Post in evidenza

Il 2012, i Segreti dei Maya, il Governo Messicano...ed un Documentario/18

Prosegue da questo post . Una interessante domanda d'inizio Aprile...a cui è stata fornita una risposta, Seppur...ad esser noiosi, n...

mercoledì 13 aprile 2016

Annunciando Nuove Frontiere dell'Esplorazione Spaziale

Il piano di Stephen Hawking per
esplorare lo Spazio (con Mark Zuckerberg)


Il fisico Stephen Hawking e il filantropo Yuri Milner hanno annunciato un piano ambizioso per raggiungere le stelle più vicine. Grazie a un investimento di 100 milioni di dollari vogliono sviluppare un sistema di propulsione veloce per raggiungere le stelle vicine. In tempi compatibili con una vita umana. E con nano sonde complete di tutto.

Centinaia, forse migliaia, di astronavi grandi quanto un francobollo, dal costo di un iPhone, spinte da "fasci" laser "sparati" da Terra e in grado di raggiungere velocità di circa il 20% di quella della luce. È il progetto Breakthrough Starshot, sviluppato da Sthephen Hawkings (e altri scienziati) con un finanziamento da 100 milioni di dollari dell'investitore e filantropo russo Yuri Milner (e con la partecipazione di Mark Zuckerberg). | BREAKTHROUGH INITIATIVES

Continua su: focus.it


Anche da altra fonte, ma sempre in lingua italiana...

Alpha Centauri sempre più vicina: il primo
viaggio interstellare grazie a Hawking e
Zuckerberg



Il progetto finanziato dal magnate russo Yuri Milner prevede di inviare un migliaio di minisonde spinte da un 'vento laser'. Come aquiloni, potrebbero raggiungere la stella a noi più vicina in circa 20 anni a una velocità pari a un quinto di quella della luce. Un'impresa possibile "entro una generazione" che costerà dai 5 ai 10 miliardi di dollari

di MATTEO MARINI

Continua su: repubblica.it

Beh! Seppur nello strettissimo rispetto dei termini temporali posti per questo progetto. Non so se riuscirò a vedere le immagini di ritorno di queste mini(o nano)-sonde (dai 25 ai 50 anni più o meno), ma so per certo che, ciò rappresenterebbe un'enorme passo...seppur indiretto, per l'umanità.

E l'immensità dello spazio siderale intorno a noi, chissà...forse, risulterebbe più vicina...un po' più piccola, raggiungibile anche da umane membra.

E l'impulso che ne deriverebbe...chissà, potrebbe far sì di stimolare la ricerca verso altre più celeri, fantascientifiche modalità di propulsione che, a loro volta, renderebbero tale spazio siderale...ancor più piccolo.

Eh Sì! Chissà.

Ma comunque...fausto, o nefasto, strano, conosciuto, "già visto"...o "previsto", il futuro incombe.

Ah! Dimenticavo...Non solo in questo mondo..."ovviamente".

Nessun commento: