Post in evidenza

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/50

Continua da questo post . Segnalando altolocati, altrui punti di vista...e consigli, da un ormai in percorso d'uscita, Oltremanica......

giovedì 10 novembre 2011

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/3

Prosegue dalla parte 2.


NUCLEARE

L'Iran all'Aiea:
"Collaboriamo
ma nessun passo
indietro"


Parla l'ambasciatore iraniano presso l'energia atomica internazionale: "Continueremo nei nostri programmi". La Francia chiede convocazione dei Consiglio di Sicurezza dell'Onu e invoca "sanzioni dure" nei confronti di Teheran ma è da sempre contraria all'uso della forza come invece continua a chiedere Israele

Continua su: repubblica.it


Reazioni, Preparativi, Convinti mancati appoggi, ed altamente devastanti...Moniti...

Iran: pronte sanzioni e azioni militari

La Russia non appoggerà le nuove sanzioni all'Iran sul programma nucleare

Mercoledì 09 Novembre 2011 18:30

La Russia non appoggerà nuove più dure sanzioni contro l'Iran per il suo programma nucleare, riferisce l'agenzia di stampa Interfax citando le dichiarazioni un alto diplomatico russo. "Eventuali ulteriori sanzioni contro l'Iran saranno viste nella comunità internazionale come uno strumento per il cambiamento di regime in Iran. Questo approccio per noi è inaccettabile e la parte russa non intende prendere in considerazione tali proposte". Interfax ha citato il Vice Ministro degli Esteri Gennady Gatilov come fonte di tali dichiarazioni Sempre nella giornata di ieri un generale dell'esercito iraniano ha avvertito che qualsiasi attacco israeliano contro i siti nucleari iraniani potrebbe non essere soddisfatto con la sola "distruzione" di Israele, ma avrebbe provocato una reazione che si sarebbe diffusa anche al di là del Medio Oriente. Il vice-capo delle forze armate, Massoud Jazayeri, non ha approfondito ulteriormente ma ha detto che il sito nucleare di Dimona in Israele potrebbe essere il bersaglio dell’Iran, se Israele lo attaccasse.

Link: focusmo.it

Al fine di farsi un idea, la più aderente possibile alla realtà, consiglio la lettura...attenta, dell'articolo a seguire...

Ma ecco qui, punto per punto, quello che i media embedded e i loro padroni di Washington e Tel Aviv non vogliono farvi sapere

Attacco all'Iran: un suicida conto alla rovescia

Continua su: rinascita.eu

Ricordandosi però, che la "Verità Assoluta", non l'ha in tasca nessuno.

Anche se, tuttavia, nel corso dell'esistenza, "ad ognuno di noi", può capitare almeno una volta, d'imbattersi in essa, il più delle volte però...nemmeno rendendosene conto.

Conto alla rovescia, che a quanto pare, da ciò che segue, avrebbe un arco temporale già "ben definito"...

Nucleare: Iran, attacco Israele tra 1 mese


Fonti intelligence a Daily Mail, blitz con sostegno americano

10 novembre, 14:55

(ANSA) - ROMA, 10 NOV - Israele ''lancera' un attacco contro l'Iran entro un mese, al massimo all'inizio del nuovo anno'': lo scrive il Daily Mail citando fonti di intelligence.
Secondo il quotidiano britannico, Londra si aspetta l'attacco, che ''avra' il sostegno logistico degli Stati Uniti'', per ''Natale o all'inizio del nuovo anno'', e ''i ministri del governo sono stati avvisati''.


Che Repubblica.it, riporta all'interno di questo articolo in cui la notizia principale, è la minaccia all'Occidente in "diretta tv" di Khamenei...

IRAN

Khamenei minaccia
Stati Uniti e Israele
"Se attaccati reagiremo
col pugno di ferro"


La Guida suprema usa toni pesantissimi in un discorso trasmesso dalla tv di Stato. Mosca e Pechino contrarie a nuove sanzioni. Secondo fonti diplomatiche di Londra entro Natale Netanyahu lancerà un'operazione militare

TEHERAN - Il regime iraniano non pare intenzionato ad allentare la tensione che si è fatta di nuovo altissima intorno al suo programma nucleare. In un discorso tenuto davanti a ufficiali dell'esercito e trasmesso dalla tv di Stato, l'ayatollah Ali Khamenei è tornato a minacciare Stati Uniti e Israele: si guardino bene dall'attaccare
la Repubblica islamica perché Teheran saprà rispondere "con il pugno di ferro". "I nostri nemici - ha proseguito la Guida suprema - e in particolare il regime sionista, l'America e i suoi alleati, devono sapere che ogni tipo di attacco e minaccia troverà una ferma risposta. Il nostro popolo, le Guardie rivoluzionarie e l'esercito sapranno rispondere agli attacchi con colpi forti e il pugno di ferro". L'Iran non vuole aggredire nessuno, ha aggiunto Khamenei accenndando anche alla possibilità che gli aggressori siano "distrutti dall'interno".

Continua su: repubblica.it

E che Debka, ci illustra con più particolari...

UK expects Israeli attack on Iran next month with US logistical support


La Gran Bretagna si aspetta un attacco Israeliano sull'Iran con il supporto logistico degli Stati Uniti il prossimo mese
( in inglese - debka.com ).

"Bene".

Non ci resta che prepararci per il regalo di Natale, i Botti di Capodanno, o/e il carbone dell'Epifania.

Eh Si! Carbone...poiché il petrolio, se ciò accadrà, potrebbe divenire merce ancor più preziosa, ed altresì..."rara"...

"Come da Copione".

IL PETROLIO TRA 300 E 500 DOLLARI AL
BARILE SE ISRAELE ATTACCA L'IRAN


DI KURT NIMMO
Info Wars



Il greggio del Brent è salito di 1,17 dollari al barile portandosi a 115,73 dollari all’intensificarsi delle notizie che parlano di Israele pronto a bombardare da solo gli impianti nucleari iraniani.
È il livello più alto raggiunto in quasi due mesi.

Ma sarebbe nulla in confronto a quanto i prezzi potrebbero aumentare se Israele dovesse veramente attaccare. Nel 2006, non appena Israele e Stati Uniti cominciarono a far sentire il suono delle spade contro il programma nucleare iraniano, le Guardie della Rivoluzione iraniana, secondo un disertore, collocarono una catena di mine sul fondo dello Stretto di Hormuz.

"Il piano è di bloccare il commercio", ha detto la fonte a Newsmax. Un terzo del petrolio mondiale passa attraverso lo Stretto di Hormuz.

Continua su: comedonchisciotte.org

"Forniture militari statunitensi e Nuovi moniti iraniani, da suoi funzionari all'estero"...

Emirati: USA pensa a possibile fornitura di bombe


Venerdì 11 Novembre 2011 12:55

Gli Stati Uniti starebbero pensando di fornire agli Emirati Arabi Uniti migliaia di munizioni e ordigni ‘bunker-buster’, le micidiali bombe anti-bunker, nell’ambito degli sforzi compiuti per costruire una coalizione regionale in vista di un eventuale attacco all’Iran. La vendita di questi ordigni agli Emirati, segnala oggi, venerdì 11 novembre, il Wall Street Journal, rafforzerebbe notevolmente la capacità della forza aerea locale di colpire obiettivi sensibili pre-selezionati, come le installazioni in cui si pensa che l’Iran stia sviluppando il suo controverso programma nucleare.

Il piano dell’amministrazione Obama dovrebbe essere presentato ufficialmente al Congresso nei prossimi giorni: ai parlamentari Usa, in particolare, sarà chiesta l’autorizzazione alla vendita di oltre 4.900‘ munizioni per attacco diretto’, assieme ad altri tipi di sistemi d’arma.

Link articolo: focusmo.it

"L'evidente Realtà, a parer mio, è che in quell'area...'tutti' (chi più e chi meno...chi prima e chi dopo), si stanno preparando alla Guerra."

Avvertimento lanciato dall'ambasciatore iraniano a Roma

"Il Punto di Vista Turco"...

IRAN/NUCLEARE: TURCHIA SI OPPONE AD INTERVENTO MILITARE

(ASCA-AFP) - Istanbul, 12 nov - La Turchia si oppone all'eventualita' di un attacco militare contro i siti nucleari iraniani, minacciato nei giorni scorsi da responsabili israeliani.

Lo ha detto oggi il ministro degli Esteri turco, Ahmet Davutoglu. ''Il fatto stesso di parlare di un eventuale intervento militare nella regione non e' corretto'', ha detto il capo della diplomazia turca.

''Ci opponiamo a un tale intervento e pensiamo che provocherebbe piu' instabilita''', ha aggiunto, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa turca Anatolia.

''Non e' accettabile che dei paesi che sono essi stessi sospettati di avere la bomba atomica provochino nuove tensioni nella nostra regione'', ha affermato ancora Davutoglu, riferendosi a Israele. red/vlm/ss

E poi, continuiamo a seguire gli sviluppi, delle notizie presenti in questo post della "serie originale" che "ci mettono al corrente" (o quantomeno ci provano) sull'evolversi del Copione mediorientale...

"Siria e Iran (e medioriente), legati da un'unico...nefasto destino"?

Mid-East war fears after Iranian base blasts, Syria's Arab League suspension

Paure per una guerra in Medio Oriente, dopo le esplosioni nella base Iraniana e la sospensione della Siria dalla Lega Araba
( in inglese - debka.com ).

Siria: Damasco chiede summit Lega Araba

E organizzazione mette a punto piano per proteggere civili

13 novembre, 13:35

(ANSA) - AMMAN, 13 NOV - La Siria ha chiesto una riunione urgente della Lega Araba per discutere della situazione nel Paese. Lo annuncia la tv di Stato.

Da Tripoli intanto, il segretario dell'organizzazione Nabil al-Arabi, a margine di un incontro con il presidente del Cnt libico, Mustafa abdel Jalil, ha reso noto che la Lega Araba sta mettendo a punto un piano per "proteggere i civili". (ANSA)

"Domanda".

Secondo voi...

Il piano per..."Proteggere i Civili Siriani"...sarà il "medesimo" (più o meno...ovviamente), di quello libico?


SIRIA: ATTACCATO CONSOLATO FRANCESE, PARIGI CONVOCA AMBASCIATORE

"Celeri Risposte...e Pesanti Sanzioni"...

USA: l'Iran deve fornire risposte alla relazione dell'AIEA


Domenica 13 Novembre 2011 14:00

Gli Stati Uniti sollecitano all'Iran chiarimenti in merito al rapporto dell'Agenzia internazionale dell'energia atomica (AIEA) alle Nazioni Unite.
"L'Iran ha una lunga storia di inganni e di negazione per quanto riguarda il suo programma nucleare, nei prossimi giorni ci aspettiamo che dia risposte alle evidenze espresse dal rapporto," ha detto il segretario di Stato Hillary Clinton. La Clinton ha incontrato alle Hawaii i ministri degli Esteri di Cina, Giappone e Australia, e la discussione sul rapporto dell'AIEA è stata una parte fondamentale della riunione.

"Gli Stati Uniti continueranno a consultarsi con i propri partner e alleati sulle misure da intraprendere per aumentare la pressione sull'Iran. Da Teheran fanno sapere che il rapporto è falso: "non esiste alcuna prova che testimoni che le azioni dell'Iran in campo nucleare sono per fini militari". Oggi l'amministrazione Obama discuterà del rapporto e promuoverà un altro round di sanzioni contro l'Iran. Il cancelliere tedesco Angela Merkel, ieri definito il rapporto dell'Aiea "inquietante" e auspica un maggiore impegno dei Paesi Occidentali per rafforzare le sanzioni contro l'Iran. "

Link: focusmo.it

Tempi maledettamente interessanti. Vero?


A seguire la parte 4.

Nessun commento: