Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LVIII

Prosegue dalla parte LVII . Ed ecco il palesarsi di un'altra prima volta...anzi, "altre prime volte". Eh Sì! Poiché i risco...

lunedì 26 marzo 2012

PANDORA'S TIMES - Medio Oriente: "In Attesa, della Giusta Scintilla...e della 'Gloria', che Verrà"/32

Prosegue dalla parte 31.


"Bellicose Dichiarazioni, Attacchi e Presunti Complotti"...

Leon Panetta: “C’è una “forte probabilità”
che Israele attaccherà l’Iran tra aprile e
giugno”. Per scaldare gli animi c’è chi batte
cinicamente la grancassa “antisemita” di
Tolone


da Pino Nicotri

Barack Obama dice che nessuna decisione da parte israeliana è stata ancora presa, ma il suo segretario alla Difesa Leon Panetta ha fatto sapere c’è una “forte probabilità” che Israele attaccherà l’Iran tra aprile e giugno. Come se non bastasse, funzionari americani, rimasti però senza nome, hanno dichiarato di recente al giornale inglese Guardian di ritenere che all’amministrazione USA non rimanga “altra alternativa” che attaccare l’Iran oppure lasciare che lo faccia Israele entro la fine dell’anno. Come si vede, la situazione appare drammatica, arrivata davvero al punto di svolta. C’è però da dire che la previsione fatta dal capo della Cia la scorsa estate di un attacco “a settembre” si è per fortuna rivelata sbagliata. Forse però le “previsioni” in questione vengono rese pubbliche proprio per scoprire le carte del gioco israeliano e bruciarlo. Ma potrebbe invece trattarsi di una guerra dei nervi contro l’Iran.

Vedremo come andrà a finire. Vedremo se lo psicodramma anti iraniano resterà un fiume di parole, che ormai scorre con violenza crescente da troppi anni, e un fantasma israeliano oppure se si trasformerà nel primo passo verso quella che potrebbe diventare una catastrofe anche per l’Europa.


Continua su: pinonicotri.it


"Un Possibile Movente, ad Accendere il Fuoco...o una inevitabile conseguenza"(?)...

La Turchia i Curdi e la
Siria : un “casus belli”


La Turchia i Curdi e la Siria, un insieme di popoli e nazioni che potrebbe essere decisivo per il futuro di tutta la regione medio-orientale. Da tempo infatti la Turchia preme per un intervento multinazionale in Siria e con cadenza regolare fa trapelare la voce di essere pronta ad intervenire da sola. Alla Turchia manca comunque il “casus belli” e in questi giorni il regime di Damasco potrebbe averne fornito uno che storicamente ha già portato le due nazioni sull’orlo del confronto militare.

Continua su: geopoliticalcenter.com

Avvicinamenti...

La Portaerei Enterprise
entra nel Mediterraneo


La portaerei nucleare americana USS Enterprise ( CVN – 65 ) ha passato il giorno 23 marzo lo stretto di Gibilterra ed è entrata nel mar Mediterraneo.

Continua su: geopolitalcenter.com

"Ricorda chi è il tuo nemico"...

Allerta massima in Israele per la
"Giornata della Terra"


Mercoledì 28 Marzo 2012 10:00

Si preannuncia per venerdì 30 marzo una giornata ad altissima tensione lungo i confini israeliani con la Palestina ed i vicini arabi in occasione dell'annuale "Giornata della Terra" che ricorda l'espropriazione delle terre arabe in territorio israeliano avvenuta nel 1976. Nel particolare clima di nervosismo che si respira in tutto il Medio Oriente il conflitto arabo-israeliano rischia di essere nuovamente il catalizzatore di tutte le tensioni sparse nella regione.

Continua su: focusmo.it

Erdogan arriva a Tehran

"Segrete Sorprese...sulla Via per Teheran"...

Israele e la base
segreta a un passo
dall’Iran


29/03/2012 - In uno dei cable di Wikileaks il dittatore Ilham Alyiev descrive la relazione del suo paese con Israele come un iceberg "nove decimi del suo volume sono sotto la superficie"

di Mazzetta

Ha fatto rumore l’articolo con il quale Foreign Policy ha rivelato che Israele avrebbe a disposizione una base aerea in Azerbaijan, a pochi chilometri dai confini settentrionali dell’Iran.

Continua su: giornalettismo.com

Di seguito, un altro interessante articolo, che valuta anche l'aspetto economico...e Lunare...

Come muoversi sui
mercati per anticipare
l'attacco in Iran


di: WSI

New York - Ormai non e' piu' una questione di se, ma di quando.
L'attacco di Israele e Stati Uniti all'Iran pare ormai inevitabile, anche a giudicare dalle ultime mosse strategiche militari dei due paesi.

Le ultime notizie fanno tutte propendere per un attacco ai siti nucleari della Repubblica Islamica gia' daquest'anno. L'Azerbajan ha garantito a Israele l'accesso alle sue basi aerospaziali. Intanto venerdi' il consiglio di sicurezza del Knesset, il parlamento israeliano, ha votato a maggioranza a favore di un'eventuale operazione in Iran "quando sara' necessario".

Continua su: wallstreetitalia.com

Da cui cito, anche il seguente, ed oserei dire, ancor più interessante, ampio passaggio...
Da una ricerca di Rapidan Group emerge che ci siano solo 10 giorni di Luna Nuova rimasti nell'anno in corso. Eliminando dal calendario lunare i mesi a rischio tempeste di sabbia - aprile, luglio e settembre - rimangono sette periodi in cui l'esercito israeliano potrebbe realisticamente lanciare un raid.

Il tutto mentre la portaerei CVN 65, che si muove a passo di lumaca, e' giunta all'altezza dello Stretto di Gibilterra. Prima che si possa tenere un attacco di questo tipo e' necessaria la presenza di tre portaerei nelle vicinanze, si puo' scartare anche la finestra ipotetica del 17-27 marzo.

Restano dunque sei possibilita'.

Eh Si! "Attenti alla Luna"...ma per Davvero.

Monito...Ribadendo Precedenti Alleanze...

Khamenei, Iran
difendera' regime
Damasco


Guida suprema: Teheran contraria a ogni ingerenza interna

29 marzo, 21:21

(ANSA) - TEHERAN, 29 MAR - L'Iran difenderà il regime del suo alleato, la Siria, in base alla sua posizione anti-israeliana.

Lo ha detto oggi la guida suprema iraniana, l'ayatollah Ali Khamenei incontrando il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan in visita nella Repubblica islamica."Ci opponiamo fortemente a ogni ingerenza delle forze straniere negli affari interni della Siria (....). Le riforme che sono iniziate là (in Siria, ndr), devono proseguire", ha aggiunto, Khamenei.

Ovvero, secondo me...

"Guai a voi... se metterete 'un piede' in Siria, poiché per noi, sarà come se lo metteste in Iran."

Se l'interpretazione è corretta...mi pare chiaro. O No?

Reali Minacce, Esagerate Preoccupazioni, Fantasie, o il predisporsi, di...Preparati Eventi, nel "Giusto Tempo"..."Come da Copione"?


Cellula Iran pronta
colpire in Turchia

Unita' 400 'dispiegata negli ultimi mesi per compiere attacco'

31 marzo, 14:46

(ANSA) - ROMA, 31 MAR - E' caccia all'uomo in Turchia per smantellare un network segreto collegato alle brigate al Quds iraniane, che avrebbero l'ordine di colpire "ebrei, israeliani e obiettivi occidentali" nel Paese. Lo scrive la britannica Sky News, citando fonti di intelligence.

La cellula, denominata 'Unita' 400', "e' stata dispiegata negli ultimi mesi per portare a termine un attacco in Turchia", dice la fonte citata da Sky News. (ANSA).

Premunirsi da Nefaste Evenienze...

L'Iran aumenta le scorte
di grano in previsione di
un confronto con l'Occidente


Di Federico Artizzu | 27.03 2012 12:07 CES

L'Iran sta facendo incetta di grano in previsione di più dure sanzioni della comunità internazionale o addirittura di una guerra.

Continua su: it.ibtimes.com.

Tempo di Vertici e di Decisioni, in grado di accendere, il Fuoco della Guerra...

H. Clinton : il 13 e 14
Aprile Vertice a Istanbul
sul Nucleare Iraniano


Il Segretario di Stato americano Hillary Rodnam Clinton ha annunciato ufficialmente! da Riad, che il 13 e il 14 aprile si terrà ad Istanbul il vertice cruciale per il destino del programma nucleare iraniano.

Dopo voci ricorrenti, che il nostro centro ha pubblicato negli ultimi giorni di gennaio 2012, smentite, parziali annullamenti e grandi difficoltà diplomatiche oggi si è avuta la conferma ufficiale di tale vertice. Determinante appare essere stato il viaggio del primo ministro Turco Recep Tayyip Erdogan a Tehran di ritorno dal summit sul nucleare di Seoul.

Questa conferenza segnerà i destini della regione mediorientale e di riflesso di una grande parte del mondo.

Continua su: geopoliticalcenter.com

"E Giunsero i Giusti Giorni, per le Giuste Dichiarazioni...d'Intenti"...

Siria: Usa: stop violenze
o serie conseguenze


Lega Araba chiede all'Onu misure dure contro il regime

02 aprile, 15:08

ISTANBUL - Si è aperta a Istanbul la Seconda conferenza dei Paesi "Amici della Siria" per aiutare l'opposizione al regime. La prima conferenza si è svolta a Tunisi a fine febbraio.

Continua su: ansa.it

E poi, c'è Debka, come spesso accade, "a completare il quadro", anche, sotto altri aspetti...

Russia, Iran set to counter US/Israeli strike against Iran. US-led naval drill

L''Iran e la Russia si preparano a contrastare un attacco Israelo-Statunitense contro l'Iran. I preparativi Statunitensi in un'esercitazione navale
( in inglese - debka.com ).

"Sentiti Timori, Occidentali...Palesati"...

GLI ALTRI GRANDI CHE DICONO
‘NO’ AD UN’OFFENSIVA
ISRAELIANA IN IRAN


di Luca Pistone. Scritto il 3 apr
2012 alle 7:00.

Aumenta il numero dei paesi occidentali intenzionati ad esercitare forti pressioni internazionali per dissuadere Israele da un’offensiva contro gli impianti nucleari iraniani.
L’ultimo appello arriva dall’Australia, dal nuovo ministro degli Affari Esteri Bob Carr.

Continua su: atlasweb.it

Sono proprio curioso di vedere, quanti di questi Paesi, nell'eventualità si trovassero innanzi al fatto compiuto...poi, "volteranno la faccia" ad Israele.

Ed intanto, il viaggio della portaerei Enterprise, verso le calde acque del Golfo Persico, continua...

La portaerei Enterprise
in azione nel
Mediterraneo orientale


La portaerei nucleare americana USS Enterprise ( CVN 65 ) sta operando in questi giorni nell’area di responsabilità della 6ª flotta Usa, più precisamente all’interno del mare Mediterraneo.
Nella scorsa settimana la Task Force dell’Enterprise si è divisa e le varie unità hanno preso terra in diversi paesi alleati, tre unitàa di scorta sono attraccate rispettivamente in Spagna, Francia e Italia, mentre la portaerei e un’altra unità maggiore sono arrivate in Grecia e la portaerei è attraccata al Pireo. Dal Pireo l’ Enterprise è salpata il 31 marzo, si è riunita con le unità della propria Task Force e sta svolgendo in questi giorni manovre congiunte con le forze armate Greche, Inglesi, Cipriote e Israeliane, nella parte di Mediterraneo compresa tra Creta, Cipro e le coste Turche. Gli scopi dell’esercitazione denominata “Noble Dina” non sono del tutto chiari e negli ambienti del settore non vi è univocità di vedute. Pare che le caratteristiche degli “Agressors” i nemici in poche parole, siano compatibili con le caratteristiche delle forze iraniane.

Continua su: geopoliticalcenter.com


A seguire la parte 33.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Dalla metà del mese, in assenza di reali positivi sviluppi, ogni possibile "occhio" benevolo della Luna, potrebbe portare una potenziale devastante tempesta.


Saluti.

EXTREME