Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LIX

Prosegue dalla parte LVIII . Intringante notizia. Chissà se...nella prova della realtà dei fatti narrati...sarà mai ufficialmente svela...

domenica 31 ottobre 2010

PANDORA'S TIMES parte LXX

Prosegue dalla parte LXIX.


Nuovo Ordine Mondiale.

IL MOSAICO DEL GOLFO PERSICO


Pandemia.

Gli esperti ammettono che i vaccini per l'influenza suina provocano una malattia nervosa mortale.


IRAN

NUCLEARE - "Avvenuti arricchimenti" e preparazioni da ultimare...

IRAN: SALEHI, GIA' PRODOTTI 30 KG DI URANIO ARRICCHITO

(ASCA-AFP) - Teheran, 20 ott - ''Fino ad ora abbiamo gia' prodotto 30 chili di uranio arricchito al 20 per cento''. A rivelarlo il capo dell'Agenzia atomica iraniana Ali Akbar Salehi.

Le potenze mondiali avevano intimato a Teheran di sospendere la produzione di uranio arricchito, per paura che venga sfruttato per produrre armi atomiche.

Il 9 giugno, le Nazioni Unite hanno deciso di adottare un nuovo pacchetto di sanzioni contro il contestato programma nucleare di Teheran, che pero' nega di esere interessato a dotarsi di armamenti atomici. red/mcc/rob

Iran: via a cuore reattore Bushehr

Il calendario era stato annunciato in precedenza

26 ottobre, 09:28

(ANSA) - TEHERAN, 26 OTT - L'Iran ha cominciato oggi a immettere combustibile nel 'cuore' del reattore della centrale nucleare di Bushehr, secondo un calendario gia' annunciato in precedenza. Lo ha reso noto il sito della televisione in inglese PressTv.

Ancora, altri ripensamenti russi sulle forniture militari a Teheran, pur se consentiti...

Russia, pronti vendere armi a Iran

Ma solo materiale bellico che non rientra in lista sanzioni Onu

28 ottobre, 15:12

(ANSA)-MOSCA, 28 OTT- La Russia e' pronta a vendere armamenti all'Iran che non rientrino tra quelli banditi sulla base delle sanzioni Onu a Teheran. Lo ha detto il responsabile della agenzia di stato russa per gli armamenti Rosoboronexport, Anatoli Isaikin. 'Se ci sara' richiesta di materiale bellico che non rientra nella lista delle sanzioni Onu cio' sara' oggetto di trattative con l'Iran, perche' non esiste un tabu' assoluto sui contratti per quelle categorie di armamenti fuori dalla lista, spiegato detto Isaikin.


STATI UNITI

TIME MAGAZINE: LA PROSPETTIVA DI UNA GUERRA CIVILE NEGLI USA.

LE PROBABILITÀ DI UNA GUERRA CON LA CINA STANNO AUMENTANDO.


Economia.

GLI USA VERSO LA BANCAROTTA.

VENEZUELA: CHAVEZ ESPRORIA COLOSSO USA BOTTIGLIE DI VETRO

08:56 26 OTT 2010

(AGI/REUTERS) - Caracas, 26 ott. - Hugo Chavez ha ordinato l'esproprio della filiale venezuelana dell'americana Owens-Illinois, colosso della produzione di bottiglie di vetro.
La Owens e' l'ultima vittima della campagna di nazionalizzazioni avviata dal presidente venezuelamo. "Dobbiamo espropriarli", ha spiegato Chavez suo ritorno da un viaggio in Russia e Iran, definendo la Owens-Illinois "una societa' di capitali nordamericani che e' stata qui (nello Stato occidentale di Trujillo) per anni a sfruttare i lavoratori, a distruggere l'ambiente". La compagnia, fondata nel 1903, da lavoro a 22.000 dipendenti in 21 Paesi. (AGI).

GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

Draghi: "In Italia disoccupazione all'11%"

Tremonti: "Condivido i tuoi dati"

Il governatore della Banca d'Italia difende le stime dell'istituto, parlando però di "tasso di sottoutilizzo", che include anche i cassintegrati e gli scoraggiati. A sorpresa, il ministro dell'Economia si dice d'accordo, ma obietta: "C'è chi rifiuta i posti". La ricetta di via Nazionale per lo sviluppo economico: avviare un "circolo virtuoso" di redditi alti e diffusi, consumi e benessere, le misure di contenimento non bastano a ripagare il debito. Quest'anno e l'anno prossimo, Pil intorno all'1%

Continua su : repubblica.it


Società e Terroristi.

Bin Laden a Francia, un'ingiustizia impedire il velo

Link : ansa.it
27 ottobre, 16:18

IL CAIRO - ''La vostra ingiustizia e' che pensate di avere il diritto di impedire alle nostre donne di mettere il velo''. E' questa l'accusa esplicita rivolta da Osama Bin Laden alla Francia nel nuovo messaggio audio diffuso oggi dalla Tv araba Al Jazira.

''Non e' allora nostro diritto fare uscire i vostri uomini, gli invasori, dai nostri paesi uccidendoli?'', ha affermato Bin Laden, sottolineando, nel messaggio che ''l'equazione e' molto semplice e chiara: cosi' come voi uccidete, sarete uccisi, cosi' come fate prigionieri, sarete imprigionati e cosi' come violate la sicurezza della nostra nazione, anche la vostra sara' violata''.
''E colui che inizia - ha sottolineato Bin Laden - e' il piu' ingiusto''.

''L'unica maniera per conservare la vostra sicurezza e' di mettere fine alle vostre ingiustizie verso l'Islam attraverso il ritiro dalla guerra che e' stata cominciata da Bush in Afghanistan'' continua.

''E' tempo che sia messa fine all'occupazione diretta e indiretta'', ha affermato il capo di Al-Qaida nel messaggio rivolto alla Francia. Parigi, ha aggiunto, deve ''trarre la lezione dagli Usa che sono sull'orlo di un fallimento a causa della guerra''.


TERRORISMO

Allarme bomba: ispezionati aerei Ups

Bloccato anche un camion a New York

Un'imponente operazione di controllo è in corso dopo il ritrovamento, durante una sosta all'aeroporto di East Midlands, Nottingham, di una cartuccia di toner manomessa su un aereo della compagnia di trasporti diretto a Chicago, risultata poi priva di esplosivo. Ispezionati due aerei a Philadelphia e uno a Newark. Artificieri controllano camion Ups nel Queens. Pacco sospetto anche allo scalo di East Midlands, presso Nottingham

Continua su : repubblica.it

Obama, plichi una minaccia credibile

29 ottobre, 22:54

WASHINGTON - Il presidente americano Barack Obama ha detto che la vicenda dei plichi sospetti "rappresenta una credibile minaccia terroristica" e "rappresenta una credibile minaccia terroristica".
"I plichi sospetti - ha aggiunto - provenivano dallo Yemen ed erano indirizzati verso organismi religiosi ebraici. Per Obama, "Al Qaida continua a programmare nello Yemen attacchi contro gli Stati Uniti e che obiettivo degli Usa è distruggere questa affiliazione di Al Qaida". "Prendiamo questa minaccia molto seriamente", ha detto oggi il presidente Barack Obama parlando dei pacchi sospetti. "Questo conferma la necessità di mantenere la massima vigilanza contro il terrorismo", ha continuato Obama

ESPLOSIVO IN PACCO INTERECTTATO A DUBAI -
Conteneva un congegno esplosivo il pacco spedito in Usa dallo Yemen e intercettato oggi a Dubai. Lo hanno reso noto fonti dell'Emirato.

Secondo la stessa fonte, il pacco intercettato a Dubai con materiale esplosivo è simile a quello trovato nel centro di smistamento dell'aeroporto delle East Midlands, nell'Inghilterra centrale, che le autorità stanno sottoponendo a esami di laboratorio. Il pacco è stato trovato a bordo di un aereo della Fedex, il corriere internazionale, che ha fatto scalo negli Emirati arabi uniti dopo essere partito dallo Yemen alla volta degli Usa. Secondo varie fonti, le autorità dei tre paesi si stanno scambiando informazioni per poter chiarire il più possibile i contorni dell'inquietante vicenda. Dalla Gran Bretagna non sono ancora giunte notizie in merito all'esito delle analisi. Il presidente Usa Barack Obama ha tuttavia parlato di "plichi" con materiale esplosivo.

Il punto alle 20:40 di Cristiano Del Riccio

Un allarme internazionale contro il terrorismo è divampato oggi dopo la scoperta di due pacchi sospetti spediti con aerei cargo dallo Yemen agli Stati Uniti. I servizi di sicurezza americani stanno seguendo la pista di Al Qaida. I due pacchi sono stati individuati in centri di smistamento a Dubai e East Midlands (Inghilterra) prima che potessero giungere a destinazione in America. Per misura precauzionale le autorità Usa hanno bloccato due aerei cargo UPS all'aeroporto di Filadelfia ed un altro aereo cargo a Newark (New Jersey) per verificare che non avessero a bordo altri pacchi sospetti. La Casa Bianca ha reso noto che l'allarme è scattato dopo che l'intelligence Usa ha ricevuto informazioni dai servizi di sicurezza di altri paesi alleati. Il presidente Barack Obama è stato tenuto informato fin da giovedì sera degli sviluppi della vicenda.

Il pacco sospetto individuato nel centro smistamento di East Midlands conteneva una cartuccia d'inchiostro per stampante con attaccati circuiti stampati e fili elettrici per simulare un ordigno esplosivo. Le autorità britanniche hanno analizzato il contenuto del plico senza trovare tracce di esplosivo. Sono stati esaminati anche tutti gli altri pacchi a bordo del cargo che aveva come destinazione finale Chicago dopo una ulteriore sosta a Filadelfia. Il sospetto è che chi ha spedito il plico intendesse mettere alla prova i sistemi di sicurezza inviando un falso ordigno esplosivo.

"Sappiamo che questi pacchi sono stati spediti dallo Yemen e vogliamo esplorare i possibili legami terroristici", ha detto un funzionario americano. Le ricerche effettuate sugli aerei cargo bloccati a Filadelfia e a Newark non hanno prodotto alcun risultato e l'allarme scattato nei due aeroporti - gli aerei erano stati trasferiti in aree isolate - è cessato dopo alcune ore. Secondo alcune fonti i pacchi sospetti erano indirizzati a centri ebraici a Chicago. Questo ha indotto le autorità americane a mettere in allerta le sinagoghe dell'area di Chicago. "Purtroppo non è la prima volta che ci troviamo a dover affrontare questi problemi di sicurezza", ha commentato una esponente della comunità ebraica. Le autorità dello Yemen hanno aperto una indagine sulla origine dell'invio dei pacchi sospetti. La Casa Bianca ha detto che il presidente Obama ha esortato i responsabili delle agenzie di sicurezza Usa "ad adottare le misure necessarie per assicurare la protezione dei cittadini americani e per determinare se queste minacce sono parte di un nuovo complotto terrorista".

Link articolo : ansa.it

Quasi...Gloria

Altre notizie a riguardo e le mie considerazioni, qui.


ISRAELE

Estrema destra sfila in città araba scontri fra polizia e manifestanti
( repubblica.it )

Israele: Tea Party contro negoziati

Lo riporta Haaretz, intenzione e' contrastare ogni concessione

28 ottobre, 15:54

(ANSA) - TEL AVIV, 28 OTT - Una specie di 'tea party' in salsa israeliana sta germinando fra i ranghi dell'ala dura del Likud, il partito di Netanyahu, con l'intenzione dichiarata di contrastare ogni concessione nei negoziati di pace. E in particolare qualsiasi ipotesi di proroga della moratoria edilizia nelle colonie dei Territori occupati, condizione minima necessaria secondo i palestinesi per il proseguimento dei colloqui diretti con Israele. La notizia e' riportata dal quotidiano Haaretz.


A seguire la parte LXXI.

Nessun commento: