Post in evidenza

Due Passi nel Mistero/13

Continua da questo post . Scoperte in grado di cambiare...quantomeno, "UN" mondo... LA SCOPERTA Germania, un dente-fossile ...

lunedì 1 novembre 2010

SICUREZZA, TUTTI HACKER CON FIRESHEEP

SICUREZZA

Tutti hacker con Firesheep

Account Facebook a rischio

Uno sviluppatore americano rilascia un'applicazione che permette a chiunque, tramite il browser, di captare i dati di accesso ai più famosi siti e social network quando si naviga tramite wi-fi aperto. Allarme in rete, ma proteggersi è possibile

di ALESSANDRO LONGO

IL RISCHIO che sconosciuti si impossessino del nostro profilo su Facebook, Twitter o altri siti web non è mai stato così alto. Tutta colpa di Firesheep, il primo software che consente a tutti, anche utenti inesperti, tramite il semplice browser Firefox, di rubare le password di numerosi siti molto popolari.

In termini tecnici, Firesheep è un'estensione gratuita di Firefox. Gli utenti possono installarla con un clic sul proprio browser, quindi, e cominciare la caccia di password altrui. Le potenziali vittime sono tutti quelli che utilizzano una rete wi-fi aperta, cioè non protetta da crittografia, in casa o in un luogo pubblico. Al pirata dotato di Firesheep basterà connettersi alla nostra stessa rete (può farlo, visto che è aperta) e aspettare che accediamo a uno dei siti monitorati dall'estensione. Per esempio, Facebook, Twitter, Amazon, Google, Flickr e altri ancora che possono essere aggiunti dagli utenti. Su Firefox, nella barra dell'estensione, compare quindi l'account dell'utente spiato. Al pirata basterà cliccarci per entrare nel sito al posto suo.

Continua su : repubblica.it

Penso che il problema ( non di poco "conto" ), come d'altronde citato nell'articolo, sia "facilmente" risolvibile abilitando la password a protezione della connessione.

Anche se tuttavia non posso fare a meno di notare che, tal problema non si presenterebbe nemmeno, se "qualcuno" non avesse interesse, qualunque esso sia, a violare la privacy del prossimo.

Ma purtroppo, non essendo così, ogni nuova tecnologia, "inevitabilmente", insieme alle doti utili e gioiose, si porta addietro anche quelle...come "vogliamo" chiamarle...più "ansiogene" ?

Nessun commento: