Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVII

Prosegue dalla parte LVI . "Oh! Com'è dolce lo studiar, di potenzialmente abitabili pianeti...in particolari allineamenti"....

domenica 11 dicembre 2011

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/13

Prosegue da questo post.


Scenari...

IRAN, LE POSSIBILI IMPLICAZIONI DI UN
EMBARGO PETROLIFERO


DI EUAN MEARNS
The Oil Drum


(Stretto di Hormuz)


L'annuncio di giovedì dell’Unione Europea, che sta prendendo in considerazione un divieto sulle importazioni di petrolio dall’Iran simboleggia il passaggio di potere dall’occidente verso l’oriente? Qui i grandi vincitori sono Cina e India, che non temono l’ascesa dell’influenza iraniana e che potrebbero drenare tutte le importazioni di petrolio supplementari che gli verrebbero offerte.
Comunque, porre fine alla piccola dipendenza dalle importazioni di petrolio iraniano in Europa (Figura 2) non sgombra il campo a una possibile azione militare, senza dover ben ponderare le conseguenze immediate sulle importazioni di petrolio.

In una settimana in cui l’ambasciata britannica in Iran è stata assaltata e le due nazioni stanno interrompendo le relazione diplomatiche, sulla scia delle sempre maggiori preoccupazioni sul programma nucleare dell’Iran e una spiegazione per le esplosione presso una base missilistica iraniana, l’Unione Europea ha deciso di mostrare i muscoli e di vietare le importazioni di petrolio dall’Iran. I grandi vincitori sono gli altri paesi importatori dall’Iran: Giappone, Cina, India e la Corea del Sud. L’UE crede davvero che, nell’oltremodo angusto mercato petrolifero odierno, le sanzioni contro l’Iran causeranno una minima preoccupazione?

Continua su: comedonchisciotte.org


In/A Memoria...

Kennedy Predisse che le Banche Avrebbero
Creato una Grande Crisi Globale. Poi Morì!


Il 4 Giugno del 1963, un decreto presidenziale di John Fitgerald Kennedy, detto Ordine Esecutivo 11110, fu firmato impedendo alla Federal Reserve Bank di prestare soldi a interesse al Governo Federale degli Stati Uniti. La FRB sarebbe presto fallita e l’America sarebbe tornata l’unica vera detentrice del proprio debito. JFK fu il primo presidente della storia a comprendere quanto lo strapotere delle banche private avrebbero ben presto creato un collasso dell’intero sistema economico globale.

John Fitzgerald Kennedy fu il primo presidente della storia a comprendere quanto lo strapotere delle banche private avrebbero ben presto creato un collasso dell’intero sistema economico e decise di combatterlo. Secondo JFK, le banche private, non potevano esseri i creditori di un’intera nazione e, cosa più importante, non potevano avere il potere di stampare moneta. Le somiglianze fra la Federal Reserve e la BCE, nonché la nostra cara Bankitalia, sono a dir poco imbarazzanti.

Continua su: freeondarevolution.blogspot.com


Il petrolio vola oltre 100 dollari su voci (smentite) di chiusura dello stretto di Hormuz


SEI RIVELAZIONI SHOCK SUL “GOVERNO
SEGRETO” DI WALL STREET


DI LES LEOPOLD
Alternet.org

Alti funzionari hanno
volontariamente mascherato la vera dimensione dei salvataggi del 2008-'09 al Congresso e all’opinione pubblica.


Ora abbiamo prove concrete che Wall Street e Washington stanno gestendo un governo segreto bel lontano dal processo democratico.
Grazie a una richiesta per la
libertà di informazioni fatta da Bloomberg News, il pubblico ha ora accesso a oltre 29.000 pagine di documenti della Fed e ad altre 21.000 transazioni della Fed che sono state deliberatamente nascoste, e per buone ragioni. (Vedi qui e qui.)

Questi documenti mostrano come alti funzionari del governo hanno volontariamente celato al Congresso e al pubblico il vero scopo dei salvataggi del 2008-'09 che hanno arricchito i pochi e rafforzato gli interessi dei giganti di Wall Street.

Continua su: comedonchisciotte.org

Quando leggo articoli come questo, dove si parla di verità, dati e quant'altro, rilasciati tramite più o meno democratiche richieste, in particolare, riguardanti l'alta finanza, banche e banchieri, ed il famoso apparato militare-industriale, mi viene spesso (molto spesso...in verità) da pensare...e se anche questo, fosse, in parte almeno...parte del "Copione"?


CRISI: FITCH, POSSIBILE TAGLIO RATING 6 PAESI EUROZONA TRA CUI ITALIA

(ASCA-AFP) - Parigi, 16 dic - L'agenzia di rating Fitch ha annunciato di stare valutando se declassare sei paesi dell'Eurozona, tra cui Italia e Spagna. Gli altri paesi a rischio sono Belgio, Slovenia, Cirpo e Irlanda. Tale decisione implica che i rating dei paesi sotto osservazione possono essere abbassati entro la fine di gennaio prossimo, con un taglio di una o due posizioni.

Fitch ha inoltre annunciato che prendera' in considerazione ghi sforzi compiuti dai paesi, ma la ''natura sistemica'' della crisi dell'Eurozona ha un profondo effetto negativo sulla stabilita' economica e finanziaria di tutta l'area, in particolare per i paesi piu' vulnerabili.

Attualmente, l'Italia ha un rating ''A+'', la Spagna ''AA-'', il Belgio ''AA+'', l'Irlanda ''BBB+'', la Slovenia ''AA-'' e Cipro ''BBB''. sen/


STATI UNITI

La Protesta non si Placa...

NEW YORK

Occupy WS tenta un
nuovo blitz
anche preti fra i 50
arrestati


La polizia interviene per scongiurare la nascita di un accampamento nel terreno della Trinity Church, a pochi passi da Wall Street: decine di fermati. Agenti a cavallo e in moto per sgomberare le strade

Continua su: repubblica.it

Anzi...a quanto pare, "arruola nuove tipologie di seguaci".


L’OCCIDENTE IN DECLINO: LA FUGA IN
AVANTI DI UNA TERZA GUERRA MONDIALE


DI CHEMS EDDINE CHITOUR
Mondialisation.ca



Io credo che le istituzioni bancarie siano più pericolose per le nostre libertà di quanto non lo siano gli eserciti permanenti. Se il popolo americano permetterà mai alle banche private di controllare l'emissione del denaro, dapprima attraverso l'inflazione e poi con la deflazione, le banche e le compagnie che nasceranno intorno alle banche priveranno il popolo dei suoi beni finché i loro figli si ritroveranno senza neanche una casa sul continente che i loro padri hanno conquistato.
Thomas Jefferson, presidente degli Stati Uniti dell'America

Continua su: comedonchisciotte.org

Sagge Parole...anzi, ripensandoci..."Profetiche".


GEAB N.60 - Crisi
sistemica globale - USA
2012/2016: un paese
insolvente ed
ingovernabile


Come preannunciato nel GEAB precedente, in questo numero presentiamo le nostre anticipazioni sui cambiamenti negli Stati Uniti per il periodo 2012-2016.

In questi cinque anni il Paese, epicentro della crisi sistemica globale e dal 1945 pilastro del sistema internazionale, attraverserà un periodo particolarmente tragico della propria storia.

Già oggi insolvente, diventerà anche ingovernabile determinando, per gli americani e per coloro che dipendono dagli Stati Uniti, violenti e distruttivi shock economici, finanziari, monetari, geopolitici e sociali.

Continua su: informazionescorretta.blogspot.com

Chissà, per quanto sarà sufficiente, l'ultimo accordo da un trillione.


E sempre con focus sugli Stati Uniti, un bel documentario di cronaca attualissima...

L'Amèrique en faillite


( in francese - 47carat.com ).

Per quanto riguarda, la seguente notizia, il mio unico commento, può essere solo...

Questa, non può essere, la vera America.


In Usa 1,6 mln i bambini senzatetto

Rapporto del Centro Nazionale per le famiglie senza casa

20 dicembre, 18:28

(ANSA) - NEW YORK, 20 DIC - Vivono in rifugi per i poveri o all'interno di edifici abbandonati, ma anche sulle panchine dei parchi o in automobile: sono i bambini senzatetto, secondo il rapporto del Centro Nazionale per le famiglie senzatetto. Un piccolo su quarantacinque, pari a 1.6 milioni in tutto il Paese, non ha una casa e per sopravvivere deve ricorrere ad alloggi di fortuna. Negli ultimi quattro anni la cifra e' cresciuta del 33 per cento. Il 42 per cento di loro ha meno di sei anni.

La Tragicità dei dati, dona però, anche...la reale entità della Crisi.

In caso ve ne fosse bisogno.


Ed ancora, altri dati...

50 DATI ECONOMICI DEL 2011 QUASI
TROPPO FOLLI DA CREDERE


FONTE: Economic Collapse



Anche se molti americani sono davvero frustrati per la
situazione economica, la realtà è che la gran parte di loro non ha ancora la minima idea di quanto sia profonda la nostra decadenza economica o quanti problemi ci aspettano se non avverrà un drastico cambiamento. Se non educhiamo il paese sulla gravità dell'economia, continuerà a trangugiare le solite vecchie bugie raccontate dai nostri politici raccontano. Cercare di "ritoccare" qua e là non riuscirà a sistemare l'economia. L’America ha davvero bisogno di un cambiamento radicale. Gli Stati Uniti consumano più ricchezza di quanta riescano a produrre e il nostro debito è in fase di eruzione. Se proseguiremo sulla strada attuale, il collasso economico sarà inevitabile. C’è da sperare che i folli dati economici del 2011 che ho incluso in questo articolo siano abbastanza scioccanti contundenti da riuscire a svegliare qualcuno.

Continua su: comedonchisciotte.org


Preparativi.

"Fosse Mai"...


IL CASO

Wsj: "Almeno due
grandi banche europee
si preparano a transare
in valute pre-Euro"


Secondo il quotidiano, sono diversi gli istituti che hanno contattato Swift, l'azienda belga che gestisce le transazioni finanziarie internazionali, per tornare ad operare con lira, dracma e escudo.
E sono allo studio tutti i possibili risvolti dell'uscita dalla moneta unica di alcuni paesi

NEW YORK - Almeno due banche di caratura mondiale "hanno preso delle misure" per ritornare ad effettuare transazioni in vecchie valute della zona euro tra cui lira, dracma e escudo. Lo scrive il Wall Street Journal citando fonti ben informate.
Le banche in questione hanno già contattato Swift, l'azienda belga che gestisce i sistemi per le transazioni finanziarie internazionali, per avere la tecnologia e i codici necessari, riferiscono le fonti.

Un portavoce di Swift ha detto al quotidiano finanziario che l'azienda è pronta a fare tutto quanto sarà necessario per garantire il regolare svolgimento delle transazioni, ma che "non è il caso fare commenti su questioni specificamente legate alla zona euro".
Secondo il Wall Street Journal, le banche stanno studiando tutti gli aspetti del possibile impatto che avrebbe l'uscita di uno o più paesi dalla zona euro.

Link articolo: repubblica.it

Eh Si! "Dividi et Impera...o quantomeno, 'prova' a metterlo in pratica"...

"Come da...Copione".


LE ARMI E LE MUNIZIONI SONO IL NUOVO
ORO ? (INFOGRAFICO)


FONTE: Zero Hedge

Ci sono quelli che sono convinti che quando la moneta fiat muore, l’oro e i metalli preziosi ne prendono il posto. Poi, c’è una fascia ancora più ristretta di persone, che dice che non importa chi sia a possedere l’oro o l’argento. È più importante chi ha il piombo.

Continua su: comedonchisciotte.org

"Ed il Copione, prevede che...quantomeno, parte di quelle armi, verranno usate".


Continua...QUI.

Nessun commento: