Post in evidenza

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/50

Continua da questo post . Segnalando altolocati, altrui punti di vista...e consigli, da un ormai in percorso d'uscita, Oltremanica......

lunedì 16 gennaio 2012

CRISI: "A Pochi Passi dal Baratro"/15

Prosegue da questo post.


I PERICOLI DEL 2012: QUANDO L’AUSTERITÀ
MORDE SUL COLLO


DI JOSEPH STIGLITZ
Common Dreams

L'anno 2011 sarà ricordato come l’epoca in cui i tanti ultra-ottimisti americani hanno iniziato a perdere le speranze. Il Presidente John F. Kennedy disse una volta che la marea che si alza solleva tutte le barche. Ma, con la risacca, gli americani stanno cominciando a vedere che non solo quelli che hanno gli alberi più lunghi sono rimasti più in alto, ma che molte delle più piccole imbarcazioni sono andate in frantumi nella loro veglia funebre.

In quel breve momento in cui la marea si stava davvero sollevando, milioni di persone pensarono di avere una buona possibilità di realizzare il proprio "Sogno americano". Ora anche questi sogni stanno arretrando. Entro il 2011 i risparmi di quelli che avevano perso il lavoro nel 2008 o nel 2009 sono stati spesi. I sussidi di disoccupazione sono finiti. I titoli sul giornale che annunciano nuove assunzioni - ancora non sufficienti per tenere il passo col numero di quelli che sarebbero entrati normalmente nella forza lavoro – significano poco per i cinquantenni che hanno una flebile speranza di riavere un impiego.

Invece, le persone di mezza età che pensavano di rimanere disoccupati solo per qualche mese ora hanno capito che sono andati, forzatamente, in pensione.

Continua su: comedonchisciotte.org


DAL FINANZ-CAPITALISMO AL FINANZ-
MILITARISMO


DI PIOTR
megachip.info

“L’Iran sta cercando di
sviluppare un’arma
nucleare? No.”

Leon Panetta, Segretario alla Difesa degli Stati Uniti

1. Qualcuno su un blog ha fatto questo esercizio si calcolo: Se quantifichiamo il debito pubblico a 2.000 miliardi di euro e assumiamo un tasso d’interesse del 7% e infine usiamo come unità di misura temporale la "generazione" (convenzionalmente un intervallo di 25 anni), ecco le rate per estinguere il debito:

Con rata annua di 172 mld: 1 generazione (25 anni - esborso totale: 4.290 mld)

Con rata annua di 145 mld: 2 generazioni (50 anni - esborso totale: 7.246 mld)

Con rata annua di 140 mld: 6 generazioni (150 anni - esborso totale: 21.000 mld).

E' evidente che noi non possiamo pagare il debito.

Continua su: comedonchisciotte.org

Pare più che ovvio pure a me, che "non possiamo" pagare il debito...globale.

"Quindi, i possessori di tali crediti, oltre che ricchi sfondati oltre ogni immaginazione, detengono anche...ad ora virtuali, in seguito chissà...potenziali schiavi (fra chi rimarrà...ovviamente)".


"Certificazioni d'oltreoceano di Ovvie Conseguenze già nitide e riscontri mediterranei"...


Bankitalia: incertezza crescita molto elevata

Fitch: Grecia insolvente, sara' default Buone possibilita' taglio rating Italia

17 gennaio, 20:13

"L'incertezza sulle prospettive di crescita è straordinariamente elevata". E' quanto si legge nel bollettino economico della Banca d'Italia che cita "l'aggravarsi della crisi del debito e il rallentamento internazionale". Per l'Italia gli sviluppi "variano molto" e dipendono dalla crisi del debito e i riflessi sulle banche.

Continua su: ansa.it


GEAB N. 61 - Crisi sistemica globale - 2012:
La grande oscillazione geopolitica mondiale


Inviato da Dusty il Mer, 18/01/2012 - 22:25

Informazione Scorretta ha purtroppo chiuso ma il buon Franco è sempre operativo, ringraziandolo quindi per il lavoro svolto pubblico il risultato della sua ultima fatica :-)

Questo numero del GEAB segna il sesto anno da quando il team di LEAP/E2020 condivide con abbonati e lettori le sue anticipazioni mensili riguardo l'evoluzione della crisi sistemica globale.
E per la prima volta, in questo numero di Gennaio (che presenta una sintesi delle nostre previsioni per l'anno a venire), anticipiamo che questo non sarà un anno che si tradurrà soltanto nel peggioramento della crisi mondiale, ma sarà anche caratterizzato dalla nascita dei primi elementi costruttivi del "mondo post-crisi", per usare l'espressione di Franck Biancheri, nel suo libro «The World Crisis: The Path to the World Afterwards».

Secondo LEAP/E2020, il 2012 sarà l'anno della grande oscillazione geopolitica mondiale:

Continua su: ilporticodipinto.it


ITALIA

"Un popolo di Disperati"...

LA RICERCA

L'identikit dei nuovi
senzatetto
Padri separati e anziani
soli


Un lavoro durato mesi da parte dell'Istat, Caritas, Ministero del Lavoro e Federazione Italiana degli Organismi per le Persone senza Dimora. Oltre agli "storici" homless finiscono per la strada anche giovani stranieri disoccupati, ma anche uomini separati o pensionati che non ce la fanno a mantenersi in una casa con la sola pensione. Un fenomeno che si diffonde non più solo nelle grandi città, ma anche in provincia

Continua su: repubblica.it

Perché, nessuna misura a sostegno di queste persone.

Perché, non gli si fornisce una dimora stabile?



LE ELITE GLOBALI STANNO NASCONDENDO
18 TRILIONI DI DOLLARI NELLE BANCHE
OFFSHORE


FONTE: The Economic
Collapse

Negli ultimi giorni, il fatto che
Mitt Romney avesse parcheggiato milioni di dollari nelle Isole Cayman è comparso sulle prime pagine in tutto il mondo. Ma quando si parla delle banche offshore, quello che ha fatto Mitt Romney sono bazzecole. La verità è che l'élite globale sta nascondendo un ammontare quasi incredibile di denaro nelle banche offshore. Secondo una scioccante ricerca del FMI, l'élite globale detiene un totale di18 trilioni di dollari nelle banche offshore. E questo dato non conteggia i soldi che sono in Svizzera. È una quantità sbalorditiva di soldi. Ricordiamoci che il PIL degli Stati Uniti nel 2010 è stato solo di 14,58 trilioni di dollari.

Continua su: comedonchisciotte.org


ECCO PERCHÉ L'IRAN NON BLOCCHERÀ LO STRETTO DI HORMUZ


La Realtà dei Fatti...

Usa: dura replica repubblicana a Obama, siamo quasi come Grecia

Grazie, alla finora valuta di riferimento globale...ed alla possibilità di "stampare" moneta in quantità.


PREVISIONI DEL NUOVO ANNO


DI MASSIMO FINI
ilribelle.com



La crisi

La situazione non è risolvibile. Può essere tamponata con degli investimenti di denaro, o meglio, con immissioni di liquidità di denaro che ovviamente non rappresenta nulla, se non una ipoteca su un futuro talmente lontano dall'essere inesistente. Quindi prima o poi si arriva al collasso definitivo del sistema del denaro e del sistema industriale,che noi chiamiamo occidentale ma che oramai riguarda molti altri luoghi. La Russia ci è entrata da tanto tempo, ma anche i paesi emergenti, come Cina e India, ci sono dentro sino al collo. Loro hanno il vantaggio di aver cominciato dopo, quindi arriveranno dopo al muro invalicabile che segnerà il fatto che non possono più crescere, ma in ogni caso il gong suonerà anche per loro. È matematico.

Continua su: comedonchisciotte.org


ECONOMIA - Le banche si
preparano al peggio: sanno
già come andrà a finire?


Mentre Standard & Poor's fa downgrade massivi in Europa e in Grecia si prova a negoziare l'haircut del debito con i privati, le banche si mettono al sicuro. A quanto pare, il rischio percepito da banche di investimento e istituti di credito è sempre più crescente. Ma quali sono i fattori che indicano la propensione della banche a rifugiarsi da eventuali eventi con effetto sistemico come un default di qualche Stato?

Continua su: calcisulcalcio.blogspot.com


"Quando i Nodi, vengono al Pettine"...

Is Now The Time To Move Away From Major U.S. Cities?

È Giunto il Tempo di Spostarsi Lontano Dalle Più Grandi Città degli Stati Uniti?
( in inglese - endoftheamericandream.com ).

Mi sà, che quanto ho scritto, anche fin dall'inizio di questo "viaggio" (il primo "viaggio") , sta andando a realizzarsi, ed "una Possibile...più che Possibile Guerra, sarà il tentativo di soluzione ad una Crisi Economico-Finanziaria, Voluta...Inevitabile"...

"Come da Copione".


Senza Parole...

GRECIA: IL TERZO MONDO E' SEMPRE PIU'
VICINO


DI ARGIRIS PANAGOPOULOS
ilmanifesto.it

Gli speculatori tornano in borsa
e

a scuola bambini a stomaco vuoto

Nella foto: un bambino riceve cibo da una Chiesa

Ortodossa ad Atene
La Grecia precipita nel terzo mondo: i suoi bambini restano con lo stomaco vuoto, mentre i turisti che visitano il paese possono godersi a basso prezzo i souvlaki e le insalate greche al suono dei bouzouki. Le politiche di Papandreou, Papadimos e della troika hanno fatto si che migliaia di bambini delle scuole elementari di Atene si ritrovano a stare in classe senza poter mangiare niente. In centinaia poi sarebbero costretti a restano a volte fino alla fine dell'orario prolungato, alle quattro di pomeriggio, con lo stomaco vuoto.

Continua su: comedonchisciotte.org

..Ma Veramente.


Continua...QUI.

Nessun commento: