Post in evidenza

WIKILEAKS: VAULT 7

Continua da questo post Dai primi giorni di febbraio l'account twitter di Wikileaks posta misteriosi messaggi accompagnati da immagin...

lunedì 1 dicembre 2014

PANDORA'S TIMES parte CCXXVIII

Prosegue dalla parte CCXXVII.


Curiose e Assai vitali, ricerche.

"Cose dell'altro mondo"...

Pentagono iberna i soldati Usa per
salvargli la vita


Terapia sperimentale manterrebbe in vita i feriti
prima dei soccorsi

28 novembre 2014 18:08

I soldati americani feriti sul campo di battaglia potranno essere salvati attraverso una particolare "ibernazione" capace di mantenerli in vita in attesa dell'arrivo dei soccorsi. La notizia della nuova terapia farmacologica alla quale stanno lavorando ricercatori americani, sostenuti da circa 550mila dollari finanziati dal Pentagono, ha riscontrato ottimismo trovando ampio spazio sulle pagine del Mirror e di altri media britannici.
"Durante le guerre in Iraq e Afghanistan oltre l'87% dei soldati sono deceduti nei primi 30 minuti dopo il ferimento, prima che riuscissero a raggiungere l'ospedale più vicino" sostiene Geoffrey Dobson, ricercatore presso la Division of Tropical Health and Medicine della James Cook University nel Queensland, ideatore del farmaco.
"Almeno un quarto di questi uomini - spiega Dobson - aveva riportato ferite curabili e sarebbe riuscito a scongiurare la morte se fosse arrivato in tempo in ospedale. Il tempo, in quel caso è stato assassino". Il farmaco sperimentale pensato da Dobson punta a fornire sufficiente pressione sanguigna agli organi vitali al fine di mantenere il soggetto in vita durante alcuni minuti successivi al ferimento, nonostante il soldato abbia subito un'ingente perdita di sangue o un trauma cranico. Il soggetto ferito potrà così, anche per pochi minuti, scongiurare una morte, altrimenti certa, in attesa di essere adeguatamente soccorso e curato. "La medicina, con alte capacità coagulanti - continua il ricercatore della James Cook University - può essere iniettata direttamente nel sangue, riducendo anche l'infiammazione". Una serie di colloqui già iniziati potrebbero portare già entro un anno all'approvazione del farmaco da parte della "Food and Drug Administration" (FDA). L'utilizzo del portentoso farmaco, qualora la sperimentazione continuasse a confermare gli efficaci risultati finora ottenuti, potrebbe essere esteso dai campi di battaglia agli ambiti domestici e alla vita di tutti i giorni, riducendo le conseguenze di incidenti, anche gravi, e contribuendo a salvare molte vite.

Link: ansa.it


"Italici Misteri irrisolti".

Acquisendo prova di una...per taluni almeno, certezza, riguardo a passato...ed Assai misterioso, tragico evento?

Ustica, scoperta la traccia
radar del missile?


La sostiene un nuovo studio ingegneristico
aerospaziale, per cui l'aereo non esplose in volo

Continua su: cdt.ch


Intriganti rivelazioni...da un futuro che incombe.

Considerando anche il ripetersi di un tempo circolare...

PUO' QUESTO COMPUTER PREDIRE IL FUTURO ? (IL
GOVERNO SENZA DUBBIO PENSA DI SI')




DI MARCO SLAVO

shtfplan.com

Per quasi dieci anni l’economista Martin
Armstrong è rimasto chiuso in una prigione
federale.

Non è stato condannato con nessun crimine. Non
gli è mai stato fatto un processo. Lo hanno
semplicemente arrestato, hanno fatto a pezzi la
sua vita lavorativa e hanno gettato via la chiave.

Perché?

Continua su: comedonchisciotte.org


Raccontando di progetti...da un talvolta finanche Assai, strano mondo...

Marocco, sembra il signore degli
anelli: la torre di Sauron è a
Casablanca




A volte la realtà si avvicina alla fantasia. È questa la sensazione che si avverte guardando il progetto della Al Noor Tower, il grattacielo più alto dell'Africa che sorgerà a Casablanca. A sorprendere non sono solo le sue dimensioni (540 metri) ma anche la sua somiglianza con la torre di Sauron, celebre dimora oscura della saga Il Signore Degli Anelli. Progettata dagli architetti francesi Valode et Pistre, la torre si ispira alla forma di una penna stilografica che in cima si divide in due lame

a cura di Chiara Nardinocchi

Link fotogallery (11): repubblica.it

Che i progettisti siano francesi a qualcuno potrebbe "apparire" interessante...a qualcuno.

Fosse solo, come una sorta di segno premonitore...anche se poi, solo di somiglianza si tratta.



A seguire la parte CCXXIX.

Nessun commento: