sulla frontiera con la Siria, molti sono convinti che la guerra è a un passo. La tensione cresce e così la rivolta contro la politica muscolare sulla crisi siriana del premier islamico sunnita Recep Tayyip Erdogan, che ha sposato la causa dei ribelli sunniti rompendo l'amicizia personale con l'alawita Bashar al Assad. Gli ultimi sviluppi fanno paura.

Continua su: ansa.it

La bomba islamica. Un
grosso problema per
l’Arabia Saudita e gli
USA. Non per Israele.


"Invalicabili Linee Rosse"...

Siria: Obama, uso armi chimiche sarebbe come varcare linea rossa


20 Agosto 2012 - 20:12

(ASCA) - Roma, 20 ago - L'uso di armi chimiche da parte del regime di Damasco ''sarebbe come oltrepassare una linea rossa'' e provocherebbe ''enormi conseguenze''. Lo ha detto il presidente americano, Barack Obama, aprendo all'ipotesi di un intervento militare in Siria se le forze di Assad dovessero avvalersi dell'uso di armi non convenzionali nel corso del conflitto. rba/cam/ss

Chissà, se...nel "Giusto Tempo", agli altri, importerà...o importerà ancora, delle sue...ma anche di altri, "Linee Rosse".

(Sempre Più) "Chiare Opposizioni"...

Siria: Russia-Cina, no
intervento estero


'Violerebbe il diritto internazionale', avverte Lavrov

21 agosto, 12:50

(ANSA) - MOSCA, 21 AGO - Mosca e Pechino ribadiscono la loro opposizione a ogni ipotesi di intervento straniero non autorizzato dall'Onu in Siria, concordando sulla inammissibilita' di qualsiasi violazione dello statuto delle Nazioni Unite. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov. Il presidente Usa Barack Obama ha avvertito che l'utilizzo da parte del regime di armi chimiche indurrebbe gli Stati Uniti a rivedere la loro strategia di non intervento armato nella crisi siriana.

"Altri...Punti di Vista"...

L’equazione chimica di Obama in Siria, Mahmoud il Conquistatore e il dibattito marziano sulla bomba iraniana

Israele-Iran, il conflitto
più temuto


di Maria Luisa Colledani

Come non bastassero spread alle stelle e milioni di ettari senza un goccio d'acqua, anche un rischio nucleare. Lo scienziato Antonino Zichichi, che da ieri presiede i Seminari internazionali di Erice (Trapani) sulle emergenze planetarie, si spinge a dichiarare che «c'è il rischio di una guerra nucleare in Medio Oriente».

Continua su: ilsole24ore.com

"Affinando i Preparativi ed i mezzi"...

L'Iran è pronto ad un
attacco israeliano:
presentati nuovi missili
e siti di difesa aerea


..."sotto molteplici e svariati aspetti...e 'Linee Rosse'"...

Khamenei orders Qods
Brigades to step up
attacks on the West

Khamenei ordina alle Brigate Qods di prepararsi a portare attacchi sull'Occidente

DEBKAfile August 22, 2012, 2:46 PM (GMT+02:00)

The Daily Telegraph’s senior security commentator reported Wednesday that Ayatollah Ali Khamenei had ordered Qassem Soleimani, the Qods Force commander, to activate Unit 400 (overseas operations) against “America, the Zionists, Britain, Turkey, Saudi Arabia and Qatar,” to show them Iran’s “red lines” for their support of the Syrian rebels’ bid to overthrow the Assad regime and tough sanctions against Iran. He issued the directive following a specially commissioned report which said Iran cannot be passive in the face of the new threats posed its national security or abandon Bashar Assad, the senior member of the “resistance alliance.

Link: debka.com

La medesima notizia, tratta da fonte in lingua italiana...

L'Iran prepara la "risposta siriana", contro l'Occidente

Ed ancora da Debka.

Ci giungon notizie, che se confermate...e messe in atto, rappresenterebbero, un'altra potenzialmente reale, Calda Scintilla, per lo scoppio della polveriera mediorientale...

US, UK, French elite
units on standby for
seizing Syrian chemical
weapons

Unità di elite di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia sono in stato di attesa per porre in sicurezza le armi chimiche Siriane
( in inglese - debka.com ).

"Insieme ad Ogni Costo"...

Siria: 007 Iran,un dovere
difendere Assad


Se cade si spezza linea resistenza anti- Israele

25 agosto, 13:04

(ANSA) - TEHERAN, 25 AGO - Il capo dei Servizi segreti dei Pasdaran, ha ribadito che l'Iran ha il dovere di difendere il regime del presidente siriano Bashar Al Assad impedendo cosi' una rottura della "linea di resistenza" contro Israele e gli Stati Uniti costituito geograficamente appunto dalla Siria, oltre che da Libano e Gaza. "Tutti noi siamo tenuti a sostenere questo Paese e non dobbiamo consentire che venga rotta la linea di resistenza", ha detto Hossein Taeb, capo degli 007 dei Pasdaran.(ANSA).

Ricordando, Scenari e...finanche Obbligati, Patti di Comune Difesa...

Come e da dove Israele potrebbe attaccare l'Iran

Il patto di mutua difesa tra Siria ed Iran

"Solo...una questione di Altezze"(?)...

Nuove centrifughe a
Fordow, il sito fortificato
iraniano


Il Rivelato Avviso...

Bibi: se Hezbollah
provoca, Libano soffre


Haaretz riporta avvertimento del premier israeliano

27 agosto, 19:39

(ANSA) - GERUSALEMME - Se gli Hezbollah dovessero compiere una ''provocazione'' contro Israele, lo Stato ebraico reagirebbe con decisione e tutto il Libano ne soffrirebbe. Questo - secondo Haaretz - il senso di un avvertimento lanciato alcune settimane fa dal premier Benyamin Netanyahu, durante un incontro con un importante diplomatico occidentale. L'ufficio di Netanyahu non ha voluto esprimere commenti in merito.

...ed una...quantomeno, Comune "Linea Rossa"...

Siria: Hollande,attacco se
armi chimiche


Presidente francese appoggia posizione Obama

27 agosto, 20:51

(ANSA) - PARIGI, 27 AGO - L'uso di armi chimiche da parte del regime di Damasco sarebbe ''una causa legittima di intervento diretto'' della comunita' internazionale in Siria: cosi' Francois Hollande si allinea al presidente americano Barack Obama, che la settimana scorsa ha avvertito il regime di Bashar al Assad che l'uso o anche il semplice spostamento di armi chimiche costituirebbe il superamento della linea rossa dopo la quale scatta l'intervento militare.


A seguire la parte 57.

Nessun commento: