Post in evidenza

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/220

Prosegue dalla parte 219 . "Guardando all'estremo Oriente, ma pensando...molto più ad Occidente"... La Nord Corea è un di...

lunedì 28 settembre 2015

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/44

Continua da questo post.


Nuovi...già conosciuti...eventi, ed Evoluzioni...

E’ Molto Più Grave di Quello che Pensavo:
La BCE sospende l’acquisto di Crediti
Cartolarizzati di Volkswagen


Pippone ON

Forse avrete sentito parlare di ABS.

Si tratta dell’acronimo di Asset Based Security.

Ovvero uno strumento finanziario creato da una banca che è “basato” da un qualche asset in garanzia.

Tipicamente questo asset è un credito che la banca ha con un suo cliente (indebitato con la banca).

Gli ABS per solito prendono la forma di grosse salsicce con dentro un certo numero di crediti più o meno della stessa durata e rischiosità, ad esempio una serie di mutui che scadono in un certo mese, con una categoria più o meno omogenea di garanzie e categorie più o meno omogenee di mutuatari.

Una parte essenziale della trasmissione del credito dalla BCE alle Banche, e dalle banche ai clienti è lo “sconto” presso la BCE (vi dice nulla? avete mai sentito parlare di tasso di sconto?) ovvero le banche se hanno bisogno di denaro fresco da prestare ai clienti (o per altri motivi…) prendono i loro crediti, li mettono in un ABS, lo presentano alla BCE e la BCE fornisce liquidità per una percentuale del valore nominale dell’ABS e applica un tasso di interesse.

Pippone OFF

Ed ecco la notizia (per me) da Panico:

Continua su: rischiocalcolato.it


Ed anche questa volta, vedremo come andrà a finire...nei "Giusti tempi"...

Usa: il lavoro delude,
si allunga l'ombra del default.
Milano strappa un +1,2%


di GIULIANO BALESTRERI

Il prossimo 5 novembre gli Usa raggiungeranno il tetto del debito fissato per legge: senza un'intesa si fermeranno tutte le attività federali. Intanto il mercato del lavoro mostra segnali di sofferenza con la crisi internazionale. Le Borse europee, prima in rialzo, diventano nervose. Colpo di coda finale a Piazza Affari

Continua su: repubblica.it


Vedendo...ancora, possibili enormi abissi, non solo economici, "difronte a tutti noi"...

LA QUIETE PRIMA DELLA TEMPESTA




DI MICHAEL SNYDER

theeconomiccollapseblog.com

Avete notato come questo mese di Ottobre sia trascorso con insolita calma ? Dopo il caos a fine Agosto ed inizio Settembre molti anticipavano che a questo punto saremmo stati già oggi alle prese con un collasso finanziario in grande stile, al contrario siamo entrati in un periodo di “calma piatta” contraddistinto da una quiete persino eccessiva, quasi sotto ogni punto di vista. Altri “osservatori” che personalmente tengo in ottima opinione hanno notato lo stesso.

Nonostante il fatto i numeri dell’economia stiano letteralmente gridando il fatto che siamo dentro una recessione globale, non fanno certo notizie da prima pagina. Una intera schiera di grosse istituzioni finanziarie globali in giro per il pianeta sono al momento a rischio di collassare e materializzare il prossimo “momento Lehman brothers”, ma nessuna di esse è ancora implosa. Aggiungiamo che Barack Obama sembra abbastanza determinato a incendiare la terza guerra mondiale. Lunedì è stato annunciato che sarebbe intenzionato a lanciare un missile teleguidato nelle acque Cinesi del Mar Cinese meridionale. I Cinesi hanno già dichiarato che risponderanno al fuoco nel caso succeda qualcosa di simile, ma a Obama non sembra interessi. Ma finchè non ci sarà nessuno sparo non è questione in grado di disturbare la quiete che stiamo vivendo.

Continua su: comedonchisciotte.org


Passato l'ennesimo pericoloso termine, c'è chi si pone un intrigante quesito...

- OBAMA POTREBBE ABBATTERE IL ‘DEBT CEILING’ E ANDARSENE DA EROE


"Nuove...Vecchie", italiche tristezze...di massa...

Il volto nascosto del salva banche:
le storie di chi ha perso tutto


di MAURIZIO BOLOGNI e LAURA MONTANARI

Rabbia, frustrazione, amarezza: sono arrivate centinaia di segnalazioni di persone, soprattutto anziane, che si sono 'fidate' delle quattro banche salvate (Etruria, Marche, Chieti e Ferrara) sottoscrivendo titoli che ora valgono niente

Continua su: repubblica.it

Cose di cui...fosse anche solo da un punto di vista prettamente italico...penso sia meglio essere a conoscenza...

- Una montagna da mille miliardi:
tutti i titoli in pancia alle banche
a rischio con i nuovi salvataggi



Guardando, da certi punti di vista, al 2016.

Rispettabili fonti finanziarie e potenziali, "irreali Scenari", di svariate sciagure globali...

Un 2016 horribilis: tutto quel che i mercati temono possa accadere




L'Atlante del pessimismo di Bloomberg: dall'offensiva inarrestabile dell'Is che fa schizzare il prezzo del petrolio, all'elezione di Trump alla Casa Bianca

MILANO - Una offensiva dell'Is e un colpo di Stato in Venezuela tali da generare un crollo dell'offerta di petrolio e un'impennata dei prezzi del greggio, ad oggi impronosticabile. L'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea, con le dimissioni del premier britannico David Cameron. Attacchi informatici da Russia e Iran in grado di mandare kappaò tutti i sistemi finanziari dei Paesi occidentali, la disgregazione politica dell'Europa a seguito dell'incapacità di far fronte comune all'emergenza dei migranti, una nuova escalation di tensione in Israele e il rallentamento economico della Cina esacerbato fino alla recessione. E' un Atlante del pessimismo quello che ha messo in fila l'agenzia finanziaria Usa Bloomberg , a pochi giorni dal cambio di anno.

Una serie di scenari tendenti alla categoria dell'irrealizzabile, ma che a ben vedere svelano quanti siano i focolai di tensione sparsi per il globo. Situazioni drammatiche per l'umanità intera, che sui mercati verrebbero letti in maniera negativa (ma che non escludono d'altra parte la possibilità di lauti guadagni per pochi). Ecco la rassegna di quel che nessuno, nelle sale operative ma soprattutto nel mondo al di fuori dei cercuiti di trading, vorrebbe ricordarsi alla fine del prossimo anno.

Link articolo con fotogallery (10): repubblica.it

Ma...c'è chi pensa di peggio eh!

In particolare, per gli anni a seguire.



Continua...QUI

Nessun commento: