Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVIII

Prosegue dalla parte LVII . Ed ecco il palesarsi di un'altra prima volta...anzi, "altre prime volte". Eh Sì! Poiché i risco...

martedì 20 dicembre 2011

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/13

Prosegue dalla parte 12.


Che il peso delle
Occidental sanzioni,
nell'ultimo tempo,
ammettere danni...fecero,
ai Persiani...


Iran: ammesso il danno economico causato delle sanzioni

Martedì 20 Dicembre 2011 10:25

I funzionari iraniani
ammettono che il danno economico delle sanzioni occidentali comincia a farsi sentire.
Il paese deve agire "come se fosse sotto assedio", ha detto il governatore della Banca Centrale dell'Iran, Mahmoud Bahmani. Le difficoltà economiche si sono accumulate: gli investimenti stanno diventando rari, le importazioni sono sempre più costose, e la moneta dell'Iran è in perdita. La crescente evidenza dell'impatto delle sanzioni ha spinto i funzionari iraniani ad abbandonare le precedenti affermazioni tranquillizzanti cominciando a riconoscere un po' di problemi economici. Ma "noi non siamo veramente preoccupati", ha detto l'agenzia ufficiale Irna, spiegando che "risposte adeguate sono state preparate per lo scenario peggiore".

Continua su: focusmo.it


"Cambiamenti di Opinioni e Avvicinamento di Termini, Ultimi"...

Panetta: Iran is just months away from a nuke - a red line for US and Israel

Panetta: L'Iran è lontano solo mesi da un'arma atomica - una linea rossa per gli Stati Uniti ed Israele
( in inglese - debka.com ).

Eh Si! Questi sono tempi, in cui, nei molteplici...ed interessanti (alcuni in particolare, a mio modestissimo parere, ancor più che interessanti), eventi, siano essi, nazionali, regionali, continentali, mondiali...o globali che dir si voglia, è interessante, notare i particolari e le particolari sfumature della (geo)politica, in pace...come in guerra.

"Contro Ogni Evenienza Esterna"...


Siria: manovre aeree e marittime

Esercitazioni effettuate per prepararsi a eventuali aggressioni

20 dicembre, 21:53

(ANSA) - DAMASCO, 20 DIC - L'esercito siriano ha effettuato manovre militari marittime e aeree per testare le proprie capacita' di combattimento. Ne da' notizia l'agenzia ufficiale Sana. ''L'aeronautica e la contraerea hanno effettuato manovre con munizioni vere per testare la capacita' di combattimento delle forze aeree e la loro preparazione in risposta a tutte le aggressioni mirate al suolo della patria e al suo spazio aereo'', ha precisato la Sana aggiungendo che anche la marina ha svolto manovre analoghe''.


E poi, ancora da Debka...

Top US general: Iran's
dangerous game could
draw Mid East and US
into conflict

Il Massimo generale Statunitense: i pericolosi giochi Iraniani possono tirare gli Stati Uniti ed il Medio Oriente dentro un Conflitto
( in inglese - debka.com ).

E se lo dice il Direttore (consulente/coordinatore) interforze (militari) degli Stati Uniti, secondo me, se proprio non gli vogliamo credere, c'è quantomeno, da tenerlo in considerazione...forte considerazione...

Oppure, No?


Tensione diplomatica tra Iraq e Iran

Mercoledì 21 Dicembre 2011 15:00

C’è una questione che sta creando qualche difficoltà nelle relazioni peraltro buone tra Iraq e Iran: il campo profughi di Camp Ashraf. Le accuse di Teheran sono molto precise: il campo, che si trova in territorio iracheno, è abitato da dissidenti che tengono in ostaggio anche centinaia di cittadini iraniani. Per questo, il governo di Teheran fa pressione su Baghad, che ha ora imposto lo sgombero del campo entro il 31 dicembre. I residenti di Camp Ashraf hanno annunciato che faranno opposizione con tutte le forze e c’è il rischio per l’incolumità dei civili.

Link: focusmo.it

SIRIA

L'articolo a seguire, dal mio punto di vista, è molto interessante, poiché se ben letto, lascia presagire ciò che saranno i motivi...i temi, della futura vendetta, che vedrà ancora una volta l'Europa, come suolo di battaglie, in "un'altra guerra mondiale" (o globale, fate voi)...

STRAGE DI CIVILI IN SIRIA, I RIBELLI INVOCANO L'ONU

14:53 21 DIC 2011

(AGI) - Roma, 21 dic. - Nuovo bagno di sangue in Siria, dove un gruppo di attivisti ha denunciato ilmassacro di 111 civili nella citta' di Kafruwed, nel nord-ovest del Paese, avvenuto martedi'. Altre 12 persone sono state uccise a Homs, per un totale di 123 morti e 250 feriti nelle ultime 24 ore. La carneficina si e' consumatasi mentre gli osservatori della Lega Araba si apprestano ad
iniziare la loro missione, che prendera' il via domani, ha spinto l'opposizione siriana a sollecitare una "sessione d'emergenza" del Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

Il Consiglio Nazionale Siriano, che raggruppa i principali movimenti impegnati nella lotta contro il presidente, Bashar al-Assad, ha chiesto che le citta' sotto attacco - quelle della provincia nordoccidentale di Idlib e la zona di Homs - siano dichiarate dalle Nazioni Unite "zone sicure sotto la protezione internazionale" e che le forze del regime siano obbligate alla ritirata. Denunciando il "massacro senza precedenti" avvenuto in Siria, la Francia e' tornata ha sollecitare la Russia, che si oppone alla bozza di risoluzione presentata dai Paesi occidentali e ne ha presentata una propria, a sbloccare i colloqui in corso al Consiglio di Sicurezza per arrivare a una risoluzione di condanna contro il regime. "Bisogna fare qualunque cosa per porre fine a questa spirale di morte", ha detto il portavoce del Quai D'Orsay, Bernard Valero. Secondo l'Osservatorio Siriano per i diritti umani, gruppo di attivisti con base a Londra, le forze di sicurezza del regime hanno massacrato 111 civili a Kafruwed, nella provincia nordoccidentale di Idlib, una delle roccaforti della resistenza ad Assad. Se confermato, si tratterebbe del piu' grave bilancio dalla strage avvenuta a Hama a luglio, quando furono uccise 139 persone. Sempre a Idlib, fra le montagne di Zawiya, si parla di scontri intensi fra soldati e militari disertori che, in base alla stima del quotidiano israeliano Haaretz, avrebbero raggiunto le 10mila unita'. Ieri l'Osservatorio aveva denunciato 37 morti fra i civili e almeno 100 tra i militari 'ribelli'. Anche il Cns ha fornito un bilancio impressionante, parlando di "250 eroi caduti in 48 ore". L'agenzia di Stato siriana Sana si e' limitata a riferire di scontri con "gruppi terroristi armati" a Qusayr, nella provincia di Homs, mentre l'iraniana Press tv ha dato notizia di "otto tecnici, cinque di nazionalita' iraniana, rapiti da uomini armati a Homs". "Non possiamo accettare la prosecuzione delle violenze", ha sottolineato il ministro degli Esteri, Giulio Terzi. Una speranza arriva pero' dalla missione degli osservatori della Lega Araba: "Se questa presenza non sara' condizionata e non avranno restrizioni ingiustificate sara' una presenza internazionale molto importante", ha osservato il titolare della Farnesina che due settimane fa aveva ricevuto l'opposizione siriana. (AGI) .

Link articolo: agi.it

...Come da profezie..."Come da Copione".

N.B. Dimenticavo. Per quanto riguarda, il numero dei civili presunti morti nel nord (111), "potrebbe essere casuale" (se il caso, esiste)...ma io, la mano sul fuoco, a tal proposito, non la metterei.

"Decisive Battaglie...sulle Altrui Decisioni"?


Siria distrutta Iblid, bombe sull’ospedale

Giovedì 22 Dicembre 2011 15:50

Idlib, capitale dell'omonima provincia Nord–Ovest della Siria, è stata "completamente distrutta" dalle truppe di Damasco, che hanno bombardato "anche un ospedale".Oggi all'alba è arrivata la notizia che nella vicina Jabal al Zawya, teatro di uno scontro sanguinoso la scorsa settimana, i "jet governativi hanno bombardato una moschea dove 100civili pregavano o si erano rifugiati". Lo riferisce un ufficiale dell'esercito siriano libero (Esl) alla Cnn, dicendo anche che le truppe fedeli al regime starebbero preparando un attacco per controllate il confine con la Turchia.

Link: focusmo.it

Foriere, della Possibile..."Giusta Scintilla".

"Il Fuoco...Globale, Cova".

"Come pure, le menzogne"...


Siria: kamikaze fa strage a Damasco, 'La mano di al Qaida'

Cns: responsabilita' Assad in attacco

23 dicembre, 23:15

di Lorenzo Trombetta

BEIRUT - Sembra Baghdad, invece e' Damasco.
La capitale del 'Paese della sicurezza e della stabilità', come recita uno degli slogan del regime, e' stato il teatro del duplice attentato compiuto stamani contro le sedi di due servizi di sicurezza in una delle zone più controllate della città: il bilancio ufficiale e' di 44 morti e 166 feriti. Il regime ha immediatamente puntato il dito contro al Qaida, mentre l'opposizione ha addossato direttamente ad Assad la responsabilita' degli attacchi, nell'ambito di una sorta di 'strategia della tensione'.

Continua su: ansa.it

...che esse siano, di regime, o palesate, attraverso minacce (o azioni) esterne di entità terroristiche più o meno globali, etc.

Comunque sia, è un'altra Scintilla.

E la Sfida, intrinsecamente contenuta nella seguente notizia, ha in se un potenziale, molto...ma molto, pericoloso...


Iran: iniziate esercitazioni militari nel Golfo

ultimo aggiornamento: 24 dicembre, ore 09:28

(Aki) - Ha preso il via oggi un programma di esercitazioni della Marina militare iraniana che si concluderà tra 10 giorni. Lo ha annunciato l'agenzia d'informazione ufficiale 'Irna', citando l'ammiraglio Amir-Habibollah Sayari, comandante della flotta iraniana, secondo il quale le manovre si svolgeranno su un'area di duemila chilometri, dal Mare dell'Oman allo Stretto di Hormuz, dove transita gran parte del greggio prodotto nel Golfo.
Le forze armate iraniane hanno intensificato le esercitazioni dopo che Isreale ha minacciato di colpire i siti nucleari della Repubblica Islamica a seguito dell'allarme lanciato dall'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (Aiea) riguardo a un possibile sviluppo militare del programma nucleare iraniano.

"Come Debka, ci aiuta a comprendere meglio"...

Iran toughens cyber challenge to US, claims superior drones

L'Iran si tempra con una cyber sfida agli Stati Uniti, ed afferma la superiorità dei droni
( in inglese - debka.com ).

Ovvero, per chi volesse trovare la giusta scintilla, per accendere un fuoco, visti...il "clima" sempre più caldo da quelle parti, gli attriti e le forze in campo (schierate)...

Questa, potrebbe rappresentare una ghiotta occasione.

"Resta solo da vedere se, questo, è ritenuto il/un..."Giusto Tempo".


A Washington c'è un'agenda poco prudente per l'Iran


A seguire la parte 14.

Nessun commento: