Post in evidenza

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/53

Continua da questo post . "Evocando...Rare, Contromosse"... SCONTRO CINA-USA Guerra commerciale Cina-Usa, cosa sono le «terr...

martedì 3 settembre 2019

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/244

Prosegue dalla parte 243.


Cronache di tempi finanche assai interessanti, a tratti fino all'intrigante, ed al preoccupante direi.

Ma tali sono a mio umile parere e quindi, così li appellerò, quantomeno, al "momento".

Tempi in cui le autorità britanniche di Gibilterra non avvallano le richieste statunitensi e lasciano libera alla navigazione la petroliera...ora, con tanto di cambio di nome e bandiera...palesemente iraniana, che facendo rotta verso il Mediterraneo Orientale si è vista poi negare l'attracco in Grecia, verso, si presume, la destinazione finale siriana...

La petroliera iraniana lascia Gibilterra


Respinto dalle autorità del territorio britannico il ricorso americano, la nave fa rotta verso il Medio Oriente. Intanto ha cambiato nome: ora si chiama "Adrian Darya"

Continua su: repubblica.it


Nel mentre, nuovi focolai divampano tra israeliani e palestinesi, ed in una base russa, un test, a quanto pare, di armi sperimentali, avrebbe rischiato di causare parecchi danni anche ai civili, sempre che non lo abbia realmente fatto, ma..."silenziosamente"...

- L’incidente nucleare di Serebryanka e le nuove armi
nucleari della Russia


E poi...le pericolosissime scintille al confine e nell'entroterra, israelo-libanese...

Libano, si accende la guerra dei droni


Due velivoli a pilotaggio remoto caduti su Beirut. Hezbollah: "Non li abbiamo abbattuti noi". Operazione dello Stato ebraico contro basi iraniane in Siria, tre morti

Continua su: repubblica.it

Hezbollah, decisa risposta ad Israele

'Comandanti militari sanno cosa fare e conoscono i limiti'

31 agosto 2019 21:22

(ANSAmed) - BEIRUT, 31 AGO - Il movimento sciita libanese Hezbollah ha detto oggi che "è stata decisa una risposta" all'attacco aereo attribuito a Israele e compiuto domenica scorsa nella periferia meridionale di Beirut, roccaforte del movimento filo-iraniano. In un discorso televisivo, il leader del Partito di Dio, Hasan Nasrallah, ha detto che "la risposta è stata decisa" e che questa "risposta è ora nelle mani dei comandanti militari (di Hezbollah). Loro sanno cosa fare e conoscono i limiti".

Israele, nessuna vittima tra di noi

Dopo attacco Hezbollah, risposto con oltre 100 colpi di mortaio

01 settembre 2019 18:12

(ANSAmed) - TEL AVIV, 1 SET - "Non ci sono vittime israeliane" nell'attacco missilistico degli Hezbollah contro un veicolo militare lungo il confine con il Libano. Lo ha detto l'esercito israeliano secondo cui tra 2 e 3 missili anticarro sono stati lanciati dal Libano del sud: uno di questi ha colpito una jeep e un altro una postazione militare vicino alla frontiera, ma senza causare vittime. "Abbiamo risposto - ha aggiunto - con oltre 100 colpi di mortaio, anche sulla cellula che ha sparato contro Israele". L'esercito libanese, da parte sua, afferma in un comunicato che "una quarantina di bombe a grappolo e bombe al fosforo sono state lanciate da Israele nel sud del Libano", nei pressi delle cittadine di Aytarun e Marun ar Ras, nel settore centrale della Linea Blu di demarcazione tra i due Paesi. Questo in risposta all'attacco con missili anti-carro compiuto da Hezbollah contro una base militare israeliana nel nord di Israele.

Tempi in cui anche passati scritti riguardanti più o meno meraviglianti colpi ai confini"..."come da copione" e finanche, perché no, "come da, talune almeno, Profezie"...potrebbero "acquisire un senso"/divenire realtà nei Fatti...

Siria: l’Iran costruisce la più grande base per le sue milizie


E’ in fase di completamento la più grande base iraniana all’estero ad Albukamal in Siria, già colpita in precedenza dall’aviazione americana o israeliana

Continua su: rightreporter.org

Vicino Oriente. Palestina-Israele.

Territori, Punti di Vista, Elezioni, potenziali nuove annessioni e possibili conseguenze...

Parla il capo negoziatore
e segretario dell'Olp:
"Palestina chiama Europa".
"Le annessioni di Israele
minacciano la pace"


Nuove tensioni in Medio Oriente, aggravate, secondo Saeb Erekat, dalle politiche dell'amministrazione Trump: "Il riconoscimento della sovranità israeliana su Gerusalemme e le alture del Golan ha stabilito un precedente molto pericoloso di acquisizione di territori attraverso l’uso della forza"

di SAEB EREKAT

Continua su: repubblica.it

Olp, Netanyahu seppellisce speranze pace

Erekat: 'Israeliani e comunità internazionale fermino follia'

10 settembre 2019 18:43

(ANSAmed) - TEL AVIV, 10 SET - "Se al premier Benyamin Netanyahu sarà consentito di attuare i suoi piani di annessione, seppellirà ogni speranza di pace tra israeliani e palestinesi".
Lo ha detto su Twitter il segretario dell'Olp, Saeb Erekat, secondo cui gli israeliani e la comunità internazionale "devono fermare questa follia".

"Inseguendo (da più parti e/o in determinati luoghi?) una...La Giusta Scintilla"...

- Attacco iraniano all’Arabia Saudita: il primo colpo
della rappresaglia lo deciderà Riyad


- L'attacco sciita alla Arabia Saudita: un atto di
guerra


Iran sequestra nave emiratina a Hormuz

Sospettata di contrabbando di gasolio, fermato l'equipaggio

16 settembre 2019 14:39

(ANSA) - Le unità navali dei Pasdaran iraniani hanno sequestrato nello stretto di Hormuz una nave sospettata di contrabbandare gasolio verso gli Emirati Arabi Uniti. Nell'operazione è stato fermato anche l'equipaggio. Lo riporta l'Isna.

Precauzionali risposte...

LA CRISI

Trump invia a Riad rinforzi anti-Iran

Nuove sanzioni e truppe : le misure annunciate dal Pentagono dopo l’attacco ai pozzi sauditi attribuito agli iraniani e rivendicato dai guerriglieri sciiti Houti che poi hanno aperto a una via negoziale

di Guido Olimpio

Continua su: corriere.it

Annunciando - embrionali - coalizioni regionali nel nome della pace e della speranza, in giuste ricorrenze di belliche date (22/09/1980 - inizio della guerra Iran-Iraq). Interessante...

L'Iran minaccia gli Stati Uniti e
annuncia un piano di pace all'Onu


Le parole di Rouhani arrivano dopo gli attacchi iraniani e le reazioni americane

Continua su: repubblica.it

Condivise dichiarazioni di altrui responsabilità e Chiari moniti - da più parti - di possibili assai nefasti eventi finanche Globali, in mirati luoghi...

Parigi-Berlino-Londra: Teheran
responsabile dell'attacco a Riad


"Riguarda tutti i paesi e aumenta il rischio di un grave conflitto"

24 settembre 2019 11:57

(ANSA) - I leader di Francia, Germania e Gran Bretagna hanno detto che "l'Iran ha la responsabilità dell'attacco" del 14 settembre alle strutture petrolifere saudite. Lo affermano in un comunicato congiunto diffuso alla missione tedesca all'Onu i capi di stato e governo dei tre paesi. "Non c'è altra spiegazione plausibile - aggiungono - Sosteniamo le indagini in corso per stabilire ulteriori dettagli".

"Questo attacco potrà essere stato contro l'Arabia Saudita, ma riguarda tutti i paesi e aumenta il rischio di un grave conflitto", sottolineano ancora a margine dell'Assemblea Generale dell'Onu i leader di Francia, Germania e Gran Bretagna, riaffermando "l'importanza di compiere sforzi collettivi per la stabilità e la sicurezza regionali". "Ci impegniamo a proseguire i nostri sforzi diplomatici per creare le condizioni e facilitare il dialogo con tutti i partner interessati alla riduzione delle tensioni in Medio Oriente", spiegano: "Esortiamo l'Iran a impegnarsi in tale dialogo e ad astenersi da provocazioni ed escalation". "Consapevoli dell'importanza degli sforzi collettivi per garantire stabilità e sicurezza regionali - concludono - ribadiamo la nostra convinzione che è giunto il momento per Teheran di accettare negoziati su un quadro a lungo termine per il suo programma nucleare e altre questioni, incluso il programma sui missili".

Onu: allarmante chance guerra nel Golfo

Guterres, avrebbe conseguenze che il mondo non può permettersi

24 settembre 2019 15:34

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Siamo di fronte all'allarmante possibilità di conflitti armati nel Golfo, con conseguenze che il mondo non si può permettere". Lo ha detto il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, aprendo i lavori della 74esima Assemblea Generale al Palazzo di Vetro.
"Il recente attacco alle strutture petrolifere dell'Arabia Saudita è del tutto inaccettabile - ha aggiunto - In un contesto in cui un piccolo errore di calcolo può portare a un grande confronto, dobbiamo fare tutto il possibile per spingere per ragione e moderazione".

Le ormai solite questioni tra turbanti che possono donare ad altri...finanche grandi/gravi, ripercussioni..."Come da Copione e da talune almeno, Profezie" (""= è pur sempre una questione di punti di vista. Giusti o sbagliati che essi siano, ovviamente.)...

Siria, attacco turco contro i curdi.
Dopo i raid aerei, iniziata l'offensiva di terra.
L'Ypg: "Uccisi dei civili"


Erdogan annuncia l'inizio dell'offensiva contro i curdi. La Ue chiede lo stop dell'attacco. Preoccupazioni da Mosca e Teheran, Juncker minaccia di tagliare i "finanziamenti ad Ankara". Francia, Germania, Gran Bretagna, Polonia e Belgio chiedono consultazioni urgenti al Consiglio di Sicurezza Onu che si riunisce domani

Continua su: repubblica.it

Erdogan,se Ue ostacola mandiamo profughi

'Pronti ad aprire le porte a 3,6 milioni di rifugiati'

10 ottobre 2019 12:41

(ANSA) - ISTANBUL, 10 OTT - Se l'Ue ci accuserà di "occupazione" della Siria e ostacolerà la nostra "operazione" militare, "apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati e li manderemo da voi". Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ai leader provinciali del suo Akp.


A seguire la parte 245.

Nessun commento: