Post in evidenza

Due Passi nel Mistero/13

Continua da questo post . Scoperte in grado di cambiare...quantomeno, "UN" mondo... LA SCOPERTA Germania, un dente-fossile ...

giovedì 25 novembre 2010

SCONTRO TRA PECHINO E VATICANO "SIETE VOI A VIOLARE LA LIBERTÀ RELIGIOSA"

CHIESA

Scontro tra Pechino e il Vaticano
"Siete voi a violare la libertà religiosa"

La Cina replica alla Santa Sede, che ieri aveva inviato una dura nota di condanna in seguito all'ordinazione di un vescovo da parte del governo, senza l'autorizzazione del Papa

PECHINO - Accuse reciproche tra la Cina e il Vaticano, all'indomani dell'ordinazione 'governativa' del vescovo cinese Giuseppe Guo Jincal, avvenuta senza l'autorizzazione della Santa Sede, e pertanto definita da papa Benedetto XVI "una violazione della libertà religiosa" 1. Pronta la replica di Pechino: è invece la condanna del Vaticano a costituire una "prova di intolleranza e restrizione di libertà religiosa", ha detto il portavoce del ministro degli Esteri cinese Hong Lei.
"Ogni tipo di dichiarazione o intervento - ha affermato il portavoce, rispondendo a Pechino ai giornalisti che gli chiedevano di commentare la posizione della Santa Sede sull'ordinazione del vescovo - costituisce un atto di restrizione della libertà e di non tolleranza". Il Vaticano aveva inviato una nota in cui definiva la nomina un'offesa al Santo Padre e alla Chiesa Cattolica e una "grave violazione della libertà di religione e di coscienza".

L'ordinazione di padre Giuseppe Guo Jincal, nella provincia dell'Hebei, aveva denunciato la Santa Sede, rappresenta una "dolorosa ferita alla comunione ecclesiale e una grave violazione della disciplina cattolica" e il Papa ha appreso la notizia "con profondo rammarico". La Santa Sede aveva denunciato altresì le "pressioni e restrizioni" della libertà di movimento alla quale sono sottoposti i cattolici cinesi, che "costituiscono una grave violazione della libertà di religione e di coscienza".

Tale pretesa di mettersi al di sopra dei vescovi e di guidare la vita della comunità ecclesiale - si legge ancora nella nota vaticana - non corrisponde alla dottrina cattolica, offende il Santo Padre, la Chiesa in Cina e la Chiesa universale, e rende più intricate le difficoltà pastorali esistenti".

Link articolo : repubblica.it


Che la parte più cruenta della resa dei conti per la chiesa apostolica romana, inizi proprio con l'aver stuzzicato il "dragone rosso" a casa sua ?

Nessun commento: