Post in evidenza

"UNA STORIELLA DIVERTENTE"

- Parte I - Una notte dei primi giorni di settembre di due anni fà, mentre mi trovavo in uno dei miei letti :D e non riuscivo a prendere ...

mercoledì 3 luglio 2019

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/243

Prosegue dalla parte 242.


Apparentemente decisa presa di posizione con botta e risposta incluso. Ma, nell'eventualità di nefaste conseguenze, le vite in gioco, da ambo - o forse meglio, più - parti, sarebbero reali...

L'Iran: "Con le sanzioni il canale
della diplomazia con gli Usa è
chiuso per sempre"


Dura risposta di Teheran alla decisione di Washington. Il presidente Rohani: "La Casa Bianca è afflitta da ritardo mentale". Trump: "Per attaccare non serve il via libera del Congresso"

Continua su: repubblica.it


Mirati moniti Russi..."in verità", con chiare date...

Russia warns of repeat of 1962 Cuban missile crisis

La Russia avvisa del ripetersi di una crisi Cubana dei missili del 1962
( in inglese - reuters.com ).

Potenziali tensioni, nell'entroterra siriano, del confine turco-siriano...

Siria: raid governativi e russi su Idlib


Turchia rafforza proprie basi lungo la linea del fronte

25 giugno 2019 16:23

(ANSA) - Sono ripresi intensi raid aerei governativi siriani e russi nella Siria nord-occidentale dove abitano secondo l'Onu circa 3 milioni di persone e dove operano miliziani anti-regime, tra cui esponenti della galassia qaidista. Lo riferiscono fonti sul terreno, secondo cui i bombardamenti si sono verificati stamani nei distretti a sud di Idlib e lungo la linea del fronte tra le regioni di Hama e Idlib. La Turchia, che ha truppe sul terreno e che sostiene di fatto le forze anti-governative, ha rafforzato nelle ultime ore alcune basi militari e stazioni di osservazione lungo la linea del fronte con le forze russe e governative.

E dopo l'amichevole...o se preferite, cordiale...incontro ai vertici al confine, la situazione - a parole almeno - in un globale luogo d'incontri, torna a scaldarsi...

Pyongyang, Usa determinati a atti ostili


Torna la tensione pochi giorni dopo l'incontro tra Trump e Kim

(ANSA) - ROMA, 4 LUG - La Corea del Nord ha accusato gli Stati Uniti di essere "determinati ad atti ostili", nonostante un recente accordo tra i due Paesi per riprendere i colloqui sul nucleare. Secondo la Bbc, la delegazione di Pyongyang all'Onu sostiene che gli Usa sono "ossessionati dalle sanzioni" e ha accusato Washington di tentare di "minare l'atmosfera pacifica" nella penisola coreana. Le dichiarazioni giungono a pochi giorni dallo storico incontro al confine tra le due Coree fra il presidente Usa, Donald Trump, e il leader coreano Kim Jong-un. I due leader hanno concordato di riprendere i negoziati in stallo sulla denuclearizzazione. Ma l'ultimo sviluppo segna un ritorno alle tensioni che hanno rovinato le relazioni tra i due Paesi negli ultimi tempi.
La delegazione nordcoreana all'Onu stava replicando alle accuse degli Usa di aver violato un limite alle importazioni di petrolio raffinato fissato nel 2017.

Nel mentre...in precisi e vari, mediorientali luoghi, nell'ultimo periodo, in un modo/per un motivo o in/per un altro, non si è mai raffreddata...

LO SCONTRO CON GLI USA
L’Iran annuncia: da oggi
aumentiamo l’arricchimento
dell’uranio al 5%


Alla scadenza dell’ultimatum Teheran dà seguito alle sue minacce: inizia la seconda fase del piano per ridurre gli obblighi previsti dall’accordo sul nucleare del 2015. Nuovo pressing sui Paesi Ue per aggirare le sanzioni: 60 giorni per evitare un’altra escalation

di Viviana Mazza

Continua su: repubblica.it

Punti di vista...se condivisibili, deciderlo voi, come sempre ognun per se, o in compagnia...

- Il Ricatto Nucleare dell'Iran

Esplicitando concrete potenzialità...

Netanyahu, con F35 arriviamo in Iran


Premier, Teheran farebbe bene a ricordarlo

09 luglio 2019 16:34

(ANSAmed) - TEL AVIV, 9 LUG - Teheran "farebbe bene a ricordare che i nostri F35 possono arrivare ovunque in Medio Oriente, in Iran e certamente in Siria". Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu ricordando che l'Iran "minaccia la distruzione di Israele". Visitando una base degli F35 a Nivatim, nel Negev, il premier ha poi aggiunto di essere rimasto "molto impressionato dai sistemi di combattimento" installati a bordo di quegli aerei.

"Chi la fa l'aspetti"...seppur, per correttezza, in seguito, i diretti incolpati dell'atto abbiano smentito di averlo commesso...

HORMUZ
Stretto di Hormuz, navi iraniane
tentano di sequestrare una petroliera
britannica


La ritorsione dopo il blocco di una petroliera iraniana a Gibilterra. Rapporti sempre più tesi tra Teheran e le potenze occidentali. Ancora una volta lo stretto di Hormuz al centro delle schermaglie

di Redazione Online

Continua su: corriere.it

- L'Iran tenta di dirottare una petroliera britannica

Lascio giusto l'ormai solito link di news...conosciuto, a tema, così, per ogni evenienza...

- Facebook/GeoPoliticalCenter

Nessun commento: