Post in evidenza

WIKILEAKS: VAULT 7 - parte seconda

Prosegue da questo post . Rivelando segreti..."potenzialmente, di mezz'età...e forse più in verità"... WikiLeaks beffa la...

lunedì 10 aprile 2017

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/50

Continua da questo post.


Segnalando altolocati, altrui punti di vista...e consigli, da un ormai in percorso d'uscita, Oltremanica...

Brexit, ex governatore della Banca
d’Inghilterra King: “Londra sia
pronta a uscire dall’Ue anche
senza accordo”


di Stefano Feltri | 9 aprile 2017

Per l'ex banchiere centrale uscire dall'euro "è una decisione politica: dipende quanta disoccupazione la gente è disposta ad accettare e per quanto tempo. Ma se continuiamo così ci sarà presto un’altra crisi come quella del 2010 e 2011"

Continua su: ilfattoquotidiano.it


E nel frattempo...tra attentati ad insanguinare natali strade ed il questionare di politica, in attesa...di attese, ed ormai imminente, elezioni anticipate. C'è chi trapiantato, da italiche sponde, si pone...a riguardo di futura, dimorante vita, domande...

Goodbye London: tra gli italiani
d'Inghilterra che si preparano alla
Brexit


L'8 giugno la Gran Bretagna va alle elezioni politiche, dopo aver approvato il referendum che sancisce l'uscita dall'Unione Europea. Cosa accadrà ora? È uno dei principali temi della sfida tra May e Corbyn, ma è anche il cruccio dei nostri connazionali che avevano scelto Londra, e che ora si sentono traditi

dal nostro corrispondente ENRICO FRANCESCHINI

Continua su: repubblica.it

Decennali - e "forse" più - tempi, di geo-politica economica...

La fine del (petro)dollaro: che cosa la Federal Reserve
non vuole che tu sappia




DI SHAUN BRADLEY

theantimedia.org

La capacità degli Stati Uniti di mantenere la propria influenza sul resto del mondo sta diminuendo lentamente. Da quando il petrodollaro venne istituito nel 1971, la moneta ha monopolizzato il commercio internazionale grazie a scambi con l'OPEC e continui interventi militari. C’è però una crescente opposizione allo standard americano, aumentata recentemente dal fatto che diversi Stati del Golfo hanno bloccato il Qatar, accusato di finanziare il terrorismo.

Nonostante la narrativa principale, ci sono diverse altre ragioni per cui Qatar è nel mirino. Negli ultimi due anni, ha condotto oltre $86 miliardi di transazioni in yuan e ha firmato altri accordi con la Cina che incoraggiano ulteriormente la cooperazione economica. Il Qatar ha inoltre i maggiori giacimenti di gas naturale del mondo, assieme a quelli iraniani, dando ai due paesi una significativa influenza regionale.

Nel frattempo, i debiti incontrollabili e le divisioni politiche degli Stati Uniti sono segni evidenti di vulnerabilità. I cinesi e i russi hanno istituito in modo proattivo sistemi finanziari alternativi per chi cerca di allontanarsi dalla Fed. Dopo che l’FMI ad ottobre ha accettato lo yuan nel suo paniere di valute di riserva, investitori ed economisti hanno finalmente cominciato a prestare attenzione. Il potere economico detenuto dalla Federal Reserve è stato fondamentale nel finanziamento dell’impero americano, ma sono in corso grossi cambiamenti geopolitici. La reputazione degli americani, dopo decenni di guerre non dichiarate, di sorveglianza di massa e di politica estera catastrofica, si è totalmente rovinata.

Continua su: comedonchisciotte.org

"Incoraggianti segnali, chissà se a divenire poco liquide realtà?"

L’economia va tanto bene, che UE medita di bloccare i
depositi


DI MAURIZIO BLONDET

maurizioblondet.it

L’economia dell’Europa “è tornata a crescere”. La disoccupazione “cala” anche in Italia. Le cose vanno così bene – che la UE sta meditando il congelamento dei depositi, in caso di crisi, per impedire la corsa agli sportelli che trascinerà tutte le banche nell’abisso. Per salvare le banche, vi vieteranno di ritirare i vostri risparmi.

Lo ha raccontato la Reuters il 28 luglio.

Continua su: comedonchisciotte.org

Nessun commento: