Post in evidenza

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/220

Prosegue dalla parte 219 . "Guardando all'estremo Oriente, ma pensando...molto più ad Occidente"... La Nord Corea è un di...

domenica 28 giugno 2015

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/41

Continua da questo post.


"Inevitabili...aggiornamenti greci"...

Piano Grecia, Tsipras chiede un
referendum il 5 luglio: "Anche se non
piace ai partner". Ma l'Eurogruppo: "No a
proroga aiuti"


Il premier ellenico va in tv e annuncia di essere stato costretto alla consultazione: "Ci hanno chiesto pesi insopportabili". Un sondaggio dà i sì in maggioranza. Nel Paese scatta la corsa a bancomat - 700 milioni di euro ritirati un un giorno - supermercati e pompe di benzina per i timori di tracollo delle banche. La consultazione otiene il via lilbera del Parlamento. Il premier: "Votate no"

Continua su: repubblica.it


- Il colpo gobbo di Alexis Tsipras (e la Resurrezione della Democrazia)

- Grecia chiuse le banche e la borsa.
Attesa per l’annuncio del controllo dei capitali


Grecia, Merkel: "Se fallisce l'euro, fallisce l'Europa". Tsipras: "Rispondiamo ai ricatti"

Il presidente Juncker si rivolge direttamente ai cittadini greci, attaccando il comportamento del governo ateniese: "Hanno vinto i tatticismi e i populismi, ma l'Eurozona non è una partita a poker". La Cancelliera apre a "trattative dopo il referendum". La Casa Bianca chiede di rinegoziare il debito. Padoan: "Italia esposta direttamente per 35,9 miliardi"

Continua su: repubblica.it

"Strani"...altolocati interessi, d'oltreoceano...

- Evitare il default della Grecia è una priorità (di Obama)

"Aggiornando...Inevitabili eventi", Non solo greci...

Non solo Grecia, anche il Porto Rico sull'orlo del default


Il governatore del territorio degli Usa nei Caraibi ha dichiara "non pagabile" un debito da 70 miliardi di dollari. Le banche e i fondi non sono disposti a sottoscrivere nuovo debito: una ristrutturazione è imminente. Ma ci sono enormi problemi legali: non è uno Stato sovrano e non può accedere al Fmi

Continua su: repubblica.it

Ok al prelievo forzoso di soldi dai nostri conti correnti bancari: è legge

La Camera approva il temutissimo "bail in". Di che cosa si tratta? E' un termine di origine anglosassone con il quale si indica il prelievo forzoso dai conti correnti dei clienti delle banche

Continua su: affaritaliani.it

Tornando alla situazione che sta vivendo la penisola greca, all'avvicinarsi sempre più del fatidico referendum...

- Referendum Grecia, sondaggi: in crescita il sì,
stragrande maggioranza dei greci vuole restare nell'Euro


- Grecia verso il referendum. Varoufakis:
"Creditori terroristi", timori di prelievo forzoso


In attesa del verdetto popolare...

Referendum Grecia,
Tsipras: "Nessuno può ignorare la
determinazione di un popolo"




Secondo i sondaggi, l'adesione o meno al piano dei creditori internazionali si giocherà su i 40 mila votanti. Gli indecisi sono ancora tanti. Garofalo a Fmi e Bce: "Terroristi". Shaeuble: "Non volete cambiare". Renzi: "Italia a posto, non c'è niente da temere".
Spoglio in diretta, dalle 19.00, su Repubblica.it

Continua, con liveblog, su: repubblica.it

Ed il verdetto...poi, Arrivò...come i commenti, ed i possibili futuri...anche cronologici, scenari...

- Referendum in Grecia ha vinto il No

- CHE GRANDE LEZIONE DAI GRECI: E ORA
VEDRETE COS'E' DAVVERO L'EUROPA


- GRECIA COME CAPRO ESPIATORIO

- NO

I GRECI RESPINGONO LE RICHIESTE DELL’UNIONE EUROPEA – SYRIZA PREPARA UNA VALUTA PARALLELA



DI AMBROSE EVANS PRITCHARD

telegraph.co.uk

La travolgente rivolta greca causa all'Europa la più grande ferita a partire dal fallito referendum francese e olandese di una decina di anni fa. I falchi di Syriza vogliono installare un nuovo team presso la Banca Centrale Greca, disposto a ricorrere alle riserve segrete della Banca Centrale, per fare in extremis il passo provocatorio di stampare euro. In questo momento c’è una chiara spaccatura fra la Germania e la Francia, forse sufficientemente grave da causare dei danni a lungo termine alla coerenza dell'Unione Monetaria.

Domenica sera, dopo la vittoria del “no” – Gli elettori greci hanno respinto le richieste di austerità dei paesi creditori europei con un margine sbalorditivo, ignorando il loro pressante avvertimento che questa decisione avrebbe potuto portare al crollo del sistema bancario e al ritorno della dracma.

Lo storico referendum ha dato al “No” – Oxi in greco – oltre il 61%, ed al “Si” meno del 39%. Il popolo greco ha votato in massa per sfogare la propria rabbia per i sei anni di depressione economica e di umiliazione nazionale. Come se una vulcanica rivoluzione avesse spazzato le isole greche.

Lo scioccante risultato svela il bluff dei leaders dell'Eurozona e dei Responsabili della Commissione Europea e del Parlamento, costringendoli a fare marcia indietro e a lanciare drastiche minacce di espulsione [della Grecia dall'Unione Monetaria].

La Banca Centrale Europea deve prendere la decisione se continuare o meno a congelare al livello attuale la “Liquidità di Ultima Istanza – ELA“ per le banche greche, pari a 89 miliardi di euro. Una decisione che, se negativa, comporterebbe il soffocamento della liquidità.

"Dovesse farlo, la situazione diventerebbe molto grave. Sarebbe un tentativo per far cadere il governo", ha dichiarato Euclide Tsakalotos, capo negoziatore per il debito pubblico del paese. La Banca Centrale della Grecia [BOG] ha comunque detto, questa sera, che presenterà alla BCE una formale richiesta per il rinnovo del supporto.

Continua su: comedonchisciotte.org

- Merkel: «Non c'è spazio per nuove trattative»


Continua...QUI

2 commenti:

ars ha detto...

è tutto pazzesco

UNATANTUM ha detto...

Si! Hai ragione Tesoro. Tutto...con un ritardo pazzesco. Ma forse...in verità, eravamo "noi" a vedere il Tutto, troppo Imminente.

Però...a quanto pare almeno, "le visioni appartenevano a fatti reali" ("visione più, visione meno...ovviamente) ;)

Ciao