Post in evidenza

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/50

Continua da questo post . Segnalando altolocati, altrui punti di vista...e consigli, da un ormai in percorso d'uscita, Oltremanica......

venerdì 13 luglio 2012

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/46

Prosegue dalla parte 45.


Secchi e Palesi, mancati appoggi, ad "approcci da diverse prospettive"...

Siria: no Usa a Annan su
Assad e Iran


Casa Bianca, scettici su volontà rais e ruolo positivo Teheran

10 luglio, 23:05

(ANSA) - NEW YORK, 10 LUG - L'amministrazione Obama ha ribadito il suo "no" a un "ruolo positivo" dell'Iran per risolvere la crisi in Siria - come sostiene l'inviato dell'Onu e della Lega araba Kofi Annan - e si dice "scettica" sulla reale volontà del regime di Assad di mantenere gli impegni, dopo l'accordo raggiunto con lo stesso inviato dell'Onu. "Penso nessuno possa seriamente dire che l'Iran abbia avuto finora un effetto positivo sugli sviluppi in Siria", ha detto il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney.


"Nuove Stringenti Risoluzioni, Più o meno Dovute, Defezioni...ed Obbligati, Veti"...

Siria, l'Occidente contro
Assad. Pronte nuove e
pesanti sanzioni


Giovedì, 12 luglio 2012 - 09:54:00

I paesi occidentali del consiglio di Sicurezza dell'Onu hanno presentato un progetto di risoluzione che minaccia nuove sanzioni contro il governo siriano nel caso in cui non si fermi subito il bagno di sangue nel paese.
Proprio nelle stesse ore, Damasco ha dovuto registrare nuove importanti defezioni, tra cui quella del suo ambasciatore in Iran Nella bozza di risoluzione, di cui l'Afp ha ottenuto una copia, europei e americani hanno concesso un ultimatum di dieci giorni al presidente Bashar al Assad affinché ordini il ritiro delle sue truppe e delle armi pesanti dalle città ribelli: in caso contrario Damasco sarà colpita da nuove sanzioni economiche e diplomatiche.

Continua su: affaritaliani.libero.it

La Russia pronta al veto
al Consiglio di Sicurezza
sulla Siria


Il vice ministro per gli affari Esteri della Federazione Russa Gennady Gatilov ha dichiarato che la Russia è pronta a porre il veto alla bozza di risoluzione preparata dai paesi occidentali, se essa
verrà posta in votazione presso il Consiglio di
Sicurezza delle Nazioni Unite. Nella bozza di risoluzione si farebbe infatti un vago riferimento all’art.7 della Carta delle Nazioni Unite, articolo che autorizza l’uso della forza quando è in pericolo la pace e la stabilità. Con la dichiarazione di Gatilov si spengono le speranze di chi in occidente pensava di poter ottenere il placet russo ad un intervento armato in Siria. Nei prossimo giorni GeoPoliticalCenter analizzerà in modo dettagliato la posizione russa e i segnali politici, militari e diplomatici che la Russia ha fatto giungere in medio oriente e nei centri del potere dell’occidente.
Nella bozza di risoluzione sarebbe stato indicato un termine perentorio di dieci giorni, nei confronti del regime di Assad, nei quali si impone la fine dell’utilizzo delle armi “pesanti” contro i ribelli. In caso di violazione dell’ultimatum sarebbero scattate sanzioni, l’embargo sulla vendita di armi e l’autorizzazione ad agire con la forza in base all’art.7, condizioni inaccettabili al momento per Mosca.

Link: geopoliticalcenter.com

Attenzione però, a mio modesto avviso...riguardo la defezione dell'ambasciatore siriano in Iraq...che tutto ciò, potrebbe essere solamente, la "comoda fine" (finanche, per tutti gli "attori"), di uno scoperto/venuto alla luce, tradimento (o doppio gioco), in essere, anche da diverso tempo.

Poi.

Dalla medesima fonte, vi linko un...sempre a mio parere, interessante articolo, con gli aggiornamenti ad una curiosa e potenzialmente inquietante...considerando i possibili sviluppi di eventuali scintille "a causa sua", di qualche tempo fà...


Che fine ha fatto la nave mercantile Alaed?

E poi c'è Debka, con le sue...talvolta rassicuranti, altre volte un tantino meno, notizie (anche se, tuttavia, "Come da Copione")...

Syria takes WMD out of
storage: US: Situation
incredibly dangerous

La Siria porta le sue Armi di Distruzione di Massa fuori dai centri di stoccaggio: Stati Uniti: Situazione incredibilmente pericolosa
( in inglese - debka.com ).

Ricordando...sempre, che tutte queste informazioni, secondo me, a prescindere/qualunque sia dalla/la fonte, vanno prese con le pinze, ovvero, con estrema cautela...

Ecco, se cercavano/volevano, una ottima scusa...quest'ultima, riferita da Debka, in merito alle Armi di Distruzione di Massa ( Chimiche ), fuoriuscite dai centri di stoccaggio, e fornite alle unitá combattenti predisposte...Ora ce l'hanno.

E non è, neppure una novità.

Fossi in lui, "morto per morto"...attaccherei, la dove per un arabo, vi è gloria.

"Una Follia"?

Forse no...poiché gli scenari cambiano e talvolta, anche in fretta e ciò che sembra assurdo, privo di logica...mostruoso, può divenire l'ultima chance...l'unica chance, per la propria sopravvivenza...la "sopravvivenza di un leone".

Vale la pena, vivere Una vita da sconfitto e con buona probabilità, in terra straniera, con il concreto rischio di essere comunque, un bersaglio?

Oppure.

È preferibile, giocarsi...ovviamente, nel "Giusto Tempo", il "tutto per tutto", forte dell'appoggio...o forse, più correttamente...sfruttando "l'interposizione degli alleati, vicini e lontani", al fine di...quantomeno tentare, di raggiungere la "Giusta Gloria", necessaria...anche, per acquisire...per un "dato" periodo perlomeno...la "Giusta Immunità"?

Ricordate?

"Se la vittima predestinata...anticipasse il/i carnefice/i".

Vedremo, ma temo che...nulla di buono, si stia configurando, sotto il sole del medioriente.

Racconti dal "Regno del Caos".

"Raccontando...di Raccontati, Racconti"...

Siria: ong, esercito sposta
feriti Tramseh


Prosegue identificazione vittime, anche ribelli armati

14 luglio, 10:43

(ANSA) - BEIRUT, 14 LUG - L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) afferma di aver saputo da testimoni che alcuni feriti e morti del massacro di Tramseh sono stati portati via dalle forze governative. L'Ondus dice di avere identificato un centinaio di vittime civili. Altri 30 cadaveri, aggiunge, sono stati bruciati e non sono riconoscibili. Alcune delle vittime erano di villaggi vicini a Tramseh. Diciassette persone, tra cui donne e bambini, sono stati uccisi mentre cercavano di fuggire.

Eh Si! Nulla vi è di certo...quantomeno, "a questo mondo".

Ed ancora...Debka, che in questa occasione, fornisce conferme ai miei pensieri, come quelli esposti in questo post, tuttavia..."ampliandoli".

Israel advised to brace
for Syrian missile attack
– conventional or
chemical

Israele avvisa/avverte a farsi coraggio/di prepararsi per un attacco missilistico Siriano - convenzionale o chimico
( in inglese - debka.com ).

Ma sempre..."Come da Copione".

In Attesa, della "Giusta... Ultima Scintilla"...

Iran renews Hormuz closure
threats

L'Iran rinnova le minacce sulla chiusura di Hormuz
( in inglese - af.reuters.com ).

E poi, anche da fonte cinese, ma...almeno secondo me, con dichiarazioni di un diverso tenore e contenuti...

Iran: completo controllo dello stretto
di Hormoz


2012-07-15 19:30:21 cri

Il 14 luglio il comandante della marina delle Guardie rivoluzionarie dell'Iran, Ali Fadavi, ha dichiarato che lo stretto Hormoz è stato messo completamente sotto il controllo delle forze armate iraniane.

Viene riportato dai media locali che Ali Fadavi ha rilasciato lo stesso giorno un discorso ai funzionari e soldati delle guardie rivoluzionarie, dichiarando che l'Iran ha sotto il suo totale controllo lo stretto di Hormoz, e gli USA e Israele si sono resi conto che se adottassero qualsiasi iniziativa ostile, pagherebbero un prezzo molto elevato.

Punti di Vista, su (a taluni quantomeno) Visibili, più o meno Futuri, Scenari...

La questione siriana
vista dalla Cina


16/07/2012

La crisi siriana, e lo scontro internazionale che ruota attorno ad essa, fanno parte di un emergente conflitto globale per l’egemonia che vedrà Pechino come principale avversario di Washington – scrive l’analista libanese Raghid Solh

Continua su: medarabnews.com

Ed "infine", ancora Debka, a portare notizie di Ulteriori Alte Defezioni, ed Ultimi Avvisi per "vie nascoste"...

Assad receives last
warning to stop moving
his WMD: Top generals
defect

Assad riceve l'ultimo avviso a fermare lo spostamento delle sue Armi di Distruzione di Massa: Defezione di Massimi Generali
( in inglese - debka.com ).


A seguire la parte 47.

Nessun commento: