Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVIII

Prosegue dalla parte LVII . Ed ecco il palesarsi di un'altra prima volta...anzi, "altre prime volte". Eh Sì! Poiché i risco...

martedì 28 febbraio 2012

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/18

Prosegue da questo post.


GEAB n. 62 - Crisi sistemica globale -
Eurolandia 2012-2016: perpetuazione di un
“Nuovo Potere Globale”, a condizione che
esso si democratizzi.


Pubblicato il 17 Febbraio 2012

Come avevamo anticipato, la paura di un collasso dell’Eurozona (alimentata in gran parte dalla City di Londra e da Wall Street), conseguenza della crisi del debito greco, si è rivelata infondata. Eurolandia è uscita da questo violento episodio con i suoi membri decisamente rinforzati. Secondo il nostro team, il 2012 segnerà l’inizio della perpetuazione di un Nuovo Potere Globale, Eurolandia. Questo sviluppo resterà subordinato, tuttavia, alla questione della sua democratizzazione, fattore che analizzeremo in questo numero, attraverso le tre sequenze dell’evoluzione di Eurolandia, nel periodo 2012-2016.

Continua su: ilporticodipinto.it

Anche se...sempre che io non abbia compreso male o mi sia sfuggito nei precedenti GEAB...loro, non tengono (o non prendono) in considerazione un evento bellico globale...sommosse, vere e proprie insurrezioni popolari, guerre locali, si...ma non, un eventuale ampio evento bellico a livello più o meno planetario, ovvero, appunto...Globale.

Si vede, che lo reputano alquanto improbabile...se non, Impossibile.

Chissà, magari...il futuro appurerà, che "la ragione, dimorava nella loro visione".

Ma io temo, che tale nefasto rischio, sia attualmente...ben poco fumoso...anzi, più che evidente ai più.

Sempre che, lo si vuole vedere...ovviamente.



La Decisione della Verità...

L'iran accetta oro in cambio del
petrolio


Mercoledì 29 Febbraio 2012 13:20

L'Iran accetterà oro invece dei soliti dollari, in cambio del proprio petrolio. La decisione, divulgata dall'agenzia d'informazione di stato, arriva in seguito alla crisi dei pagamenti dovuta alle sanzioni adottate da Usa ed Unione Europea e mirate a colpire le banche della repubblica islamica. "Gli acquirenti d'ora in poi potranno pagare in oro, che il Paese accetterà senza riserve" ha riferito Mahmoud Bahmani, governatore della Banca Centrale iraniana.

L'inversione di tendenza tenderà quindi ad aggirare anche il più blando tentativo europeo, d'impedire l'acquisto da parte degli Stati membri, del greggio iraniano dal primo luglio. Attualmente il commercio con l'Unione Europea copre il 20 percento delle esportazioni iraniane. La Cina, come l'India, ha più volte ribadito di non avere intenzione d'interrompere l'importazione degli approvvigionamenti petroliferi.

Link: focusmo.it

Ovvero.

Quanto questa mossa, sarà/potrà essere...tollerata dall'Impero.

Anche in chiave, del venir meno, dell'effetto delle sanzioni economico-finanzial-valutarie e più o meno di conseguenza, delle pressioni israeliane ad agire, anche con un attacco unilaterale.

Penso che ormai sia chiaro, che questi, anche nostri tempi, sono sicuramente più che interessanti e da un po'...un bel pò, "in verità".

Vero?


Scenari...

LA STRATEGIA TEDESCA
SUL DEFAULT GRECO


di Loretta Napoleoni - 28 febbraio 2012

Stanno cercando di isolare la Grecia e i paesi periferici, compresa l'Italia, per mettere al riparo le loro banche dal rischio default. La Grecia fallirà entro i prossimi 12 mesi ed è difficile pensare che questo non avrà effetti sull'Italia. Noi siamo l'Europa periferica

Continua su: cadoinpiedi.it


Economia, intrisa di Geopolitica, all'ombra di oscure...ed antiche, profezie, sulle cause dell'avverarsi delle stesse, in possibili eventi futuri...

Maroc: "Pour
Mohammed VI, seules
comptent les affaires"

Marocco: "Per Mohammed VI, contano solamente gli affari"

Propos recueillis par
Dominique Lagarde, publié le
01/03/2012 à 10:56

Le roi Mohammed VI, premier investisseur de son pays, est à la tête d'une immense fortune.
Il rè Mohammed VI, primo investitore del suo paese, è a capo di una fortuna immensa

Ecrivain et grand reporter, auteur il y a quelques années d'un livre-interview avec Hassan II, Eric Laurent vient de publier aux éditions du Seuil, avec la journaliste Catherine Graciet, "Le roi prédateur".
L'ouvrage dénonce l'affairisme de l'entourage du roi du Maroc et du souverain lui-même.

Scrittore e grande reporter, autore già da qualche anno di un libro-intervista con Hassan II, Eric Laurent ha appena pubblicato alle edizioni Seuil, con la giornalista Catherine Graciet, "Il rè Predatore".
L'opera denuncia l'affarismo dei collaboratori del rè del Marocco e del sovrano stesso.

Continua, in francese, su: lexpress.fr


GRECIA

E giunse "giusto il tempo", in cui, anche la terza agenzia Usa...tagliò il rating greco...

LA CRISI

Il debito della Grecia è
"spazzatura"
Moody's abbassa il
rating da CA a C


L'agenzia valuta il debito sovrano di Atene ormai a un passo dal default. Alla base della decisione l'accordo sul taglio nominale del valore dei bond in mano agli investitori privati che dovrebbe valere un risparmio da 107 miliardi

NEW YORK - L'agenzia internazionale Moody's taglia il rating della Grecia a 'spazzatura', abbassandolo a C da Ca. È il gradino più basso della valutazione nella scala di Moody's e quindi rappresenta l'ultimo step prima del default.

Continua su: repubblica.it

"Benvenuti, nel Nuovo Ordine Mondiale...Dettato dalle agenzie di Rating".

Grecia: si avvicina il giorno
della verita' per Atene


06 Marzo 2012 - 20:18

(ASCA-AFP) - Atene, 6 mar - Giovedi' e venerdi prossimi saranno i giorni della verita' per l'operazione di ristrutturazione del debito greco, il cosiddetto Private Sector Involvement, sul quale il mondo finanziario fa affidamento per arrivare ad una tregua nella crisi della zona euro.

Le banche ed i fondi d'investimento privati che detengono titoli del debito pubblico greco hanno tempo fino a giovedi' alle 20 (GMT) per dire si' o no allo scambio di obbligazioni, una sorta di Fallimento controllato, inedito per la sua ampiezza nella storia finanziaria.

L'operazione, che punta a fare uscire la Grecia dalla spirale dell'indebitamento annullando circa 107 miliardi degli oltre 350 dell'attuale debito pubblico, dovra' essere su base volontaria per riuscire.

Il governo greco stima un'adesione compresa tra il 75% ed il 90%. Al di sotto del 75%, Atene ha gia' annunciato che il progetto sara' abbandonato
e la Grecia sara' esposta al rischio di un default incontrollato a partire dal 20 marzo, data in cui vanno rimborsati titoli per 14,4 miliardi di euro.

Continua su: asca.it

Capito!?! Penso sia chiaro e semplice.


OK! Tutto apposto. Operazione Riuscita...


LA CRISI

Grecia, riuscita
operazione su debito
Atene: "Superata la
soglia dell'85%"


Scaduto il termine per aderire al concambio dei bond di Atene, i sì dei creditori sono oltre il 85%, dice il ministero delle finanze greco. Standard & Poor's:" Atene non fallirà"

di GIULIANO BALESTRERI

MILANO - L'annuncio ora è ufficiale: "L'adesione allo Swap ha superato l'85%". Lo comunica il ministero delle finanze di Atene. Il governo raccomanda ora l'attivazione delle clausole di azione collettiva, che porteranno il tasso finale di adesione al 95,7%. La Grecia è dunque salva. E le borse brindano. Tokio ha chiuso con un rialzo dell'1,65 per cento.

Continua su: repubblica.it

Per adesso, almeno...in seguito si vedrà.

"Chissà"...per esempio, che effetto avrebbe, il drastico aumento dei prezzi petroliferi, che in parte sta già avvenendo, sulla già provata economia greca e quindi...anche, sui parametri di questa operazione.

Giust'appunto..."Come da Copione.

Ovvero...

Come ci avevano anticipato sia S&P, degradando di fatto il debito greco, a default tecnico, ed altri fonti, con articoli a tema...

L'"ESPERIMENTO" GRECO HA AVUTO UN
CERTO SUCCESSO


DI EUGENIO ORSO
pauperclass.myblog.it

Il grande swap sul debito della
Grecia

ha avuto adesione elevate, persino impreviste, se non erro pari al 95,7%. Il meccanismo neocapitalistico continua a funzionare, e piuttosto bene dal punto di vista dei vincitori e padroni, ma nonostante le elevate adesioni, quelle propriamente volontarie sono rimaste al di sotto della soglia minima imposta del 90%. Perciò, in questo mare di regole-capestro imposte dalla Grande Finanza agli stati tributari, saranno Bruxelles con l’Eurofin e un ennesimo organismo sopranazionale in mani globaliste, l’ISDA (Intenational Swaps e Derivatives Association) che controlla lo strategico mercato dei prodotti derivati, a decidere rispettivamente se accettare la richiesta greca di attivare le clausole di azione collettiva e dargli ancora "aiuti", e se, violata la volontarietà sul mercato dei derivati da parte della Grecia (adesioni volontarie inferiori alla percentuale imposta), è il caso di far scattare la tagliola dei CDS (di protezione e nel contempo speculativi) e provocare così il default dello stato messo alle strette.

In tal caso si tratterà di un default controllato, in modo che le architetture finanziarie e di potere internazionali non ne risentano. Questa è la prova che l’operazione della Global class è riuscita, o che comunque sta per riuscire, che la “cavia” dell’esperimento, cioè la Grecia non è riuscita a sottrarsi al destino che altri hanno deciso per lei, e che l’esperimento potrà essere replicato, se ve ne sarà l’occasione.

Continua su: comedonchisciotte.org

Ed Infatti...

LA CRISI

Fmi: prestito da 38
miliardi alla Grecia
Moody's: "Atene ha
fatto default"


Il Fondo monetario internazionale proporrà un nuovo aiuto, ma per l'agenzia di rating lo swap rappresenta un fallimento tecnico. Anche per l'Isda c'è stato un credit event: via libera al pagamento di 3,2 miliardi di Cds

Continua su: repubblica.it

Anche da altra fonte...

GRECIA: Moody's, Atene tecnicamente in default. Fmi stanzia 28 mld

Insomma.

Alla fine, penso che "il tutto si potrà riassumere (anche...si, perché continuo a pensare, che una "Bella Guerra"...magari Globale, sia da (o per...oggi sono buono) parte dell'Élite, la Giusta Soluzione, per lavare (levare), dal loro punto di vista...TUTTI, i "Panni Sporchi" di (da) questo Mondo) così"...

"Il paziente era grave, l'Operazione è riuscita, ma purtroppo, 'la sfortuna...unità al caso', ha fatto si, che in seguito lo stesso sia venuto a mancare...causa, Fame."

Un ultima cosa, "Pensando Male"...

Ieri era il 9 marzo, oggi è il 10, domani è l'11 e dopodomani, lunedì e il 12/03/2012...Vero?

Mah!?!



Continua...QUI

Nessun commento: