Post in evidenza

WIKILEAKS: VAULT 7 - parte seconda

Prosegue da questo post . Rivelando segreti..."potenzialmente, di mezz'età...e forse più in verità"... WikiLeaks beffa la...

domenica 14 maggio 2017

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/220

Prosegue dalla parte 219.


"Guardando all'estremo Oriente, ma pensando...molto più ad Occidente"...

La Nord Corea è un diversivo
all’invasione della Siria da parte di
Stati Uniti e Giordania?




DI MIKE WHITNEY

counterpunch.org

“Assad sa che la Giordania vuole inviare truppe nel sud della Siria con la collaborazione degli americani… La Giordania non è un paese indipendente. Ciò che gli U.S.A. vogliono accadrà, ha detto il presidente siriano”.
— Middle East Monitor

“In caso di una divisione de facto della Siria, gli Stati Uniti e i loro alleati otterrebbero una regione strategicamente importante. È attraverso Deir Ezzor che il gasdotto proposto dal Qatar passerà… La provincia di Deir Ezzor è anche la sede del più grande deposito petrolifero siriano, l’Al-Omar… la città e la provincia sono particolarmente importanti in quanto i depositi contengono il greggio di qualità pregiata, utilizzabile nella produzione di benzina e diesel”.

— South Front, “La fortezza di Deir Ezzor; Cosa bisogna sapere”

Gli Stati Uniti non attaccheranno la Corea del Nord. I rischi vanno ben oltre i vantaggi e inoltre gli U.S.A. non hanno alcuna intenzione di cadere in un conflitto che non avanza i propri obiettivi geopolitici. Le minacce sono solo un tentativo di distogliere l’attenzione dal confine siriano-giordano dove Stati Uniti e Giordania stanno ammassando truppe e attrezzature per invadere la Siria. Ecco cosa sta succedendo. La Corea è uno specchietto per le allodole.

Continua su: comedonchisciotte.org

Ma questo, corroborato o meno, fosse solo d'indizi è...e rimane, seppur da taluni condiviso, un punto di vista. E come avevo scritto, in tempi finanche non sospetti, le due crisi, "possono essere/sono/saranno" correlate e...concomitanti. Come al solito, vedremo se così sarà...oppure, No!


Premonizzando futuri guerreggiati scontri (io penso, ed aggiungo...anche) in territori d'altri...

Hezbollah says future war would be on Israeli territory

Hezbollah dice che la(una) futura guerra potrebbe essere(sarebbe) sul territorio Israeliano
( in inglese - reuters.com ).

E sarebbe...anche, "Come da, talune almeno, Profezie". Ed anche in questo "caso", vedremo. Intanto nei giorni successivi a tale discorso del leader di Hezbollah, è giunta da parte libanese l'accusa, verso gli israeliani, di aver inviato migliaia di chiamate telefoniche a numeri nel paese recanti la notizia della colpa del leader stesso riguardo la morte di un comandante delle "sue" truppe di cui fu incolpato Israele. A quanto parrebbe, un evento simile avvenne nel corso della guerra del 2006 (Debka). Interessante...ma non probante delle eventuali, di chicchessia, future intenzioni...ovviamente.

Sorprendenti piene aperture, solo tattiche atte a prender tempo, o di tutto un po' e chi ne ha ne aggiunga, finanche improvvisando?

Corea del Nord, apertura
a sorpresa verso Trump:
"Disposti a trattare a
certe condizioni"


Colpo di scena matura alla vigilia del summit cinese sulla via della seta. E proprio la mediazione di Pechino potrebbe aver aperto gli spiragli

dal nostro corrispondente ANGELO AQUARO

Continua su: repubblica.it

Nuovo missile Pyongang, tensione
torna alta in Corea. Gentiloni:
"Serve risposta ferma"


La tensione torna altissima nella penisola coreana

14 maggio 2017 12:11

La tensione torna altissima nella penisola coreana dove stamane Pyongyang ha lanciato l'ennesimo missile balistico che ha percorso una distanza di almeno 700 chilometri (800 secondo fonti giapponesi) prima di cadere nel mar del Giappone. I capi di stato maggiore delle forze armate sudcoreane per primi hanno confermato il lancio, precisando che e' avvenuto nei pressi di Kusong City, nella provincia di North Pyongan, gia' teatro di un altro test balistico di medio raggio lo scorso 12 febbraio.

Continua su: ansa.it

- Il linguaggio (cifrato)
dei missili di Kim


- La Corea del Nord lancia un missile
balistico da 4500 km


E nel mezzo del cammino, le elezioni iraniane, ulteriori tecnologici dispiegamenti russi in territorio siriano, programmate, manovre militari israeliane, in particolare, sul confine libanese e giordano con la partecipazione saudita e degli Emirati e chissà, altro ancora a divenire.

Nuove accuse, militari dispiegamenti...ed avvertimenti (in repentine azioni espresse), ai confini meridionali siriani, interessanti viaggi elitari...a sancire, a quanto pare, militari alleanze, assai mirate...ma il Tutto, chissà, finanche "Come da Copione" e direi, soprattutto, "Come da, talune almeno, Profezie".(o se preferite "?" Vedete un po' voi.)

Siria: Usa, esecuzioni massa
prigionieri


Poi i corpi bruciati in crematorio. 50 impiccati al giorno

15 maggio 2017 17:58

(ANSA) - WASHINGTON, 15 MAG - L'amministrazione Trump accusa il governo siriano di eseguire esecuzioni di massa dei prigionieri e di bruciare i loro corpi in un grande crematorio fuori Damasco per nascondere le prove. Secondo il Dipartimento di Stato, circa 50 detenuti al giorno sono impiccati nella prigione militare di Saydnaya, a 45 minuti da Damasco.

Hizballah rush 1,000 troops to S. Syrian borders
Hezbollah spinge 1.000 unità delle sue truppe verso i confini
Meridionali della Siria
( in inglese - debka.com ).

Trump a Riad terrà discorso sull'
Islam


Mcmaster, appello a unità islamica contro nemici
comuni

16 maggio 2017 18:31

(ANSA) - WASHINGTON, 16 MAG - Donald Trump pronuncerà domenica a Riad un discorso incentrato su una "visione pacifica dell'Islam" nel quale insisterà sull'impegno degli Usa verso i partner musulmani e chiederà "l'unita' del mondo islamico contro i nemici comuni della civiltà": lo ha annunciato il consigliere per la sicurezza nazionale Usa, H.R. McMaster, in un briefing con la stampa alla Casa Bianca.

Wp, Trump vuole 'Nato araba'

'A lavoro con Riad, pronto a svelare il piano in Arabia
Saudita'

17 maggio 2017 18:10

(ANSA) - WASHINGTON, 17 MAG - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump pensa ad una 'Nato araba' per guidare la lotta al terrorismo nonché fare muro contro l'Iran. Lo scrive il Washington Post affermando che il piano, descritto come una "architettura per la sicurezza nazionale", vede un ruolo centrale per l'Arabia Saudita. Riad non a caso sarà una tappa cruciale del primo viaggio all'estero di Trump, dove - scrive il giornale - il presidente intende svelare il suo piano.

Tv Siria: in raid Usa morti soldati

Washington aveva parlato di milizie filo-regime colpite

19 maggio 2017 10:43

(ANSA) - "Numerosi" soldati siriani sono stati uccisi ieri in un raid di aerei americani in territorio siriano vicino al confine con la Giordania, secondo quanto afferma la televisione di Damasco. Ieri la Coalizione anti-Isis a guida americana aveva affermato di avere colpito "forze filo-regime che stavano avanzando dentro un'area di de-escalation" vicino al valico frontaliero di Tanf, tra Siria e Giordania. La televisione siriana non precisa il numero dei morti e dei feriti. Da parte sua, l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus), su posizioni anti-governative, afferma che gli uccisi sono stati 8, tutti appartenenti a milizie alleate del regime e "in maggior parte non siriani". Secondo la stessa fonte, è stato bombardato un convoglio che trasportava forze governative e milizie loro alleate e almeno quattro veicoli sono stati distrutti.
Per la Russia l'attacco è "assolutamente inaccettabile" e viola "la sovranità del paese". Lo ha detto il vice ministro degli Esteri russo Gennady Gatilov citato dalla Tass.

Ipotizzando scenari, su già sancite prioritarie linee rosse, finanche...potenzialmente, a divenire Assai Nefasti...

- SCATTA L’ALLARME PER LE ARMI CHIMICHE AL CONFINE
TRA SIRIA E IRAQ. A DEIR EZZOR SI DECIDONO I
DESTINI DI UN’INTERA REGIONE


Contromosse...a posteriori, d'altra sponda...

Russian paratroops move to Syrian border triangle

Truppe Russe muovono verso l'intersecazione tri-confine Siriana
( in inglese - debka.com ).


A seguire la parte 221.

Nessun commento: