Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVIII

Prosegue dalla parte LVII . Ed ecco il palesarsi di un'altra prima volta...anzi, "altre prime volte". Eh Sì! Poiché i risco...

mercoledì 21 aprile 2010

IPOTESI DI COMPLOTTO parte CLII

Prosegue dalla parte CLI.

MUTANDE IN GHISA PER LE VISITE IN VATICANO : ESAURITE LE MISURE PER BAMBINI.

Nuovo Ordine Mondiale...
GLI ORCHI DEL PAPA.

I documenti diffusi dagli avvocati di una vittima che subì molestie a metà anni Ottanta "Intervenne il Papa, allora prefetto della Congregazione per la dottrina della fede"
PEDOFILIE, NUOVE ACCUSE AL PAPA "RATZINGER COPRÌ UN CASO IN FLORIDA"...
( repubblica.it ).

L'OMBRA DELLA NATO SULLE BOMBE DI MOSCA.

ATTENTATO ALLA METRO DI MOSCA : UN'ALTRA OPERA DELL'FSB ?

CHI È CHE VUOLE A TUTTI I COSTI IL SUICIDIO DELLA GRECIA ?
Cito dall'articolo l'interessante, a mio parere, conclusione...
"Non ultimo si consideri quest’altro aspetto. La Goldman Sachs, che è una delle banche proprietarie della Federal Reserve e quindi anche fra i padroni effettivi del dollaro americano, ha partecipato con fortissima determinazione alla creazione dell ’euro e dell’unione europea, investendovi moltissimo sia economicamente che politicamente. Che senso ha generare qualcosa che poi programmaticamente verrà distrutto?
Forse, nella ventilata sostituzione dell ’euro con la nuova moneta mondiale (ancora senza nome) è leggibile l ’intento di impossessarsi definitivamente dell’Europa. Sarebbe superfluo aggiungere che più che di un incubo si tratta di delirio di onnipotenza, ma dalla deriva imprevedibile per gli stessi responsabili di questo imminente disastro."

Geopolitica...
MO: Giornata terra, un morto e feriti Raduni rialzano tensione.
30 marzo, 19:56 (ANSA)
- GAZA/RAMALLAH, 30 MAR -
Un ragazzo di 15 anni della Striscia di Gaza è stato ucciso dal fuoco israeliano e almeno altri 11 giovani sono stati feriti. L'uccisione e i ferimenti sono avvenuti nel corso delle manifestazioni che hanno segnato oggi in tutti i territori palestinesi la Giornata della Terra, promossa in ricordo d'una vicenda di espropri risalente al 1976.
La ricorrenza, che coincide con il primo giorno della Pasqua ebraica, è stata occasione di raduni, oltre che a Gaza, anche in Cisgiordania.

Nucleare: Clinton, consenso su Iran.
'Anche la Cina sta capendo il pericolo'.
30 marzo, 21:37 (ANSA)
- OTTAWA, 30 MAR -
Raggiungeremo un consenso sull'Iran in seno al consiglio di Sicurezza Onu: ne e' convinta il segretario di Stato Usa Hillary Clinton.
'Sono convinta che stiamo facendo progressi, la prossima settimana ci saranno intensi negoziati in seno al Consiglio di Sicurezza - ha detto Clinton - Stiamo vedendo una crescente consapevolezza dei pericoli che il nucleare iraniano rappresenta, e anche la Cina sta capendo quali sono le minacce che potrebbe porre per la stabilita''.

Usa-Francia: Obama, uniti contro nucleare iraniano.
Il segretario di Stato Usa: ''stiamo facendo progressi, la prossima settimana ci saranno intensi negoziati in seno al Consiglio di Sicurezza''.
31 marzo, 00:03
di Luciano Clerico
- ( ANSA ) WASHINGTON -
Amici sì, questo è fuori discussione. Ma tra Barack Obama e Nicolas Sarkozy le divergenze restano, anche se molto meno marcate di quanto non lo fossero prima dell'incontro avuto oggi a Washington.
Al termine del colloquio privato nello Studio Ovale, e prima di andare a cena negli appartamenti privati degli Obama alla Casa Bianca, il presidente francese e il presidente Usa hanno manifestato sorrisi e "condivisione globale" sui principali problemi che attraversano lo scacchiere internazionale, primo fra tutti l'Iran. Ma tra Francia e Stati Uniti rimangono punti di vista diversi sui tempi e i modi per affrontarli. Innanzitutto l'Iran.
"Sull'Iran, America e Francia sono uniti" ha sottolineato Obama. "Ma bisogna valutare con grande attenzione le conseguenze che un intervento può avere sull'intera regione" ha aggiunto, annunciando che sanzioni scatteranno "entro settimane". Nello stesso tempo, però, Obama ha sottolineato che "la porta della diplomazia resta aperta" nei confronti di Teheran, anche se "sono inaccettabili" le conseguenze di un Iran con l'arma atomica. Più aggressivo Sarkozy, secondo il quale invece sull'Iran "il tempo delle decisioni è venuto", e le sanzioni nei confronti di Teheran per il suo programma nucleare non possono più aspettare. Una posizione analoga a quella espressa nel pomeriggio a Ottawa dal segretario di Stao Usa, Hillary Clinton, che sulle sanzioni all'Iran ha annunciato un prossimo unanime consenso da parte del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, Cina compresa.
"Le sanzioni fanno parte della diplomazia" ha detto Hillary Clinton, che in Canada ha partecipato a un G8 ministeriale in cui il problema del controverso programma nucleare di Teheran è stato uno dei temi più importanti.
Capitolo Afghanistan: Obama ha evitato di chiedere, come invece avrebbe voluto, un ulteriore aiuto militare francese per quella che si annuncia come l'estate-chiave del conflitto. Di fronte a una sollecitazione del genere, Sarkozy avrebbe dovuto dire un 'no' esplicito, consapevole che l'opinione pubblica francese non gradirebbe l'invio di altri soldati, anzi. Per questo - come anticipato dalla stessa Casa Bianca prima del colloquio ufficiale - Obama non ha chiesto altri soldati francesi rispetto a quelli che già sono impegnati nel Paese.
In terzo luogo, il Medio Oriente, questione sulla quale, come ha ricordato Obama, non si può che procedere con prudenza. Sarkozy aveva a suo tempo proposto una conferenza internazionale sul tema, ma l'amministrazione americana è convinta che i tempi non siano maturi. La situazione a Gerusalemme è talmente tesa che l'obiettivo diplomaticamente più verosimile al momento è quello di riuscire ad avviare "colloqui indiretti" tra israeliani e palestinesi. E la cautela diplomatica è d'obbligo se si vuole davvero riavviare il processo di pace. Obama e Sarkozy, infine, si sono detti "pienamente d'accordo" sulla necessità di nuove regole finanziarie per evitare una nuova crisi come quella dello scorso anno.
"Quanto é successo - hanno affermato - non deve ripetersi".
CLINTON, RAGGIUNGEREMO CONSENSO IN CONSIGLIO SICUREZZA ONU -
Nella conferenza stampa finale della ministeriale del G8, oggi ad Ottawa, la Clinton ha detto:''sono convinta che stiamo facendo progressi, la prossima settimana ci saranno intensi negoziati in seno al Consiglio di Sicurezza. Stiamo vedendo una crescente consapevolezza dei pericoli che il nucleare iraniano rappresenta, e anche la Cina sta capendo quali sono le minacce che potrebbe porre per la stabilita'' nella regione e per il mercato petrolifero. Sia la Clinton sia il suo collega britannico, David Miliband, hanno ricordato che ''le sanzioni fanno parte della diplomazia'' ma che il forum odierno non e' quello in cui le cose si decidono. Un punto di vista condiviso dal russo Serghei Lavrov, apparso decisamente meno entusiasta dei colleghi sull'ipotesi delle sanzioni, e secondo cui ''La Cina, un Paese sovrano, decidera' come crede, nonostante le pressioni''. Il tedesco Guido Westervelle, infine, si e' detto anche lui favorevole al dialogo, ma pronto ad appoggiare sanzioni se necessario.

Economia ( creativa )...
LA CALIFORNIA IN BANCAROTTA LA SALVA ( Se approvata previo referendum, la totale liberalizzazione ndr )
UNA TASSA SULLA MARIJUANA...( repubblica.it ).

A seguire la parte CLIII.

Nessun commento: