Post in evidenza

Il 2012, i Segreti dei Maya, il Governo Messicano...ed un Documentario/18

Prosegue da questo post . Una interessante domanda d'inizio Aprile...a cui è stata fornita una risposta, Seppur...ad esser noiosi, n...

sabato 30 aprile 2016

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/202

Prosegue dalla parte 201


E mentre c'è chi...da Oriente, rimarca i suoi buoni, ma fermi, propositi...

Teheran, avremo i missili difensivi


Ministro Difesa a Mosca, Iran non è minaccia per altri Stati

27 aprile 2016 11:58

(ANSA) - L'Iran si doterà di un programma missilistico di difesa e "nessuno sarà in grado di fermare questo sforzo". Così il ministro della Difesa di Teheran Hossein Dehghan alla quinta conferenza di Mosca sulla sicurezza. "L'Iran - ha aggiunto - non ha mai minacciato e non minaccerà mai la sicurezza di altri stati e condanna l'uso della forza contro altri stati sovrani".


A pochi chilometri dalla guerra, di una nazione in guerra, la...anche nostra...normalità...

Damasco, musica e cocktail: la "normalità" dei giovani siriani
a poche miglia dal fronte



(reuters)


Un ragazzo regge una birra fuori da un pub. Un gruppo di amici si scatta un selfie. Altri ragazzi parlano nelle vicinanze. Il centro di Damasco, negli ultimi mesi, si è ripopolato grazie all'apertura di nuovi locali e pub; una strategia messa a punto dal governo siriano per tentare di riportare la normalità tra gli abitanti della città vecchia. "La gente è stanca della guerra, vuole solo tornare alla vita di sempre - afferma Dana Daqqaq, barista - per questo con l'apertura di nuovi locali escono in molti per socializzare". Solo lo scorso anno il centro di Damasco, incluso il quartiere di Bab Sharqi, si trovava sotto bombardamento. Ora la gente fuma fuori dal Pub Sharqi o guarda le partite di calcio al vicino "80's". "Questo non sarebbe stato immaginabile due anni fa", afferma Nicolas Rahal, designer 23enne. Impossibile, tuttavia, dimenticare la terribile guerra che si sta combattendo da oltre cinque anni tra le porte della città e la Siria, guerra che fino a oggi ha causato oltre 250mila morti e 5milioni di profughi. Il reportage del fotografo Reuters Omar Sanadiki

a cura di Alessandra Del Zotto

Link fotogallery (19): repubblica.it

Soprattutto...ma Non solo per noi, la Libia È...e rimarrà, centrale...

- Tobruk prepara offensiva verso Ras Lanuf.
Tripoli chiede truppe straniere in Libia


- Perché Obama non va alla Guerra in Libia (e
lascerà andare avanti noi)


Come, da un rapporto esclusivo di Debka, parrebbe risultare evidente...

Italian-British force ambushed by IS in Libya

Forze Italo-Britanniche in Libia sono cadute in un'imboscata dell'ISIS
( in inglese - debka.com ).

E mentre gli iraniani, a quanto pare, sono sempre più impegnati in Siria, anche di conseguenza al defilarsi dei Russi...

Iran’s army chief takes command in Syria

Il comandante dell'esercito Iraniano prende il comando in Siria
( in inglese - debka.com ).

Un defilarsi, Apparente quantomeno...seppur voci dell'ultim'ora (sempre di Debka), sussurrano di un accordo Russo-statunitense riguardante la Siria e le sanzioni derivate dalla crisi Ucraina, ed annessione della Crimea. Vedremo...

In Video: Russia sets up new military base in Palmyra

Filmato: La Russia sta allestendo una nuova base militare a Palmira
( in inglese - almasdarnews.com ).

In quel del Golfo, rivendicano il proprio diritto, ed il dovere dei visitatori di passaggio, a presentarsi, con il...loro, nostrano linguaggio...

- Hormuz altre provocazioni iraniane alla marina americana

Ed in terra libica, anche la tribù di Gheddafi si unisce allo Stato Islamico (Ansa), quest'ultimo invia chiare minacce, da più parti, ad Israele...

ISIS to Israel: “We’re coming very soon”

L'ISIS ad Israele: "Arriveremo molto presto"
( in inglese - debka.com ).

Una Interessante lettura, dal cuore dello stato islamico. Mah! Chissà chi invierà tutti quei cargo...

- Vendette, spie e donne prigioniere,
voci da Mosul bastione dell’Isis


Osservando gli eventuali sviluppi del palese "(ri)nascere" di aggreganti fronti orientali, dai Chiari intenti e chiare dichiarazioni di un assai altolocato esponente russo, tratti, dalla medesima fonte...

- Nasce il Fronte Arabo Progressista contro l'occupazione israeliana e l'imperialismo

- Lavrov a Kerry: "Non c'è altra forza più efficace dell'esercito siriano
per combattere il terrorismo"


Ed altrettanto chiare...e certe, dichiarazioni assai mirate, del più diretto interessato...

Assad, libereremo Siria da terroristi


Presidente, Aleppo sarà la tomba dei sogni di Erdogan

07 giugno 2016 15:41

(ANSA) - "Vinceremo!": così il presidente siriano, Bashar al Assad, ha concluso il discorso tenuto oggi a Damasco al parlamento appena insediato. "Abbiamo liberato Palmira e altri territori. E libereremo ogni palmo di Siria. La vittoria è la nostra unica scelta contro il terrorismo.
Vinceremo!", ha detto Assad citato dall'agenzia Sana controllata dal governo. "Il regime fascista di Erdogan si concentra su Aleppo per il suo progetto della Fratellanza (musulmana).. ma Aleppo sarà la tomba dei sogni e delle speranze di questo brutale assassino", ha aggiunto.

Quando i tre alleati...in pratica, a livello militare, s'incontrano a Teheran e da fonti riservate e con notizie visualizzabili con il giusto obolo su Debka, parrebbe che sia stato raggiunto un accordo fra Stati Uniti e Turchia, su una o più...cosiddette/così definite "zone di sicurezza" all'interno del Nord della Siria, da Aleppo al confine turco...

Siria: summit a Teheran con Russia, Iran


Si incontreranno i tre ministri della Difesa

08 giugno 2016 21:16

(ANSA) - I ministri della Difesa iraniano, russo e siriano si incontreranno domani a Teheran per fare il punto "sugli ultimi sviluppi regionali " e discutere "le strategie per rafforzare ed estendere la battaglia contro il terrorismo". Lo ha annunciato l'agenzia Mehr. E' stato il ministro della difesa iraniano, Hossein Dehgahn a promuovere il summit con il collega russo, Sergey Shoygu, e quello siriano, Fahd Jassem al-Freij.

E due portaerei Statunitensi (di cui, a quanto pare, almeno una "solo di passaggio"/per breve tempo) si trovano nel Mediterraneo. Tale...ultimo, precedente evento, risale al 2003...ovvero, all'attacco all'Iraq di Saddam Hussein...

Isis: 2/a portaerei Usa in Mediterraneo


Non accadeva da invasione Iraq del 2003. Segnale a Mosca

09 giugno 2016 16:58

(ANSA) - NEW YORK, 9 GIU - Gli Stati Uniti hanno deciso di inviare una seconda portaerei, la USS Harry Truman, nel Mediterraneo, dove già c'è la USS Dwight Eisenhower. E' la prima volta dai tempi dell'invasione in Iraq, nel 2003, che non si registrava una presenza navale Usa così massiccia. La nuova portaerei servirà da base di lancio per i caccia impegnati nei bombardamenti contro obiettivi dell'Isis in Iraq e Siria.
Osservatori citati sui media Usa ritengono che sia un messaggio a Mosca che vuole rafforzare la sua presenza nella regione.


A seguire la parte 203.

Nessun commento: