Post in evidenza

Il 2012, i Segreti dei Maya, il Governo Messicano...ed un Documentario/18

Prosegue da questo post . Una interessante domanda d'inizio Aprile...a cui è stata fornita una risposta, Seppur...ad esser noiosi, n...

venerdì 4 aprile 2014

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte XLIX

Prosegue dalla parte XLVIII.


Ritornando a parlare di "vecchie"...Care tematiche e Possibilità, "senza meraviglia"...

Bill Clinton talks about UFOs and Area 51 again

Bill Clinton parla riguardo gli UFO e
l'Area 51 un'altra volta
( in inglese - openminds.tv ).


E venne il tempo in cui, sul tema Ufo, qualcosa uscì anche dalla "ermetica" terra germanica...

Ecco gli X File della Germania


Il dossier prodotto ai tempi della Guerra fredda sugli avvistamenti di Ufo nella Repubblica Federale Tedesca

Continua su: scienza.panorama.it


E poi.

Per gli eventuali interessati.

Altre Scoperte in arrivo da Keplero...


April 15, 2014

MEDIA ADVISORY M14-068

NASA Hosts Media Teleconference to Announce Latest Kepler Discovery


NASA will host a news teleconference at 2 p.m. EDT Thursday, April 17, to announce a new discovery made by its planet-hunting mission, the Kepler Space Telescope.

The journal Science has embargoed the findings until the time of the news conference.

Continua su: nasa.gov

Ed È, un'altra prima volta...una "grandiosa" (se vi chiedete il Perché delle virgolette, chiedetevi anche se...dando per eccelsa la bontà degli attuali strumenti a disposizione, a 500 anni luce di distanza si può essere sicuri, col senno di poi, o in assoluto...degli stessi e quindi anche dei dati raccolti e delle intuizioni degli specialisti con l'ausilio e non degli strumenti) prima volta.

Comunque.

Alla luce dell'oggi (tenendo a mente dove è stato trovato...che mi ricorda un qualcosa che ad ora mi sfugge )...

EUREKA!!!

O a/per chi preferisse...

WOW!!!

Scoperto Kepler 186f: è un
gemello della Terra fuori dal
sistema solare


Si trova a circa 500 anni luce, nella costellazione del Cigno. E' il primo esopianeta ad essere nella 'zona abitabile' di una stella, che significa non troppo lontano, né troppo vicino alla superficie



WASHINGTON - C'è un pianeta come la Terra nello spazio, fuori dal sistema solare: si chiama Kepler-186f, ha più o meno la stessa dimensione della Terra e la stessa distanza dal suo sole, e questo lo rende il primo vero candidato per ospitare la vita fuori dal nostro sistema solare. La scoperta è annunciata dalla Nasa e pubblicata sulla rivista Science. Kepler-186f non è il primo pianeta simile alla terra trovato nell'universo, ma è il primo ad essere nella 'zona abitabile' di una stella, che significa non troppo lontano, né troppo vicino alla superficie del suo sole. Ma ovviamente il fatto che sia nella zona abitabile non lo rende in automatico abitabile.

Kepler-186f fa parte di un sistema di cinque pianeti in orbita attorno alla stella Kepler-186, più fredda e circa la metà per dimensioni e massa del nostro Sole. Il nuovo sistema si trova a circa 500 anni luce dalla Terra nella costellazione del Cigno.

Kepler-186f è il pianeta più esterno e l'unico ad orbitare nella cosiddetta "zona abitabile", ossia ad una distanza dalla sua stella compatibile con la presenza di acqua liquida in superficie. Quest'ultima caratteristica è considerata un presupposto fondamentale per la vita.

Link: repubblica.it

Ecco una ricca versione in lingua inglese...

Found! First Earth-Size Planet That Could
Support Life

Trovato! Il Primo Pianeta di taglia Terrestre Che
Supporterebbe la Vita
( in inglese - space.com ).

Dalla medesima fonte l'immancabile, ed interessantissima Infografica...

Exoplanet Kepler-186f: Earth-Size World Could
Support Oceans and Life (Infographic)

Esopianeta Kepler-186f: il Pianeta di Taglia Terrestre
Supporterebbe Oceani e Vita (Infografica)


UNA ESO-TERRA ABITABILE?


( in inglese - space.com ).

Disquisendo su Possibili Futuri Riscontri Vitali, Intelligenti...

A better than 50/50 chance Kepler-186f has
technological life.


Una possibilità superiore al 50% che Kepler-186f
abbia vita tecnologica
( in inglese - science20.com ).


A seguire la parte L.

Nessun commento: