Post in evidenza

ONU PRONTO A CONTATTI CON EXTRATERRESTRI - Parte LIX

Prosegue dalla parte LVIII . Intringante notizia. Chissà se...nella prova della realtà dei fatti narrati...sarà mai ufficialmente svela...

giovedì 21 ottobre 2010

QUEL CRATERE LUNARE HA PIÙ ACQUA CHE ALCUNE PARTI DELLA TERRA

Moon Crater Has More Water Than Parts of Earth
QUEL CRATERE LUNARE HA PIÙ ACQUA CHE ALCUNE PARTI DELLA TERRA
( in inglese - space.com ).


Conferma con più enfasi della notizia "sfuggita" a novembre.

Con in più, le novità di alcuni metalli leggeri, vedete l'argento.

E poi l'idrogeno, che a loro dire starebbe a significare che di acqua ghiacciata in quel cratere, ce ne stà un bel pò.

Nei detriti sollevati dall'impatto dell'LCROSS con la superficie lunare, era presente nella misura del 5,6 %.

Dai che questa volta, potrebbe essere quella buona, per la base alfa.

Anche se non in quel cratere, sempre a loro dire.

Poiché troppo freddo e non adeguatamente irradiato dal sole e quindi, non vantaggioso per provvedere al fabbisogno energetico di un eventuale base permanente o meno che sia.

Se non ce l'hanno già, ovviamente.

Restiamo in attesa di ulteriori articoli di approfondimento, ed eventuali sviluppi futuri.



E di seguito in italiano, con il link per la fotogallery...

Nasa: "C'è anche acqua sulla Luna"

Fermento nel mondo scientifico per i dati diffusi dall'ente spaziale americano e raccolti dal satellite Lcross (Lunar Crater Observation and Sensing Satellite): nell'ottobre 2009 Lcross ha scagliato contro il cratere Cabeus - una delle regioni lunari più buie e fredde - un motore del razzo Atlas.
L'impatto ha creato una voragine del diametro di circa 20-30 metri e ha fatto sollevare una colonna alta circa 800 metri e che conteneva fra 4 e 6 tonnellate di detriti. Sono proprio questi detriti che hanno permesso di ottenere la stima della concentrazione d'acqua nel cratere: gli esperti sostengono che circa il 5,6% della massa totale nel cratere potrebbe essere attribuita solamente a ghiaccio d'acqua

Link fotogallery : repubblica.it

Nessun commento: